Pizzo della Bassa e Rifugio Alpe Canaa anello da Gresso


Published by giorgio59m (Girovagando) , 8 October 2019, 08h42. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike: 6 October 2019
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Cramalina 
Time: 7:00
Height gain: 1200 m 3936 ft.
Access to start point:Autostrada per il Gottardo, uscire a Bellinzona / Locarno, tenere la sinistra e seguire per Locarno. Passare la galleria che passa sotto Locarno e all'uscita seguire per Vallemaggia e Centovalli. Imboccata la Vallemaggia si prende a sinistra indicazioni per Centrovalli. Proseguire fino alla deviazione a destra per Onsernone. Risalire la strada spesso stretta fino al bivio, prima di un ponte, per la Val Vergeletto. Salire la Val Vergeletto fino alla deviazione a destra per Gresso. Si sale con una serie di tornanti al paesino, ci sono dei parcheggi dove finiosce la strada e a lato della chiesa, spesso tutti occupati (attenzione che alcuni sono privati). Se non trovare parcheggio tornate indietro e parcheggiate al primo tornante (come abbiamo dovuto fare noi)
Accommodation:Capanna Canaa (aperta da Giugno a Ottobre)

   
 

Cima + Capanna + Wild = giornata perfetta

           Vista da Giorgio     -    (giorgio59m)     


Non c'e' il due senza il tre, disse il Barba, riferendosi alle nostre domeniche in uscita e alle previsioni meteo che prosepettano sole bel tempo durante tutti i giorni per poi sfogarsi la domenica con qualche piogerella.
Controllo previsioni tutti i giorni anche più volte, ma la sentenza è inesorabile, domenica non c'e' sole, anzi si prosepttano pioggia nel pomeriggio.
Cerchiamo disperatamente un percorso che ci porti in qualche cima, anche modesta, e poi un rifugio per ripararsi a pranzare magari al calduccio di una stufa.
La voglia di cima è tanta, e siamo anche disposti ad accontentarci di altitudini modeste.
Voglia anzhe di esplorare zone nuove, quindi approfittiamo delle previsioni leggeremte migliori verso Est, per dirigerci un Valmaggia, e la capanna per il pranzo sarà la bella Alpe Canaa.
La cima più prestigiosa attorno è certamente il Pizzo Cramalina, ma le previsioni danno pioggia dalle 13:00, quindi puntiamo alla più modesta Pizzo della Bassa.
Attorno a questi due waypoint costruiamo un anello, come piace a noi, e per dare un pizzico (che poi risulterà ben più di un pizzico) di wild, la salita alla cima seguendo un sentiero che è solo parzialmente segnato sulle carte.
Ormai abbiamo una certa esperienza in materia, quando un sentiero è parziale si tratta di percorsi in disuso, spesso nella vegetazione lasciata crescere e poco o nulla visibile.
Ma cominciamo il nostro tour.
A Gresso non troviamo parcheggio in paese, torniamo indietro fino al primo tornante, ci sono altre auto a lato della strada dove non intralciano, partiamo un pò più bassi ed un pò di strada in più, sono le 08:00.
In paese risaliamo le strette viuzze, fino ad un bivio, dove prendiamo a sinistra in direzione Monte.
Un bel sentiero sale senza strappi eccessivi  passando da Coleta, poi da un alpeggio abbandonato a Q1330, quindi al bel gruppo di baite di Monte.
Che bel posto, le baite sono quasi tutte riadattate e con una magnifica vista verso valle. Breve sosta per bere ad una delle fontane.
Proseguiamo in leggera salita risalendo la Val Vergeletto, passando sopra gli alpeggi di Bisada e Merguna, attraversando faggete stupende su sentiero largo e piano che sembra quasi percorribile da fuoristrada.
Poco dopo riprende il sentiero che attraversa una gana con tratti a strapiombo, di fronte a noi l'Alpe di Remiasco.
Ancora in faggeta arriviamo ad un bivio Q1593, proseguendi diritto si sale all'Alpe di Remiasco, salendo in verticale indica alpe di Bietri.
Ora ci sono un centinaio di metri tra i larici, belli impegnativi, quasi una verticale che ci porta ad un'altra palina Q1681, a sinistra indica per Alpe Rodan, ma anche la bocchetta di Doia e la Capanna Alnasca, mentre a destra Alpe Bietri e Alpe della Bassa.
Prendiamo a sinistra ed in breve siamo all' Alpe di Bietri Q1687, solo un edificio è ancora agibile. Proseguiamo ora in leggera salita ma sempre su bel sentiero in direzione dell' Alpe della Bassa, ma con grande attenzione al GPS aspettando il bivio per il tratto wild.
A Q1830 troviamo, o meglio si intuisce, una vaga traccia di sentiero che traversa verso sinistra ed iniziamo a seguirla.
Si percorre un tratto su paglione, con scarsa tenuta, quindi da percorrere con attenzione.
Poi la traccia, sempre vaga e spesso molto vaga, risale il fianco di una parete di roccia a picco, e raggiunge un bivio.
A sinistra si raggiunge l'Alpe di Lago, ben visibile e abbastanza vicina, da qui si potrebbe raggiungere il Pizzo Cramalina, ma l'idea della pioggia alle 13:00 ci suggerisce di proseguire con l'idea iniziale.
Proseguiamo in salita, e da questo bivio il sentiero o le sue tracce praticamante spariscono tra erba alta e gialla, rododendri e cespugli di ginepro.
Con un pò di intuizione con non poca fatica e ravanage raggiungiamo la cresta SO del Pizzo e da qui è facile, ultimi 100mt su paglione ma la cresta è molto larga.
Arrivo in cima alle 11:22.
Nell' ultimo tratto di sentiero ed anche nel wild siamo sorpassati da ragazzotti con grandi zaini, scopriremo in vetta che oggi c'e' un context a livello nazionale svizzero di persone che si lanciano con il parapendio, partono da una cima, volano verso un punto di atterraggio (un alpe o simili), rimettono parapendio e attrezzatura nello zaino, risalgono un'altra cima e via così.
In base a orari e cime raggiungono un punteggio (almeno così ci è stato spiegato).



Ne vediamo partire una quindicina nella mezz'ora di permanenza in cima.
La vista dal Pizzo della Bassa è comunque notevole, la star è chiaramente il vicino Pizzo Cramalina, vediamo alcuni escursionsiti che la risalgono e poi in vetta, ma il panorama è veramente ampio in tutte le direzioni, ed il meteo ancora buono.
La conca sotto il Pizzo Cramalina è ben visibile, e è anche evidente l'Alpe di Canaa con il caseggiato ad
Dopo poco meno di mezz'ora e le foto ricordo scendiamo il costone SE (non lo stesso di salita) in direzione del Passo della Bassa.
Anche qui le tracce di sentiero si perdono spesso, ma non ci sono problemi.
Poco prima del passo, vediamo sotto do noi il sentiero che porta a Canaa, quindi giù tra rododendri e paglione.
Da qui in poi sarà tutto sentiero, un bel sentiero, largo e ben pulito.
In circa mezzora dalla cima raggiungiamo il rifugio Alpe di Canaa, entriamo per scoprire un'altro gioiellino a disposizione degli escursionsiti, una grande cucina e sala da pranzo bella, luminosa e dotata di tutto, al piano superiore c'e' il dormitorio.
Per maggiori informazioni c'e' il sito



Accendiamo la stufa per scaldare i nostri panini e pranziamo (bibite e vino disponibili).
Ci fermiamo per oltre un'ora, chiaccherando e pranzando. Durante la nostra permamenza arriva prima un escursionista poi una coppia, scopriremo che sono i rifugisti (a turno) della capanna Alnasca raggiungibile in 3h:30.
Dopo le pulizie, compilato il libro di capanna e lasciato il dovuto (le tariffe le trovate in capanna e sul sito, il soggiorno costa 25CHF/Euro mentre per il passaggio è gradito un contributo) ci prepariamo per il ritorno.
Anche se sono le 14:20 non ha ancora piovuto, ma le nuvole incombono, le cime sono già ben coperte.
Ripercorriamo il sentiero fino al passo della Bassa, poi si traversa sul lato di Gresso (la capanna è sul lato di Lodano da cui è raggiungibile con vari percorsi, vedi la relazione di Francesco e Chiara )
Dal passo un lungo e stupendo traverso in piano ci porta sopra l' Alpe della Bassa, ormai in disuso ed in parte crollata, Scendiamo sempre su sentiero ben indicato e poco impegnativo fino a Monte, un bel nucleo di baite ben sistemate, distribuite su una distesa prativa (e ripida).
Scendendo si entra in faggeta una lunga serie di zigzag scende ripida, spesso molto ripida e con tratti con gradini di pietre, direi piuttosto noioso questo tratto, forse perchè eravamo stanchi.
Raggiunto Gresso scendiamo al nostro parcheggio, 2:10 di discesa dalla capanna.
Stanchi ma soddisfatti, una cima raggiunta e la scoperta di una bella capanna che mancava nella nostra lista, ed infine un discreto dislivello.

 


 

 
 
   
 

           Vista da Paolo   -    (brown)                        

 

Questa volta Giorgio ci propone un pacchetto ben confezionato che prevede vetta e Capanna con giro ad anello.

Il tutto condito con un po' di wild, ma soprattutto vetta e capanna new entry.
Purtroppo per noi la strada che conduce a Gresso , il paese di partenza , e' un po' lunga e tortuosa, ma per un giro cosi' si puo' fare.
La vetta e' molto ampia ed erbosa con un grosso omone di vetta corredato da libro. Bellissima visuale nonostante qualche nuvola in arrivo e con sorpresa di tutti assistiamo alla preparazione e al decollo di diversi parapendii impegnati in un contest nazionale.
Dopo la foto di vetta andiamo al Rifugio Canaa dove troviamo una struttura ben tenuta corredata di tutti i servizi compresi doccia e acqua calda in cucina . La struttura chiude solitamente a fine ottobre.
Dopo il pranzo al riparo scendiamo veloci per concludere il nostro giro ad anello e in circa due ore siamo nuovamente al parcheggio .
A presto

Paolo

 

 
 
   
 

            Vista da Luciano   -    (barba43)


SI' stavolta il meteo si è trattenuto ...  evitando la pioggia che doveva scaricare all'una, così che siamo riusciti a fare una bella escursione come noi sappiamo fare.... sentieri wild su erba e rododendri, scivolate e così via.
Oggi siamo andati al Pizzo della Bassa, una salita abbastanza tosta, per via di gradini abbastanza alti, i rododendi ed i cespugli a sbarrare il percorso.

Arrivati in cima, ci siamo fermati un pò anche per vedere la partenza dei vari  amanti del parapendio che si lanciavano da questa cima per una gara in corso.
Poi dopo siamo scesi fuori pista come già raccontato, con risate per le varie scivolate, più sotto ritrovato il sentiero che porta all'alpe Canaa, lo abbiamo raggiunto in poco tempo.

Accesa la stufa, che emanava un grande calore, ci siamo messi a pranzare, e dopo un'oretta siamo ripartiti per il ritorno all'auto per il rientro a casa.


                        ciao e tutti belli e brutti


 
 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)


Un bel  giro in una domenica tutto sommato con un bel clima tiepido per niente freddo e in barba alle previsioni neanche una goccia di pioggia.

Personalmente mi ero attrezzato con un abbigliamento quasi invernale, ma ho toppato.
Il cammino si è svolto su un  sentiero ben tracciato, con alcuni  pezzi wild e per finire dei tratti  vai dove vuoi.

Ne è uscita una bella escursione con tredici kilometri percorsi e 1200 metri di dislivello ,direi niente male.
Una nota di merito per il rifugio alpe Canaa ,veramente un rifugio TOP , e un arrivederci al pizzo Cramalina

CIAO ALLA PROSSIMA

  

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale : 13,1 Km totali, 8h:40m totali, 6:10m di cammino
Andata : 7,7 Km, 4:45 lorde, 45m soste   al rifugio
5,4 km, 03:30 lorde 15m soste alla cima
Ritorno : 5,4 Km, 2:10 lorde, 10m soste
Dislivello : 1053mt di assoluto , 1200mt di relativo
Libro di vetta: SI in capanna, anche in vetta ma in cattivo stato
Copertura cellulare: Buona sul percorso, in capana segnale assente
Partecipanti :

Giorgio, Paolo, Gimmy, Barba

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 351

  

 

 
 



Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

numbers says: Bravissimi!
Sent 8 October 2019, 10h12
Professionisti ineguagliabili dell' esplorazione, della scoperta della capanne, e della Confederazione
:):):):):)

Mario

giorgio59m (Girovagando) says: RE:Bravissimi!
Sent 8 October 2019, 14h05
Grazie Mario, sempre TROPPO gentile !

Amedeo says:
Sent 8 October 2019, 18h36
Ma bravi, il ravanage, in questo periodo, non fa per me.
A presto
Amedeo

beppe says: Bravi
Sent 9 October 2019, 04h09
Sempre al top nel ravanare
Ciao a tutti
Beppe

GIBI says:
Sent 9 October 2019, 13h16
Per quel poco che vi conosco io ma che so che vi adattate comunque bene ad ogni capanna, rifugio e situazione questa è una capanna da considerare come un Hotel a 5 stelle ... e ribadisco adattissima ( se non si vuole andare a Cama ) alla castagnata di Amedeo !

ciao Giorgio

Sent 10 October 2019, 17h10
Caro omonimo, non posso che confermare, una capanna super !
ciao

Francesco says:
Sent 9 October 2019, 16h15
...Lo zaino era pronto e, mi ero anche alzato ,per rinunciare ero messo tutt'altro che bene.
Alla prox, ciao

Sent 10 October 2019, 17h10
Sei da rottamare :-)


Post a comment»