Tschima da Flix 3301mt - e vaiiiiiiiiii, altro 3K


Publiziert von giorgio59m , 16. September 2016 um 08:56. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Graubünden » Oberhalbstein
Tour Datum:14 September 2016
Wandern Schwierigkeit: T4 - Alpinwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GR 
Zeitbedarf: 8:00
Aufstieg: 1500 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:L' alpe di Flix si può raggiungere in due modi:
1. Salendo dal Maloja, quindi allo Julier Pass, scendere verso Thusis fino a Sur, quindi salire direzione Tigias-Alp Flix
170Km da Como
2. Percorrendo la A13 del S.Bernardino verso Coira (Chur), uscire a Thusis e salire verso lo JulierPass. A Sur stesse indicazioni per Alp Flix
195Km da Como ma 150km in autostrada

   
 

Gioia e ancora gioia

 

 

Oggi ho battuto me stesso due volte …

La prima è la più bella, ho elevato la mia massima vetta di +40mt, ad oggi la Tschima da Flix a 3301mt è il mio punto più alto.

La seconda è il dislivello massimo. Chi mi conosce bene sa che sono uno sfiatato, e che quindi cerco di calibrare le uscite del gruppo alle mie possibilità (ecco perché gli altri senza di me si permettono dislivelli ben diversi).

Miglioro col tempo, come il buon vino (?), ma le innumerevoli fermate a prendere aria rallentano la salita, e costringo gli altri a pause per ricompattarci.

Di dislivelli relativi oltre i mille metri ne ho parecchi, ma mai ho proposto un’uscita che solo MAX-MIN=1400mt, quindi escludendo i vari saliscendi. Resto quel che sono, ma ci sono arrivato, in molte ore, e senza essere morto di fatica.

Basta record, e veniamo all’ esursione infrasettimanale, che purtroppo ci vede solo in tre, anzi Paolo fino all’ ultimo non sapeva se il suo capo gli consentiva il giorno di ferie .. ma la sera prima mi chiama e sottovoce mi dice “ho appena finito di preparare il panino”.

Considerato l’infrasettimanale, l’ultima giornata di bel tempo prima della perturbazione in arrivo, chiaramente si va in Engadina, il vizietto dei tremilametri …

Viaggio lungo, molto lungo, in auto fino allo Julier Pass, poi discesa verso Thusis, Lai da Mornera, salita a Sur, si prosegue su strada stretta fino al parcheggio a pagamento prima della stupenda piana dell’ Alp Flix Q1910.

Il parcheggio è a pagamento, 1CHF per ora, ma a blocchi di 4 ore, quindi 12 ore, 12CHF, anche se ne consumeremo poco meno di nove.

Non prende euro, solo monete da 1,2,5 CHF, biglietto da esporre sull’ auto.

Ci incamminiamo non sulla strada che prosege poco prima del parcheggio, ma seguiamo una palina verso il fondo del parcheggio stesso, indica Tigias, sono le 08:10.

Si sale leggermente per sbucare nella piana, passiamo vicino alla chiesetta di Son Roc, ed in breve nelle case di Tigias, dove si trova anche un Hotel.

Si costeggiano tutte le case, poi prima di attraversare il torrente lungo la strada, si svolta dietro l’ultima casa, dove troviamo un ponticello in legno, e poco sopra il sentiero.

Ora si sale per circa 400mt di dislivello, costeggiando sempre sulla destra (sinistra idrografica) il torrente Ava da las Tigia, si trovano vari ometti, e comunque la traccia è sempre ben visibile.

A Q2375 circa si sbuca nella piana di Plang Lung, qui il percorso è meno evidente essendo nel prato, ma seguendo la traccia GPS deviamo verso destra risalendo su prati fino a Q2573, poi si scende di qualche decina di metri fino al lagheto lungo a Q2547.

Si prosegue quasi in piano in direzione SE, raggiungendo un altro bellissimo laghetto a Q2540.

Ora guardando alle spalle del laghetto si vede una sella a Q1741, situata sulla cresta che dalla Fuorcla da Flix scende al Piz Cugnets.

Si vede bene il sentiero molto ripido che risale questi 200mt, su terriccio ma stabile.

Ci ricompattiamo alla sella Q2741, piccola pausa, ma lo sguardo è fisso sulla cresta che prosegue verso il Piz d’Agnel.

La cresta è molto bella, senza grandi difficoltà, anche il terriccio tiene abbastanza, non ci sono pericoli reali, mai esposto. C’e’ sono un passaggio poco sopra Q2800 dove usare le mani per superare un  tratto roccioso, ma riparato sui due lati, una cosa da bambini.

Avvicinandosi al Piz d’Agnel il terriccio lascia il posto alle pietre, piccole rossastre come quelle del Flix o grigio-verdi del Piz d’Agnel.

A Q3031 c’e’ un bivio indicato con delle pietre e comunque visibile come percorso, diritti si sale alla cresta ed alla cima del Piz d’Agnel, senza passare dalla Fuorcla da Flix, a destra si sale con poca pendeza fino  a Q3065 della Fuorcla d’Agnel.

Già da qui la vista è spettacolare, sotto di noi si stende seppur ridotto il ghiacciaio Vadret d’Agnel.

Altra breve sosta, ed ancora la vista a puntare la lunga e larga distesa di petre rosse che porta alle due cime del Flix.

Lascio partire i miei due compagni, un po’ di stanchezza si fa sentiere, poco più di 1Km e +250mt di dislivello mi separano da questa ambizione.


 

Arrivo qualche minuto prima delle 13:00, circa 30min dopo degli amici, e sono a dir poco raggiante, un po’ stanco ma non distrutto.

La cima come la cresta è vasta, tutta ricoperte da pietre rosse, un grande ometto segnala i 3301mt, contiene la gamella con il libro di vetta.

Ora pranziamo, ho fame e sete, poi guardo ben bene attorno, anche se salendo non ho potuto non guardare in ogni direzione.

Il pranzo dura un’oretta, il viaggio di ritorno è lungo sia in auto che di cammino, comunque sono sempre 6,5km per tornare al parcheggio.

La vista è incredibile, oltre al già nomina Piz d’Agnel, il Picuogl (vicinissimo), il Calderas, poi verso E lo Julier, il Surgonda, i ghiacciai del Calderas (enorme e stupendo, enorme quello sotto il Surgonda, verso S la mole imponente del Piz Plata (ti accompagna in tutta la salita) e tante vette della Val d’Aver, alcune anche visitate.

Firma del libro, foto ricordo e partenza spedita alle 14:00 come da programma.

Scendiamo molto veloci, non ci sono le pauese del Giorgio, ripassiamo alla Fuorcla da Flix, il Paolo la butta lì  “saliamo al Piz d’Agnel?”

Non c’e tempo purtroppo, lasciamo questa cima per una visita futura.

Giù ancora sulla cresta fino al punto P2741, poi giù al laghetto sempre ben veloci.

Ora facciamo più attenzione a segnali, ometti e paletti, nei prati sono più difficili da vedere ma la nostra traccia di discesa la consiglio vivamente, è quella che meglio si allinea al sentiero.

Al Plan Lung, discesa verso Tigias, veloce ma lunga, 400mt da perdere.

Arriviamo a Tigias, rinfrescata al torrente e poi via al parcheggio, arriviamo alle 16:40, 2h:40m di discesa, una vera corsa.

Cosa dire ancora … a dire il vero c’e’ un altro guinnes, quello dell' uso di carta igienica alla max altitudine, qualcuno ha alzato il suo limite di +150mt.

Ciao

Giorgio



 

 
 
   
 

           Vista da Paolo   -    (brown)                        


Un'uscita infrasettimanale???? 
Per me e' un evento riuscire a rubare una giornata a meta' settimana, ma alla fine mi aggrego al gruppo per una bella prova.
La strada che porta a Tigias e' veramemente lunga ma e' il prezzo da pagare per poter ammirare le belle montagne dell' Engadina.
Dopo aver letto le escursioni precedenti mi rendo conto che in effetti ci sono alcuni punti poco segnalati, ma ormai a fine stagione ,con tutti gli escursionisti passati ,il sentiero e' ben battuto e tanti ometti sono stati rinforzati e aggiunti, cosi' che la salita e' stata piu' facile del previsto.
Bellissimi panorami, le valli qui sono molto aperte e spaziose tanto da poter intuire i vari passaggi del percorso di salita.
I laghetti incontrati sono veramente belli , poco profondi, ma di un bel verde smeraldo.
Soprattutto il secondo sembrava dipinto sotto la montagna, di forma circolare con un contorno regolare di sabbia chiara che faceva risaltare il verde delle sue acque.
Proseguendo sulla cresta le rocce sono sempre piu' rossastre del colore dei mattoni e soprattutto nella parte finale sembra di vedere un lastricato .  Arrivati in vetta un abbraccio a Giorgio per la sua nuova conquista e per i nuovi record guadagnati col sudore.
Riusciamo a consumare il pasto in vetta ammirando il contorno di cime infinite.
Rientro veloce fino all'auto con arrivo a casa alle 19:45.
Grazie della bella cima raggiunta un'altra bella storia da raccontare e alla fine non e' stata una giornata rubata, ma solo presa in prestito ...
Alla prossima

Paolo           

 

 
 
   
 

            Vista da Luciano   -    (barba43)

 

E mo chi lo ferma il Giorgio59 adesso che a preso l'abitudine dei 3000 metri non lo tieni più, poi tutto raggiante, manca solo che nevica, allora anch' io dovro abbassarmi l'altitudine.
Un giorno di ferie ancora, e con una giornata stupenda, si decide di salire su questa vetta il Flix, un pò lontana da casa per raggiungere il punto di partenza, ma Giorgio raggiante della precedente prestazione, non ne vuol sapere ... si và.
Ed allora pronti via, calzate le scarpe leggere, ci si incammina su una piana fino ad una bella chiesetta, per poi attraversare un piccolo ponticello, e salire su prati fino a raggiungere vari laghetti.

Da qui inizia la salita vera e propria, su ghiaia, ci compattiamo, e via di nuovo, Giorgio arranca ma non molla, li la pietraia diventava più grossa e dovevi starci molto attento alle caviglie, in vista della vetta e con Giorgio a portata visiva, io e Paolo partivamo, ma quardando sempre dietro.
Salivavamo con sempre maggiore pendenza, negli ultimi 200 metri Paolo ha messo la quinta, ed io arrancavo a  5 minuti da lui.

In cima come sempre un panorama stupendo, ghiacciai perenni ecc.

Dopo è arrivato Giorgio, un attimo di defaticamento, strette di mano e sorrisi immensi per la gioia di aver raggiunto la meta.
Come sempre abbiamo pranzato, alla solita maniera, poi dopo le solite foto di rito, e ci siamo incamminati per il ritorno all'auto.


Grande Giorgio un altro 3000 nel tuo palmares

ciao a tutti belli e brutti

 

 

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale : 13,4 Km totali, 8h:30m totali, 6:30m di cammino
Andata : 6,6 Km, 4:47 lorde, 50m soste
Ritorno : 6,8 Km, 2:35 lorde, 05m soste
Dislivello :  1390mt di assoluto
 1500mt di relativo
Libro di vetta: SI in vetta
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Paolo,  Barba

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 259

  

 

 
 

Tourengänger: giorgio59m, brown, Barba43


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (18)


Kommentar hinzufügen

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 16. September 2016 um 09:06
Doping sicuramente.......

Barba43 hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. September 2016 um 11:51
Nooo solo fame.
ciao Dani
Luciano

brown hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. September 2016 um 00:06
Il Luciano di cognome e Testosterone!!!
Ciao Paolo

Francesco hat gesagt:
Gesendet am 16. September 2016 um 09:07
......Ma bravi !!!
Se non avessi avuto il corso, sarei stato volentieri dei Vs-

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 16. September 2016 um 09:17
Mi chiedo (e vi chiedo) se sia più veloce salire da dove avete fatto voi o salire dalla strada dello Julier fino alla Fuorcla e scendere a sinistra approfittando del fatto che il ghiacciaio è praticamente scomparso?
So che Giorgio è attento a questi particolari.....

giorgio59m hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. September 2016 um 09:35
Ciao Dani ... ma come mi conosci bene ...
La via partendo dall' Ospizio, Fuorcla d'Agnel discesa, Vedret d'Agnel, Fuorcla da Flix e cima è di 8.8Km e 1350mt di relativo, considerando di scendere quasi al laghetto Q2766 per non passare sopra il ghiacciaio.
La considero per una futura visita al Piz d'Agnel.
Ciao

Menek hat gesagt:
Gesendet am 16. September 2016 um 09:24
Bravo Giorgio e bravi Paolo e Big Luciano... giro fantastico con record di carta igienica; altro che 10 piani di morbidezza!
Menek

brown hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. September 2016 um 00:00
record imbattibile , regole ferree , non e' da tutti!!!
Lui e' nella categoria senza imbrago pero'!!!
Ciao Paolo

Amedeo hat gesagt:
Gesendet am 16. September 2016 um 10:15
Ma allora siete veramente monelli...infrasettimanale? E senza dire nulla?
1500 m di dislivello? E io?!hahahaha .....a casa a lavorare!
Bravi
Amedeo

brown hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. September 2016 um 00:03
Dicesi FUITINA... venuta anche bene alla fine.
Ciao Paolo

beppe hat gesagt: Bravissimi
Gesendet am 16. September 2016 um 11:30
Ciao
Beppe

giorgio59m hat gesagt: RE:Bravissimi
Gesendet am 16. September 2016 um 12:15
Grazie Beppe !
ciao

igor hat gesagt:
Gesendet am 16. September 2016 um 23:39
Sterminatori di 3k ottimo !

brown hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. September 2016 um 00:01
Solo tremila senza corde pero' ...A presto Igor
Ciao Paolo

cappef hat gesagt:
Gesendet am 17. September 2016 um 08:10
bravissimi...e chi vi ferma più???
Ciao!!!
Flavio

Barba43 hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. September 2016 um 08:15
Adesso che è arrivata la neve, è d'obbligo fermarci sotto i tremila
grazie Flavio
Luciano

ivanbutti hat gesagt:
Gesendet am 17. September 2016 um 21:35
Grandi, ormai anche Giorgio è incontenibile.
Ciao, Ivan

Barba43 hat gesagt: RE:
Gesendet am 19. September 2016 um 08:11
Certo...ivan stà proprio diventando incontenibile
ciao


Kommentar hinzufügen»