Rifugio Fiorasca (2086 m) - Bike & Hike


Published by siso , 15 June 2021, 17h25.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:13 June 2021
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountain-bike grading: F - Easy
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo Castello   CH-TI 
Time: 7:30
Height gain: 1663 m 5455 ft.
Route:Barriera sopra Broglio (ca. 810 m) – Monti di Rima (1007 m) – Cortino (1420 m) – Alpe Brünèsc/Corte Grande (1618 m) – Corte di Piatto (1821 m) – Bocchetta Nord di Fiorasca (2298 m) – Cascine di Pièi (2110 m) – Rifugio Fiorasca (2086 m).
Access to start point:Autostrada A2 - uscita Bellinzona Sud – Locarno – Valle Maggia – Bignasco – Broglio.
Accommodation:Rifugio Fiorasca (10 posti).
Maps:C.N.S. No. 1271 – Basòdino - 1:25000; C.N.S. No. 1272 – P. Campo Tencia - 1:25000.

Fantastica giornata serena e calda anche ad alte quote. Dopo un’attesa di alcuni mesi, posso finalmente compiere questa gita, all’inizio della Val Lavizzara, con meta sul versante della Val Bavona.

 

Inizio dell’escursione: ore 8.10

Fine dell’escursione: ore 15.40

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1021 hPa

Temperatura alla partenza: 16,5°C

Isoterma di 0°C alle 9.00: 4500 m

Temperatura al rientro: 26°C

Velocità media del vento: 10 km/h

Sorgere del sole: 5.31

Tramonto del sole: 21.19

 

Sveglia alle 5:30, partenza da casa alle 6:25, arrivo alla barriera sopra Broglio alle 7:52, dopo 118,4 km d’auto.

Alle 8:10 calzo gli scarponi, carico sulle spalle il pesantissimo zaino, inforco la bicicletta e mi avvio sulla bella strada asfaltata all’ombra di un bosco misto di latifoglie. Mi stupisco per il fondo perfetto e per la dolce pendenza.

In soli tredici minuti raggiungo il maggengo Monti di Rima (1007 m). Che meraviglia! È il più vasto monte dell’intera Vallemaggia. La prima attrazione è la grande fontana scavata in un monolite. Le baite sono perfettamente conservate e adibite ad abitazioni di vacanza; oggi sono tutte occupate. Sono incuriosito anche dalle torbe, i granai che servivano a conservare la segale, preservandola dall’umidità e dai roditori. Ce n’è una ventina; la più antica è datata del 1580. A differenza delle torbe di Bosco Gurin, i funghi che le sostengono hanno un gambo in muratura sormontato da una lastra di granito rozzamente arrotondata.

Nei pressi della fontana, all’ombra di un sorbo degli uccellatori, si erge l’oratorio dedicato alla Madonna della Neve, consacrato nel 1612.

Riprendo la pedalata, quasi sempre all’ombra, e continuo senza il disturbo delle auto fino a quota 1522 m, dove finisce l’asfalto e inizia la sterrata. In ulteriori dieci minuti pervengo al corte principale dell’Alpe Brünèsc, il Corte Grande (1618 m).

Attorno al nucleo di quattro cascine pascolano decine di capre; non ci sono ancora le vacche, probabilmente presenti al corte inferiore, a Cortino (1420 m).

Occulto la bici all’ombra di un macigno e cerco il sentiero per la mia meta. Dopo qualche minuto di ravanage mi faccio indicare il percorso dal gestore dell’alpe Elio. Mi mette in guardia: “c’è ancora molta neve sotto la bocchetta!”

Non mi scoraggio, in 25 minuti di cammino, alle dieci arrivo al Corte di Piatto (1821 m). Il cielo è sempre più blu; là in alto comincio a vedere la neve che ricopre abbondantemente il canalone che porta alla bocchetta.

Benché la segnaletica non sia molto curata, il percorso è logico, coerente con il rilievo. Nella prima parte è possibile evitare il nevaio, risalendo dei rilievi alla destra. Man mano aumenta la quota la pendenza si accentua (fino al 49,6%) e il canalone si restringe; ora è indispensabile camminare sulla neve, sempre più dura. Accorcio i bastoncini e incido dei gradini con la punta degli scarponi. La tecnica è efficace, il problema grosso sarà la discesa…

Alle 11:23 pervengo alla Bocchetta Nord di Fiorasca (2298 m). La gamella, priva di coperchio è piena d’acqua. Rinuncio a togliere il sacchetto di plastica contenente il libro di vetta o il block notes.

Accedo alla Valle di Laréchia, una laterale della Val Bavona. Su questo versante esposto ad ovest non c’è più neve. Poco dopo sento delle voci festanti provenienti da alcune baite. Senza riflettere scendo in quella direzione. Una volta raggiunto il rustico, mi informano che non è il rifugio: sono arrivato alle Cascine di Pièi (2110 m). Poco male, riprendo il cammino lungo un sentiero segnalato e in un quarto d’ora pervengo al Rifugio Fiorasca (2086 m), un gruppo di stabili in pietra appartenenti alla Società Alpinistica Valmaggese.

                                        Rifugio Fiorasca (2086 m)

Sono l’unico avventore di giornata e il tredicesimo della stagione. La capanna è molto ben tenuta e ben organizzata. Il dormitorio si trova nella baita di fianco e quella di fronte è adibita a bagni e doccia. Mi riposo al tavolino di pietra posto all’esterno, vicino ad una delle due fontane. Dopo una sosta di cinquanta minuti riprendo il cammino. La Bocchetta Nord di Fiorasca è ben visibile dal rifugio. Gli alpigiani della Val Bavona la chiamavano “Forcolina”. Con il brillamento di alcune mine la fessura naturale è stata allargata fino a 70 cm da Olimpio Dalessi, affinché permettesse il passaggio alle mucche. Una lunga scalinata scendeva verso i pascoli alti dell’Alpe di Brünesc dove c’era un toro da monta.

In quaranta minuti di salita raggiungo la bocchetta: è il punto chiave dell’escursione. Indosso i guanti, scendo con la faccia a monte e creo delle tacche nel firn con la punta degli scarponi. Le dita di entrambe le mani fungono da piccozza. La tecnica è molto faticosa, ma efficace. Dopo 75 m di discesa la pendenza diminuisce, la neve si lascia incidere più facilmente e diventa alleata. Ora posso girarmi e scendere tranquillamente con la faccia a valle; i talloni penetrano infatti senza problemi nella neve.

Una volta raggiunto il corte principale dell’Alpe Brünèsc recupero la bici e mi godo una discesa ad alta velocità sulla bella strada, tutta per me.

 

Interessantissima escursione Bike & Hike in una regione selvaggia, poco conosciuta alle persone che non abitano in questa valle, avvalorata dalle splendide condizioni meteo.

 

Tempo totale: 7 h 35 min

Tempi parziali:

Barriera sopra Broglio (ca. 810 m) Monti di Rima (1007 m): 13 min

Monti di Rima (1007 m) Alpe Brünèsc/Corte Grande (1618 m): 50 min

Corte Grande (1618 m) – Corte di Piatto (1821 m): 25 min

Corte di Piatto (1821 m) – Bocchetta Nord di Fiorasca (2298 m): 1 h 20 min

Bocchetta Nord di Fiorasca (2298 m) – Cascine di Pièi (2110 m): 25 min

Cascine di Pièi (2110 m) – Rifugio Fiorasca (2086 m): 15 min

Dislivello in salita: 1663 m

Quota massima: 2297 m

Quota minima: 810 m

Sviluppo complessivo: 24,63 km

Difficoltà: T3

Consumo batteria: 53%

Coordinate Rifugio Fiorasca: 689'600/137'125

Copertura della rete cellulare: Swisscom buona.


Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T5 IV
T5- PD- II
T4 V-
7 Sep 16
Pizzo Rosso 2498 m Ostwand · chmblum
T3
T3+
10 Jun 15
Fiorasca · jimmy

Comments (10)


Post a comment

danicomo says:
Sent 15 June 2021, 19h15
Molto originale la gita, grazie.
Fatto secoli fa dalla Bavona ed era un viaggio...

siso says: RE:
Sent 15 June 2021, 19h31
Grazie Dani!
Il nevaio sotto la bocchetta è ancora infido, bisognerebbe aspettare ancora qualche giorno, oppure portarsi ramponi e piccozza. Io sono stato imprudente...

Francesco says:
Sent 16 June 2021, 10h03
..Eh si, questa piace anche a me.
Se riesco rimarrò a dormire , vediamo.
Bella gita, amis.
Un caro saluto-
Francesco

siso says: RE:
Sent 16 June 2021, 10h28
Ciao Francesco,
sì, la Vallemaggia offre infinite possibilità. Le numerose capanne dei vari Patriziati sono ben tenute, discrete, e fungono da base d'appoggio per parecchie cime alpinistiche, basta averne...
Un caro saluto,
siso.

Gabrio says:
Sent 16 June 2021, 17h54
Mi associo ai commenti positivi.
Sono sempre salito dalla Val Bavona ma il fascino c'è e resta!
Complimenti!!!!

siso says: RE:
Sent 16 June 2021, 19h25
La Val Bavona è stupenda, unica e irraggiungibile, ma anche la Val Lavizzara offre dei paesaggi incantevoli.
Ciao Gabrio, grazie e buone camminate!
siso.

cappef says:
Sent 16 June 2021, 20h48
Bravo Siso...gran dislivello e tanti Km. ...complimenti!!!
A presto...Flavio

siso says: RE:
Sent 16 June 2021, 22h59
Ciao Flavio, grazie! Pedalare su queste stradine senza auto è un piacere anche con gli scarponi da montagna e con uno zaino mooolto pesante.
A presto,
siso.

GIBI says:
Sent 24 June 2021, 23h24
Interessante la salita in Fiorasca da questo lato, io l'unica volta ( 2005 ) ero invece salito da Fontana.

Ciao Giorgio

siso says: RE:
Sent 25 June 2021, 10h33
Suppongo che sia interessante anche la salita da Fontana, su quelle ardite scalinate. Dalla barriera sopra Broglio, a piedi occorrono circa 4 h 40 min. La bicicletta, ovviamente è di grande aiuto sia in salita sia in discesa.
Ciao,
siso.


Post a comment»