'E quindi uscimmo a riveder il sole'. Adula per il canale Ezio e Maria


Published by blepori Pro , 17 June 2018, 11h51. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:16 June 2018
Mountaineering grading: AD+
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   CH-TI   Gruppo Rheinwaldhorn   Gruppo Cima Rossa   Gruppo Cima di Gana Bianca 
Time: 10:00
Height gain: 1700 m 5576 ft.
Height loss: 1700 m 5576 ft.
Route:Capanna Quarnei - Canale Enzo e Maria - Adula - Bivio passo del Laghetto - Quarnei - Cusiè
Access to start point:Strada della Val Malvaglia fino a Cusiè, la strada è a pedaggio, 5 CHF al giorno da pagare con monete al parchimetro alla fine del lago.
Accommodation:Capanna Quarnei (http://quarnei.ch/), sempre aperta, gurdiano da giugno a ottobre.
Maps:C.N.S. No. 1253 – Olivone

Giù nel canale è ombra e silenzio, i ramponi scricchiolano sulla neve, il fiato si fa breve per la tensione. Uno, due, tre passi cauti e un sole caldo mi abbaglia, di fronte il lenzuolo candido del Ghiacciaio del Paradiso. Pochi istanti e Simona mi raggiunge sul colletto. Siamo in cima al grande canale della parete sud dell'Adula che Giuseppe Brenna ha dedicato ai genitori Ezio e Maria.

Qualche ora prima una sveglia importuna ci butta fuori dal letto. Il sole sta appena iniziando a illuminare la grande quinta di montagne che si ammira dal rifugio. Là giù in fondo, come per mettersi in mostra, la catena dei Torroni si infiamma di rosso, appena dopo Strega e Ramulazz rispondono presenti, e tutte le altre cime si uniscono nel coro di un'alba limpida che annuncia una magnifica giornata.

La sera e la notte sono trascorsi fra dubbi e qualche fantasma. Ieri salendo in capanna avevamo scrutato ansiosamente la parete sud dell'Adula. Il versante sembrava terribilmente asciutto, solo lassù in vetta una linua di neve faceva sperare. Quali saranno le condizioni? Sarà pericoloso? Ce la faremo?

Quando superata la cascata ragiungiamo la conca ai piedi del passo del laghetto l'ansietà scompare. Lassù nella parete una candida lingua di neve sale verso il cielo, su su fin quasi in vetta.

Sul primo nevaio calziamo i ramponi, la salita è dapprima dolce, ci infiliamo nella prima strettoia, a sinistra lasciamo il canale Darmstätder e attacchiamo un primo ripido muro che ci porta ad un breve passaggio su roccia dove un ruscelletto scende cantando. Lo costringiamo rapidamente al silenzio per raggiungere un'incredibile nevaio sospeso, dominato dalle torri della Cresta Malvaglia. In mezzo l'incredibile lingua di neve del canale. Alle spalle una quinta dopo l'altra di montagne, Ganna Bianca e Rossa in primo piano, là in fondo il Campo Tencia e più oltre le alpi vallesane.

Qualche foto e attacchiamo il canale. La neve è perfetta, ben consolidata ma non ghiacciata, fa' fresco quel tanto che basta. La pendenza si fa' subito importante, ma le condizioni permettono di salire senza troppi problemi. Siamo circondati da grandi torri in ambiente fantastico. Solo verso metà una scarica di sassi ci ricorda che non è un gioco, ci spositamo più verso destra dove le condizioni sono un po' più sicure. Superati gli scivoli che portano a sinistra in cresta il pericolo è passato; noi continuiamo diritti verso il colletto terminale che brilla alla luce del sole.

Un ultimo ripido muro, dove per fortuna ci si può riposare a destra contro le rocce, ci porta al colletto appena sotto la cima Sud dell'Adula, un punto che offre un panorama spettacolare. Aggiriamo il roccione a destra sul nevaio, poi saliamo in cresta, ci alziamo di una decina di metri e poi trsversiamo facilmente a sinistra verso la cresta Malvaglia. Davanti a noi si apre il lenzuolo candido del Ghiacciao di Bresciana e là, in fondo alla cresta, la croce di vetta tanto agognata.

Traversiamo alti appena sotto le rocce della cresta su terreno misto, sfruttando a tratti i nevai e raggiungiamo la cresta. La luce è stupenda, un cielo di un blu stupendo incornicia la cima, tutto attorno infiniti monti ghiacciati e là sullo sfondo le pianure del Ticino. L'Adula è veramente la regina delle nostre cime.

In breve siamo in vetta, pausa panormaa e foto, poi prudentemente ci incordiamo per la discesa per la via normale (poco importa che altri sono saliti senza cordo o financo da soli). La normale è in ottime condizioni e regala di nuovo grandi quadri. Poi la lunga discesa sulla morena e la risalita al passo del laghetto dove la fatica si fa' sentire.

Al passo ci attende un quadro incredibile: la parete sud dell'Adula solcata da un ripidissimo canale di neve, visto di fronte fa' impressione pensare che siamo saliti di lì. Ormai stanchi divalliamo, recuperiamo i nostri sracci in rifugio e raggiungiamo nell'auto. Con nel cuore una giornata fantastica.

Nota tecnica. Poco da aggiungere all'accurata relazione di Giuseppe Brenna. Il canale è molto bello per l'ambiente e l'estetica del percorso, da affrontare a inizio stagione estiva con neve ben assestata come lo abbiamo trovato noi. L'esposizione è ovest-sud-ovest quindi se la notte e fresca il canale resta in ottime condizioni tutta la mattina e la neve persiste abbastanza a lungo. C'è pericolo di scariche soprattutto quando il sole tocca le rocce sommitali della cresta. Il canale verso è proprio fa' circa 350 metri di dislivello con una pendenza di 45/47 gradi, qualcosa di più sull'uscita. La strettoia prima del nevaio di quota 2800 metri è aggirabile a destra su pendii meno ripidi se c'è troppa poca neve.

Hike partners: blepori, Simona66


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (27)


Post a comment

igor says:
Sent 17 June 2018, 12h00
Bravi,bellissimo canale,una vera via pregiata oltre che le solite,ciao

danicomo says:
Sent 17 June 2018, 12h02
Bellissimo, Benedetto.
Bravo tu e pure la tua compagna. Pure se quella foto di lei sul traverso prima della vetta mi ha fatto venire i brividi...
Daniele

blepori Pro says: RE:
Sent 17 June 2018, 12h05
grazie dani! In realtà il traverso è molto fotogenico ma era semplicissimo con i rampini, il bello era il canale!

saimon says: bravi
Sent 17 June 2018, 12h38
grandissimo e spettacolare ascesa da una via insolita. bravo benedetto e compagna. a presto saimon

Simona66 says:
Sent 17 June 2018, 20h09
Ciao Benedetto! Foto stupende ! E' stato molto bello condividere questa bella salita assieme .

blepori Pro says: RE:
Sent 17 June 2018, 20h37
E' stato un vero piacere, giornata stupenda e compagnia ottima!

m323 says: Bravi
Sent 17 June 2018, 20h10
I canali sono di moda in questo periodo ;) - Bravi!

Simona66 says: RE:Bravi
Sent 17 June 2018, 20h35
Grazie!

blepori Pro says: RE:Bravi
Sent 17 June 2018, 20h47
grazie, le condizioni quest'anno sono veramente buone, c'è ancora neve e col caldo che ha fatto si è assestata bene.

Daniele66 says:
Sent 17 June 2018, 21h05
Bella salita Complimenti....Daniele66

beppe says: Bravissimi
Sent 18 June 2018, 05h37
Ciao
Beppe

itineralp says:
Sent 18 June 2018, 08h22
Che bei ricordi Benedetto!
Salii questo canale una quindicina di anni fa... Bivaccammo in uno sprug sulle gande superiori perché la capanna Quarnei ancora non esisteva.
Finalmente le tue foto mi riportano a qeull'ambiente di cui ormai non ricordo più nulla.
Fu un bel regalo di cui sono debitore a Brenna.

blepori Pro says: RE:
Sent 18 June 2018, 08h26
grazie! sono onorato di essere nel club dei non molti che hanno salito questo fantastico canale. Qualche anno fa' con Luzzi avevo fatto il Darmstädter, questo mancava. L'ambiente è veramente incredibile, poi quella fantastica uscita sul colletto degna di un 4'000. Siamo tutti debitori a Giuseppe per averlo indicato e per il ricordo caro dei suoi genitori.
Ciao Benedetto

micaela says:
Sent 18 June 2018, 09h18
Belissima, adrenalinica, affascinante avventura, bravi!
Ciao, Micaela.

blepori Pro says: RE:
Sent 18 June 2018, 11h30
ciao mic, in realtà quando ci sei dentro non pensi a nulla tranne a fare le cose bene, il pensiero è come tutto congelato, poi quando abbiamo visto il canale di fronte qualche fantasma si è risvegliato...Benedetto

micaela says: RE:
Sent 18 June 2018, 11h39
Giustissimo!
Esattamente come durante la prima calata della mia vita, una settimana fa:
prima: terrore (non so se ricordi ho una paura viscerale del vuoto) di osare lasciarsi cadere nel vuoto
durante: la concentrazione di cui parli, presenza di ogni poro, ogni pensiero a quello che si sta facendo
dopo, un poco di tremarella...e, per chi crede in Dio, una piccola preghiera!

Ciao, Mic.

cristina says:
Sent 18 June 2018, 09h42
Bella l'Adula....abbiamo più volte pensato di fare la normale...vedremo!

Complimenti!

blepori Pro says: RE:
Sent 18 June 2018, 09h49
ciao, la normale è molto bella adesso quando c'è ancora molta neve. Una bella alternativa è la cosiddetta 'via Malvaglia' che segue la cresta sud-ovest dal passo del laghetto. La cresta è generalmente facile, c'è un passaggio verticale di II+ che è stato attrezzato con catene. Alla prossima! Benedetto

cristina says: RE:
Sent 18 June 2018, 09h53
Grazie!

Menek says:
Sent 18 June 2018, 12h15
ho faticato solo a guardare le foto... ciao raga!
Menek

Poncione says:
Sent 18 June 2018, 13h41
Impresa bellissima su una montagna stupenda.
Splendidi Benedetto e Simona.

Simona66 says: RE:
Sent 18 June 2018, 17h11
Grazie mille !

irgi99 says:
Sent 18 June 2018, 15h10
che dire.... stupenda!!!
Bravissimi!

cai56 says:
Sent 18 June 2018, 15h54
Situazione climatica ideale in un canale splendido.
Noto con piacere che non avete perso tempo con aleatorie quanto inutili protezioni durante la salita!
Andate in controtendenza ;-))
Ciao Marco

blepori Pro says: RE:
Sent 18 June 2018, 16h06
ciao marco, hai ragionissima, in quel canale e in quelle condizioni l'unico vero pericolo è beccare un sasso, quindi meglio togliersi dai piedi il più in fretta possibile. Ovviamente avevamo tutto l'occorrente, un imprevisto può sempre capitare. Ciao Benedetto

Sent 18 June 2018, 17h32
Grande impresa Benedetto, bravi.
Solo guardando le foto ... mi vengono i brividi
ciaoooooo

Simone86 says:
Sent 19 June 2018, 13h47
Mitico!! E chi ti sta dietro...!! Complimenti a voi!!


Post a comment»