Mont Avic 3006m e Mont Iverta 2936 m


Published by cristina , 4 August 2015, 14h00. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Val d'Aosta
Date of the hike: 2 August 2015
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 1 days 12:00
Route:La Veulla-Magazzino-Pra Oursie-Bivio ai ruderi per Mont Avic (2000m ca)-Mont Avic-Col Raye Chevrere-Mont Iverta-Gran Lac-Lac Noir e Blanc-Rif. Barbustel-Lac Servaz-Magazzino-La Veulla
Access to start point:Autostrada Aosta uscita Verres. Continuare sulla statale per Aosta fino al bivio per il Parco Mont Avic. Seguire le indicazioni per il Parco. Ampio posteggio gratuito segnalato a sx poco prima di raggiungere le ultime case.
Maps:Parcon Naturale Mont Avic 1:25.000

Progetto ambizioso oggi e, dopo la semiflanella di ieri dovremmo farcela!

Entrambe le cime le avevamo già salite tempo fa, quello che vorremmo fare oggi è: innanzitutto la traversata nord-sud dell’Avic, che non ci era riuscita e, se le previsioni si manterranno come hanno previsto, cercare di portare a termine l'anello.

Partiamo dal grande posteggio di La Veulla con un po’ di ritardo su quello che speravamo. Attraversiamo il paesino e ci dirigiamo di buon passo alla località Magazzino, dove proseguiamo per il Col Varotta. Comodi tornanti nel bosco ci portano all’agriturismo Plan d’Ours, dove troviamo l’ultima acqua. Proseguiamo sempre in direzione del colle. Intorno ai 2000 m, prima di entrare nella pietraia  raggiungiamo dei ruderi di costruzioni, da qui parte una traccia, segnata da ometti che come pensavamo porta anch’essa all’Avic. La volta precedente avevamo trovato anche un’indicazione su un sasso, ma la relazione che avevamo diceva di ignorarla, oggi l’indicazione ci è sfuggita, ma abbiamo avuto la conferma che porta anch’essa all’Avic, probabilmente anche in modo più comodo.

Proseguiamo quindi ancora per il Col Varotta e intorno ai 2300 m lasciamo il percorso bollato entrando nel vallone pietroso ai piedi dell’Avic. Scegliendo il percorso a noi più adatto ci spostiamo sempre più verso dx raggiungendo il confine del parco nei pressi di un colletto, a circa 200 m dalla cima. Poco prima di giungere al colletto abbiamo la sorpresa di trovare degli ometti e una traccia di passaggio. Rimaniamo per un poco lungo il confine del parco, poi cercando sempre gli ometti e la traccia che diventa a tratti più evidente, ci spostiamo a sx raggiungendo la bastionata dell’Avic. Prima di raggiungerla vediamo le famose corde che avevamo cercato invano la volta precedente, come abbiamo fatto a non vederle è un mistero, potevano non esserci? Boh! Sta di fatto che oggi le vediamo da lontano e senza problemi le raggiungiamo. Corde e cavi risalgono i punti più esposti spostandosi a sx. Raggiungiamo la cresta e in breve, con facili passaggi tra roccette, siamo in cima. La nebbia che ci ha avvolto negli ultimi metri si sta diradando e come ricordavamo il panorama è spettacolare.

La discesa della cresta è per noi piuttosto impegnativa. In alcuni punti l’esposizione non è da sottovalutare, fortunatamente degli ometti indicano il percorso migliore, anche se in più punti ci troviamo a girarci attorno per cercare il modo migliore di scendere, come sempre in salita sarebbe tutto più semplice. Consiglio: se volete fare la traversata,  fatela nel senso inverso al nostro, per divertirvi di più sulla cresta e spaccarvi meno le gambe sulla pietraia!

Raggiungiamo il canale tra la cima e l’anticima e cominciamo a scendere piuttosto ripidamente fino alla conca prativa. Cercando di seguire sempre gli ometti raggiungiamo il Col Raye Chevrere dove riprendiamo la salita per il Mont Iverta. Anche qui dovrebbero esserci degli ometti ma dopo il lago li perdiamo, la salita comunque non è difficile, si passa un po’ ovunque, bisogna solo spostarsi sempre verso sx, la croce di vetta rimane proprio a picco sul Lac Gelè.

Dopo una bella sosta in cima scendiamo dal versante opposto, non c’è una discesa ben definita. Meglio però spostarsi verso dx dove ci sono meno sassi e ogni tanto si trova una sorta di traccia. Ai piedi dell’Iverta dobbiamo prendere la decisione: continuare come pensato verso il Rif. Barbustel oppure cominciare a scendere?

Se dovessimo dare ascolto ai piedi dovremmo scendere, ma diamo ascolto al cuore e continuiamo.

Risaliamo quindi un altro centinaio di metri per poi cominciare a scendere al Gran Lac. Raggiuntolo, rimaniamo sulla sua riva fino al termine dove facciamo quella che potremmo definire sosta pranzo. Non sappiamo che ore siano ma certamente non è ora di pranzo! Per la prima volta qui non troviamo nessuno e nessuno incontreremo fino al rifugio, alla fine della giornata, il bilancio degli incontri sarà una coppia sulla cresta dell’Avic e qualcuno al rifugio. Come al solito basta stare lontano dai rifugi nelle ore canoniche e la tranquillità si trova ovunque!

Scendiamo ai prati di Pesonet e quindi con bel sentiero a mezza costa raggiungiamo i Lac Noir e Blanc e quindi il rifugio Barbustel.

Sosta per bere qualcosa che non sia acqua, caffè e…caspita sono le 18,30!!!

Lasciamo il rifugio con i complimenti del gestore per il lungo giro e scendiamo al Lac Servaz, ancora un lungo tratto dove si scende quasi nulla e poi giù alla sterrata che ci riporta prima a Magazzino dove chiudiamo l’anello e poi a La Veulla.

Nonostante non sia uno dei giri più lunghi che abbiamo fatto, i piedi sono cotti, la pietraia e le mulattiere sono state la ciliegina sulla torta, ma ne valeva veramente la pena!

Concludo augurando a tutti buone vacanze!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (16)


Post a comment

Amadeus says:
Sent 4 August 2015, 14h37
Bene, sono il primo della lista a farvi : Tanti complimenti, bel giro e sguardi di invidia!
Ciao bella gente, al Cornone!

cristina says: RE:
Sent 4 August 2015, 14h48
Ci contiamo....

Ciao Cri

Menek says:
Sent 4 August 2015, 14h57
Girone infernale e di grande bellezza... buone ferie Raga!
Menek

cristina says: RE:
Sent 5 August 2015, 08h37
Grazie, ci sentiamo al rientro per il Blumone!

danicomo says:
Sent 4 August 2015, 19h13
Bello sto giro...
Ciao
Daniele

cristina says: RE:
Sent 5 August 2015, 08h38
E' un piccolo Canada la zona dell'Avic, ambiente bellissimo!

Sent 5 August 2015, 10h11
Voi siete due "trattori"!!!!!! Nel senso buono naturalmente!!!! Complimenti,girone spettacolare!!! Ciao ALE

cristina says: RE:
Sent 5 August 2015, 10h27
Ogni tanto questi gironi ci stanno...tanto in ufficio abbiamo le sedie con le rotelle :-)))

Sent 5 August 2015, 11h44
Che giro Ragazzi......troppo bello questo posto, è veramente un piccolo Canada e poi, lontano dal rifugio, non trovi quasi nessuno!
La cima dell'Avic mi tenta ... chissà se prima o poi?

Ci si vede al Cornone, ciao!
Aldo

cristina says: RE:
Sent 5 August 2015, 11h56
E' una meraviglia in ogni stagione...

Il problema dell'Avic è che è lontano da qualsiasi punto di appoggio a meno di non riuscire a strappare le chiavi di quel bel bivacchino che c'è sul Gran Lac...se ci riesci veniamo anche noi!

Al Cornone allora! Un abbraccio Cri

grandemago says: RE:
Sent 5 August 2015, 14h23
Anni fa ho dormito presso il bivacchino con la tenda e col permesso del Parco ... una notte da incubo, passata a scacciare le mucche che mi giravano intorno con i campanacci al massimo volume!

Un abbraccio anche da parte mia, a presto!

cristina says: RE:
Sent 5 August 2015, 14h50
Mucche lassù? Che sfortuna!

Non le ho mai viste...però è un bel posto e una notte mi piacerebbe passarcela...non in tenda però!

ser59 says:
Sent 5 August 2015, 13h25
Compimenti bel giro e belle zone che anche io ho frequentato l'anno scorso lasciandomi più che soddisfatto

cristina says:
Sent 5 August 2015, 13h39
Grazie...però eravamo cotti alla fine :-)))

Nevermind says: Corde fisse
Sent 5 August 2015, 15h40
quando l'ho salito io nel 2009 (A/R dal Col Varotta) non c'era nessuna attrezzatura e infatti avevamo fatto una doppia per scendere la placca. Direi che se l'altra non le avete viste è perchè non c'erano....
PS: quelle rare volte che mangio pesante, di notte mi sogno la pietraia dell'Avic.....
Ciao ciao. Giuliano

cristina says: RE:Corde fisse
Sent 6 August 2015, 09h41
Mi ha ricordato l'AV dell'Adamello, sassi sassi sassi....di colore diverso :-))))


Post a comment»