Assaggio d'inverno alla Fourcla d'Agnel e dintorni


Published by Massimo , 15 October 2012, 21h22. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Grisons » Oberengadin
Date of the hike:13 October 2012
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 7:30
Height gain: 1055 m 3460 ft.
Height loss: 1078 m 3536 ft.
Route:Km 12 tempo di movimento h.4:25
Access to start point:Da Chiavenna: Maloja, Silvaplana, Julierpass
Maps:Orux Juf

 pm1996 Dedico questa semplice escursione ad una persona che non conosco, che tramite le scritture di un suo amico sono venuto a conoscenza navigando in questa comunità …La bianca Val d’Agnel.
E’ tutta la settimana che tengo controllato il meteo e l’Engadina mi regala ancora una soddisfazione.
Dopo un paio di telefonate del fine settimana formiamo ll gruppo Massimo, Miguel ed io.
Partenza e ritrovo sempe al buio. Durante il viaggio il primo regalo della giornata il Pizzo di Prata con un quarto di luna inevitabile fermarsi ad immortalarlo !!
Cafferino a Chiavenna e poi su per il Malojapass e lo Julierpass meta di partenza dell’escursione.
-4 , ero preparato, ma non pensavo così tutto bianco..
Il giro nella mia mente prevede il Piz D’Agnel e di ritorno il Piz Surgonda, sono un goloso, ma il Max mi tappa subito le ali visto il ghiaccio, vabbè chi se ne frega arriveremo alla Forcula e si vedrà. Prima di tutto la giornata e il divertimento con gli amici, se poi c’è il Piz gli accordi sono questi e ne sono contento.
Incominciamo a percorrere la valle costeggiando il fiume.
Situazione: prima spolverata quindi ghiaccio e neve, ma si procede bene.
Alla nostra Sx il Piz Bardella baciato dal sole, poi davanti a noi bello e imponente il Corn Alv altra bella montagna da salire che con la sua mole domina la valle da nord a sud. Proseguiamo e sempre a sx il Piz Campagnun, poi qualche laghetto e la valle si apre con davanti a noi con tutto il fascino della prima neve il Piz Surgonda la Forcula d’Agnel e la cresta omonima con per ultimo il Piz d’Agnel 3204 m. La salita è veloce e arrivato alla forcola un vento gelido mi tiene compagnia. I miei amici sono di poco dietro quindi per tenermi riscaldato risalgo il primo tratto di cresta alla mia sx fin dove posso. La visione sulla Val Bever, sulla Vedret d’Agnel, un poco nascosta la cima dell’ Agnel, ma la Tschima da Flix e il Piz Picuogl si vedono bene, è notevole. Ridiscendo e mi dicono la capanna giu’ in fondo l’hai vista ? Quale capanna io vedevo tutto bianco e cime !!! Si decide di desistere per proseguire e contento della mia cimetta 3030 m. ridiscendiamo verso il laghetto sempre il Val d’Agnel e aggirando ai piedi del Piz Surgonda senza perdere quota per massi arriviamo di nuovo risalendo a 3000 sulla spalla del Piz Surgonda dove quella Iena del  Max tira fuori dal sacco un Prosecco ghiacciato con salame a seguito. Si mangia, si beve, si fotografa pure il Piz Julier, il Piz Polaschin della settimana prima e tutto di più…
Dopo questo spuntino ridiscendiamo aggirando il Corn Alv e passando sotto al Muot Cothescen, per poi ridiscendere a 2231 m. dove incominciamo di nuovo a costeggiare il fiume e giungiamo al passo chiudendo l’ anello.
http://www.youtube.com/watch?v=B-fGQahbk4o&list=UUqXe5Pfls_0Y6ebxCDQYF1w&index=1&feature=plcp


 Massimo :  Per questo fine settimana devo scegliere fra due proposte, alla  fine fra mille indecisioni raccolgo l’invito del Paolino per l’Engadina visto che dovrebbe essere l’unica zona dove il cielo non dovrebbe scaricare, calcolando che sono ancora leggermente influenzato l’assenza di pioggia è un ottima prerogativa. Il venerdi tiro “morello” il Paolino insistendo per la scelta di una meta facile vista la quasi sicura presenza di ghiaccio a quelle quote e poi metto in chiaro i patti “ alla prima seria difficoltà giro i tacchi e me ne torno da dove sono arrivato”.
Ritrovo a Lecco al parcheggio del Bione per le 6.00, con noi c’è anche Miguel che fa anche da tassista “ thank you”, dopo l’imperdibile colazione in quel di Chiavenna alle 8.30 scarponi ai piedi in località La Veduta siamo pronti alla partenza con una temperatura di -4° “che frecc” ,è vero eravamo preparati ma il primo freddo di stagione da sempre delle sensazioni molto sgradevoli.
Risaliamo la Val d’Agnel circondati da un paesaggio incantato grazie alla spolverata di neve caduta il giorno precedente messo maggiormente in risalto dal cielo sereno e dal sole che illumina la valle.
Giunti al piano prima dei laghi cerchiamo il segnale che attesti il punto esatto dove perse tragicamente la vita Rino per poterlo commemorare ma non ne troviamo traccia, proseguiamo la nostra escursione e senza grosse difficoltà raggiungiamo la Fourcla d’Agnel dove tira un aria gelida, siamo sicuramente parecchi gradi sotto zero. Scartato l’Agnel dobbiamo decidere se scendere nella vallata opposta e raggiungere la capanna Jenatsch oppure tornare sui nostri passi e poi spostarci nella zona del Surgonda. Visto che il percorso per la capanna è quasi interamente all’ombra decidiamo per la seconda opzione …….. e qui viene fuori il personaggio “ Paolino”, giunti al lago a quota 2830m. effettuiamo il solito taglio che ci porterà direttamente all’ombra del Surgonda, sul GPS si vede una bella retta, del resto il suo motto è “sempre dritto”. Inizialmente il percorso è un po disagevole fra sassi instabili, ma non presenza grosse difficoltà visto che il sole ha sciolto il ghiaccio presente, ad un certo punto dopo un vivace confronto convinco lo stambecco a tornare sul percorso segnalato visto che il percorso diventava leggermente più impervio; del resto non si può pretendere che un elefante possa avere la stessa agilità di uno stambecco e possa passare con celerità dove lo stambecco si muove in totale scioltezza. Risaliamo la facile vallata  che porta all’attacco del traverso che porta alle pendici del Surgonda, qui altro consulto sul da farsi con la temperatura che è sicuramente ancora sotto lo zero.
Lo stambecco come da istinto naturale vorrebbe salire la cima ma valutando orario ( rischio di giornate di squalifica per le prossime escursioni ) e la presenza di parecchie nuvole che impedirebbero la magnifica visuale che si ha dalla cima del Surgonda decidiamo di rinunciare, ne è felice anche Miguel che sta congelando di freddo.
Prima parte di discesa nella vallata fra il Corn Alv e il Piz Cotshen, al ritorno del sole e al cessare del vento pit stop par la pausa pranzo con slinzega,  salame piccante napoletano ed altro innaffiato da un fresco prosecco di Valdobbiadene che Miguel si è portato nello zaino fino a 3000m..
Rientro in scioltezza, giunti all’auto poco dopo le 16.00 dal cielo cade qualche fiocco di neve trasportato dal vento …….. l’inverno è alle porte.
Un grazie di cuore ai miei due compagni di escursione, il Paolino, per avermi fatto un mini corso di discesa su terreno scivoloso e per aver rinunciato alle sue tante amate cime causa l’ingombro di un “elefante”….. questa è Amicizia, e a Miguel per essere stato fedele compagno di escursione lungo tutto il tracciato.
Questa volta oltre che qualche vaffaunbip…… , Paolino ti meriti un “bravo” per aver scovato l’unica zona sull’arco alpino senza pioggia e per l’ottima scelta del percorso.
  
Miguel dopo le temperature miti l'impatto con l'inverno anticipato è notevole, meno 4 non me lo aspettavo ma quello segnava inesorabile il termomentro della mia auto.
Ci cambiamo all'aperto e l'aria fredda mattutina ci trapassa.
E' la mia prima volta in Engadina e devo dire che è notevole: i panorami, le cime mozzafiato, il tutto accompagnato da una piacevole compagnia, ovvero il golosone Paolo e Massimo che poi tanto elefante non è.
Giro decisamente consigliabile ed invidiabile!
Forse però la prossima volta è meglio portare del the caldo!

Hike partners: pm1996, Massimo, miguel


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (22)


Post a comment

beppe says: Bravi
Sent 15 October 2012, 21h46
ottima scelta l' Engadina non delude mai.
A presto
Beppe

Massimo says: RE:Bravi
Sent 16 October 2012, 22h35
Grazie Beppe,
ebbene si l'Engadina è un paradiso per noi escursionisti.
Ci si vede sabato
Ciao

Max

pm1996 says: RE:Bravi
Sent 17 October 2012, 09h28
Ciao Beppe ,grazie.

gebre says:
Sent 15 October 2012, 22h13
Complimenti a tutti, gran bel paesaggio!
Ciao
Alberto

Massimo says: RE:
Sent 16 October 2012, 22h37
Grazie Alberto,
chi meglio di te conosce questi paesaggi da cartolina.
Ciao

Max

pm1996 says: RE:
Sent 17 October 2012, 09h49
Grazie Alberto.
Per il Viandante tienimi informato.
Ciao Paolo

nano says: Grazie del pensiero!
Sent 15 October 2012, 23h20

Si! Grazie ragazzi del pensiero che avete avuto per il mio sfortunato amico, mi ha fatto immensamente piacere, ed è per me altrettanto piacevole sentirmi considerato un amico anche senza conoscermi.
La croce che abbiamo messo è volutamente piccola,il nostro intento era di non urtare i principi di alcuno e limitare l'impatto nell'ambiente, quasi impossibile trovarla anche perchè è un poco discosta dal sentiero segnalato, rimane comunque poco sotto il laghetto sul lato sinistro della valletta dove scorre l'acqua.
Un giorno forse le nostre strade si incrocieranno. Lo spero!
Giuliano

pm1996 says: RE:Grazie del pensiero!
Sent 16 October 2012, 00h58
Il tuo racconto mi ha toccato profondamente, sono contento di averti fatto un gradito pensiero con la mia dedica. Ti considero un amico con cui condivido una grande passione.... la montagna...

massimo61 says:
Sent 16 October 2012, 07h59
Ciao ragazzi bravo Paolino a scegliere la zona giovedi sera tutti gufavano sulla sua scelta bravo Massimo a tenere a bada lo stambecco un saluto a Miguel
L ' Engadina non delude mai
Ciao Massimo61

Massimo says: RE:
Sent 16 October 2012, 22h42
Grazie Massimo,
questo è uno stambecco un po anomalo, con un goccetto di alcool si riesce a tenerlo a bada.
Anche oggi birrettina in cima al Barro, mentre tu te la scialavi al lavoro.
Ci vediamo sabato
Ciao
Max

pm1996 says: RE:
Sent 17 October 2012, 09h43
Max,
il tuo zaino secondo me ha un doppio fondo...
Psolo

pm1996 says: RE:
Sent 17 October 2012, 09h39
Ciao Massimo ,
prepara gli ski che come prima mi di stagione mi sembra perfetta.
A sabato.






Sent 16 October 2012, 08h35
Bravissimi voi,si vede che la Cerveza di giovedì non vi ha toccato come Roberto.
Belle foto e complimenti
ciao

Massimo says: RE:
Sent 16 October 2012, 22h45
Grazie Barba,
io la birra giovedi purtroppo l'ho bevuta col pensiero, per lavoro non ho potuto essere dei vostri, ma sabato mi sono rifatto con gfli interessi
Ciao
Max

pm1996 says: RE:
Sent 17 October 2012, 09h45
Ciao Barba,giovedì sera ci siamo proprio divertiti...
Grazie
Paolo

Gabri says:
Sent 16 October 2012, 08h43
Bella l'Engadina imbiancata!
Bravi tutti per l'ottima scelta!
Ciao
Gabri

Massimo says: RE:
Sent 16 October 2012, 22h48
Grazie Gabri,
ci sei mancato e poi è mancata la tua bottiglietta da cacciare nello zaino della Barbie, pensa che il prosecco è finito nello zaino del povero Miguel......., ma poi ti lascio immaginare chi se l'è scolato!!!!!!

Ci vediamo sabato
Ciao
Max

pm1996 says: RE:
Sent 17 October 2012, 09h47
avevo mal di schiena...ahah

Sent 16 October 2012, 09h35
E bravi a tutto il Trio
Ci siamo chiesti dove siete andati alla fine ... certamente avete trovato il meteo migliore.
Ciao

Massimo says: RE:
Sent 16 October 2012, 22h50
Grazie Giorgio,
a parte il gelo il meteo non è stato per nulla malvagio........, ogni tanto anche il Paolino ci azzecca
Ciao
Max

pm1996 says:
Sent 17 October 2012, 09h51
Ciao Giorgio,
a noi il meteo a voi il porcino...
Ciao

Alberto says: RE:
Sent 17 October 2012, 10h42
bella gita al candor della neve: complimenti a tutti....ma il Paolino è sempre esoso? he he he! E sì.bisogna che ci sia semèpre qualcuno a frenarlo....l'importante è avere le chiavi dell'auto.....non si sa mai!


Post a comment»