Pizzo Cramosino (2717.9msm)


Published by Jules , 17 July 2010, 15h59.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:16 July 2010
Hiking grading: T4- - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Madöm Gross   Gruppo Cima di Gagnone 
Time: 11:00
Height gain: 2051 m 6727 ft.
Height loss: 2051 m 6727 ft.
Route:Circa 15 chilometri.
Access to start point:Frasco servita dal postale, e facilmente raggiungibile in auto. Possibilità di parcheggio proprio vicino alla chiesa.
Accommodation:Capanna Efra Rifugio Costa

Durante le vacanze al mare ho avuto modo di rivedere nel dettaglio i percorsi delle cime che mi piacerebbe raggiungere. Tra queste, il Pizzo Cramosino era una delle più quotate, anche visto il tentativo fallito dell'anno scorso. In un momento di follia, ecco però balenare l'idea di liquidarlo in un giorno, anziché due, come forse, del resto, è più logico. E così eccoci di partenza da Frasco alle sei di questa mattina; ho previsto sei ore di salita e suppergiù duemila metri di dislivello: una partenza di buon ora è d'obbligo!
La prima parte del percorso è ormai straconosciuta, ma ci aiuta a scaldare le gambe. Guardando la cartina, risulta più coerente abbandonare, alle cascine dell'Alpe dell'Efra, il sentiero (un bel T2 pulito e scorrevole) che porterebbe prima al Lago d'Efra, e in seguito alla Capanna Efra. Conosciamo ormai il percorso che si srotola circa quattrocento metri sopra, ossia quello che porta da Rifugio Costa alla Capanna Efra, e sappiamo che
salendo in linea retta arriveremo a incrociarlo, proprio poco prima del bivio a Furnà, evitandoci così un giro panoramico, ma illogico.
La salita dalle cascine risulta estremamente difficoltosa:
sterpi e erba bagnata c'impediscono un'ascesa agevole, ed è solo dopo due ore che arriviamo, finalmente, al bivio di Furnà. Qui si può proseguire dritto, e giungere al Rifugio Costa, oppure salire, imboccando la VAV, e salendo in quota, sapendo che la prima cima che s'incontrerà sarà proprio il Pizzo Cramosino. Da dove ci troviamo, mancano ancora circa settecento metri di dislivello. La temperatura è ancora sopportabile, e non ci sentiamo stanchi: procediamo quindi sul percorso bianco-blu-bianco. Al di là della decisa salita, che un po' spacca le gambe, il percorso è assolutamente visibile e ben curato: un vero lusso, la VAV! :)
Vi è un solo punto in cui bisogna davvero fare attenzione: il sentiero punta decisamente verso un visibilissimo e strettissimo
valico nella dorsale del Pizzo Cramosino: è infatti proprio in quella grossa V che bisogna superare una quindicina di metri scalando. Dopo quel pezzo un po' (tanto) aereo, ci si trova infine a camminare sulla cresta del pizzo; la cresta si allarga notevolmente, e la vetta è praticamente visibile fin da subito: mancano però ancora duecento metri di dislivello, e la stanchezza (ora sì!) si fa sentire. Non è comunque nemmeno consentito pensare di lasciar perdere: arrivati fin lì, bisogna proseguire! E così, finalmente e dopo sei ore spaccate, eccoci in vetta!
Il panorama, com'è intuibile, è di quelli che tolgono il fiato: un piede in Val Verzasca, l'altro in Valle Leventina. Cime ovunque, creste che si srotolano da ogni parte. Il nostro vicino di casa, i
l Madom Gröss, è lì che svetta fiero, sebbene vi siano un po' di nuvole. Chi prosegue la VAV in direzione della Capanna Cògnora si trova a scendere un po' per poi risalire verso il Modom Gröss... siamo talmente stravolti che evitiamo di dire "La prossima volta, magari...!"!
Il rientro scegliamo di farlo un po' più soft, e quindi torniamo al bivio di Furnà, ma questa volta, anziché scendere in mezzo agli sterpi in direzione delle casine dell'Alpe Efra, optiamo per la via, decisamente più agevole, verso la Capanna Efra. Lago d'Efra, Frasco.
Giungiamo all'auto stanchi e accaldati, sentendo il forte sbalzo termico. Non si respira quasi, rispetto a su! Stanchezza e calore, comunque, non c'impediscono di fermarci lì vicino a bere la nostra birra di rito. Questa volta, sentiamo di averla meritata ancora di più! 


Hike partners: Jules, SaBo


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 2857.xol Frasco - Pizzo Cramosino - Capanna Efra - Lado d'Efra - Frasco

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

Seeger Pro says: Auguri
Sent 17 July 2010, 18h17
Ciao Jules
Finalmente! Hai preso una "via" speziale :-))
Fantastico rapporto e bellissime foto.
Grazie.
Cari saluti

Jules says: RE:Auguri
Sent 17 July 2010, 20h16
Ciao Andreas!
Sì, alla fine ci siamo riusciti! Siamo partiti determinati come non mai... siamo davvero contenti!
Per il ritorno avremmo anche optato per la discesa verso il Rifugio Costa, ma non mi andava di avventurarmi senza aver studiato bene, prima!
Tu, tutto bene?
Ho visto il tuo "Bocchetta della Campala e Passo Fornale"! Stupendi! Noi tempo fa li abbiamo fatti nell'altro senso...
A prestoooo!
Jules

ale84 says: Complimenti!
Sent 17 July 2010, 20h19
Ciao Jules!
Tu mi fai spesso i complimenti...ma questo vostro tuor merita come minimo degli applausi! Bravissimi! In confronto i nostri giretti fan ridere i polli! Tutto quel dislivello in una sola giornata wow! Gran bel giro! E poi la Verzasca... l'è propi bela!
Saluti
Ale

Jules says: RE:Complimenti!
Sent 17 July 2010, 22h08
Grazie mille, Ale!
Ieri abbiamo come messo un paletto, nel nostro intimo modo d'interpretare la montagna: in sostanza, ci siamo resi conto che "si può".
E pö l'è vera: la Verzasca l'è stüpenda! :)
Saluti a voi!
E se andate domani, buona gitaaaa! (Io lavoro, diamine...)
Jules

ale84 says: RE:Complimenti!
Sent 18 July 2010, 18h10
Ciao Jules!
Capisco cosa intendi...oggi ho messo anch'io un paletto e ora che so che si può...parecchi progettini!
Sono appena tornata dal Madom da Sgióf...giornata, salita, cima eccezionale! W la Verzasca! Mi dispiace che hai dovuto lavorare con una giornata così :-(
Salutiiii

Jules says: RE:Complimenti!
Sent 18 July 2010, 21h39
Ah ecco! Avevo giusto un cassettino col Madom da Sgiòf... aspetto di leggere il tuo rapporto! :)
Caspita, con una giornata come quella di oggi, era un delitto non salire su qualche cima! E infatti non immagini la mia delusione nello stare in ufficio... vabbè!
A presto!
Jules

gbal says: Peccato....
Sent 18 July 2010, 18h38
Peccato davvero che il tempo fosse tiranno e le gambe fossero ormai stanche. Capisco che anch'io avrei provato un po' di amarezza a rinunciare a proseguire per il Madom ma....è vero, bisogna sempre lasciare qualcosa da fare per ritornare la prossima volta. Siete già stati molto bravi così! 2000 m non sono uno scherzo.
Giulio

Jules says: RE:Peccato....
Sent 18 July 2010, 21h42
Ehilà!
No, il tempo tutto sommato ha retto bene... eravamo proprio noi a essere ko! :) In ogni caso, è probabile che vi saremmo potuti arrivare, ma avevamo ancora tutto il rientro da mettere in conto... nessuna amarezza, quindi!
Mi piace il tuo modo di ragionare sull'avere qualcosa da fare per ritornare! :) In fondo, è tutto talmente bello che già questo è un buon pretesto, no?
Buona serata!
Jules


Post a comment»