Alpe di Pii (1607 m) e Zucchero (1648 m)


Published by siso , 20 November 2020, 20h20.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:18 November 2020
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Cramalina 
Time: 7:30
Height gain: 1338 m 4389 ft.
Route:Lodano/Ronchi (389 m) – Soláda d’Zott (689 m) – Solà (927 m) – Sassalp (1182 m) – Sassalto di là – Chiascia (1847 m) – Zucchero (1648 m) – Alpe di Pii (1607 m).
Access to start point:Autostrada A2 - uscita Bellinzona Sud – Locarno – Valle Maggia – Lodano – Ronchi.
Accommodation:Capanna Alp da Canaa (16 posti).
Maps:C.N.S. No. 1292 – Maggia - 1:25000.

Fantastica giornata, fantastico Alpe di Pii!

Escursione nella Valle di Lodano, la cui faggeta è candidata a diventare Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.
Il toponimo Pii è il plurale di "pian", piano.

 

Inizio dell’escursione: ore 8.10

Fine dell’escursione: ore 15.45

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1031 hPa

Temperatura alla partenza: 1,5°C

Isoterma di 0°C alle 9.00: 3600 m

Temperatura al Rifugio Alpe di Pii alle 12.50: 8°C

Temperatura al rientro: 10,5°C

Velocità media del vento: 5 km/h

Sorgere del sole: 7.31

Tramonto del sole: 16.49

 

Sveglia alle 5:20, partenza da casa alle 6:20, arrivo a Lodano alle 7:50, dopo 80,0 km d’auto, con una sosta caffè di 10 min.

Il navigatore satellitare mi accompagna fedelmente in località Ronchi (389 m), fra terrazzi vignati, dove posso parcheggiare vicino ad una fontana.

Mi incammino alle 8:10, con una temperatura dell’aria di soli 1,5°C, su un dolce sentiero che si sviluppa in un bosco misto di castagni e betulle. In circa 25 minuti arrivo al sole: il freddo scompare immediatamente; fino al termine della gita assaporerò un piacevole clima più settembrino che di novembre. Lungo il sentiero sono posizionati molti omini di pietra, di ogni forgia, che probabilmente non vogliono indicare il percorso, del resto ben demarcato con la vernice bianco/rossa, ma piuttosto arricchire il tragitto come elementi artistici e di buon auspicio. 

Il primo monte che raggiungo, Soláda d Zótt (689 m), Solada di Sotto, corrisponde al primo corte della transumanza. Comprende undici rustici ubicati su un poggio particolarmente panoramico e soleggiato, come del resto il toponimo svela.

Continuo fino alla parte meridionale di Soláda d Zóra, a circa 860 m, dove arriva una teleferica per il materiale. Qui è stata ricostruita, a scopo didattico, la battuta di un filo a sbalzo. Al vicino rustico, ho la piacevole sorpresa di incontrare e conoscere Giulio, un alpigiano che con il padre Guido caricò per l’ultima volta l’Alpe di Pii, nel 1958.

Mi offre un caffè mocca, corretto con grappa nostrana d’uva americana, di fronte al focolare della bellissima baita. Vedo una quantità incredibile di attrezzi per la gestione del bosco, della teleferica e del rustico, da far invidia ad un’officina meccanica. Mi invita a ripassare durante la discesa.

Centocinquanta metri più avanti arrivo al centro del corte Solá o Soláda d Zóra (927 m). Ai margini del pascolo sorgono alcuni edifici rurali di notevoli dimensioni, in parte riattati.

Ad ovest, a circa 300 m di distanza in linea d’aria, attira l’attenzione una parete rocciosa di gneiss sulla quale è stata aperta una via d’arrampicata chiamata “Cani sciolti” (VIII/A1).

Proseguo nella faggeta in direzione NO fino al corte successivo chiamato  dalla carta topografica Sassalto (1182 m), Sassalp dal segnavia, Sesciálp in dialetto. Anche questo alpeggio è di un notevole valore ambientale, una perfetta armonia fra il lavoro dell’uomo e la natura. Il maestoso faggio che si alza a meridione della radura offre ombra nelle calde estati alle baite che si trovano in parte sul territorio di Lodano e in parte su quello di Giumaglio. Il prato è stato falciato solo fino agli anni Settanta-Ottanta, per cui il bosco avanza, le particolarità del territorio si cancellano. Dopo i due rustici di Sassalto di là il sentiero, più ripido, continua in direzione NO verso  Chiascia (1847 m), una radura  idilliaca! Malgrado le precise indicazioni di Giulio, non riesco a trovare la chiave dell’edificio, una proprietà del Patriziato di Lodano.

 

Il percorso compie ora un semicerchio antiorario attorno al promontorio Zucchero, per poi sbucare nel meraviglioso alpeggio di Pii. Punto immediatamente alla vetta dello Zucchero (1648 m), che raggiungo poco dopo mezzogiorno, circa quattro ore dopo la partenza da Lodano. Il panorama che si gode dallo Zücar è vastissimo, si spinge fino al Chüebodenhorn.

Si sta da Dio sulla panchina di questa altura, la temperatura è molto gradevole e spira solo una leggerissima brezza. Alla base dello Zucchero c’è un magnifico biotopo, di origine antropica, che attualmente sembra del tutto naturale. I larici sparsi, con i cespugli di mirtilli e rododendri che lo circondano rendono questo luogo incantevole.

                                                  Lai di Pii (1610 m)

L’Alp di Pii (1607 m) comprende due edifici, una stalla e una cascina, in ottimo stato di conservazione, che recentemente è stata trasformata in bivacco. Grazie al restauro conservativo questi stabili si presentano come durante il periodo in cui l’alpe era caricato. Nell’angolo della cascina si trova il focolare aperto, senza camino: il fumo usciva dalle coperture non ermetiche del tetto e dai muri a secco. Ad un lato è collocato il tornio girevole, la scigögna, (cicogna) per appendere la caldaia con cui si riscaldava il latte. Sul lato opposto, infissa nel muro, c’è una spersola ovoidale in pietra sulla quale si depositavano gli stampi contenenti la cagliata, per facilitare l’uscita del siero.

Ridisceso a Solada torno da Giulio per una fresca birra e per chiedere altre informazioni sulla vita dell’alpe: la mungitura, la produzione di latte, il trasporto delle forme di formaggio, le comunicazioni con i parenti rimasti in piano tramite un lenzuolo o con il corno, la peste suina, le vittime delle saette, gli incidenti, il taglio della legna, la caduta dal ciliegio di papà Guido, …

 

Bellissima passeggiata nella Valle di Lodano in una riserva forestale con notevoli contenuti naturalistici e paesaggistici.

 

Tempo totale: 7 h 35 min

Tempi parziali:

Lodano/Ronchi (389 m) – Solà (927 m): 1 h 15 min

Solà (927 m) – Chiascia (1847 m): 1 h 25 min

Chiascia (1847 m) – Zucchero (1648 m): 30 min

Zucchero (1648 m) Alpe di Pii (1607 m): 15 min

Dislivello in salita: 1338 m

Quota massima: 1648 m

Quota minima: 389 m

Sviluppo complessivo: 13,5 km

Difficoltà: T2

Coordinate Alpe di Pii: 693'190/124'370

Libro di vetta: no

Copertura della rete cellulare: Swisscom buona.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T4 I
T2
25 Sep 21
Alpe Canaa e piz Cramalina · Francesco
T3
T3+
T3+
20 Jun 14
Madonnetto 1846m · chaeppi

Comments (7)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 20 November 2020, 20h55
Bella Siso e gran dislivello.......Daniele66

siso says: RE:
Sent 21 November 2020, 08h45
Bella gita su un comodo sentiero, in parte liberato dalle foglie con un soffiatore.
Ciao Daniele,
siso.

cappef says:
Sent 21 November 2020, 20h50
sempre interessanti i tuoi percorsi e i tuoi commenti precisi e documentati...bravissimo!!
Ciao...Flavio

siso says: RE:
Sent 21 November 2020, 21h08
Grazie Flavio, sei un socio!
Ciao,
siso.

GIBI says:
Sent 22 November 2020, 10h08
Lo sapevo che la Valle di Lodano regalava angoli di paradiso che tu ci hai minuziosamente e magistralmente illustrato, peccato solo con queste splendide giornate di non poter frequentare le splendide vallate del Ticino !

Ciao Giorgio

siso says: RE:
Sent 22 November 2020, 10h50
Ciao Giorgio, la zona è veramente bella e invitante. Un minuto fa stavo ispezionando il versante opposto, sopra Giumaglio, e sono capitato nella tua escursione al Rifugio Alpe Spluga, che tu hai raggiunto, forse di corsa, in sole 2 h 40 min invece delle 4 h 15 min indicate dal segnavia... grande Giorgio!
Un caro saluto,
siso.

GIBI says: RE:
Sent 22 November 2020, 20h00
Era un periodo che ero bello in forma ... e dimezzavo i tempi delle paline, comunque l’Alpe Spluga mi è piaciuta talmente tanto che alla fine l’ho salita dalla Valle di Giumaglio, da quella di Coglio, dall’Osola, una volta pure sceso da quella di Chignolasc è un altra ho proseguito sull’alta Via della Valle Maggia verso la capanna Tomeo tanto che poi ho raccolto tutte le foto in un CD che ho regalato al patriziato di Giumaglio !


Post a comment»