COVID-19: Current situation

M. Gaviola (3025 m) prima dell'incombente autunno.


Published by Menek , 7 October 2020, 00h28.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:19 September 2020
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:30
Height gain: 1530 m 5018 ft.
Height loss: 1530 m 5018 ft.
Route:A Rombo di Tuono, di Km 21,000
Access to start point:Brescia- Edolo- Ponte di Legno- Case Silizzi area pic-nic. Grande parcheggio gratuito.
Accommodation:Rif. Valmalza- Biv. Linge- Rif. Bonetta.
Maps:Mapnik

Oggi ritorno ancora a S. Apollonia, in Valle delle Messi, da qua parto per una nuova personale esplorazione, che mi porta su verso il P.so di Gavia seguendo un percorso che sembrerebbe poco frequentato, almeno sino alle Baite di Gaviola, dove non è difficile incontrare qualche simpatico Camoscio che rende vivo questo piccolo agglomerato di ruderi.
 Ma intanto cammino, tenendo un ritmo discreto. Il sole mi accomagna per un pezzo di salita, è bello caldo, a volte asciuga i polmoni, mentre altre volte, le nuvole coprono tutto e ti fanno ricordare che tra poco l'autunno busserà alle porte; ma il tutto si incastra a meraviglia, tutto si incastra come un piccolo cubo di Rubik che, diciamolo, sto cazzo di cubo io l'ho sempre odiato.
Passo del Gavia. Qua si incrociano tanti piccoli mondi, alcuni mondi per affinità ecologiche, cioè escursionisti e ciclisti, mentre altri per affinità motoristiche, e quest'ultime saranno una vera rottura di coglioni che mi porterà a sentirli sin oltre la barriera dei 3000 metri di quota. Che piaccia o no questo è il mondo, ma io per apprezzarlo fino in fondo devio per salite ardue ma non impossibili, alla ricerca di spazi di libertà. La palina posta al Passo di Gavia dice 1h30 per il Monte Gaviola, mi avvio senza indugi. Dopo un primo tratto su semplice strada sterrata alla prima deviazione la sterrata si trasforma in strada militare, lastricata ed incredibilmente intatta, sale in moderata pendenza, poi quando si restringe e diventa sentiero anche la pendenza modifica l'inclinazione. Ma è sempre un bel viaggiare e i pericoli si riducono al lumicino, solo una fatale distrazione può essere causa di incidenti. Passo un brevissimo tratto attrezzato e poi un'altrettanto breve passaggio un poco esposto, poi guadagno "l'ultimo miglio" che porta su al Gaviola, con la sua croce nuova già visibile dalle Baite di Gaviolo, non ci sono intoppi tecnici e in un amen sono sul cucuzzolo. 50 minuti dal Passo e 3h30 totali.
Al momento riesco a godere di un panorama piuttosto ampio, poi le nuvole giocano brutti scherzi. Mi accontento comunque di quello che la Natura mi ragala e sono felice. Mangio qualcosa di veloce, l'aria si fa più frizzantina e accorcio i tempi di fermata; sulla cresta sud, tra le nebbie, sbucano due stambecchi, ma rimangono a distanza di "sicurezza", loro. Mentre l'ennesimo, ahimè, elicottero del soccorso ospedaliero interviene per caricare un centauro ferito. Le immagini dell'intervento sono ben visibili dalla cima.
Scendo, e mentre perdo quota velocemente incrocio una coppia che vive a Santa Caterina di Valfurva, scambiamo le classiche due parole conviviali, poi, a volo radente, un Gipeto passa a meno di dieci metri  dalle nostre teste, rimaniamo incantati, gli occhi del rapace incrociano i nostri, ho la macchina fotografica a portata di mano... ma non mi viene di fare nemmeno un fottuto scatto. Ci godiamo egoisticamente il volo libero di questo raro esemplare, mentre l'emozione ci accomuna oltre al torcicollo.
Sono di nuovo al Passo, poi scendo veloce al Lago Nero, dove decido di allungare il giro dirigendomi verso la Valmalza. Il sentiero affronta diversi saliscendi, mentre sulla mia sinistra scorre la Valle delle Messi; il breve tratto attrezzato è l'unico punto da affrontare con un briciolo di attenzione, e lo dico anche per i due rider che evidentemente hanno sbagliato strada! Intervengo, ci passiamo le bici... poi li saluto dando loro le ultime indicazioni su come ritornare a S. Apollonia. Fanno il mio stesso giro, devono passare prima dal Bivacco Linge e poi dal Rifugio Valmalza. Poi da lì per loro sarà tutto più facile.
Ma ora io sono già all'auto, sta scendendo il crepuscolo e dei riders nessuna traccia. Speròm an bè...
Nota 1) Cazzeggiandum...
Referendum: Avvistati 345 parlamentari al largo di Lampedusa.
Votazionispinose: Pare che Renzi stanotte abbia lasciato Italia Viva in un cesto davanti a una chiesa.
Niente, volevo raccontarvi una barzelletta ma mi viene in mente solo Briatore...

A' la prochaine!    Menek rescue leader




Hike partners: Menek


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (18)


Post a comment

Serzo says: gipeto
Sent 7 October 2020, 14h14
Ti capisco...in certi casi prendere su la macchina fotografica o il telefono ti fanno "perdere l'attimo", che secondo me resta sempre l'attimo della contemplazione. In fondo così, "egoisticamente", restate anche gli unici a goderne!

Menek says: RE:gipeto
Sent 7 October 2020, 16h29
:) Caro Sergio, ci sono momenti così intensi che la mente ti inchioda, rimani come imbambolato, e in quel momento si si fotta la fotocamera. Sono attimi. Certo, col senno di poi aver fatto la foto sarebbe stato un bel colpo. L'avrei messa in archivio...
Ma è andata così.
Salutoni.
Menek

Serzo says: RE:gipeto
Sent 7 October 2020, 16h45
Esatto, la sindrome di Stendhal variante gipeto! Pazienza per la foto, anche il nobile pennuto avrà apprezzato di poter guardare negli occhi Menek invece che l'obiettivo della sua fotocamera. Comunque, puoi già raccontare qualcosa di veramente raro. Ciao, Sergio

Menek says: RE:gipeto
Sent 7 October 2020, 16h48
:) Esatto sommo Sergio! ciao ciao

andrea62 says: RE:gipeto
Sent 8 October 2020, 22h45
Avete ragione entrambi!

Menek says: RE:gipeto
Sent 9 October 2020, 18h19
Sentenza del buon Andrea... :) Grazie. Ciaux
Menek

Alpingio says:
Sent 7 October 2020, 21h56
Che bel giro alternativo x arrivare al Gaviola e peccato x non aver immortalato il Gipeto!
Anche io sarei rimasto con la bocca aperta ad ammirarlo!
Bravo Menek
Giovanni

Menek says: RE:
Sent 8 October 2020, 16h31
Il Gipeto è rimasto immortalato nella mia mente. Un file eterno. Grazie dei compli, Giovanni.
Menek

GIBI says:
Sent 8 October 2020, 10h19
Caspita che gran bel giro in luoghi ben frequentati ... nel senso di camosci, marmotte e del gipeto ... magari è lui ad averti fotografato dall’alto e poi a vantarsi con i “ parenti “ di aver visto un Menek !!!

Ciao Amigos

PS ... passato il mal di schiena adesso sono completamente intasato con il raffreddore, certo che rimanere a casa oggi con una giornata così è una vera disgrazia !

Menek says: RE:
Sent 8 October 2020, 16h35
:) :) :)
Posti mooolto frequentati dalla fauna locale. Difficile qua fare un giro senza vederli. Sarei curioso di sapere che fotocamera usa il Gipeto.
Mi dispiace x la tua indisposizione, ma è roba passeggera e tra poco ti rivedremo sui monti. Saludos
Menek

Sent 8 October 2020, 21h16
Gran bel girone in una zona icona sia per i camminatori che per gli amanti della bici come noi....per quanto riguarda il gipeto, in certi momenti così emozionanti è dura rimanere freddi per riuscire a scattare una foto....per questa volta sei scusato.....:)))
Ciaooo!!!

Menek says: RE:
Sent 9 October 2020, 18h22
Graziano, non c'ho pensato un attimo a fare la foto. Andava bene così... :) Grazie cmq x avermi scusato. :))) Ciaooo
Menek

andrea62 says:
Sent 8 October 2020, 22h47
Il cubo di Rubik anch'io l'ho sempre odiato.

Menek says: RE:
Sent 9 October 2020, 18h23
Maledetto cubo!!! :) Ciao Andrea
Menek

veget says:
Sent 9 October 2020, 08h14
Ciao Dome,
Mi aggiungo al coro del "rammarico ".....
Ľimportante che tu, hai "goduto " momenti unici.....Compreso l'incontro con i due bikkers....
Complimenti per la conquista di un altro bel tremila.
Buona continuazione.
Eu

Menek says: RE:
Sent 9 October 2020, 18h26
Giornatona per quanto riguarda l'aspetto naturalistico. D'altronde sono posti ben affollati di ungulati e pennuti, il prossimo anno ravanerò ancora da quelle parti. Ciao Eu. Un abbraccio.
Menek

gbal says:
Sent 11 October 2020, 15h10
E bravo il nostro "giovane esploratore". Bottino preautunnale.

Menek says: RE:
Sent 14 October 2020, 17h31
Grazie Giulio! Bello ritrovarti nei commenti...
Un abbraccio
Menek


Post a comment»