COVID-19: Current situation

Garmagnünach e Muncrech


Published by paoloski , 24 October 2018, 09h42.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:21 October 2018
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Cima di Gana Bianca 
Time: 9:15
Height gain: 1570 m 5150 ft.
Height loss: 1570 m 5150 ft.
Access to start point:Autostrada A2, uscita di Biasca, proseguire sulla Strada Cantonale della Valle di Blenio, raggiungere la chiesa di Malvaglia, grande parcheggio gratuito fra la chiesa ed il cimitero.
Access to end point:Gita ad anello.
Accommodation:Ristoro Sass Malt a Dagro, 10 posti letto. www.sassmalt.ch Ostello Walser di Muncrech www.montegreco.ch
Maps:CNS 1273 Biasca

Tempo fa la Televisione Svizzera trasmise un documentario in cui si parlava di due fratelli che vivevano tutto l'anno in Val Malvaglia in un alpeggio a quasi 1500 metri di quota. Cercai, dapprima inutilmente, sulla cartina dove fosse il posto poi con l'aiuto di internet e con una carta più aggiornata lo trovai: a 1476 metri fra Ticial e Anzano. Nel frattempo i due fratelli, già molto anziani sono deceduti e l'alpeggio, rimasto praticamente intatto da decine e decine di anni è stato preso in carico da una fondazione nata per la sua salvaguardia e valorizzazione. Il tempo in questo ottobre è splendido, i colori saranno magnifici...direi che è ora di andare a vedere da vicino Garmagnünach. Propongo la gita a Daniela che estende l'invito anche a Walter, Giancarlo e Paul. Ci troviamo alle 7 ed in un'ora siamo a Malvaglia, poco dopo le 8 partiamo alla volta di Dagro seguendo le indicazioni del Sentiero Malvaglia. Passiamo per alcune delle numerose frazioni di Malvaglia, a sua volta ormai frazione del Comune di Serravalle, e, dopo essere transitati da una cappella, raggiungiamo il formidabile ponte in pietra di Laù. Al di la di questo il sentiero, a tratti con gradini letteralmente scavati nella roccia, inizia a salire ripidamente in un esteso castagneto. All'alba delle 10,30 siamo a Dagro. Per me è la prima volta: mi ero ripromesso di salirvi in diverse occasioni ma poi la cosa non aveva mai avuto un seguito. È veramente un bel posto, un magnifico ampio terrazzo esposto a meridione e con edifici ben preservati e ben riattati.
Dopo il lungo strappo iniziale la gita diviene ora molto più tranquilla: per un buon tratto seguiamo la strada sterrata perlopiù in piano che conduce a Ciavatsch ma poco prima di raggiungere questa località prendiamo un sentiero in leggera ascesa sulla sinistra. Raggiungiamo Ticiàl, altro nucleo in posizione magnifica e da qui possiamo vedere la nostra meta poco al di sotto. Scendiamo dalle baite di Ca del Cucco a Garmagnünach dove fa bella mostra di sè una gru, i  tetti del nucleo sono stati evidentemente  trascurati per anni ed hanno bisogno di una manutenzione radicale, le strutture murarie e quelle in legno sembrano invece in condizioni migliori. Qualche foto e raggiungiamo il tornante della strada asfaltata che collega i vari nuclei della valle. C'è una recinzione da superare, facciamo la nostra sosta pranzo poco lontano, tutt'intorno ci sono decine di pecore dal muso nero, la maggior parte intenta a riposarsi all'ombra di qualche albero, poche altre intente a stabilire la gerarchia all'interno del gregge dandosi delle gran capocciate.
Ripartiamo, prossima meta è il bacino artificiale di Malvaglia, attraversiamo diversi nuclei di baite, belli ma non preservati, per ovvi motivi, quanto quello di Garmagnünach. Dalla diga scendiamo a Rasòira tagliando i tornanti della strada sul ripido percorso segnalato, da qui raggiungiamo Canè da dove prende avvio un formidabile sentiero, a tratti intagliato quasi nella roccia, che ci fa risalire i poco più di 300 metri che ci separano dal nucleo di Muncrech. Anche questo è un alpeggio che è stato ritenuto degno di essere tutelato.
Si tratta infatti di un bellissimo gruppo di baite attestato già nel 1405 ma con tutta probabilità molto più antico. Anche questo nucleo si trova in una posizione estremamente solatìa e con una straordinaria vista sulle montagne intorno e sul fondovalle. Ci aggiriamo fra le baite, conversiamo con una cordiale abitante e poi prendiamo la via del ritorno. Il sentiero che scende alla chiesa di Malvaglia, a parte il breve tratto iniziale, è un comodo percorso, percorribile in ogni stagione che si abbassa dapprima in direzione Sud per poi volgere verso Ovest raggiungendo Prastinei e quindi le altre frazioni, in breve siamo in vista del campanile romanico della chiesa di San Martino.

Gita senza alcuna difficoltà ma con uno sviluppo ed un dislivello non banali. Si passa per luoghi veramente belli con alcune emergenze architettoniche e naturalistiche notevoli: il Ponte di Laù, il sentiero scavato nella roccia, Dagro, Garmagnünach e Muncrech in primis, ma, non meno interessanti sono i pascoli, i boschi e le montagne tutt'intorno. In una magnifica giornata come questa con le betulle, i castagni e i larici già in veste autunnale ancora più entusiasmante.

Hike partners: paoloski


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

F
T2
22 Feb 20
Dagro (1'367 m.s.m.) · ale84
T1
T2
AD

Comments (6)


Post a comment

beppe says:
Sent 24 October 2018, 12h23
Bel giro e belle foto complimenti
Ciao
Beppe

paoloski says: RE:
Sent 25 October 2018, 17h03
Grazie Beppe.

Poncione says:
Sent 25 October 2018, 13h06
Molto interessante...

paoloski says: RE:
Sent 25 October 2018, 17h04
Ciao, grazie, la Val Malvaglia è veramente interessante

cappef says:
Sent 25 October 2018, 14h01
Bel giro ad anello, belle foto...da copiare!
Ciao
Flavio

paoloski says: RE:
Sent 25 October 2018, 17h05
Penso che sia fattibile anche in MTB, vabbè spingendola o caricandosela in spalla forse in qualche punto forse, ma non sono un ciclista quindi potrei sbagliare.


Post a comment»