COVID-19: Current situation

La scoperta del Monte Piambello – 2° Episodio - MTB


Published by gbal , 8 February 2018, 19h20.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:29 January 2018
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Mountain-bike grading: D - Technically difficult
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:15
Height gain: 768 m 2519 ft.
Route:23,7 km
Access to start point:Varese-Induno Olona-Ganna
Maps:CNS

Durante la mia precedente visita a questo Monte il problema nato proprio all’inizio della discesa con ritorno zoppicante per via dei crampi insorti mi aveva fatto desiderare un rientro in bicicletta. Avevo infatti notato che la via che fui costretto a seguire per il mio ritorno non era affatto impossibile per una MTB, anzi, magari l’avessi avuta in quella circostanza. Qui si potrebbe aprire un lungo dibattito sull’uso della MTB in montagna (che infatti si chiama Mountain Bike, no?). Sarebbe solo l’ultimo di una lunga serie. Lo stesso CAI, dopo parecchie controversie tra i Soci l’ha infine accettata e istituito appositi gruppi dediti a questa disciplina. Ma non sto qui a dibattere sulla etica del buon alpinista nei riguardi del “cavallo d’acciaio”. Vorrei fare solo un parallelo con lo sci-alpinismo. Anche qui quasi sempre la salita può essere difficoltosa, lenta e faticosa fatta magari con i rampanti o addirittura giù dagli sci per indossare i ramponi. Analogamente, la MTB sui sentieri di montagna spesso impegna il biker a scendere di sella per spingere il suo mezzo. Entrambi, però, una volta in vetta, godono di una discesa notevolmente più rapida e divertente di quella che l’escursionista possa apprezzare, spesso stanco per la salita e desideroso di abbreviare il ritorno a valle. Certamente ci sono sentieri e sentieri, difficoltà affrontabili e quelle insuperabili per cui di volta in volta io scelgo se organizzare una escursione o tentare la sorte sulla MTB.

Detto questo, dico anche che questo secondo episodio della Scoperta del Monte Piambello, fatto in MTB, è nato con un enorme errore di valutazione che mi ha fatto auto-congratulare per la mia incredibile capacità di gettarmi nel ravano, qualunque mezzo io usi per i miei giri. Se questa dote venisse premiata sarei il primo della classe. Sulla carta individuavo una via che partendo dalla frazione Signo di Marchirolo si inerpicava variamente lungo il versante ovest del Monte per raggiungere la Forcorella di Marzio, già raggiunta la 1° volta per altra via. Parto però da Ganna dove la bella ciclabile del Lago di Ghirla mi aiuta a raggiungere Marchirolo. Dopo un avvio su strade asfaltate e poi forestali scopro che il proseguimento è in realtà un sentiero da classificarsi T2, quindi facile per l’hiker, impossibile per il biker, almeno in salita. Quindi quest’ultimo ri-diventa escursionista e spinge il suo fardello pensando più volte di fare un bel dietro-front. Ma la curiosità e l’ostinazione prevalgono ed alla fine la ripida china diventa una bella forestale più che piacevole in prossimità della Cascina Bozzolo ed in breve arrivo alla Forcarella. Prima di proseguire vorrei spendere due parole sulla cartografia: la zona è rappresentata in modo pessimo, impreciso e contrastante. Ancora una volta devo dire che la migliore delle carte in mio possesso è la CNS online, malgrado dipinga un territorio sito in Italia. La seconda in classifica, ma solo cartacea, si è rivelata essere la n.2 della collezione Strade di Pietra edita da Cartografia di Novara dove apprendo che il “sentieraccio” percorso è parte di un così nominato Sentiero Cadorna. Inutile dire che questa scoperta abbia cancellato le fatiche della salita e aumentato di gran lunga la mia autostima :):):)

Tornando al percorso, dalla Forcarella, con una iniziale esitazione (leggi sbaglio), imbocco la bella forestale per la Bocchetta dei Frati la quale, dopo un grandioso esordio in leggera discesa si trasforma in un accidentato percorso che spesso costringe alla spinta e che, con il senno di poi, andrebbe percorso al contrario (difatti una delle vie più gettonate in MTB è appunto il Piambello-Forcarella). Arrivato infine alla Bocchetta, depongo per fatica l’idea di salire al Monte Piambello e mi lancio in una bellissima discesa targata M00 (indice di difficoltà MTB che equivale al T1 dell’hiker). Rapidamente mi ritrovo all’Ospedale di Cuasso al Monte (solo perché si transita al suo interno e non per incidente di percorso!) che attraverso uscendo sulla provinciale SP29 la quale con bella salita attraversa l’amena Alpe del Tedesco per poi scollinare al passo omonimo. Una lunga e veloce discesa su asfalto che in bici è un divertimento, mentre a piedi, pur con le scorciatoie, diventa infinita, mi riporta al paesino di Ganna dove, nel posteggio del Cimitero ritrovo la mia auto.

Nel complesso una bella esperienza ma da rifare per altra via.

Alla prossima!

 

 

 

Pillole…della gita:

Dislivello totale             768 m
Lunghezza totale          23,7 km
Tempo netto                 3h15’
Tempo lordo                 4h11’


 




(Nota: Consigliata visione con Impostazioni/Qualità = 1080p o 720p)


 


Hike partners: gbal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing
F
30 Mar 14
MTB:Piambello mix · froloccone
T4 II F
T2 II
T3 I
20 May 20
Valganna in Libertà · Poncione
T3
1 Feb 14
Sass Marsc tra pioggia e neve. · Poncione

Comments (16)


Post a comment

Menek says:
Sent 8 February 2018, 20h40
è nato con un enorme errore di valutazione che mi ha fatto auto-congratulare per la mia incredibile capacità di gettarmi nel ravano... bella Giulio. :)))

gbal says: RE:
Sent 8 February 2018, 21h30
Quello che è giusto è giusto! Ciao Dome, grazie!

Poncione says:
Sent 8 February 2018, 21h38
Bella Giulio, nonostante l'inaspettato (ma non tanto per quanto mi riguarda...) ravano marchirolese. Se posso consigliarti, la salita da Cugliate - via Agriturismo Il Carpio - è sicuramente più pedalabile, immettendosi poi sui sentieri che avevi fatto a piedi di recente da Ghirla...
Ciao

gbal says: RE:
Sent 8 February 2018, 22h01
Grazie Emiliano. Prezioso consiglio che esaminerò senz'altro x la prox. Un saluto!

cristina says:
Sent 9 February 2018, 10h48
Mi ero persa la prima ma ho recuperato... Bello vedere che non sei cambiato!!!

Ben tornato!

gbal says: RE:
Sent 9 February 2018, 15h06
Grazie Cri.
Come si sa....il lupo perde il pelo ma non il vizio.
A me il ravano!
Ciao

GAQA says:
Sent 9 February 2018, 11h21
Gran ritorno sulla scena:) Sempre al Top Giulio...
Appena si allungano le giornate torno ad infangarmi in qualche bosco, però più a Sud della Provincia...
Buon proseguimento...
Alessandro

gbal says: RE:
Sent 9 February 2018, 15h05
Non sempre al Top ahimè ma non mi lamento Alessandro.
Quanto al Sud, hai ragione. Io devo sempre visitare i percorsi che avevi pubblicato in zona tra Gallarate e Sesto C.
Verrà il momento....
Grazie
Ciao

tignoelino says: Bici
Sent 9 February 2018, 21h38
Finchè vado in piano, tutto bene: alla prima salita, la traino. Ciao, Giulio

gbal says: RE:Bici
Sent 9 February 2018, 22h03
Ma è proprio ciò che faccio anch'io Amis!
Ciao!

igor says:
Sent 9 February 2018, 23h04
Grande gbal ! Mola mia !

gbal says: RE:
Sent 11 February 2018, 19h06
Cerco Igor, cerco.
Grazie

Amadeus says:
Sent 10 February 2018, 23h01
Palma d'oro del ravano fra te ed il Menego.....

gbal says: RE:
Sent 11 February 2018, 19h07
Adesso non farci litigare la Palma del Ravano, eh?
Grazie Alex

GIBI says:
Sent 11 February 2018, 21h56
Sinceramente tante volte trovando sui sentieri ciclisti che spingono o portano in spalla le loro MTB ... non li capisco, però i tuoi giri, i tuoi racconti appassionano e mi fanno capire un po' cosa spinge a fare tutto ciò !

bravo Giulio

gbal says: RE:
Sent 11 February 2018, 22h04
Grazie Giorgio. Questo dà conforto a tutte le volte che mi chiedo: perché?
E poi mi dici che ne vedi molti....pensavo di essere solo io a spingere.
Buone gite a te


Post a comment»