COVID-19: Current situation

Monte Croce (1780 m) da Somana


Published by martynred , 3 May 2017, 20h15.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:30 April 2017
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Via ferrata grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 9:00
Height gain: 1875 m 6150 ft.
Route:16 km
Access to start point:Somana
Maps:sentieri 17B, 17A, 17D, 17, 15B

In vista della nostra vacanza estiva, GR 20, decidiamo di dare il via all'allenamento con percorsi lunghi e zaino pesante (non poi così tanto: 10Kg). Siamo costretti ad optare per un giro in giornata viste le previsioni metereologiche per lunedì. Un amico di Silvia ci suggerisce un percorso ad anello da Somana al Monte Croce, passando al ritorno dal Rifugio Bietti Buzzi, pensandolo per una due giorni. Simone86 non ci farà compagnia per malessere ed opteremo per qualche deviazione/alternativa che vi presenteremo ora.



Parcheggiamo l'auto a Somana e troviamo subito le indicazioni per il sentiero 15 e 17, verniciato bianco e blu. Passiamo per i vicoli del piccolo paesello fino a raggiungere le prime indicazioni, seguiremo a sinistra per il sentiero n.17B con destinazione Zucco di Tura e Zucco Sileggio. Ci accorgiamo poco dopo che non siamo sul sentiero che avevamo programmato, ma la destinazione è corretta, proseguiamo. Il sentiero sale ripido nel bosco e offre ricchi scorci sul lago. Man mano che saliamo ed il fiatone aumenta si apre anche la vista sulle bianche Grigne, con le loro cime sommerse nella nebbia. Dopo circa un'ora e mezza arriviamo all'inizio del tratto attrezzato (ah si, ce l'avevano detto!) dove si trova anche il sentiero per Era e Mandello. Continuiamo seguendo le catene con passaggi di I grado fino a raggiungere la fatidica scala (davvero, una scala?). Ignara di questo tratto, non munita di kit da ferrata, seguo Silvia che invece, solo per appesantire lo zaino avevamo con se kit ed imbrago. La prima scala è più verticale, mentre la seconda è ben più appoggiata. La scaliamo con cautela e senza alcun problema. Ancora qualche passo in salita e raggiungiamo la croce del Zucco di Sileggio dove tanti altri escursionisti stanno pranzando. Sono le 12.45 (2.25h dalla partenza). Sgranocchiamo velocemente anche noi qualcosa e ci rimettiamo velocemente in cammino; dubito sulla fattibilità di percorrere tutto l'anello previsto essendo partite così tardi.
 

Salite e discese sul sentiero n.17A ci portano alla Bocchetta di Verdascia e poi alla Bocchetta di Calivazzo. Il freddo si fa sentire...
Un'occhiata alla cartina e proseguiamo dritto per il pendio in cerca del sentiero non segnato che segue le creste fino il Monte Pilastro. Con semplici passaggi su roccia arriviamo in cresta, cercando una traccia fra l'erbaccia. Passata la Cima di Eghen ci troviamo nel bosco a pestare qualche centimetro di neve fino il Passo del Bue. Nel bosco la traccia è segnata con vernice rossa, non sbaglierete. Su una parete rocciosa notiamo poi di essere sull'ennesimo sentiero n.17, questa volta il n.17D. Ancora qualche tratto con catena semplicissimo e l'ultima cavalcata al gelo per il Monte Pilastro. Da qui dolce discesa alla protuberanza sormontata dalla croce, il Monte Croce. Il panorama che si godrebbe col bel tempo immagino sia eccezionale, ma purtroppo tutte quelle nuvole ce lo nascondono e ci fanno tremare dal freddo. Bellissima la preghiera degli alpini posta sotto la croce.
 

Ci rifocilliamo e ci dirigiamo alla Bocchetta di Prada. Il sentiero di discesa è stretto, ripido ed infangato, ad ogni passo rischiamo di cadere con il sedere a terra.
Mille indicazioni alla Bocchetta di Prada, ma troppo tardi per percorrere il sentiero ad anello suggerito dall'amico di Silvia che passerebbe per il Rifugio Bietti. Pertanto scendiamo per Calinazzo, sentiero n.17. Bello rivedere tutto, o quasi, il nostro percorso di andata, molto panoramico.
Scendiamo nella erbosa valle seguendo i bolli rossi. Passiamo dall'Alpe Calivazzo e poi dalla fatata Alpe Era, dove sogniamo la nostra prossima casa! Unico momento della giornata dove godiamo di qualche raggio di sole. Costeggiamo il ruscello e, giunte ad un bivio, scendiamo ripide su un altro sentiero fangoso, il sentiero n.15B: Somana Sentiero del Fiume (che ribattezzeremo Sentiero NEL Fiume). Il sentiero è spettacolare, cascate che scivolano leggere sulla rocca creando effetti speciali, pozze azzurre perfettamente tonde, acqua limpida che scorre senza tregua fra massi bianchi... Ma purtroppo la magia di questo lungo tratto non riusciamo a goderla appieno, ormai stanche di dover affrontare passaggi attrezzati su roccia bagnata e attraversare il torrente, ora in piena, mille volte arrendendoci infine a non badare a tenere asciutti i piedi. Capiamo che non è stata un'idea saggia, gli ultimi gironi di pioggia hanno fatto si che il torrente sommergesse il sentiero, abbiamo trovato targhette del sentiero n.15B sommerse nell'acqua. Vi garantiamo però che ne vale davvero la pena, il sentiero è un piacere per gli occhi e l'animo, tutto ben indicato con bolli e frecce rosse.


Non sembra mai terminare, ma ecco che finalmente, dopo un'ora e venti da inizio sentiero del fiume, troviamo indicazioni per Somana Mandello; ancora una mezz'ora e siamo in paese.
Sono le 19.25.
 



Se pur il tempo non è stato a nostro favore per poter godere del panorama, è stata una bellissima giornata in ottima compagnia, quello di cui avevamo bisogno per rasserenare i nostri animi bollenti, a volte esplosivi uno contro l'altro. Un'esperienza che rimarrà nei bei ricordi insieme a questa donnina speciale, Silvia.

Assolutamente consiglio il Sentiero del Fiume a chiunque abbia un minimo di esperienza nel periodo estivo!

Hike partners: martynred


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (19)


Post a comment

numbers says: Brave!
Sent 3 May 2017, 20h26
Gran bel giro.
Sentiero del fiume con questo umido e con le piogge degli ultimi giorni.....meglio di no

:):):)

Mario

martynred says: RE:Brave!
Sent 3 May 2017, 23h50
Beh però meglio che in secca!

Sent 3 May 2017, 21h10
Giro stupendo ... e buon GR20, altra meraviglia!
Quando l'abbiamo fatto io e Lella i rifugi non erano ancora gestiti e l'abbiamo fatto con la tenda:
http://www.hikr.org/tour/post61420.html

Ciao
Aldo

martynred says: RE:
Sent 3 May 2017, 23h47
Ciao! Anche noi prevediamo tenda e nessun rifugio...tra l altro questo mese Meridiani Montagne presenta proprio la Corsica ed il GR20! Leggero sicuramente la tua relazione! Grazie

grandemago says: RE:
Sent 4 May 2017, 09h56
Con la tenda?
Grandi ... è così che si fa!

martynred says: RE:
Sent 4 May 2017, 10h09
Si, questo è il programma...ancora da pianificare bene, abbiamo solo il traghetto di andata :) poi tanta acqua e cibo quel che si riesce!

grandemago says: RE:
Sent 4 May 2017, 16h55
A parte la prima e l'ultima tappa per l'acqua non c'è problema: le sorgenti non mancano, almeno così era nel lontano 1987!

martynred says: RE:
Sent 4 May 2017, 17h12
grazie mille! speriamo, sarebbe super!!!!

Menek says:
Sent 3 May 2017, 21h40
Un incredibile duo che fa cose toste senza mostrare un minimo di fatica! Stic...azz...

martynred says: RE:
Sent 3 May 2017, 23h51
Come sempre troppo gentile!

Poncione says:
Sent 3 May 2017, 23h03
Bravissime, giro mica da poco.

martynred says: RE:
Sent 3 May 2017, 23h51
Grazie

viciox says: Per poco...
Sent 3 May 2017, 23h16
...non ci siamo incontrati! Bel giretto con un breve tratto in comune. Ciaooo

martynred says: RE:Per poco...
Sent 3 May 2017, 23h48
Che tratto hai fatto? Probabilmente sei stato più saggio e sei partito presto ;)

viciox says: RE:Per poco...
Sent 4 May 2017, 12h52
Il tratto in comune è stato quello dalla bocchetta di Calivazzo alla cima del Monte Croce. Io però sono partito da Ortanella quindi è stato tutto più facile. Voi avete fatto un bel dislivello. del resto per allenarvi alla GR20 ci vuole questo ed altro. Complimenti per la scelta, piacerebbe molto farlo anche a me.

danicomo says:
Sent 4 May 2017, 11h16
GR20? Caspita....
Fate tante foto! Non vedo l'ora di vederle...
Visto Meridiani, molto bello. E pure cartina...
Daniele

martynred says: RE:
Sent 4 May 2017, 12h41
tranquillo con noi ci saranno i fotografi Simone86 e Botticchio! si, ora sto leggendo un libro ma appena lo termino mi do alla lettura di Meridiani! Cartina annessa TOP!

Panoramix says:
Sent 4 May 2017, 13h18
Andate cosi' veloci ... anche con la tastiera ... che mi ritrovo a leggere ... "La scaliamo con cautela e senza alcun problema. Ancora qualche passo in salita e raggiungiamo la croce del Zucco di Sigello (in neretto !) dove tanti altri escursionisti stanno pranzando. ... " ... secondo me intendevi Zucco di Sileggio ... . A parte cio' utile la descrizione del 17D

martynred says: RE:
Sent 4 May 2017, 14h19
grazie per l'identificazione dell'errore, corretto immediatamente. Il sentiero 17D verrà inserito in OpenStreetMaps prossimamente.


Post a comment»