COVID-19: Current situation

Pian Tasìn (2210m) e Val Marcri


Published by Simone86 , 2 December 2015, 01h46. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:28 November 2015
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Madöm Gross   CH-TI 
Time: 8:00
Height gain: 1770 m 5806 ft.
Height loss: 1770 m 5806 ft.
Access to start point:Lungo la carrozzabile Personico-Bacino Val'D'ambra, posteggiare nei pressi della curva stradale quotata 502m in zona "Pianca Bella"
Accommodation:Alpe di Marcri - 1602m Stabbio di Mezzo - 1746m Cascina di Lago - 1984m

Da un paio d'anni avevo messo in programma questa curiosa escursione attratto dalle parole del Brenna riguardo una sconosciuta valletta secondaria della Leventina chiamata Val Marcri. Il momento giusto non si è mai presentato, prediligendo sempre uscite più "redditizie" in termini di quota, cime e paesaggi. In realtà anche questa escursione ha saputo regalare grandiose e inaspettate scoperte. Nel frattempo diversi Hikers sono approdati a questa valle anche se l'attrazione principale non è stata quasi mai esplorata (solo ultimamente da blepori in questa mastodontica gita, complimenti!). L'attrazione è il Pian Tasìn, al culmine della Val Marcri, sorprendentemente descritto come un pianoro erboso ad effetto "balcone panoramico" sulle sottostanti Val di Gagnone e della Iametta (la quale taglia di netto la Val Marcri al suo termine rendendo cosi ostico il passaggio verso Basal e Cima D'Efra, impressionanti nella mole visti da qui).
Pian Tasìn offre una grandiosa vista sull'Adula e sulle cime della Malvaglia. Si può scorgere il Torent Alto con un po' di ricerca e,soprattutto, la grandiosa muraglia verzaschese che partendo dal Poncione Rosso, passa la Cima Lunga e la Cima di Bri, lascia a bocca aperta con la nord della Cima di Rierna per concludere sulla nascosta Cima di Gagnone.




E cosi con Bruno (grande ritorno) e Martina partiamo dal tornante a Q502 in località Piotta Bella entrando direttamente nel bosco dopo pochi metri di carrozzabile sterrata. I sentieri, come si legge su tutte le descrizioni, sono sì in buono stato, ma non sono bollati! Per nulla! Qua e là si scorgono ometti ma in fin dei conti il sentiero è discretamente visibile all'occhio dell'escursionista medio. Il problema sarebbe, senza una mappa, capire dove si è e dove andare. Fortunatamente la abbiamo! E questo cercare, perdersi e ritrovarsi è un sempre un gran bel gioco! In poco più di un'ora raggiungiamo Sassàn a Q1023 e qui bisogna essere bravi, circa 200m prima delle baite, a girare a sinistra intravedendo un sentierino non segnato. Accorcerà la via di salita non di poco, portandoci in direzione Larecc per ripidi e scivolosi pendii. Qui un fiume di foglie di faggio rende ostica la salita, già tosta di suo, e renderà ancor più sgradevole la discesa.

La Val Marcri ha un accesso singolare da questo lato, ovvero, essendo una valle "sospesa", non è essa visibile dal fondovalle. Si intravede invece il ripido paretone granitico che ne delimita l'accesso. Per entrare è necessario accedere tramite un curioso passaggio a cengia quasi invisibile se non quando ci si passa sopra (senza di esso sarebbe un vero problema). Come se fosse la "porta segreta" della valle. Una valle che irrompe con il suo silenzio invernale ed il suo isolamento tettonico. Si passa dai ripidi sentieri iniziali ad un docile tracciato passante tra silenziosi larici, ormai poveri di colori e di animali, nell'agoniata attesa del lungo letargo invernale che quest'anno tarda ad arrivare.

Si entra in valle a Q1361 circa e si incontra il bivio per la Diga di Val D'Ambra a Q1526. In seguito si farà la conoscenza di tre alpeggi, nella loro essenzialità perfettamente mantenuti dal Patriziato di Personico. Il primo, a Q1602, è il Rifugio Canva. Poi, superata una balza rocciosa, ecco il Rifugio Stabbio di Mezzo Q1746 (dove Bruno si fermerà ad aspettarci). Dopo aver superato un altro costone (passaggio in un bellissimo canale con scala rocciosa annessa) ecco la bellissima piana della Cascina di Lago Q1984, con Lago e Rifugio annessi, un piccolo paradiso. Non oggi dato che ci saranno -10°C percepiti. Il sole lotta contro i muraglioni del Pizzo Pian Forno, ma non riesce a coccolarci. Saremo noi ad andare da lui.

Per ripidi pendii e pietraie ci portiamo, a fatica e con rari ometti, fin sul Pian Tasìn a Q2210, dove stupore misto a felicità fanno da padroni. Appena si sbuca sul pratone sommitale, due enormi titani ti sbattono la testa all'indietro lasciandoti con le fauci spalancate: sono la Cima D'Efra, asprissima e vertiginosa, e il Basal, più signorile e dalla cuspide troneggiante di grandezza. Poco oltre l'infinita corona di cime. La prima a farsi riconoscere è il Poncione Rosso, inconfondibile. Poi la Cima di Bri anch'essa individuabile con di fianco la Cima Lunga. Mastodontica la parete nord della Cima di Rierna (all'inizio credevo fosse la Cima di Gagnone, in realtà visibile appena e quasi coperta dalla Cima d'Efra).  
Spettacolare.   Foto a non finire.   Ammirazione per minuti.

Saliamo sulla piccola cimetta più a sud quotata 2275m sulla CNS.  Si osserva la sconvolgente verticalità del pendio verso la Valle della Iametta che lacera letteralmente la continuità della piccola Val Marcri. Ma il tempo passa e dobbiamo tornare da Bruno che sicuramente ci sta già aspettando.   La discesa, seppur quasi di corsa, richiede molto tempo ma alla fine riusciamo ad arrivare quasi alle 14 al Rif. Stabbio di Mezzo. Una veloce mangiata e poi a passo svelto salutiamo la valle tornando indietro lungo la stessa via di andata. In realtà la discesa ha richiesto pochissimo tempo (ma molta attenzione alle scivolossissime foglie di faggio su pendii infidi).



Distanza A/R:   15,2Km

Tempistiche dalla partenza (pause incluse):

   Rifugio Canva  = 2h50'
        Rifugio Stabbio di Mezzo = 3h15'
             Rifugio Cascina di Lago = 3h55'
                  Pian Tasìn = 4h30'

discesa:

          Pian Tasìn  ->  Rifugio Stabbio di Mezzo = 50'
     Rifugio Stabbio di Mezzo  ->  Q502 = 2h




Hike partners: Simone86, martynred


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (18)


Post a comment

Sent 2 December 2015, 09h06
Bello, bello, bello
complimenti per la bella escursione.
Siamo particolarmente affezzionati a questa valle e quelle vicine, senza essere mai andati così "a fondo" come voi. Posso solo confermare la scarsità di indicazioni e bolli, ripagati però da un "wild" ed un silenzio ....meraviglioso.
Ciao

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h25
Condivido, la silenziosità e l'isolamento di queste zone è fantastico. Meritano indubbiamente di essere esplorate anche le altre vallette!
buone uscite!

danicomo says:
Sent 2 December 2015, 09h13
Bravissimi per la scelta e il dislivello, gran posti.
Daniele

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h26
Grazie, pienamente consigliato!

igor says:
Sent 2 December 2015, 10h36
Grandi bel giro big lion ! Ciao

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h26
Ciao Igor, grazie, niente cime a sto giro ma è stato bello nella sua interezza!
a presto!!

gio66 says:
Sent 2 December 2015, 12h16
Complimenti, nella sua veste autunnale questa valle ha ancora più fascino. Bravi.

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h28
Un attraente mix di quiete e "quasi tristezza" ma al contempo colori forti e un'atmosfera da altro mondo.
grazie, buone uscite!

Menek says:
Sent 2 December 2015, 19h37
Gran bel giro e colori super

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h29
Ciao, grazie mille, condivido, altri colori rispetto all'estate ma le sensazioni che regalano sono altrettanto forti!

ciolly says:
Sent 2 December 2015, 20h54
Gran bella vallata, ancor più incantevole in veste autunnale
Bravi, ottima scelta

adriano

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h30
condivido pienamente e consiglio!
buone uscite!

Poncione says:
Sent 2 December 2015, 22h20
Proprio da Basal e Cima d'Efra la scorsa estate mi era caduto l'occhiio sul laghetto e questa valle secondaria, ma sicuramente affascinante come la descrivi con dovizia di particolari.
Bravo Simone, un giro a cui ispirarsi senz'altro in futuro. Ciao

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h34
Si avevo visto la vostra vertiginosa relazione al tempo. Adesso riguardandola ho visto che avevate anche fotografato Pian Tasin, spettacolo!
Consigliato in queste stagioni intermedie, buone uscite!

gbal says:
Sent 3 December 2015, 12h37
Wow. Bel giro Simone!

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h35
Ciao Giulio, grazie, consigliatissime queste vallettine sconosciute!

blepori says:
Sent 3 December 2015, 14h13
Bel giro, è un piacere vedere che si comincia a riscoprire questo angolo nascosto e affascinante del Ticino, Bravi!
Benedetto

Simone86 says: RE:
Sent 3 December 2015, 22h36
Ciao, complimentoni a te per la grande impresa, gran salita!
Anche grazie alla tua relazione recente abbiamo scelto questa salita!
buone uscite!


Post a comment»