Cima di Biasagn m.2417


Publiziert von Poncione , 31. Mai 2016 um 21:56. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:28 Mai 2016
Wandern Schwierigkeit: T4 - Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Cima Rossa   CH-TI 
Zeitbedarf: 6:30
Aufstieg: 1170 m
Abstieg: 1170 m
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Biasagn

In vista di un altro weekend tendenzialmente umido ci si propongono vari dilemmi, tenendo conto di vari fattori. Tra le varie scelte che ci siamo ripromessi risale in cattedra una cima già sfuggita due volte, vuoi per il tempo metereologico vuoi per quello "fisico": la Cima di Biasagn, in Val Pontirone.

E anche stavolta non si può dire sia stata una "passeggiata" comunemente intesa.

Presenti froloccone, ramingo, Francesca, giansa ed Elena. Si sale dal sentiero classico che da Fontana attraversa in dolce pendenza i nuclei di Sgioranch, Tücetvai e Mazzorino per poi impennarsi nella pineta, la quale infine si dirada nei prati che ospitano il Rifugio Biasagn. Dopo una pausa ristoratrice si riparte su ripidi prati intercettando un evidente sentiero diretto alla forcella (m.2283) posta tra Pizzo Quadro e Cima di Biasagn. Solitamente per quest'ultima si procede in "direttissima" dal rifugio, ma l'idea è di fare un anello utilizzando questo itinerario (T3) in discesa.
Invece si traversa in falsopiano per prati utilizzando un bel sentiero di capre, facile, ma che in molti punti procede su tratti decisamente esposti; oltretutto la montagna reca evidenti segni di "sgretolamento" in molte sue parti, e dunque occorre la massima attenzione negli attraversamenti di frane. Altro fattore di "disturbo", se vogliamo, è la presenza di moltissimi sentieri di capre che soprattutto nella parte alta possono confondere le idee o portar fuori strada. Sta di fatto che giungiamo alla forcella, dove Francesca sventola bandiera bianca per la stanchezza tornando in rifugio scortata da ramingo: la nebbia comincia a interferire e scende qualche goccia... evitiamo la breve salita al vicinissimo Pizzo Quadro, e puntiamo decisi alla Cima di Biasagn studiando bene il da farsi, aggirando brevemente la cima. Quindi saliamo dritti su erba e rocce, finchè decidiamo di dividerci: Ale e Giampiero salgono dritti, mentre io - seguito da Elena - incappo in un ulteriore sentiero di capre che va a spegnersi nel precipizio. Nonostante le nebbie noto ancora Ale "di vedetta" sulla cresta da cui ci siamo lievemente allontanati, così saliamo dritti anche noi utilizzando tracce e cengie che s'impennano decisamente in un canalino con chiazze nevose. Non è difficile, ma data l'esposizione sul lato pontironese e l'umidità del fondo, occorre ancora attenzione: superato il tratto in pendenza, aggiriamo l'anticima incontrando un (altro!) sentiero di capre da cui sono appena transitati Ale e Giampiero, ormai portatisi sotto la Cima, che si affronta su prati ripidissimi, cengie e un breve passaggio gradinato, elementare ma insidioso per la roccia bagnata. Cima di Biasagn raggiunta, proprio mentre comincia a gocciolare con maggior insistenza... foto di vetta e fuga immediata per raggiungere Cristian e Francesca al Rifugio. Toccata anche la seconda cima di Biasagn scendiamo: resto un attimo indietro e mi avvedo che gli altri tre hanno già iniziato un ennesimo traverso su sentiero di capre, interrotto tuttavia da una brutta frana. Rimasto alto proseguo su cresta, segnalando agli altri che si passa senza problema, pervenendo a un'ulteriore gobba con ometto di pietra in ottime condizioni, al cospetto di quelli mancanti (o caduti) sulla Cima di Biasagn. In vista della Cima m.2415, raggiunta solo pochi mesi fa', capiamo che è davvero il momento di utilizzare un sentiero di capre per raggiungere la ripidissima dorsale, la quale in una ventina di minuti ci catapulta al rifugio.
Intanto ha già smesso di gocciolare (piovere è dir tanto) e ogni tanto il sole fa capolino tra le nuvole: si mangia, si ride, si scherza e... sorpresa... ecco un'ottima crostata di Francesca ad allietarci ulteriormente.
Il rientro per lo stesso sentiero dell'andata è senza storia... Fine.

Grazie a tutti per la splendida giornata insieme e... Avanti così.

DESCRIZIONE ITINERARIO:

> Fontana-Rifugio Alpe Biasagn T2: segnata ufficialmente.
> Alpe Biasagn-Sella 2282 T2/T3: non segnata, ma con traccia sempre evidente (Itinerario 884 Guida delle Alpi Ticinesi vol.3)
> Sella 2282-Cima di Biasagn Cresta W - T4 o F: traccia confusionaria o non presente, passi di I° grado, su cengie erbose misto a roccette, terreno ripido e in parte esposto (Parte dell'itinerario 886 Guida delle Alpi Ticinesi vol.3)
> Cima di Biasagn-Sella 2328 Cresta ESE-Rifugio Alpe Biasagn - T3/T3+: traccia di capre quasi sempre visibile, ma su terreno erboso ripido.


froloccone
Da una cima apparentemente semplice,ne è uscito un giro di tutto rispetto,con una parte finale di salita da non sottovalutare,con "lettura" della montagna.........Peccato il meteo balordo,ma almeno non abbiamo "preso la pioggia"che ci avrebbe creato molti problemi su questo tipo di terreno.Grazie a tutti per la giornata e alla prossima avventura!!!!!

giansa
 Bel giro, in parte ad anello, nella selvaggia Val Pontirone. Divertente l'arrampicata alla cima in "stile libero". Meteo avverso ma ottima compagnia... Grazie a tutti per la condivisione,

                                Giampiero e Elena

Tourengänger: Poncione, froloccone, ramingo, Giansa


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T4+ I
T4+
19 Dez 15
Bòrsgen e dintorni · froloccone
T3
9 Dez 15
Advent im Val Pontirone · jimmy
T3+
18 Mai 12
Cima di Biasagn e Capanna Biasagn · giorgio59m (Girovagando)
T2

Kommentare (25)


Kommentar hinzufügen

igor hat gesagt:
Gesendet am 31. Mai 2016 um 23:05
Bravi bella Cima ! La pontirone non delude mai ! Ho avuto anche io un idea power sto week speriamo solo non ci sia neve ! Complimenti .

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 13:29
La Cima di Biasagn s'è fatta pregare anche stavolta, ma stavolta è andata.

Ciao Igor

GIBI hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 09:06
Bravi a non farvi scoraggiare comunque dalla giornata non bellissima ... non deludete mai e la cima ve la portate sempre a casa !

ciao Giorgio

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 13:30
Non bellissima, comunque affascinante, senz'altro impegnativa date le condizioni.
Grazie Giorgio

Amedeo hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 10:06
Bei posti la Val Pontirone anche se molto franosa!
Ciao
Amedeo

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 13:31
Ciao Amedeo, una valle che merita visite ripetute e approfondite in ogni suo angolo, terreno marcio a parte. :)

Amedeo hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 14:42
Sicuramente!

tanuki hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 10:31
Sentieri di ca... Capre! Capre! Capre!

Sorry... per un attimo Sgarbi si è impossessato di me :)

Amedeo hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 11:12
Noooooooooo! Sgarbi nooooooo! fatti impossessare da Settis!

tanuki hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 11:17
Azzz, temo di essere troppo capra per Settis...

Amedeo hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 11:22
Nooooooooooo, non è vero!

tanuki hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 12:17
Autostima in netta risalita! Grazie :)

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 13:41
E siccome sono (anche) capra, per la gioia del Vittorione, mi hai fatto venire in mente "Nella bella fattoria..." :)

Menek hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 11:00
Eh si, alla fine avete cavato fuori un bel giro...me cojoni!
Ciaooo

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 13:43
Volevamo fare di più, ma va bene così. Ci siamo comunque gustati la giornata pontironese.
Ciao Dome

blepori Pro hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 12:20
Ciao intrepidi come sempre, in effetti se c'è nebbia l'orientamento in quelle zone non è sempre evidente. Bravi. Benedetto

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 13:49
Ciao Benedetto. La nebbia complica tutto, è vero, comunque il problema della Cima di Biasagn è quello di non essere facilmente riconoscibile dalla via di salita su quel lato, essendo fondamentalmente una cresta formata da vari "panettoni", benchè coi fianchi molto ripidi. Facendo il giro inverso diventa tutto più "semplice" (si fa per dire). :)

veget hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 15:28
....nonostante la meteo "ni" avete realizzato comunque, un bel progetto!!!
L'ambiente, viste le foto di alcuni esemplari di fiori, mostra di essere di primo piano.....Quindi,sicuramente giornata profiqua!!!
Comply a TUTTI......
Ciao
Eugenio

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 22:03
Giornata decisamente proficua, vissuta e goduta, come meritava che fosse.
Ciao Eugenio, grazie.

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 16:58
Situazioni e posti completamente inediti, pur essendo convinto di aver salito, in passato, la cima di Biasagn.
Controllerò foto mie e cartina.
Molto bravi.....
Daniele

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 22:02
Ti dirò, Daniele, che questo gruppo montuoso si caratterizza forse proprio per il fatto di non avere delle "vere" cime, escluso forse il Muncrech che resta più defilato... ciò non toglie che sia un percorso vario e impegnativo in ambienti davvero selvaggi e panoramici.
Ciao

Angelo & Ele hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 17:46
Ormai siete laureati a pieno merito in ravanaggio su ganne, cenge, prati ripidi e in chiusura di "conti in sospeso"...

Bravi Tutti e un salutone...

Angelo

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 21:57
Hai ragione Angelo... dovremmo creare una "cattedra" in materia. Chissà che calca per ottenere la borsa di studio. :)))
Ciao grazie.

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 18:59
Speriamo che la meteo cambi: da piangere!! Ciao, Amici

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juni 2016 um 21:55
Incrociamo "i diti" Robi. :)
Ciao


Kommentar hinzufügen»