Cima di Nomnom 2633mt - nubi, sole e grandi panorami


Published by giorgio59m (Girovagando) , 21 October 2014, 10h35. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Grisons » Misox
Date of the hike:19 October 2014
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Arbeola-Molera   CH-GR 
Time: 5:30
Height gain: 1160 m 3805 ft.
Route:Parcheggio Capanna Buffalora prima dell' Alp de Bec - Alp de Bec de sota - Alp de Bec de Sora - Pass de Buffalora - Cima di Nomnom
Access to start point:Autostrada per il Gottardo, uscita Bellinzona Nord / San Bernardino. Seguire l' autostrada verso il S.Bernardino, uscire a Lostallo e seguire le indicazioni per Soazza. Salire a Soazza, a lato della chiesa c'e' una strada che sale, seguirla tra le case fino alla sbarra di accesso, proseguire anche se ci sono cartelli che consentono solo il traffico autorizzato, che è tollerato per chi sale alla capanna Buffalora.
Accommodation:Capanna Buffalora

   
 

Una domenica bestiale ...
 

 

Finalmente una giornata dal meteo spettacolare, ma non era iniziata così ...

Il meteo indica sole pieno sia sabato che domenica, e noi desiderosi di una vetta puntiamo a questa cima dal nome perlomeno curioso "Nomnom".

In auto si chiacchera, ma salendo verso Lugano vediamo che verso nord ci sono solo nuvole ... ma queste previsoni? Ma ovviamente non demordiamo, neppure nella speranza del sole.

Salendo in Mesolcina è anche peggio, le nuvole sono proprio basse ... che ci aspetti la tipica giornata da "girovagando"? Lo scopriremo solo ... camminando.

Cima di Nomnom, ma che nome curioso !

Cito testualmente  e devo attingere alla grande cultura dell' amico siso:

Secondo Adriano Bertossa (Storia della Calanca, Poschiavo, 1937) la Cima de “Nomnom” deve il nome alla sua forma che ricorda un “omenone”, un “grande uomo".

 

Ma dove si trova di preciso? si trova a cavallo tra la Mesolcina e la Calanca, lungo l' Alta Via della Calanca, ha di fronte ad O Il Piz da Termin (Cima d'Orz, Piz Giumela) ed a E il Pizzo Forato ed il Pizzo Quadro, montagne di confine con l' Italia e che racchiudono il bel bacino del Truzzo.
 

Il riferimento per questa escursione sono la relazione di siso e quella di ale84, la prima con salita dalla Val Calanca (Rossa), la seconda con salita dalla Mesolcina, con quasi 500mt di dislivello in meno.

Partenza dall' Alp de Bec, salendo la stretta stradina che parte da Soazza (a fianco la chiesa) e sale con quasi 10Km di tornanti fino all' Alp de Bec a 1515mt, il parcheggio si trova poco prima, a Q1485mt.

All' inizio della strada c'e' un cartello di divieto ai mezzi non autorizzati, ma la salita è "tollerata" per chi sale alla Capanna Buffalora (che si trova in Calanca), visto che in alto troviamo un parcheggio con la scritta "parcheggio capanna Buffalora", tutto questo confermato da due chiacchere con una locale.

Partiamo alle 8:15, siamo in ombra e fa piuttosto frescolino, guanti e berretto.

Saliamo discretamente spediti, sappiamo che il percorso è abbastanza breve (4.6Km) ma oltre 1100mt di dislivello.

Dopo il parcheggio di attraversa un ponte in legno dove scorre impetuoso il Ri de Buffalora con una grande cascata, c'e' la sbarra che impedisce il passaggio alle auto.

Pochi metri e si raggiunge l' Alp de Bec, un gruppo di baite tutte ben sistemate, qui i cartelli danno 2h:15m per il Pass de Buffalora.

In poco più di mezz'ora siamo all' Alp de Bec Sura, distesa prativa (in discesa) con altre belle baite tutte in legno e tutte ben riadattate.

Causa nubi non si vede nulla, neppure il passo di Buffalora, la nostra direzione.

Si prosegue tra prati e boschi di larice, e salendo accade ... quell' impagabile fenomeno di "bucare" le nuvole, passiamo dal grigiore al cielo azzurro e splendente.

Semplicemente meraviglioso !

 

 

Breve pausa merenda per goderci questo fenomeno, poi iniziamo il ripido tratto che porta al passo di Buffalora a 2261mt, punto di attraversamento tra Mesolcina e Calanca.

Qui passa l' Alta via della Calanca, qualche decina di metri a destra una seconda palina indica la deviazione (in discesa) per la bella Capanna Buffalora a 2078mt, mentre a destra l' alta via prosegue in orizzontale verso sud, verso il rifugio Alp de Fora.

Al pass de Buffalora si abbandona il sentiero, sempre perfettamente bollato (quasi eccessivo), e si sale dirittamente sulla cresta, quindi attenzione a non prendere l' alta via, ma la cresta alla sinistra salendo al passo.

Quasi quattrocento metri di pura e dura salita.

Per salire si tiene per un lungo tratto il lato della Calanca, tutto in ombra, l' erba gelata, le pietre viscide come sapone ... occorre molta attenzione.

Si seguono in parte ometti sparsi, in parte tracce di sentiero, ma di ometti e tracce ce ne sono diverse. L' unica vera complicazione sono le pietre e l'erba ghiacciata.

La cosa importante è tenere d' occhio la cresta, a Q2470 circa c'e' un grosso ometto di sassi proprio sulla cresta, da quel punto si sale seguendo il filo fino alla cima.

Scopriremo al ritorno, che la via più semplice è di tenersi sotto il filo di cresta, roccioso fino quasi all' ometto, dove troviamo vari ometti e tracce di sentiero

Arrivo in cima con largo ritardo rispetto ai miei compagni (oltre mezz'ora dopo lo stambecco Paolo), ultimo come sempre (e ne sono ben contento, vuole dire che il Barba è tornato in perfetta forma), li trovo a petto nudo che scorazzano sopra l' ampia cima.

11:30 sono sulla Cima di Nomnom, 2633mt. Tempo meraviglioso, caldo e nemmeno un filo d'aria. Colonizziamo l' omone di sasso con le nostre magliette stese ad asciugare e restiamo tutti a petto nudo, felici di essere quassù e godersi panorami davvero spettacolari.

Ancora nubi in basso, ma molto meno, e cime bellissime in tutte le direzioni, molte le conosco per nome, ad  alcune ho avuto anche il piacere di posare sopra gli scarponi.
 

 

Oltre 1h:15 di relax, chiacchere, panini, caffè e correzioni, poi foto, firma libro di vetta e discesa.

Ripida, ma tranquilla discesa fino al passo, oltre al percorso un pò più diretto seguendo gli ometti, anche erba e pietre sono meno viscide, il sole ha illuminato il lato ovest, tutto all' ombra in mattinata.

Dal passo scendiamo verso il basso, ma ci fermiamo ancora ad oziare per una ventina di minuti sopra delle pietre piatte, con il sole caldo sembra di essere in spiaggia ...

Tutto troppo bello, ci stiamo godendo ogni istante di questa giornata, poi il sole gira dietro la Cima di Nomnom, e ritorna l'ombra ed il fresco, chiaro messaggio di riprendere la via del ritorno.

Discesa veloce, passiamo dal' Alpe de Bec Sura, poi dal quella Sota, mi aggiro tra le baite cercando un "rifugio", è segnato nei waypoint di hikr, ed anche nel sito di Soazza, ma non vedo cartelli che lo identificano ...

Aller 15:40 siamo al parcheggio, tempo di cambiarsi, un ultimo sguardo alla conquista di oggi, e via ritorno a casa.

 

Giorgio

Per gli appassionati, come me, del conoscere i nomi delle cime attorno:

verso OVEST e verso EST

 
 
   
 

           Vista da Roberto   -    (roberto59)                        

 

Gran bella giornatona, sole, caldo, montagna e amicizia.
Mancavano la paletta ed il secchiello e la giornata balneare era completa.

Bella cima, inusuale, l'ultimo tratto divertente e impegnativo, devo dire che ho messo su un paio di chiletti di "panza" che caspita faccio fatica a portare in giro.
Detto questo però, tutto il resto spettacolare, la compagnia degli amici, la montagna che ci ha regalato una giornata proprio fantastica........anche se come dice Gimmy "visto un laghetto li hai visti tutti", no è una mia frase, ma  detta in amicizia, che come sempre Gimmy insegna, meglio la frase "in amicizia" che altro.
Ciao dear friends...to the next one.

Alp.Roberto

 

 
 
   
 

           Vista da Paolo   -    (brown)                        

 

Era da parecchio che Giorgio nominava questa vetta dal nome insolito e il giorno migliore per salirla l'abbiamo preso al volo.

Una  salita autunnale con clima estivo , il mare delle nuvole sotto di noi hanno reso il panorama unico .

Percorso molto ben segnalato fino alla bocchetta poi con l'aiuto di ometti e segni di sentiero si arriva in vetta con una pendenza notevole e con molti sassi.

In questo punto bisogna prestare attenzione soprattutto in questo periodo dove la brina mattutina rende le pietre molto pericolose .
In vetta solo la girovagando... solito casino e un'attenta panoramica sulle cime oggi perfettamente visibili.
Oggi bellissima esperienza : giornata splendida , nuova conquista e non da meno la compagnia del gruppo quasi al completo.


 Ciao Paolo

 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)

 

come già ampiamente descritto dai miei compagni, una giornata con un tempo spettacolare.
il percorso lo avevo già in parte fatto con Giorgio fino al passo, quando eravamo andati al rifugio
Buffalora ed al laghetto che si trova in quella direzione qualche centinaio di metri sopra la capanna.
la cima conquistata  oggi unita ad una giornata quasi estiva ,ci ha regalato una visuale a 360 gradi veramente spettacolare
grazie ai miei compagni per la bella domenica ,in amicizia

ciao alla prossima

Gimmy

  

 
 
   
 

            Vista da Luciano   -    (barba43)

 

Grandissima giornata,con una grande ascesa.
Oggi siamo andati in Val Calanca, e precisamente ad una vetta con un nome che sembra dell' età della pietra, la cima NomNom .
E' stata un'ascesa molto adrenalitica per gli ultimi 200 metri che sul versante opposto al sole era viscida come una saponetta ed anche quel poco d'erba che c'era, era ghiacciata, abbiamo anche usato le mani salendo tra le rocce.
Arrivati in vetta, la giornata Agostiana (che per noi era come un miracolo...) ci ha permesso di godere di un panorama mozzafiato, di fermarci a pranzare e godere tutte quel popò di vette scherzando e chiaccherando ironicamente per quasi 2 ore.
Poi finito tutto quel che abbiamo portato, alleggerito gli zaini, ci siamo incamminati per la discesca, stando molto attenti che dove non batteva il sole c'era ancora hiaccio.
Giù dopo la bocchetta ci siamo fermati una decina di minuti aspettando che il sole girasse dietro la nostra cima, riportandoci all' ombra ed al fresco dei duemilametri.

Ripartiti siamo scesi in un'oretta alla macchina.
Grazie Giorgio per la grande trovata, il grande impegno, che trovi per tutti noi nelle escursioni.

ciao a tutti belli e brutti

 
 
     
 
Percorso Totale : 9.3Km totali, 7h:30m totali, 5:00m di cammino
Andata : 4.6 Km, 3:15 lorde, 30m soste
Ritorno : 4.7 Km, 2:30 lorde, 30m soste
Dislivello : 1140mt di assoluto , 1160mt di relativo
Libro di vetta: SI dentro l'omone di sasso
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Paolo, Gimmy, Barba, Roberto

 
 
   
 

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 204

  

 

 
 



Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (14)


Post a comment

Francesco says:
Sent 21 October 2014, 10h59
.Che bella gita raga,bravi . Scelte da veri guru, ciao.

Sent 21 October 2014, 11h36
........a presto ciao......più che un guru ma par de vess un gufu.....

Sent 21 October 2014, 11h44
Francis ai proprio ragione, Gufavamo parecchio
ciao

Mapuche says:
Sent 21 October 2014, 13h26
La cima di Nomnom prima o poi...
Grazie per la bella descrizione e per le belle foto, che stuzzicano ancor di più la mia voglia di Calanca (e di Mesolcina)

gbal says: RE:
Sent 22 October 2014, 21h52
vero?

zar says:
Sent 22 October 2014, 07h43
...siete sempre un GRAN gruppo e fate sempre una BELLA montagna...
ciao
Luca

Sent 22 October 2014, 15h54
ciao Luca..........grazie mille, tu mi sembri sempre in gran forma.....spero a presto ciao
Rob

Amedeo says:
Sent 22 October 2014, 10h10
Ciao a tutti
Amedeo

Sent 22 October 2014, 14h44
Ciao Amedeo, un piacere risentirti.

Sent 22 October 2014, 15h55
ciao Amedeo.......un piacere leggerti........mi raccomando ciao

gbal says:
Sent 22 October 2014, 21h53
Complimenti amis.
Era una curiosità per un nome curioso che volevo togliermi quest'anno ma...sarà per il prox.
Ciao a tutti

Sent 23 October 2014, 08h50
Grazie Giulio !
Una visita è meritata ...

Sent 23 October 2014, 10h08
Grazie Amedeo a rivederci
ciao

Sent 23 October 2014, 10h10
Grazie Giulio, la devi fare questa vetta, vedrai
ti soddisferà parecchio
ciao


Post a comment»