Bocchetta di Camedo m.1973, ovvero il trionfo della nebbia.


Published by Poncione , 20 August 2014, 14h30. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Grisons » Misox
Date of the hike:18 August 2014
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Portola-San Jorio   CH-GR   I 
Time: 8:00
Height gain: 1195 m 3920 ft.
Height loss: 1195 m 3920 ft.
Route:Come Waypoints

Ormai c'è da rimanere sconsolati, quest'estate non ne va giusta una...

Non è ancora passata la "scottatura" della Corona di Redorta ed eccone un'altra, fortunatamente meno dolorosa, ma che comunque "pizzica".
La cosa letteralmente assurda è che partiamo senza meta... ovvero quando avremo passato Monte Ceneri in base al tempo che si prospetta nelle varie direzioni, decideremo dove dirigerci. L'estate pazza si traduce anche in queste "piccolezze", degne di un gioco d'azzardo o di fortuna.
La "roulette" sembra dire che ad est è meglio che a ovest, mentre a nord c'è una tale cappa di nubi da non prenderlo nemmeno in considerazione: salta fuori, dunque, una meta che recentemente ho messo in programma, ovvero il Monte Cardinello. Si tratterebbe del nostro primo approccio ai cosiddetti "Muncech", ed ovviamente la decisione è presto presa... Cardinello sia.
Certo, dire che ad est sia bello è un altro bell'azzardo, ma almeno proviamoci.
 Saliamo dunque da Roveredo alla diga di Roggiasca, dal quale prendiamo il sentiero che attraversa la diga stessa: non ci sono cartelli segnaletici, ma è l'unico sentiero per cui non ci si può sbagliare. Un sentiero, tra parentesi, bellissimo e che con decisi zigzag nella faggeta in breve tempo ci porta a Monti di Lanes. Da qui abbiamo la triste conferma che il sole fatica a far capolino, mentre a nord incredibilmente pare essersi parzialmente aperto... ma ormai siamo qui e ci tocca già scrutare sia la cima che la bocchetta da raggiungere, ben distanti l'una dall'altra. Superiamo l'alpe risalendo una splendida faggeta e giungendo al vastissimo pianoro che ospita l'Alpe d'Aian, dove capiamo quale sia la Bocchetta di Camedo... Il sentiero sale con media pendenza, impennandosi solo nella parte sommitale e dopo aver incrociato un bivio per la più distante Bocchetta di Lago. Si passa, dunque, in Italia ed iniziamo così a calpestare una piccola fetta dell'Alta Via del Lario, invero un po' noiosetta, che discende dapprima ai resti dell'Alpe Malpensata e risale verso gli ulteriori ruderi dell'Alpe di Paina... peccato che proprio mentre siamo tra i due ex-alpeggi la nebbia proveniente dal Lario ricopra totalmente sia la Cima di Caurit che il Cardinello, prima ancora che potessimo renderci conto dove dover passare, visto che per queste cime si sale "a vista" e senza ausilio di segnaletica. Non proprio il massimo, dunque, in queste condizioni.
Sconforto totale... l'Alta Via prosegue in risalita proprio verso queste cime, ma rimanendo poi più bassa e compiendo una mezzacosta sotto il Cardinello. Decidiamo di sostare all'Alpe Paina nella speranza che la visibilità migliori e, proprio mentre decidiamo di andarcene, per magia un raggio di sole ci illumina rendendo visibile il Cardinello e la probabile via di salita... ma in breve tutto torna desolato e nebbioso. Nulla da fare, non è giornata neanche oggi.
Torniamo così mestamente sui nostri passi, risalendo la Bocchetta di Camedo e ripercorrendo l'itinerario sin qui compiuto all'inverso... ovviamente sul lato grigionese la situazione è un po' migliore e la visibilità (quasi) perfetta. A Monti di Lanes un signore molto pratico del luogo ci "addolcisce" un po' la giornata indicandoci un bel po' d'itinerari interessanti su queste cime, dove ovviamente torneremo, in quanto abbiamo comunque molto gradito i luoghi.

Qui i conti in sospeso s'allungano... "e la chiamano estate"...

froloccone
Emiliano,ha descritto perfettamente,con la relazione lo stato d'animo che aleggia!!!!Ma ciò non toglie nulla alla bellezza di questa zona e all'imponenza delle cime sovrastanti.La montagna è anche fatta di rinunce(forse un po troppe), va vista secondo me come viene.Comunque,anche se avessimo fatto una cima con sentiero segnalato,probabilmente non avremmo potuto godere del panorama,quindi meglio così,almeno ora conosciamo la zona e sappiamo come muoverci meglio.Speriamo,in futuro di essere un po più fortunati,ringrazio i soci per la comunque positiva esperienza.

Hike partners: Poncione, froloccone, ramingo


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (16)


Post a comment

patripoli says:
Sent 20 August 2014, 15h19
Ormai è il tempo a decidere per noi.....
A parte questo.....non state proprio mai fermi!
Inarrestabili.....

Ciao ciao

Poncione says: RE:
Sent 20 August 2014, 15h53
Ciao Patri,
grazie, ma inarrestabili non proprio... con questo tempo scappa un po' la voglia, ma non disperiamo.

Pippo76 says: RE:
Sent 20 August 2014, 16h08
Bravi voi che ci provate sempre e comunque!

Poncione says: RE:
Sent 20 August 2014, 16h11
Grazie Giancarlo,
è l'unica soddisfazione che ci rimane, al momento. Speriamo vada meglio prossimamente.
Ciao

tapio says:
Sent 20 August 2014, 16h46
La legge dei grandi numeri dice che dopo un inverno "grandiosamente invernale" (leggi "ricco di precipitazioni"), una primavera che non è stata da meno e un'estate che è mancata del tutto... non c'è il due senza il tre, e il quattro vien da sè... no, scherzo... volevo dire che ci sono fondate speranze per un autunno di fuoco!
Anche il Cardinello, come le altre montagne, non scappa. L'occasione giusta verrà.

Ciao, Fabio

Poncione says: RE:
Sent 20 August 2014, 17h38
Verrà, verrà... :)
Il guaio è che con la fine della stagione le possibilità si restringono, e molti progetti si vanno ad accantonare.
Comunque è una zona, anche questa, da approfondire.

Ciao

Amedeo says: RE:Proposta a quelli che leggono il post.
Sent 20 August 2014, 18h31
Ciao, sarò monotono perchè lo consiglio a molti, ma leggetevi "La farfalla sul ghiacciaio" di Oreste Forno, piccolo e bel libro (12,00 euro spesi bene) e........vedrete la montagna con altri occhi.......senza dimenticare le cime!
Ciao
Amedeo

Poncione says: RE:Proposta a quelli che leggono il post.
Sent 20 August 2014, 18h54
Grazie Amedeo, ci darò un occhiata senz'altro... ma è che le ferie ci sono una sola volta all'anno, e di fronte a tanti progetti incompiuti o rinviati un po' di sconforto sale. I luoghi (passo, laghetto, cima, alpe, ecc.) o il tempo (bello o brutto) fanno parte di un universo stupendo e che amiamo tutti quanti.
Ciao

gbal says: RE:Proposta a quelli che leggono il post.
Sent 21 August 2014, 17h30
Sono contento che tu l'abbia apprezzato.

danicomo says:
Sent 20 August 2014, 18h30
Bello comunque...
Cardinello senza panorama non merita, ci tornerete in una giornata di Ottobre e ci sarà un mondo da vedere....
Daniele

Poncione says: RE:
Sent 20 August 2014, 18h56
Ciao Dani,
difatti è stata la principale ragione che ci ha fatto abbandonare, oltre alla nebbia... non ne valeva proprio la pena.

Menek says:
Sent 20 August 2014, 20h10
Cari amici, la lista dei desiderata si allunga, ma voi rimedierete di sicuro! Spigne e spigne un colpo lo metterete in canna,ne sono certo...
E fanc... al tempo avverso.
Ciao
Menek

froloccone says: RE:
Sent 20 August 2014, 20h38
Grazie Domenico!!!!!!Sempre gentile e di conforto!!!!!E doppio fanc......al tempo avverso !!!!! Ciao ALE

rochi says:
Sent 20 August 2014, 23h15
Se la montagna non va a Maometto, è Maometto che va alla montagna. Fate dunque come, il centro sud è tutto un sole splendente e le montagne sono lietissime sorprese.
Comunque, eccellenti come al solito.
Ciao.
R.

gbal says:
Sent 21 August 2014, 17h33
C'è sotto sotto un vantaggio dietro queste sconfitte: uno tiene duro e cerca di vivere altri cent'anni per poter mettere la firma di vetta su tutti quei progetti che mestamente rimette nel cassetto.
Coraggio!

Poncione says: RE:
Sent 21 August 2014, 21h35
Infatti è così, Giulio. Quando sarà il momento giusto torneremo alla carica, anche perchè mi sembrano luoghi che meritino un ulteriore e più dettagliata visita.

Ciao grazie


Post a comment»