Cima dell'Uomo (2.390m) ed anello


Published by Simone86 , 23 June 2014, 18h36. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:22 June 2014
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Cima dell'Uomo 
Time: 8:30
Height gain: 1400 m 4592 ft.
Height loss: 1400 m 4592 ft.
Access to start point:Raggiunto Cugnasco-Gerra, salire per AGARONE, MEDOSCIO, MONTI DI DITTO.La strada è stretta ma tutta asfaltata (lunghezza circa 12Km) Raggiungere i MONTI DELLA MOTTA e proseguire fino all'ampio parcheggio (2km prima dei Monti della Gana) dove vige il divieto di transito con sbarra.
Accommodation:Capanna Borgna

Oggi con Ivano e Filo (nuovo trio) puntiamo alla Cima dell'Uomo, famosa e frequentata meta posta al termine di favolose vallate. Il giro ad anello progettato ci porta a risalire la valle dell'Alpe di Ruscada per poi tagliare verso le giganti pietraie di Bertadello. Si punta cosi alla Cima dell'Uomo e si scende vero la Capanna Borgna posta nell'alta Val della Porta. Da li valicando la Forcola del Sassello riscendiamo ai Monti della Gana.



Parcheggiata la macchina prima della sbarra ci si incammina su strada asfaltata per circa 2Km fino ai Monti della Gana Q1286.  Al segnavia si punta nettamente ad E e poi NE restando alti nella Valle di Cugnasco e giungendo con docili dislivelli alla Q1590 della CN. Qui inizia una discesa di circa 100m di dislivello per entrare nella valle dell'Alpe di Ruscada. Raggiungiamo in breve la cascina di Corte di Mezzo Q1525 e ammiriamo il favoloso paesaggio della vallata: i rododendri in fiore, le verdi/azzure acque, i verdissimi pascoli.   La Cima dell'Uomo è già perfettamente visibile, cosi come il suo ometto di vetta.

Iniziamo a percorrere tutta la vallata verso N, risalendo un primo costone e raggiungendo la bellissima piana della Corte di Cima Q1757. Qui, per far scorta di acqua ed attraversare un nevaio residuo, ci allontaniamo dal sentiero e saliamo tra rododendri e pietraie molto più a Est. Troviamo comunque tracce e segni di un vecchio sentiero in disuso. Raggiunta la nuova piana a Q1929 decidiamo di puntare direttamente la Cima dell'Uomo come accenna anche il Brenna in una variante dell'itinerario.

Si raggiungono le ampie pietraie di Bertadello per un logico canalone erboso e si prosegue su giganti blocchi granitici...un paesaggio favoloso!  Abbiamo qualche problema con Luna, una labrador alpinista che, seppur coraggiosa e agile, ben poco può fare su queste anguste pietraie pericolose per le sue zampe. Dopo qualche difficoltà sbuchiamo ancora più a Est su una residua lingua di neve. Nel frattempo, in pochi minuti, l'azzurro cielo è scomparso, una fitta e fresca nebbia ci ha avvolto da Sud.  Non si vede più niente!! E' questo il momento in cui ringrazio di avere un GPS.....ma non è comunque facile.. non si vede a più di 20m e non riusciamo a capire quali bastionate rocciose ci siano alla nostra destra.

Altro momento di terrore, una serie di grossi sassi si sono staccati a poche decine di metri da noi, creando un boato simile ad una bomba esplosa. Ci guardiamo... ognuno legge lo stesso pensiero negli occhi dell'altro "andiamo subito fuori dalle p***eeee!!!". Restiamo larghi rispetto alla bastionata, in sicurezza. Ma cosi non vedremo mai il famoso canalino da risalire! Fortunatamente ecco apparire dei segnavia rosso-bianchi. Proviamo a seguirli a ritroso fino a beccare il canale.

Non difficile da salire ma sicuramente da stare all'occhio in discesa. Sarà un I°-II° grado. Poi, appena oltre il canalino, va percorsa o l'ampia cresta sul suo filo (come ha appunto fatto Filo!) oppure seguire il sentierino marcato in rosso-bianco che si tiene su delle cengie a SW.
Ecco... a me non è piaciuto molto, personalmente perchè la nebbia impediva di vedere il fondo del burrone e la cengia, seppur larghissima, dava un effetto "precipizio" che mi ha inquietato.

Raggiunta la Cima dell'Uomo Q2390, qualche foto veloce e poi giù subito. Anche qui ho qualche problema di vertigine e giramento, forse data dalla conformazione della cupola della Cima dell'Uomo e dall'incertezza della nebbia. Ridisceso il canalino non resta che puntare alla Capanna Borgna.

Si costeggia la bastionata sud della Cima dell'Uomo sempre con un pensiero alla frana di prima....... 
poi si scende per una severa dorsale (che precipita verso la conca di Medee) fino alla Bocchetta di Medee Q2149.   Qui si deve continuare verso W seguendo la traccia fino a beccare un bivio che punta a Sud verso il Passo di Ruscada Q2069. Anche qui nella nebbia (ma guidati dal GPS) troviamo il passo, con davanti ad esso l'attacco per la lunga dorsale del Madonetto. Anche qui un segnavia distrutto dalla neve (cosi come i due precedenti, uno alla base della Cima dell'Uomo e uno poco dopo la b.tta di Medee).

Sappiamo dove andare. L'alta Valle della Porta (nella sua sezione sopra la Capanna Borgna) appare nettamente piu brulla, meno verdeggiante e più fresca. Raggiunta la capanna Q1912 (siamo soli) mangiamo e facciamo una pausa. Per il ritorno dobbiamo puntare alla Forcola costeggiando tutto l'aspro e severo versante W del Madonnetto. Qui dobbiamo superare 3 piccole slavine ghiacciate. Nessuna grossa difficoltà, la traccia è scavata, ma dei ramponi fanno comodo. Si risalgono circa 80/100m di dislivello e poi si scende verso la Forcola Q1709. Da qui verso l'alpe di Sassello Q1673 e giù fino alla Cappella Santa Maria Q1498. Infine Monti della Gana e strada asfaltata fino al parcheggio.



Tempistiche:   8h30' pause incluse
Distanza:   circa 19Km (manca nel GPS la parte iniziale fino ai Monti della Gana)

Hike partners: Simone86, Filosko06, ivopal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (7)


Post a comment

igor says: Grandi
Sent 23 June 2014, 19h03
Bella cima, ma vedo che la neve non è andata via neanche li quest anno ci rimarrà ancora per un po' bel giro ciao

Simone86 says: RE:Grandi
Sent 24 June 2014, 16h10
eh si... tral'altro mi è sembrata molto impercorribile la che sale dalla Cap. Albagno e passa per la B.tta d'Erbea e per la B.tta della Cima dell'Uomo... a parte la neve marcissima che su quel pendio può essere rischiosa, il sentiero passa proprio dove abbiamo sentito la scarica di sassi, pericolosissimo....

gbal says:
Sent 25 June 2014, 12h06
Bravissimi tutti.
Anche nel vostro caso si dimostra che il GPS che in tanti casi può essere un plus qui era quasi indispensabile.
Ciao

Simone86 says: RE:
Sent 26 June 2014, 11h17
Ciao Giulio, decisamente ci ha tirato fuori dai pasticci... nel peggiore dei casi avremmo percorso a ritroso lo stesso sentiero (non proprio simpatico per Luna) ma in qualche modo si tornava a valle... era la cima quella introvabile!

Sent 25 June 2014, 21h10
Bravi!!!!Bella la cima dell'uomo!!!! La devo fare......dopo un mio tentativo l'anno scorso!! Ciao Ale

Simone86 says: RE:
Sent 26 June 2014, 11h20
Eh ho visto, novembre era un po' un rischio tentare per quel canalino con già giu la neve nuova. Comunque ti rifarai! per ora c'è molta neve per quella via, molto più accessibile invece da cap. Borgna o dall'Alpe Ruscada. Per la parte finale visti i vostri exploit sulla martica e sul poncione non avrete alcuna difficoltà!

froloccone says: RE:
Sent 26 June 2014, 19h34
Grazie dell'informazione!!!!!E anche dell'incoraggiamento!!!Ciao


Post a comment»