COVID-19: Current situation

Senter del Luf alla Comer 1279 m


Published by cristina , 27 March 2013, 09h34. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:23 March 2013
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Route:Muslone-Senter del Luf-bivio Sasso/Comer-Cima Comer-Monte Denervo-bivio Brione-Rif. Baita Alpini-Eremo San Valentino-Sasso-Bassa Via del Garda-Muslone
Access to start point:Autostrada A4 uscita Brescia Est. Seguire per Lago di Garda/Riva del Garda.Dopo essere entrati in Gargnano svoltare all'indicazione Muslone. Ampio parcheggio all'entrata del paese.
Maps:Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano

Voglia di primavera, di sassi, di fiori. Voglia di archiviare le ciaspole e pensare a qualche bel giro ancora su neve magari ma senza quei ciabattoni! Aspettando tempi migliori facciamo un giro sul Lago di Garda ma a sorpresa anche qui troviamo neve. Alla folle quota di 1400 m troviamo circa 40 cm di neve fresca, non battuta.

Tempo fa, in un altro dei nostri vagabondaggi in zona, avevamo notato l’indicazione del Senter del Luf. Le uniche info sul sentiero erano state le indicazioni di non farlo con neve, pioggia, vento e al disgelo, ok pericolo caduta sassi. In teoria saremmo nel periodo del disgelo ma vista la quota…

Partiamo da Muslone con poche o troppe idee su come fare il giro, vedremo strada facendo.

Il Senter del Luf, sale da principio con tratti molto ripidi nel bosco, e mi viene da pensare che Luf sia una sorta di Puf Puf-Pant Pant alla Paolino Paperino. Poi il sentiero diventa meno ripido, esce dal bosco e con ottimi panorami sul lago, oggi in verità un po’ scarsi, continua a salire. Qualche tratto attrezzato, qualche tratto esposto e qualche tratto a rischio caduta sassi. In circa 1 h raggiungiamo il bivio Sasso-Cima Comer. Deviamo verso la cima che raggiungiamo velocemente, sosta e foto, è stata aggiunta una piazzola per l’osservazione della migrazione dei rapaci (sito di notevole importanza per l’osservazione delle migrazioni).

Proseguiamo ora per il Denervo e incontriamo la prima neve. Man mano che saliamo aumenta. A fine marzo, a 1400 m sul lago di Garda, neve fresca e intonsa, no non ce l’aspettavamo proprio!

Questa volta riusciamo a trovare il sentiero che senza passare per P.so Fobia scende verso la Bocchetta di Lovere, o meglio poco dopo. L’indicazione sul cartello è Briano N. 32. Dal cartello si deve tornare indietro, s’intravvede sotto la neve l’avvallamento di una pozza d’acqua per l’abbeveraggio. I primi bolli che si vedono sono sugli alberi poco sotto, probabilmente ce ne sono altri sui sassi ma noi essendoci stati solo con la neve non sappiamo dire. Una volta imboccato il sentiero si scende velocemente a tornanti nel bosco fino a raggiungere la strada asfaltata. Giriamo a sx e finalmente riusciamo anche a trovare il Rifugio degli Alpini, a sx e qualche metro sopra la strada. Dopo aver dato un’occhiata al rifugio e alla cappelletta torniamo sui nostri passi e imbocchiamo il sentiero a sx che indica Sasso a 1 h. Quando il sentiero diventa una sorta di mulattiera deviamo a sx e scendiamo un canaletto (gradini in pietra) che ci portano all’Eremo di San Valentino dove facciamo sosta pranzo.

Tornati sui nostri passi riprendiamo la mulattiera e velocemente siamo a Sasso dove intercettiamo la Bassa Via del Garda che ritorna a Muslone in circa 1.30 h, purtroppo perdendo circa 200 m di quota e facendoci fare una decina di minuti su asfalto.

DATI GPS
Dislivello 1455 m
km 18,40

 


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

patripoli says:
Sent 27 March 2013, 20h33
Anch'io sono stanca di ciaspole e di neve......
Dovremo aspettare ancora molto per liberarcene?

Bravi, come sempre!
E complimenti anche per le vostre mete, sempre nuove....

cristina says: RE:
Sent 28 March 2013, 09h14
Se penso ai 40 cm di neve sul Garda mi vien da piangere. Il gestore dell'Azzoni al Resegone informava che sabato scorso c'erano 180 cm di neve e che il sentiero 1 non era battuto! C'eravamo illusi a inizio mese.
Ciao ciao. Cri

grandemago says: RE:
Sent 28 March 2013, 12h20
Quest'inverno le ho schivate (le ciaspole) e penso che quando arriverà il tempo della ripresa ci saranno i prati in fiore.....spero non i colori autunnali!
Ciao
Aldo

cristina says: RE:
Sent 28 March 2013, 15h20
Te lo auguro di cuore!
Beh dai con questo tempo e le previsioni c'è poco da stare allegri! :(


Seeger says: Lago di Guarda
Sent 28 March 2013, 11h57
Complimenti. Siete bravi!
Saluti dal Ticino (selvaggio)
Andreas

cristina says: RE:Lago di Guarda
Sent 28 March 2013, 12h03
Grazie.
Ciao Cri

gbal says:
Sent 28 March 2013, 19h30
Quando ho letto "Lombardia" e poi tutti i nomi dei waypoint mi sono detto: "ma dove sono andati a finire in Lombardia che io non li ho mai sentiti 'sti nomi?" Poi la spiega, più avanti.
Se devo dire una bella gita, un po' fuori mano per me ma possiamo consigliarla a Amadeus che lì è di casa, se non la conosce già.
Credo che per voi sia stata proprio una "passeggiata" confrontata con la dorsale lariana e a dispetto del nome preoccupante di Sentiero del Lupo.
Bravi (avete allungato per la Val di Non dopo?)
Ciao

cristina says: RE:
Sent 29 March 2013, 09h19
L'idea c'era ma viste le previsioni...

Comer e Denervo sono montagne poco note, anche se la Comer sembra sia molto rinomata per l'osservazione dei rapaci.
La prima volta che ci siamo stati c'erano degli esperti che ci hanno fatto vedere degli stormi di cormorani spiegandoci come e dove prendono le correnti, era stato bellissimo vederli salire dal lago e prendere il via.
Escursioni come quella di Como si possono fare una volta ogni tanto, danno tanta soddisfazione ma distruggono. Vedi la nostra alla Presanella di qualche anno fa...

Ciao ciao.


Post a comment»