Parque Nacional Los Glaciares - Laguna de los Tres


Published by ale84 , 28 July 2013, 12h10.

Region: World » Argentina
Date of the hike:22 February 2013
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: RA 
Height gain: 800 m 2624 ft.
Route:[LUNGHEZZA ca. 23km] Hosteria El Pilar - Campamento Poincenot - Campamento Rio Blanco - Laguna de los Tres - Campamento Rio Blanco - Campamento Poincenot - Laguna Capri - El Chaltén
Access to start point:Hosteria El Pilar si trova in fondo alla valle del Rio de las Vueltas ed è raggiungibile in 30-40 minuti d'auto su strada sterrata da El Chaltén, trasporto privato.
Accommodation:Hotel Cumbres Nevadas, El Chaltén, Argentina

Ieri sera dopo essere rientrati dall’escursione alla Laguna Torre abbiamo chiesto informazioni alla gentile ragazza del nostro hotel su come arrivare a Hosteria El Pilar, punto di partenza alternativo per l’escursione odierna alla Laguna de los Tres. Infatti chi non vuole compiere l’andata e il ritorno da El Chaltén seguendo lo stesso sentiero, può fare questa attraversata da Hosteria El Pilar che si trova in fondo alla valle dove scorre il Rio de las Vueltas, a circa 30-40 minuti d’auto su strada sterrata dal paese. La ragazza dice che ci pensa lei e contatta un tipo che organizza trasporti privati con un furgoncino al costo di 50 ARS a testa. Comodissimo, in pratica non dobbiamo fare nulla!
Come stabilito alle 7.40 arriva il tipo, ritira i nostri voucher e ci fa salire sul furgoncino insieme ad altri escursionisti e MTBikers, la trasferta prende più tempo del previsto perché il ragazzo si ferma lungo la strada in diverse occasioni per raccontarci storie del posto. Parla spagnolo ovviamente ma riusciamo comunque a capire qualcosina, fermatosi davanti ad una vecchia fattoria ci racconta che i primi a stabilirsi in questa zona sperduta furono degli europei all’inizio del secolo scorso e dopo aver visto alcune lepri anch’esse europee ci spiega che vennero introdotte proprio da questi personaggi. Purtroppo nel corso degli anni l’animale d’importazione ha fatto quasi estinguere la lepre indigena. Ora l’assurdo è che in Europa la lepre sta scomparendo e una ditta italiana si impegna a venire fin quaggiù per catturarle (vive ovviamente) e riportarle poi nel nostro continente! Roba da non credere! In alcune zone della Patagonia sembra che gli animali “importati” abbiano preso il sopravvento, qui la lepre europea mentre in Terra del Fuoco sono i castori a causare gravi problemi, visto che si riproducono alla velocità della luce e non hanno in loco dei predatori naturali che rallentino la loro diffusione!
La giornata è anche oggi stupenda, cielo blu, niente vento e solo qualche nuvola all’orizzonte ci lasciano ben sperare per un’altra gita memorabile all’insegna del bel tempo. Un’ultima breve sosta prima di arrivare a destinazione ci consente di fotografare il Fitz Roy, magnifico!
Alle 8.30 arriviamo a Hosteria El Pilar, il ragazzo prima di lasciarci ci consegna una cartina della zona anche se in effetti non sarebbe necessaria, i sentieri sono evidenti.
Si parte! Costeggiamo il Rio Blanco sulla destra orografica e ci inoltriamo nella vallata all’ombra del bosco di Lengas, gli scorci sul Fitz Roy si susseguono e in alcuni punti ci fermiamo a fotografarlo. Non credo di aver mai visto una montagna più perfetta di questa!
Dopo un’oretta e un quarto di facile cammino su terreno in prevalenza pianeggiante arriviamo al punto panoramico sul Ghiacciaio e la Laguna Piedras Blancas situati nella parte opposta della valle.
45 minuti più tardi arriviamo al Campamento Poincenot e utilizzando il ponte di legno attraversiamo il Rio Blanco e raggiungiamo l’omonimo Campamento sulla sponda opposta, nel frattempo ci siamo accorti che le nuvole si stanno purtroppo avvicinando velocemente e già immaginiamo quel che accadrà!
Superato il secondo campeggio attacchiamo la salita che si fa subito bella ripida, zig-zagando su per la montagna camminiamo per un’altra ora e alle 11.30 arriviamo al balcone panoramico che si affaccia sulla bellissima Laguna de los Tres, un lago turchese ai piedi del Fitz Roy.
A questo punto possiamo solo immaginare la grandiosità del posto, perché purtroppo il Fitz Roy è sparito dietro enormi nuvoloni e nonostante un’attesa speranzosa durata più di due ore, la montagna non si mostrerà fino al giorno della nostra partenza.
Dopo il pic-nic, verso le 13:00 saliamo in 10 minuti al vicino punto panoramico che ci consente di ammirare la Laguna Sucia che giace nella vallata accanto.
Da quassù vediamo i laghi sul fondovalle, la Laguna Capri dove transiteremo durante il rientro a El Chaltén e le piccole Laguna Madre e Lagua Hija.
Alle 13.45 dopo aver lanciato un’ultima occhiata speranzosa al Fitz Roy che proprio non vuole saperne di mostrarsi, iniziamo la discesa. Torniamo al Campamento Rio Blanco, attraversiamo di nuovo il fiume e in prossimità del Campamento Poincenot imbocchiamo il sentiero dalla parte opposta a quella dove siamo arrivati stamattina, in direzione del paese.
Il rientro è lungo, maciniamo parecchi chilometri e fa caldo come ieri, ancora ci troviamo a sperare in un po’di vento…davvero ridicolo! Una breve deviazione ci consente di vedere la Laguna Capri che però non è spettacolare come i laghi visti finora. Alle 17.15 raggiungiamo El Chaltén, siamo stanchi ma soddisfatti, la giornata tutto sommato è andata bene, in fondo il Fitz Roy l’abbiamo visto e di questo dobbiamo essere felici! È vero…ci manca la classica foto del lago con la montagna alle spalle, ma abbiamo le due immagini separate e potremmo sempre fare un collage artistico con Photoshop?!?
Domani dovrebbe piovere così avremo il tempo di riposare e fare bucato.
 
Tempo impiegato:
Andata 3h
Ritorno 3h 30 minuti
(soste comprese)

Altre foto del nostro viaggio in Patagonia sul sito di Mauro:  www.ariafina.ch


Hike partners: ale84, Mauro78


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T2
8 Nov 13
Laguna de Los Tres · gurgeh
T2
28 Dec 11
Laguna de los Tres · anles
T2
T2
5 Jan 19
Laguna de Los Tres · asus74
T3+
9 Mar 13
Berge der Superlative · amphibol

Comments (2)


Post a comment

martyne says:
Sent 29 July 2013, 15h09
percorso stesso sentiero ma un mese e mezzo prima di voi :-), mi sa che è un classico! bellissimo eh?
ps: ora basta pero' con queste relazioni patagoniche che mi fate venir una nostalgia ...

ale84 says: RE:
Sent 29 July 2013, 20h55
Ciao Martyne,
penso sia una delle destinazioni più famose della zona, del resto il luogo è davvero bellissimo anche in presenza di nuvole "fantozziane"!
Mi dispiace farti questo torto ma ho ancora parecchie foto da inserire! :-)
Ciao,
Ale


Post a comment»