Toblacher Pfannhorn / Corno di Fana di Dobbiaco (2663 m)


Published by peter86 , 10 September 2012, 19h27.

Region: World » Italy » Trentino-South Tirol
Date of the hike:10 September 2012
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I   A 
Time: 4:00
Height gain: 1060 m 3477 ft.
Height loss: 1060 m 3477 ft.
Route:Candelle - Bergalm - Pfanntorl - Toblacher Pfannhorn - Bonnerhutte - Candelle
Access to start point:San Candido - Dobbiaco - svolta a destra al semaforo - seguire per Valle di San Silvestro quindi per Candelle (poche indicazioni, fare caso alle paline di legno). Parcheggio prima della chiesetta sulla sinistra, circa 15 posti auto
Maps:Kompass n°57 (Brunico, Dobbiaco)

Dopo la bellissima passeggiata di ieri oggi decidiamo di aumentare il dislivello e l'impegno fisico e di puntare al famoso Corno di Fana di Dobbiaco o Toblacher Pfannhorn.
Si tratta della cima più alta nella breve cresta che separa l'Alta Pusteria dalla valle austriaca di Villgraten, quindi gode di un superbo panorama a 360°, che spazia dalle vicine Dolomiti fino al Grossglockner, la vetta più alta d'Austria.

Da Candelle seguiamo per un pò la stradina che continua dopo il parcheggio, prima asfaltata poi sterrata, fino ad incontrare nei pressi di un ponte sul torrente il bivio dove inizia il nostro anello. Il Pfannhorn è indicato solo a destra (sentiero n°25) ma sappiamo che si può raggiungere anche da sinistra, transitando per la Bergalm e il Pfanntorl, indicati dal cartello.
Svoltiamo quindi a sinistra e prendiamo il sentiero n°25a, che anch'esso assomiglia più ad una stradina che ad un sentiero.
La pendenza però è notevole, si sale in linea retta nel bosco costeggiando l'impetuoso torrente, fino ad arrivare ad un cancelletto per il bestiame, dove finalmente il sentiero spiana leggermente.
Non ci sono comunque pause nella salita ed in breve si raggiungono le baite della Bergalm (1 h 00), dove si esce definitivamente dal bosco.
Dietro la seconda baita si svolta a destra e poi a sinistra, ignorando il bivio per la Bonnerhutte, e si prosegue sul sentiero 25a, ora finalmente un vero sentiero e non una stradina!
Si sale sempre con pendenza costante ma non eccessiva fino a raggiungere il Pfanntorl (1 h 50), la bocchetta posta tra il Gaishorndl e la nostra meta.
Il sentiero segue la cresta (che segna il confine tra Italia e Austria), tenendosi ora sulla destra, ora sulla sinistra, ora sul filo. Non ci sono difficoltà, solo qualche breve tratto un pò ripido su pietre e sfasciumi ma davvero nulla di insidioso; il sentiero è sempre largo e non presenta punti esposti.
In pochi minuti raggiungiamo quindi la vetta del Toblacher Pfannhorn (2 h 05). Siamo un bel pò in anticipo rispetto ai tempi previsti, siamo saliti davvero ad un ottimo ritmo.

La cima di per sè non è un granchè, è larga e pianeggiante ed è un pò rovinata da una croce di dimensioni spropositate e da una piccola costruzione metallica di cui non so la funzione.
Il panorama però è davvero superbo, come detto spazia dalle vicine Dolomiti di Sesto e di Braies ai grandi ghiacciai austriaci del Grossglockner e del Grossvenediger. Un pannello ci consente di riconoscere tutte le cime che si posono ammirare da quassù.

Terminata la solita pausa contemplativa prendiamo il sentiero che scende alla Bonnerhutte, già ben visibile sotto di noi dalla vetta.
Raggiunto il Rifugio (2 h 40) ci fermiamo per il pranzo, che stavolta sarà un pò deludente, sulla bellissima terrazza panoramica.
Quindi riprendiamo il cammino, sul sentiero che da qui si trasforma di nuovo in un'autostrada sterrata. Si perde quota molto rapidamente, scendendo a tornanti tra i prati fino ad un cancelletto per il bestiame. Superato il cancelletto ignoriamo la stradina che prosegue dritta e svoltiamo a destra sul largo sentiero che si tuffa nel bosco.
Finita la ripida discesa ci si immette quindi sulla sterrata che torna a Candelle, si ripassa per il bivio dell'andata e si torna in breve alla macchina (4 h 00)


Hike partners: peter86


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

andrea62 says:
Sent 11 September 2012, 09h57
In due vacanze a Dobbiaco questa cima mi è sempre sfuggita, peccato. Ho invece salito il Monte Elmo e l'Hornischegg vicino alla Sillianer Hutte.
Ciao

peter86 says: RE:
Sent 11 September 2012, 16h02
Il Monte Elmo e tutta la cresta fino al Quaterna mi attira molto, ma non so se riuscirò a farla! Bisognerebbe stare qui un mese per fare tutto!
per quanto riguarda il Corno di Fana se ti capita di tornare da queste parti te lo consiglio, è davvero bello e anche poco affollato rispetto a molte altre cime della zona.
Ciao, Pietro

Sent 20 September 2012, 11h17
Ciao Pietro

appena siamo arrivati a Dobbiaco, siamo rimasti colpiti dalla bellezza della Valle di San Silvestro, purtroppo avendo due giorni a disposizione ci mancava il tempo materiale, altrimenti saremmo di certo saliti su questa cima che vista dal fondovalle sembrava decisamente interessante, molto scialpinistica... o sbaglio?

Bravi bella idea!

Adry

peter86 says: RE:
Sent 20 September 2012, 19h17
Grazie Adry,
non sbagli, da quel che so è una famosa meta scialpinistica!
D'estate invece è molto meno frequentata, noi abbiamo incontrato le prime persone dopo quasi due ore di cammino (stranissimo per questi luoghi).
Gran panorama dalla vetta, se vi ricapita di essere in zona vi consiglio di salirci!
Ciao, Pietro


Post a comment»