COVID-19: Current situation

Piz Greina (3124 m) e Piz Valdraus (3096 m)


Published by tapio , 6 October 2011, 09h40.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike: 3 October 2011
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   Gruppo Piz Medel   CH-TI   Gruppo Pizzo Corói   Gruppo Scopi 
Time: 10:15
Height gain: 1975 m 6478 ft.
Height loss: 1975 m 6478 ft.
Route:Vacarescio presso l’Alpe di Fontana S.Martino (1530 m) – Pian Geirett (1975 m) – Capanna Scaletta (2205 m) – Passo Greina (2357 m) – q.2517 in direzione NE – cima 3067 a SE del Piz Greina – Piz Greina (3124 m) – laghetto glaciale a q. 2735 m – cresta S del Piz Gaglianera – Piz Valdraus (3096 m) – q.2802 – Valdraus – Piano della Greina - Arco della Greina (2330 m) - Pian Geirett (1975 m) - Vacarescio presso l’Alpe di Fontana S.Martino (1530 m)
Access to start point:N 2, uscire a Biasca. Prendere la strada della Valle di Blenio fino ad Olivone, qui svoltare a destra per Campo Blenio/Luzzone. A Ghirone proseguire diritti e a Magana notare il cartello che preannuncia il divieto di transito a 2,5 km. Dopo 2,5 km lasciare l'auto nell'apposito spiazzo davanti al cartello di divieto (Vacarescio all'Alpe di Fontana S.Martino)
Maps:swisstopo / CNS 256 Disentis/Mustér

Il giro nella regione della Greina effettuato circa un mesetto fa mi aveva lasciato, oltre alla voglia di ritornarci, una sensazione di incompiuto, visto che, delle quattro vette sovrastanti, ero riuscito a toccarne solo due: il Vial e il Gaglianera. Certo, si tratta delle due vette più imponenti, più visibili e più aguzze; inoltre, non si può far tutto in un solo giorno, le ore a disposizione sono quelle che sono e, ritengo, la montagna va anche goduta, prendendosi il tempo necessario per la contemplazione e un pochino anche per la meditazione.

Con la gita odierna mi ripropongo di andare a visitare “i fratelli minori”, quelli che stanno alle estremità. E non mancano certo i motivi di interesse. La prima da me raggiunta, il Piz Greina, già solo per il nome vale le gita. Domina il Piano della Greina e da esso prende il nome. La seconda, il Piz Valdraus, sta all’estremo opposto, dopo le due cime maggiori nominate all’inizio: pur essendo la più bassa delle quattro ha una particolarità non da poco per chi, come me, ama il Ticino e la geografia: è il punto più settentrionale del Cantone.

Detto questo veniamo ai dettagli. Partenza prima dell’alba. Evito di descrivere il tragitto fino al Passo della Greina perché basta seguire il sentiero ed inoltre ne ho già accennato nella relazione sul Piz Vial e Gaglianera. Dal Passo della Greina (2357 m) proseguo ora in territorio grigionese sempre sul sentiero bianco-rosso, arrivando a superare la capanna (“Privat-Hütte”) Edelweiss. Da qui salgo sulle rocce montonate, lungo una traccia che già si lascia intuire dal Passo Greina e che si inoltra, puntando verso la cima del Piz Vial, in direzione NNE. C’è qualche scoglio roccioso da superare, ma sempre senza difficoltà  e senza ausilio delle mani. Giunto alla quota 2517, mi propongo di salire restando a SE rispetto al ghiacciaio (coperto da detriti) situato sotto la cima del Piz Greina. Raggiungo prima la cima SE, quotata 3067 (un po’ troppo vicina alla cima principale per avere una propria autonomia) e da qui su cresta o aggirandola a S in un punto, raggiungo la cima del Piz Greina (3124 m). Magnifica visuale sul Vial (si vede distintamente la croce ad occhio nudo) e sulla dorsale NE (Piz Miezdi e Piz da Stiarls), oltre che sulla Greina sottostante. Una bella montagna, facile ma affascinante!

Dopo una breve pausa, riparto, inizialmente sulla cresta W e poi su quella SW (talvolta leggermente a S della stessa), puntando al laghetto situato circa a quota 2735 sotto il Ghiacciaio di Gaglianera, tra la cima del Vial e, appunto, del Gaglianera. La perdita di questi 400 metri di dislivello è necessaria, se voglio evitare di salire sulle due cime centrali, che ho recentemente visitato. Arrivato al lago punto alla cima del Valdraus (ancora invisibile), superando prima le scogliere a S della cima del Gaglianera e poi salendo costantemente in direzione NW, entrando nella conca glaciale (si sente lo sciabordio delle acque sotto i detriti che coprono il ghiacciaio) a S della cima. La fatica comincia a farsi sentire ed il raggiungimento della facile vetta del Piz Valdraus (3096) mi permette di tirare il fiato e di godermi il fantastico panorama. Riesco addirittura a vedere il Poncione Rosso ed il Gaggio! Molto più vicino, invece, con un po’ di rammarico ammiro il Medel, visto che, dopo la mia salita immersa nella nebbia, sono tornato altre due volte al di qua della Fuorcla Sura da Lavaz con una meteo da urlo! In effetti già al Pian Geirètt ero stato tentato di abbandonare i propositi giornalieri e ri-tentare una seconda ascesa al Piz Medel, ma poi la ragione ha avuto il sopravvento.

La discesa avviene senza furberie, senza tentare, cioè, di guadagnare terreno tagliando verso la Capanna Scaletta. Punto invece al Passo della Greina, quasi addirittura sconfino nuovamente nel Canton Grigioni, ma questo mi permette di evitare i ripidi pendii erbosi che avevo dovuto superare nell’escursione gemella, anche se nella suddetta relazione sembrerebbe che abbia seguito la stessa identica via. Simile, sì, ma un po’ più a E (almeno l’arrivo sul Pian della Greina). Da qui, pur rimanendo più a N rispetto al mattino (sentiero bianco-blu con passaggio davanti all’Arco, rispetto al bianco-rosso del mattino passato dietro l’Arco) in breve alla Capanna Scaletta, e poi, via Pian Geirètt, all’auto all’ Alpe di Fontana S.Martino.

Gita adatta a chi voglia salire su cime di una certa quota senza dover sopportare passaggi difficili. Inoltre l’altopiano della Greina è spettacolare in sé, anche senza raggiungere una della quattro cime sovrastanti. Le sorgenti sia del Reno che del Brenno (o almeno di uno dei loro rami) aggiungono un sicuro motivo di interesse ad un’escursione già paesaggisticamente di gran pregio.
 

Tempi:          
 

Alpe di Fontana S.Martino (1530 m) – Piz Greina (3124 m) :              5 ore

Piz Greina (3124 m) – laghetto a S del P.Gaglianera (2735 m):           1 ora

laghetto a S del P.Gaglianera (2735 m) – Piz Valdraus (3096 m):      1 ora e 15’

Piz Valdraus (3096 m) - Alpe di Fontana S.Martino (1530 m):           3 ore


Hike partners: tapio


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T4 F
12 Sep 19
Piz Valdraus - 3096 m · irgi99
T4
28 Aug 14
Piz Valdraus (3096 m.) · ivanbutti
T4+ F II
T4+ F II
T4 F
21 Aug 14
Piz Valdraus · froloccone

Comments (4)


Post a comment

Jules says:
Sent 6 October 2011, 13h19
Maestoso! Grande Tapio: sempre bello leggere le tue imprese! :) Aspettavo di vedere le foto!

tapio says: RE:
Sent 6 October 2011, 15h50
Ciao Jules!
In questo caso devo proprio dire che, a parte una certa lunghezza (ma non eccessiva), non ci sono difficoltà tecniche: due belle cime alla portata di tutti!
Grazie per i complimenti, sei molto gentile!
Ciao, a presto, Fabio

beppe says: Complimenti
Sent 6 October 2011, 20h45
Bravo Fabio .
ciao Beppe

tapio says: RE:Complimenti
Sent 6 October 2011, 20h54
Grazie Beppe,
sempre molto gentile!
Ciao Fabio


Post a comment»