Cima P2415, Cima di Biasagn e Pizzo Quadro da Fontana


Published by Spino , 1 December 2020, 22h31.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:29 November 2020
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Cima Rossa   CH-TI 
Time: 5:45
Height gain: 1250 m 4100 ft.
Height loss: 1250 m 4100 ft.
Route:13 km

Come spesso mi capita nelle mie gite, anche questa volta ho notato che il mio personale elenco delle vette del Ticino è incompleto.
Questa volta complice è la "scoperta" del Pizzo Quadro 2300m. Vetta senza ne nome ne quota sulla carta nazionale, ma citata nella famosa guida del Brenna e da alcune recensioni di ascesa in questo sito ed in altre parti.
Dopo aver scrutato per ore in lungo in largo la cartina pensavo che la compilazione del mio elenco fosse completo, ed invece eccomi qua a dover aggiungere nuovamente l'ennesima vetta alla lista.

La mia gita è partita con una sveglia che non suona, e quindi con un oretta abbondante di ritardo rispetto alla tabella di marcia che mi ero prefissato. Arrivo a Fontana attraverso la strada della val Pontirone, la quale rimane all'ombra ed è parecchio gelata in questo periodo dell'anno (non viene fatta la manutenzione invernale).

Parto da Fontana alle 09:45, con una temperatura di -1°C. Fortunatamente dopo pochi minuti di cammino arrivo nella zona esposta al sole pochi metri di quota sopra il paese, ed è tutta un'altra temperatura percepita.
Il sentiero è bellissimo, in condizioni impeccabili e molto ben tenuto, e passato il paese Mazzorign entra in un bellissimo bosco.
Vado spedito perché è già molto tardi e le giornate sono corte. Il tempo cartello indica 2ore fino alla capanna Biasagn, ma in 1ora e 10minuti sono già li a curiosare questo grazioso piccolo rifugio.
Dalla capanna si può già ammirare la cresta alla quale sto puntando, quindi la direzione da seguire è semplice.
Parto dalla capanna dopo pochi minuti di pausa, ma ora il sentiero diventa molto più "rarefatto". Infatti lo perdo quasi subito, salgo seguendo la direzione giusta "a naso", e ritroverò il sentiero vicino alla sella P.2328.
La mia metà sarebbe la cima di Biasagn alla sua sinistra, ma la Cima P2415 alla sua destra è troppo bella per non fare una deviazione e salirla!
Nonostante la suo forma minacciosa, la difficoltà di salita è molto contenuta, non oltre il T4.
Raggiunta la vetta torno alla sella di prima, e poi punto diritto alla Cima di Biasagn.
Ci arrivo senza troppe difficoltà alle 12:30, e li mi godo una meritata pausa pranzo, spiando un gruppo di cervi poco più in basso ed un aquila sopra di me.
Siamo al 29 novembre, a 2415metri di quota, e la giacca e i guanti rimangono nello zaino! Che novembre spettacolarmente caldo e piacevole!!
La cresta dal lato sud è completamente priva di neve, ma ovviamente al centro e al lato nord è completamente gelata e ricoperta di brina/neve.
Vorrei proseguire rimanendo in cresta... ma qui trovo le prime vere difficoltà. Trovo un salto da disarrampicare abbastanza insidioso, molto esposto e ghiacciato.
Decido quindi di scendere dalla cresta per prendere un sentierino delle capre poco sotto che mi riporterà in cresta poco dopo.
Ma appena ritrovata la cresta trovo un'altra discesa tutt'altro che banale e molto esposta. Visto che comunque devo perdere quota, preferisco scendere da un canalino a sud molto ripido, ma almeno non esposto. Da li trovo un altro sentierino delle capre che mi porta agevolmente alla sella P2281.
Da qui la salita al pizzo Quadro diventa banale. Ci arrivo alle 13:30.
Dal Pizzo Quadro scruto la cresta che porta al Pizzo Muncréch. La si vede bene, ma con una prospettiva schiacciata di un paio di salti che mi troverei ad affrontare.
La mia idea iniziale era di arrivare fino al Muncrèch e poi tornare indietro, ma mi sono svegliato tardi, le giornate sono corte, la voglia di tornare a casa con ancora un po' di energie per giocare con le mie bimbe è tanta, e alla vista di un altro saldo di quota esposto da fare in discesa decido di tornare subito indietro. Per oggi può bastare cosi!
Alla sella P. 2281 prendo il sentiero che taglia verso la capanna Biasagn senza passare più dalla cresta, e poi da li seguendo lo stesso sentiero dell'andata con un passo molto tranquillo torno all'auto. Ci arriverò alle 15:30.
La parte più pericolosa di tutta la giornata è sicuramente affrontare nuovamente la strada gelata della val Pontirone.

Note finali:
- Giro carino e molto poco battuto. 
- Consiglio di farlo in senso opposto da quello da me fatto, in modo da dover fare i salti di quota nella cresta in salita e non in discesa
- vista eccezionale
- difficoltà T2 fino alla capanna, T3/T4 fino alla Cresta, e poi la cresta con i dovuti aggiramenti dei salti diventa un T4+ (oppure F).
- durata meno di 6ore pause comprese
- sono un po' dispiaciuto di non essere arrivato fino al Muncréch... ma pazienza, lo farò un'altra volta. 

Hike partners: Spino


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T4+ I
T3+
T2
T3+
T4-

Comments (4)


Post a comment

Gabrio says:
Sent 2 December 2020, 21h58
Benvenuto nel "club degli estimatori di Giuseppe Brenna".
Con lui si scoprono cose inaspettate e angoli di Ticino inusuali!!
Non dimenticarti il Piz Muncrech passando da Solgone, merita
di essere fatto!
Sono molto contento del giro che hai fatto, la tua soddisfazione era stata anche la mia!
Complimenti!!

Spino says: RE:
Sent 2 December 2020, 22h04
L'ho già messo nella "lista dei desideri" per la prossima primavera-estate.
Il mio problema è che la lista dei giri che vorrei fare è molto più lunga delle gite che avrò tempo di fare eheheh.
Grazie mille per il consiglio

Poncione says:
Sent 3 December 2020, 13h20
Cime non elevatissime ma abbastanza rognosette per il tipo di terreno spesso marciotto da affrontare. Anche le cime (tutte quotate ma senza nome) che proseguono sino alla Bocchetta di Borsgen sono molto belle da fare.
Bellissimo giro e, accodandomi a Gabrio, dico che il Muncrech è molto bello fatto a sè dal lato opposto.

Spino says: RE:
Sent 3 December 2020, 21h07
Allora la prossima primavera non mancherò di salirlo come consigliato :-)


Post a comment»