COVID-19: Current situation

Dom (4545 m)


Published by emanuele80 , 22 July 2020, 16h25.

Region: World » Switzerland » Valais » Oberwallis
Date of the hike:12 July 2020
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-VS   4000er 
Time: 2 days
Height gain: 3278 m 10752 ft.
Access to start point:Dal Passo del Sempione scendere a Briga, quindi per la Valle del Rodano fino a Visp, dove si prende per Zermatt-Saas Fee. Al bivio fra le due località tenere la destra, raggiungere e superare St. Niklaus fino a raggiungere Randa. Parcheggio coperto a pagamento nei pressi della stazione.
Accommodation:Domhütte (2940 m)
Maps:map.geo.admin.ch

La vetta trapezoidale del Dom rappresenta la massima elevazione della muraglia dei Mischabel, che strapiomba su Saas Fee con l’ostico versante est. Il versante nord è decisamente più abbordabile ma piuttosto isolato, nascosto dalla testata del lungo Hobärggletscher, proprio di fronte a Lenzspitze e Nadelhorn. Qui passa la via normale. Da tempo pregustavo una salita a questa montagna, così distante dal fondovalle e priva di funivie che abbrevino l’avvicinamento.

Sabato mattina siamo saliti al rifugio in una giornata grigia e sotto una leggera pioggerella. Appena partiti ci fermiamo al coperto nei pressi di una stalla in attesa che la precipitazione si attenui. Confidando nel miglioramento previsto, ce la prendiamo con molta calma, facendo anche il giro largo per il Charles Kuonen Hängebrücke su un sentiero lungo ma molto più dolce rispetto a quello classico il che, con gli zaini pesanti, si rivelerà poi un’idea vincente. Il meteo non concede miglioramenti fino alle rocce del Festflüe, dove inizia il sentiero attrezzato marcato bianco-blu. Qui comincia a vedersi qualche schiarita e riusciamo a salire su roccia abbastanza asciutta. Al termine delle difficoltà, un ultimo pendio fra erba e rocce ci porta al rifugio, mentre ampi squarci di sereno iniziano a scoprire la mole del Cervino e del Weisshorn al ravvicinato orizzonte. La Domhütte è un gioiellino, pulita e confortevole, le rifugiste simpatiche e gentili. Stranamente non è applicata nessuna precauzione anti-Covid e i prezzi sono i soliti svizzeri: 70 CHF per la mezza pensione soci CAI/CAS e 10 CHF per una bottiglia d’acqua. Cena non memorabile ma comunque abbondante e colazione l’indomani alle 2:30, noi siamo partiti quasi per ultimi intorno alle 3:30. Dal rifugio saliamo quindi la morena sulla destra orografica del Festiglescher seguendo gli ometti fino al ghiacciaio. Qui ci leghiamo e iniziamo a percorrerlo stando sempre sulla sinistra (solo un crepaccio evidente), al di sotto della cresta fino a raggiungere la base del pendio roccioso che sale al Festijoch. Superiamo il tratto con passi di II su facili cenge di roccia friabile, sono presenti in loco almeno tre anelli da calata che utilizzeremo al ritorno per fare due doppie da 25 m (le mie prime calate in doppia, grazie Ale!). Dal Festijoch perdiamo circa 70 metri di dislivello (da risalire al ritorno, e si sentiranno), iniziando poi a percorrere la zona centrale dell’Hobärggletscher, cercando di tenerci a debita distanza dai seracchi alla nostra destra, la traccia è comunque evidente ed il ghiacciaio in buone condizioni. Iniziamo poi a piegare a est verso il Lenzjoch, trovando neve fresca ma già battuta dai numerosi svizzeri che ci precedono, alcuni già in discesa. Superato un tratto più ripido e parzialmente ghiacciato, approdiamo sull’ultima spalla ripida dove il vento si intensifica ma ci permette comunque di raggiungere la vetta. Panorama sconfinato vista la giornata splendida ma sosta piuttosto breve a causa del vento.

Discesa rapida fino al Festijoch, dove impieghiamo tempo ad aspettare le cordate sotto di noi e ad allestire le doppie. Tornati al rifugio, sosta doverosa per riposare e recuperare le nostre cose e poi giù a Randa lungo il sentiero ufficiale in circa tre ore.

Splendida cavalcata in ambiente grandioso per una montagna da tempo nel cassetto dei desideri, trovata in condizioni perfette. Si tratta di una salita tecnicamente facile ma non bisogna sottovalutare l’impegno fisico complessivo se fatta in due giorni, tenendo conto del lungo avvicinamento e della discesa (più di 3100 m di dislivello).

Con Ale e Davide.


Hike partners: emanuele80


Gallery


Open in a new window · Open in this window

PD+
23 Jul 18
Dom beim zweiten Versuch · Frangge
PD+ II
1 Oct 17
Dom Festigrat · jfk
T4+ PD+ II
13 Aug 17
Dom, per Zufall über den Festigrat · MunggaLoch
T4+ PD+ II
10 Jul 10
Dom 4545m · as68
T3+ PD+ II
4 Aug 19
Dom, via normale da Domhutte · Marco_92

Comments (12)


Post a comment

irgi99 says:
Sent 22 July 2020, 18h27
Super complimenti per questa cima spettacolare!

emanuele80 says: RE:
Sent 23 July 2020, 10h44
Grazie Irene,
piuttosto lunga ma ne vale la pena!

Ciao,
Emanuele

Daniele66 says:
Sent 22 July 2020, 21h17
E' senz'altro una bella cima con un avvicinamento bello tosto.....Complimenti...Daniele66

emanuele80 says: RE:
Sent 23 July 2020, 10h46
Grazie Daniele,
a mio parere all'andata è saggio passare dal ponte (occhio alle vertigini!) allungando il percorso ma con salita più soft.
E facendo con calma il secondo giorno si riesce a non ritornare alla macchina troppo cotti.

Emanuele

Michea82 Pro says:
Sent 23 July 2020, 08h23
Complimenti bravi bella cima!

emanuele80 says: RE:
Sent 23 July 2020, 10h48
Grazie,
una lunga camminata su neve alla fine, con un breve passaggio roccioso. Panorama superbo.

Ciao

Michea82 Pro says: RE:
Sent 23 July 2020, 10h57
Un 4000 non da poco direi. Soprattutto poi per la discesa che vi siete fatti.

Fenice says:
Sent 23 July 2020, 10h04
Bella cima, uno dei miei sogni! Bravi :)

emanuele80 says: RE:
Sent 23 July 2020, 10h50
Ciao Fenice,
è stata anche nel mio cassetto per un po' di anni :)
Una bella soddisfazione salirla!

Emanuele

Poncione says:
Sent 23 July 2020, 13h32
Bellissima, e che vista sui super-giganti...

emanuele80 says: RE:
Sent 24 July 2020, 16h48
Si, ce n'è per tutti i gusti.
Un superlativo ambiente d'alta quota.

Ciao,
Emanuele

Sent 18 September 2020, 11h43
Fatto l'anno scorso il Dom, complimenti, una salita non per tutti...e che discesa poi fino a Randa

Francesco


Post a comment»