Cresta Colombo- Valganna


Published by morgan , 14 January 2020, 17h29.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 5 January 2020
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:00
Height gain: 600 m 1968 ft.
Height loss: 600 m 1968 ft.
Route:6,6 km

Lo scorso anno, salendo al bivacco Bee e Broggini, avevamo visto il cartello indicante la via alpinistica della Cresta Colombo e ci eravamo promessi di tornare sul posto per percorrerla. Dopo aver letto le relazioni su questo sito decidiamo di affrontarla attrezzati con corda e imbrago. Le difficoltà non superano il II grado ma l'esposizione e l'instabilità del terreno potrebbero mettere in difficoltà chi, come me, ha poca dimestichezza con l'arrampicata.
Arrivando dalla Valcuvia lasciamo l'auto nel piccolo spiazzo dell'imbocco della via forestale, chiusa da una sbarra, poco prima dell'agriturismo San Gemolo. iniziamo il cammino sulla pista forestale da cui deviamo poco dopo a sinistra seguendo il cartello del bivacco. Percorriamo un ripido sentiero che si inerpica sul pendio raggiungendo una cappella votiva sulla via proveniente dal passo del vescovo. Svoltiamo a sinistra verso il bivacco e subito dopo troviamo il cartello indicante la cresta Colombo. Lasciamo il sentiero e saliamo sul ripido pendio portandoci all'attacco della via di roccia seguendo sbiaditi bolli rossi. Alle prime rocce ci organizziamo con l'attrezzatura. Indossiamo l'imbrago e stendiamo la corda. Andrea, il più esperto, inizia la salita arrampicandosi sulle prime rocce con passaggi piuttosto facili ma subito esposti. Giunto su una sosta mette in tiro la corda e, uno alla volta, saliamo in sicurezza. L'arrampicata è valutabile sul II grado ma occorre valutare la stabilità della roccia in ogni singolo passaggio. La presenza di alberi sulla roccia alcune volte sono d'aiuto, altre di intralcio. Procediamo l'arrampicata con tratti brevi e varie soste. L'utilizzo della corda comporta tempistiche più lunghe ma ci fa stare più tranquilli. Raggiungiamo l'ultimo sperone dal quale occorre scendere alla sella sottostante. Con prudenza, senza troppe difficoltà scendiamo alla sella e riprendiamo la salita slegati. Dopo un primo ripido tratto fra massi instabili, zolle erbose e alberi ci ritroviamo nel bosco. I bolli rossi si fanno rarefatti poi li perdiamo. Comunque saliamo seguendo una direzione intuibile su pendio regolare. Guadagniamo quota a fatica su terreno instabile fino a trovare i segni biancorossi del sentiero che sale al Minisfreddo. Un tratto roccioso, attrezzato con fune metallica che facilita la salita, ci porta alla cima boscata del Minisfreddo. Seguiamo il sentiero che porta alla panoramica cima del Monte San Bernardo. Al bivio successivo svoltiamo a destra scendendo decisamente verso il Passo del Vescovo. Non arriviamo al passo ma deviamo poco prima andando a prendere la pista forestale che ci riporta al punto di partenza.
Partecipanti: Andrea, Darico, Dario.
Tempo impiegato: 30' all'attacco della cresta, 2h15' alla fine della cresta, 2h50' al sentiero, 3h00' al Minisfreddo, 4h05' tutto il giro.
Meteo: bello, limpido.

Hike partners: morgan


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (1)


Post a comment

Poncione says:
Sent 15 January 2020, 13h24
Bella salita Dario... non conoscendola avete fatto bene ad assicurarvi... non si sa mai. Ciao


Post a comment»