Monte Pizzul ... eee tutto molto bellooo !


Published by GIBI , 17 July 2019, 07h13.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:13 July 2019
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:45
Height gain: 1003 m 3290 ft.
Height loss: 1000 m 3280 ft.
Route:Km. 11,4 > Lizzola, bivio Miniera, Stalle del Tuf, Passevra, Baita del Crostaro, Fles Basso, Fles Alto, Passo della Manina, Chiesetta della Manina, Monte Pizzul ( o Pizzol ), Chiesetta della Manina, L’Asta Bassa, Lizzola.
Access to start point:Raggiungere Bergamo e seguire le indicazioni per la Val Seriana, oltrepassare il bivio per Clusone e percorrerla fino al fondo valle raggiungendo Valbondione e da lì salire a Lizzola.
Maps:Kompass n° 104 scala 1:50000 ( Foppolo, Valle Seriana )

Monte Pizzul … “ eee tutto molto belloooo ! “…  come declamava il popolare e omonimo telecronista “ …  bello si, però ci sono un paio di considerazioni da fare : la prima è che non è possibile passare il doppio delle ore in macchina rispetto a quelle che si cammina, la seconda è che fondamentalmente mi rimane il serio dubbio se  effettivamente quella che ho raggiunto fosse o meno la cima del Monte Pizzul.
Leggendo le varie relazioni anche su altri portali di montagna sembrerebbe che effettivamente la cima da me raggiunta sia quella del Monte Pizzul ( mt. 2070 ) mentre quella successiva poco più alta e con tanto di croce ( già registrata su Hikr come Monte Pizzul ) sarebbe invece il Pizzo delle Oche ( 2120), ma non tutti la pensano così anche se la carta escursionistica ufficiale della provincia di Bergamo mi darebbe ragione !

Comunque dopo un viaggio interminabile iniziato ad orari di lavoro e terminato ben oltre la pausa pranzo riesco a raggiungere finalmente Lizzola e quindi solo poco prima delle 13 anche a muovermi imboccando il sentiero 322 che si inoltra in valle costeggiando il torrente Bondione e che porta al Passo Bondione, oltrepasso la deviazione per la miniera dei Lupi e proseguo diritto guadagnando quota e 
incontrando negli attraversamenti di alcuni canali passaggi attrezzati con catene e qualche staffa utili soprattutto in caso di ghiaccio, neve o umido, arrivo quindi ad un bivio dove anziché proseguire diritto per il Passo Bondione prendo il sentiero 304 per il Passo della Manina e seppur continuando a salire di quota sto in pratica tornando indietro in direzione di Lizzola, passo quindi dalla Baita del Crostaro e poco dopo le 14.30 sono al Passo della Manina e alla sua bella chiesetta.

Breve pausa per tirare il fiato e riparto in direzione dell’obbiettivo della giornata … il Monte Pizzul ( o Pizzol ) inizialmente seguo il sentiero 407 per Teveno per poi deviare per l’erboso crinale dove sono presenti alcuni bolli rossi  che quasi subito scompaiono e da lì in poi bisogna salire a naso tra i cespugli individuando di volta in volta le tracce del sentiero, alle 15.10 sono su quello che dovrebbe essere il Monte Pizzul e quindi proseguo scendendo brevemente fino a trovare una croce di marmo spezzata, a questo punto ho in bella vista la croce di quello che io considero il Pizzo delle Oche salendo al quale si potrebbe proseguire passando per il Passo delle Oche per il Monte Barbarossa con un bel giro in aerea cresta e rientrare a Lizzola, la stanchezza dell’interminabile viaggio e il pensiero di dover affrontare poi anche quello di ritorno mi fanno però optare per il bersaglio minimo e perciò alle 15.45 sono già di ritorno alla tranquilla ( se non ci fosse il solito drone ) chiesetta per la pausa merenda.

Una mezz'oretta dopo sono di nuovo in cammino scendendo con il sentiero 307 ad Asta Bassa e alle 17.20 sono di ritorno a Lizzola dove si chiude questo breve giro tra i monti ma la giornata non finisce qui infatti c’è ancora un viaggio di ritorno da farsi e non privo di ulteriori intoppi stradali !

Giorgio


 
Escursione odierna di Km. 11,4
 
N.B. Tempi indicato soste escluse :

Lizzola – Baita del Crostaro – Passo della Manina – Chiesetta della Manina > 1h 40’
Chiesetta della Manina – Monte Pizzul – Chiesetta della Manina > 1h
Chiesetta della Manina – Asta Bassa – Lizzola > 1h

Hike partners: GIBI


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T3 WT3
10 Jan 18
Monte Sasna da Lizzola · ser59
T2
T3 WT3
T3+ WT4
5 Apr 14
Tre Confini · ser59
T3

Comments (19)


Post a comment

danicomo says:
Sent 17 July 2019, 08h11
Come mai sei finito da quella parti..??

GIBI says: RE:
Sent 17 July 2019, 11h34
Letto la relazione lo scorso anno su altro sito mi aveva parecchio incuriosito ... ora aspettavo solo si sciogliesse la neve per farci un giro !
certo non ci fosse il problema del traffico mi piacerebbe frequentare di più le Orobie anche solo per sentire come parlano !

cristina says:
Sent 17 July 2019, 09h48
Val Brembana e Seriana sono un incubo, sabato partire presto per evitare i lavoratori bergamaschi e per il ritorno bisogna portare pazienza...domenica puoi partire un po' più tardi ma il rientro lo paghi sempre...del resto la domenica sera, forse solo venendo dalla Svizzera ti salvi....

Domenica prima delle 16,00 c'era già coda per uscire dall'ultima galleria di Lecco, ci siamo salvati uscendo a Lecco...

Per quanto riguarda i droni...per fare la pipì bisogna anche guardare in alto ora, prima di essere ripresi :-(

GIBI says: RE:
Sent 17 July 2019, 11h38
... e pensare che ero partito alle 8 da casa ... poi dal benzinaio si blocca la cassa e si forma una fila oceanica per pagare ... sbaglio imbocco della vallata e vado verso Lovere ... faccio un passo ( non ricordo più il nome ) e finalmente mi ritrovo in Val Seriana dove però sono subito in colonna ... un incubo !

cristina says: RE:
Sent 17 July 2019, 11h40
Si vede che è destino che tu prima delle 11, quando va bene, non riesci a metterti in cammino :-)))

Forse era meglio se ti trovavi un giro a Lovere o più su...almeno evitavi un viaggio spaziale :-(

Menek says:
Sent 17 July 2019, 14h26
posto bello ma il traffico da quelle parti è pazzesco. Menek

GIBI says: RE:
Sent 17 July 2019, 17h52
speravo andando al sabato di scamparla ... peccato perché i posti mi piacciono e i sentieri sono decisamente sempre ben segnati ... si vede che sono zone e paesi dove è ben radicata la cultura montana !

andrea62 says:
Sent 17 July 2019, 15h18
Non potevo non correre a leggere un resoconto che accenna al Pizzul cronista con i suoi indimenticabili "scodella al centro" e via dicendo.
Comunque i dubbi su quale sia il Monte Pizzul, quando sono andato sul medesimo o sulla cimetta vicina,li ho anche io. Appena riesco consulto carte e appunti.
Ciao

GIBI says: RE:
Sent 17 July 2019, 17h53
... ecco bravo Andrea controlla ... casomai torno e mi faccio tutto il giro che avevo previsto che tra l'altro non è per niente male !

ciao Giorgio

Alpingio says: RE:
Sent 17 July 2019, 21h55
Confermo la confusione che c'è nelle cimette descritte...Anche io in passato ho ricontrollato più volte le carte, mi pare che sia giusta come hai scritto tu!
Giovanni

GIBI says: RE:
Sent 18 July 2019, 08h26
Peccato Giovanni non ci sia anche per quelle zone ( come invece c'è per la Svizzera ) un bel sito con le carte dove si può tornare indietro nel tempo ... si scoprono tante cose curiose e pure utili !

ciao Giorgio

Alpingio says: RE:
Sent 18 July 2019, 14h16
io uso questo
http://www.pcn.minambiente.it/viewer/
una volta aperto nel menu a sinistra seleziona servizi->wms selezioni wms.pcn.minambiente.it sotto cartografia di base IGM 25000 e poi visualizza layer ne selezioni uno dei 2 o tutti e 2
devi zoommare sulla zona di tuo interesse per vedere la mappa ;)
Ciao
Giovanni

GIBI says: RE:
Sent 19 July 2019, 19h58
l'ho guardato grazie ... mi tornerà utile, mi sembra un pochino più complicato di quello Svizzero però del resto si occupa di un territorio più vasto e la miriade di carte consultabili sono prodotte da enti diversi !

Alpingio says: RE:
Sent 19 July 2019, 20h16
In alternativa puoi usare JOSM che serve per editare le mappe Open street map. Da li carichi la traccia GPS (o scarichi l'area di tuo interesse) e puoi vederlo direttamente, una volta inserito il wms.pcn.minambiente.it nei layer, senza fare la trafila del browser. ;)

andrea62 says: RE:
Sent 20 July 2019, 18h28
Sulla cartina tradizionale 1:25.000 della Ingenia il Monte Pizzul è la cima più a nord della cresta che scende verso nord dal Monte Barbarossa ed è quotata 2063 dunque sembra proprio quella che tu hai indicato tra i waypoints.
Tra il Barbarossa e il Pizzul la cartina segna un'altra cima, senza nome, quotata 2106.

Tra parentesi ho trovato una foto di alcuni anni fa con me assieme a Bruno Pizzul, che venne a Monza a presentare una società di beneficenza e in quell'occasione parlandone disse anche "tutto molto bello!".

Ciao

martynred says:
Sent 18 July 2019, 08h46
Che tirata! Dovevi proprio essere curioso :) !!!!

GIBI says: RE:
Sent 18 July 2019, 13h28
Curioso ero curioso ... ma quando ero incolonnato nel traffico più volte ho pensato di fare inversione e tornarmene a casa ... poi ho pensato che erano passati giusto giusto 20 anni dal mio unico passaggio al Passo della Manina cosa vuoi che siano qualche ora in più o in meno ...

andrea62 says:
Sent 7 August 2019, 23h06
Dal recente libro "Storia reazionaria del calcio": il primo a descrivere l'azione fu Bruno Pizzul, che ha rivoluzionato il modo di fare le telecronache come l'Olanda di Cruijff ha rivoluzionato il calcio. Prima di lui i cronisti quasi si limitavano a dire il nome del giocatore che aveva il pallone.

GIBI says: RE:
Sent 9 August 2019, 11h04
... e pensare che a quei tempi qualcuno pure lo criticava per come faceva le telecronache come del resto facevano per il telecronista della Formula 1 Poltronieri ( senza tener conto dei minimali mezzi tecnici a disposizione dell'epoca ) ... poi vedendo e sentendo quello che c'è in giro adesso ... c'è sicuramente da rimpiangerli !


Post a comment»