COVID-19: Current situation

Balla con i Lupi


Published by froloccone , 25 December 2017, 21h35. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:23 December 2017
Mountaineering grading: PD
Snowshoe grading: WT5 - Alpine snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo San Jorio-Monte Bar 
Time: 7:30
Height gain: 1100 m 3608 ft.
Height loss: 1100 m 3608 ft.
Route:Carena---Barriera Strada Alpe Giumello-----Cascina Nova----Alpe Valletta--------Valletta-------Cresta di Fregere-------Motto di Levèn-------Bocchetta di Poltrinone......Direttissima alla Valletta......Alpe Valletta -------Cascina Nova------Barriera strada Alpe Giumello----Carena.

Il Motto di Levèn è una di quelle cime selvagge che d'inverno si trasformano.
Consiglio vivamente a chi volesse ripeterla in invernale di passare dal'itinerario classico che passa dall'Alpe di Poltrinone, in cui si incontrano alcune Vallette ghiacciate ma le pendenze risultano comunque più umane.
L'escursione effettuata da noi è stata possibile solo grazie alle particolari condizioni di neve ghiacciata e l'esposizione quasi totalmente a N in cui le ciaspole "lavoravano" come ramponi. In alcuni punti è stato obbligatorio usare picozza e ramponi a causa della pendenza davvero forte. Diversamente, ossia con neve mollata non sarebbe possibile procedere in sicurezza.

Partiamo dal'Abitato di Carena , calzando subito le ciaspole percorriamo la strada forestale per circa 4/5 km sino all'Alpe Valletta dove abbandoniamo ogni percorso ufficiale per addentrarci nella Valletta mantenendoci sul lato destro orografico del Torrente Morobbia, in ambiente glaciale e davvero selvaggio, man mano saliamo la pendenza aumenta e il passaggio tra gli ontani a volte risulta problematico,ma senza demordere guadagniamo quota e puntiamo all'evidente sella tra la Cima Verta e il Motto di Levèn sulla Cresta di Fregere,negli ultimi metri ci spostiamo verso NW attaccando la cresta più in alto. Qui la pendenza diventa notevole nell'ordine dei 35/40° e siamo costretti a riporre le ciaspole nello zaino. Mi "armo" di picca e con gli scarponi riesco a scalinare sino in cima, Emiliano mi segue dopo pochi minuti sfruttando la bella scala.
Ultimi facili metri in cresta e siamo in vetta. Complice la giornata bellisiima il panorama è davvero stupendo e vasto nonostante la quota modesta.
Per la discesa escludiamo la via percorsa in salita e dovendo scegliere tra l'itinerario più comodo  che passa dall' Alpe di Poltrinone e quello più diretto dalla Bocchetta di Poltrinone per la Valletta optiamo per il secondo, "inventandoci" una  discesa direttissima  davvero tosta con pendenze di poco inferiori alla salita e negli ultimi metri calziamo persino i ramponi che si riveleranno quasi fondamentali.
Una volta fuori dalle difficoltà possiamo iniziare a rilassarci e completare l'escursione tornando sulle nostre impronte a Carena, stanchi ma soddisfatti.

Il motivo della nostra escursione era riuscire a vedere i lupi presenti nella zona in buon numero e, precedentemente avvistati da  paoloski durante la sua escursione, ma purtroppo non siamo stati fortunati, le impronte viste di continuo in quota sono però la prova tangibile della loro presenza.
Commuovente l'incontro poco prima del paese con un capriolo dalla zampa quasi recisa.
Grazie a Emiliano per la indimenticabile condivisione.

BUON NATALE A TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Poncione
Anche stavolta il lato orografico sinistro della Val Morobbia ci ha dato parecchio filo da torcere... Qualche anno fa' salimmo a fatica in condizioni non felicissime di neve e ghiaccio sulla cima Nord dello Scrigno di Poltrinone, stavolta è stato il vicino Motto di Leven, trovato tuttavia con innevamento perfetto per le ciaspole, a crearci non poche difficoltà. La salita, per come è stata affrontata, si può dire ci abbia permesso di affrontare in scala crescente le difficoltà invernali da WT1 a WT5, costringendoci sul tratto finale a scalinare su una pendenza fattasi davvero "feroce". Non da meno la ripida discesa, che nell'ultimo tratto è stata davvero emozionante. ;) La "via normale", inutilmente cercata, non l'abbiamo proprio trovata, dunque ci si è dovuti arrangiare un po' a naso, limitando i danni. Ma per il panorama eccezionale che ci siamo trovati in cima qualche rischio ce lo siamo preso volentieri.
Nessun incontro in tutta la giornata, escluso lo sventurato capriolo con una zampa spezzata. :(
Dei "famosi" lupi nessuna traccia, ma ne abbiamo avvertito e annusato eccome la presenza.
Grazie ad Ale per la proposta...
Avanti così.

Hike partners: Poncione, froloccone


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (17)


Post a comment

Nevi Kibo says: Pre Natal
Sent 25 December 2017, 22h15
Una tosta prenatalizia per due tipi tosti.
Complimenti e auguri!

Paolo

Poncione says: RE:Pre Natal
Sent 26 December 2017, 13h49
Auguri anche a te, Paolo, grazie.

Angelo & Ele says: IL LUPO: uno dei miei animali preferiti...
Sent 25 December 2017, 22h53
Peccato per il mancato incontro con i lupi, animali tanto affascinanti quanto unici!

Ti consiglio il libro che lessi qualche anno fà di Mark Rowlands intitolato "IL LUPO E IL FILOSOFO".
Tale libro è veramente sorprendente e bellissimo...!!!
Trattasi della vicenda vera dell' autore che ha vissuto un' intera vita con un vero e fiero lupo che, ovviamente, gli insegnò ciò che nessun studio accademico potrà mai insegnare...
Se ti interessano i lupi te lo consiglio tantissimo...

Salutoni a Voi...

Angelo

froloccone says: RE:IL LUPO: uno dei miei animali preferiti...
Sent 27 December 2017, 08h02
Grazie Angelo!!!! Lo terrò presente!!!!
Il solo vedere le loro impronte è stato emozionante.........
Ciao.
ALE

Menek says:
Sent 25 December 2017, 23h04
bella raga, ma sono ancora sotto shock per la foto del Capriolo...
un abbraccio
Menek

Poncione says: RE:
Sent 25 December 2017, 23h14
Non hai idea di come ci siamo rimasti noi... speravamo che ci precedesse in paese, dove avrebbe potuto trovare chi lo curava o chi gli toglieva la vita e le sofferenze... ma è riuscito non so come a staccarsi dalla forestale pur nelle sue misere condizioni. Purtroppo il suo destino pare segnato. :(

Giansa says: Povero!
Sent 26 December 2017, 06h29
Che incontro straziante!
Questa volta possiamo dire di essere contenti di non aver condiviso l' escursione.
Un caro saluto.
Elena e Giampiero

Poncione says: RE:Povero!
Sent 26 December 2017, 13h48
Eh sì, l'incontro col capriolo ha un po' rovinato la giornata... ennesima conferma di quanto la Natura sappia essere crudele coi propri abitanti.

blepori says:
Sent 26 December 2017, 08h22
bel giro, quasi quasi ci incociavamo, poi sabata ho deciso per la val malvaglia

Poncione says: RE:
Sent 26 December 2017, 13h51
Allora meno male che non ci siamo incontrati, altrimenti si doveva fare anche i due Poltrinoni. ;)
Auguri Benedetto.

blepori says: RE:
Sent 26 December 2017, 18h55
Quindi girate tranquilli fino all'epifania sono in etiopia per un viaggio buon anno!

Simone86 says:
Sent 26 December 2017, 09h55
che bello, come cambiano gli ambienti quando si sbiancano, spettacolo, bravi!!

froloccone says: RE:
Sent 27 December 2017, 08h03
Grazie!!!
è proprio vero!!!!
Ciao
ALE

Serzo says: Lupi di montagna
Sent 26 December 2017, 11h28
Complimenti per l'avventura. Emozionanti anche solo a leggerli, sia l'incontro con le incisioni lupestri che col capriolo ferito. Anni fa vidi spuntare un moncone di zampa ungulata da una valanga e ricordo ancora lo shock...

froloccone says: RE:Lupi di montagna
Sent 27 December 2017, 08h04
Ciao Sergio!!!
Giornata emozionante sotto ogni punto di vista.........
Ciao.
ALE

GIBI says:
Sent 28 December 2017, 14h50
Bella avventura per i panorami ma un poco inquietante sia per il branco di lupi che per la probabile sorte del povero capriolo !

... ma ci tenevate proprio ad incontrarli i lupi ?

froloccone says: RE:
Sent 29 December 2017, 10h38
Grazie Giorgio!!!
Io sì!!!!


Post a comment»