COVID-19: Current situation

Scrigno di Poltrinone (1956 m)


Published by siso , 8 August 2014, 20h00.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike: 7 August 2014
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo San Jorio-Monte Bar 
Time: 6:15
Height gain: 1082 m 3549 ft.
Route:Monti di Ruscada (1022 m) – Cassina Nova (1075 m) – Tornante a quota 1097 m – Alpe Pisciarotto (1471 m) – Quota 1588 m – Sella a quota 1886 m – Scrigno di Poltrinone (1956 m) – Alpe Poltrinone (1702 m) – Bocchetta di Poltrinone (1850 m) – Alpe Valletta (1259 m) – Cassina Nova (1075 m) – Monti di Ruscada (1022 m).
Access to start point:Autostrada A2, uscita Bellinzona Sud – Giubiasco - Valle Morobbia – Carena – Monti di Ruscada.
Accommodation:Osteria Ritrovo dei Passeggeri, Vellano – Sant’Antonio.
Maps:C.N.S. No. 1314 – Passo San Jorio - 1:25000; Carta turistico - escursionistica “Strade di Pietra” No. 3 – 1:30000

Escursione in Valle Morobbia, sulla cima a nord dell’Alpe di Poltrinone. Il toponimo “scrigno” è dovuto probabilmente alla sua forma simile ad una gobba. Con il termine di scrigno non si intende infatti solo il cofanetto per custodire denaro o preziosi, ma anche la gobba, specialmente dei cammelli.

 

Inizio dell’escursione: ore 7.45

Fine dell’escursione: ore 14.00

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1016 hPa

Temperatura alla partenza: 14°C

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 3600 m

Temperatura al rientro: 22°C

Sorgere del sole: 6:12

Tramonto del sole: 20:46

 

Raggiunto Carena, continuo ancora per 2,3 km sulla stradina fino ai Monti di Ruscada (1022 m), dove lascio l’auto ad un ampio slargo, prima della barriera. Cammino per un quarto d’ora sulla carrozzabile asfaltata fino al tornante a quota 1097 m, quindi imbocco il sentiero per l’Alpe Levén. Un ponticello di legno mi permette di superare la Morobbia e di continuare la gita sul versante orografico sinistro de La Valletta, ad est dello Scrigno di Poltrinone. Mi trovo in un bosco di abeti rossi e faggi, su un bel sentiero che sale con pendenza regolare, senza strappi eccessivi. A 1165 m di quota abbandono il sentiero per alcune decine di metri, per osservare tre bacheche didattiche che rievocano la coltivazione di miniere di ferro a partire dal medioevo (dal 1400) fino alla fine del 1700.

Alle 9:00, dopo un’ora e un quarto di cammino, pervengo all’Alpe Pisciarotto (1471 m). La baita è preceduta da un’opera d’arte popolare goliardica.

                             

                        Arte popolare goliardica all’Alpe Pisciarotto…

 

La piccola radura rompe la monotonia del bosco fitto, concedendo delle belle vedute sui villaggi della Valle Morobbia. 

Riprendo la salita su un sentiero ora più selvaggio, in parte invaso dai cespugli e dalle erbe alte. I manutentori, che stanno lavorando più in alto, non sono ancora riusciti a ripulire questa tratta.

Il Gruppo Gestione Sentieri del Gambarogno, di Bellinzona e dell’Alto Ticino (tramite la sua squadra del Bellinzonese e Riviera) sta proseguendo i lavori di costruzione di un nuovo sentiero tra le Alpi di Levén, Poltrinone e Poltrinetto, iniziati nel 2010.

Quest’anno, i lavori sono stati possibili grazie anche alla disponibilità del Comune e del Patriziato di S. Antonio, degli Amici della piazzetta di Vellano e del Gruppo per la Valle Morobbia, di Bellinzona Turismo e dei proprietari delle cascine, che tutti gli anni mettono gentilmente a disposizione l’alloggio.

Si tratta di forme di collaborazione già sperimentate anche negli altri comprensori che vanno a beneficio di tutti i partner locali interessati, e non da ultimo agli escursionisti.

 

Dalla deviazione per l’Alpe Poltrinetto, a quota 1588 m, il paesaggio diventa più suggestivo. Subentra il lariceto, con radure più ampie, ricche di mirtilli già maturi. Incontro un operaio con un’escavatrice meccanica, che sta allargando il sentiero. Cammino ancora per alcune centinaia di metri sul versante destro della Val Merdera, in direzione dell’Alpe Poltrinone. A 1685 m di quota abbandono la via segnalata e punto alla sella a SE dello Scrigno. Non ci sono né segnavia né sentieri. È la parte più faticosa della salita: devo camminare su erbe alte, zigzagando fra i cespugli, sfruttando al massimo qualche breve traccia dovuta alle peste degli animali da pascolo, attualmente non presenti. In circa mezz’ora di fatica raggiungo la sella a quota 1886 m; mi rimane un quarto d’ora di marcia sulla cresta, che non presenta difficoltà; al massimo richiede un po’ di attenzione e l’aiuto dei bastoncini in prossimità di una “placconata” di rocce. Qui ritrovo un sentierino di pecore che mi guida fino all’omino di pietre, privo del libro di vetta. Dopo 3:15 h di cammino posso affermare: Scrigno di Poltrinone geschafft!

La foschia in pianura e le nuvole che si stanno avvicinando da sud non mi concedono delle foto panoramiche. Il fatto non mi turba più di tanto: prendiamola come un validissimo allenamento per le prossime escursioni, accompagnate si spera dal bel tempo.

 

Per il ritorno a valle decido di scendere di nuovo sul versante destro della Val Merdera fino all’Alpe Poltrinone (1702 m), per poi guadagnare la Bocchetta di Poltrinone (1850 m). Purtroppo nella successiva La Valletta il sentiero è in cattivo stato (erbe alte, cespugli invadenti, arbusti spezzati, tratti franati) e il telefonino non ha campo! Constato pure che la zona è soggetta a slavine, pertanto non credo che si presti alle escursioni con le pelli di foca.

 

Escursione nell’alta Valle Morobbia lungo sentieri poco frequentati. In questa giornata caliginosa i paesaggi non mi sono sembrati entusiasmanti; consideriamola comunque una proficua camminata d’allenamento, con oltre mille metri di dislivello in salita.

 

Tempo di salita: 3 h 15 min

Tempo totale: 6 h 15 min

Dislivello in salita: 1082 m

Sviluppo complessivo: 13,0 km

Difficoltà: T3

Coordinate Scrigno di Poltrinone: 728'435 / 112'305

Copertura della rete cellulare: assenza di segnale ne La Valletta

Libro di vetta: no

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»