Valle di Vergeletto : Pizzo di Porcaresc


Published by GIBI , 24 October 2017, 23h45.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:21 October 2017
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Rosso di Ribia   Gruppo Pizzo di Madéi 
Time: 5:45
Height gain: 1400 m 4592 ft.
Height loss: 1400 m 4592 ft.
Route:Km. 16 > Piano delle Cascine ( In dal Er ), Alpe del Casone, Alpe di Porcaresc, Pizzo di Porcaresc, Passo del Lago Cavegna, Alpe di Madei, Murisc, Buco d'Arena, Capanna Alpe d'Arena, Piano delle Cascine ( In dal Er ),
Access to start point:Autostrada Svizzera A2 uscita Bellinzona Sud/Locarno, prendere in direzione Locarno, passare il Piano di Magadino, imboccare la galleria Mapo-Morettina e in uscita seguire le indicazioni per la Valle Maggia e le Centovalli, a Ponte Brolla seguire le indicazioni per le Centovalli passando per Tegna, Verscio e Cavigliano fino a trovare la deviazione per la Val Onsernone, risalire tutta la valle passando per Auresso, Loco, Berzona e Russo fino a raggiungere il bivio per la Val Vergeletto risalire la valle passando la deviazione per Gresso oltrepassare il paese di Vergeletto e proseguire fino in località " In de er " o Piano delle Cascine ( dove c'è parcheggio ), la strada da qui in avanti diventa sterrata ma è comunque ancora percorribile fino al suo termine ( a piedi circa 1/2 ora ).
Accommodation:Capanna Alpe d'Arena, Capanna Salei, Locanda Zott
Maps:Quadra-concept scala 1:25000 Bassa Vallemaggia ( Avegno, Rovana, Onsernone

Secondo sabato consecutivo in Val di Vergeletto ma questa volta per chiudere una pratica lasciata aperta la scorsa primavera quando avevo trovato neve e ghiaccio residui a farmi desistere dalla salita al Pizzo di Porcaresc, questa cima è contemplata in sole tre recensioni di Hikr e solo di lingua Tedesca e la cosa è parecchio strana tanto più che fa parte di uno dei 50 itinerari escursionistici selezionati e consigliati dal mitico Giuseppe Brenna ( tra l’altro omonimo del mio nonno paterno ) nel suo libro edito nel 2008 dal titolo “ Un mondo di bellezza e di cultura “.

Partenza poco dopo le 10 dal ristorante di fondovalle in località “ In dal Er “ o Piano delle Cascine per poi proseguire sulla strada sterrata sotto la cava che passa dall’Alpe Casone ed ha il suo termine dove inizia ad inerpicarsi il bosco ( volendo con un mezzo fuoristrada si può arrivare fino a questo punto anche in macchina risparmiandosi una buona mezzora di cammino ) comincio quindi a salire deciso e alle 11.20 sono all’Alpe di Porcaresc dove mi concedo 5 minuti di tregua per scattare alcune foto ma poi riprendo a scarpinare scendendo la scala di sasso che da l’accesso allo splendido anfiteatro che ospita il Pizzo della Cavegna, il Pizzo di Porcaresc e il Pizzo di Madei, lascio quindi perdere il sentiero ufficiale bianco-rosso che porta in Alpe di Arena e mi inoltro un po’ su tracce di sentiero e un po’ ad intuito salendo il pendio di chine erbose in direzione del Passo del Lago Cavegna e del Pizzo di Porcaresc cercando di evitare nel possibile di attraversare le grosse pietraie incontrate in primavera e in parte ci riesco anche se comunque cominciano già a dolermi i muscoli delle gambe e ho anche una sorta di nausea che mi infastidisce nello sforzo, taglia di qui taglia di lì alla fine anziché arrivare al Passo del Lago Cavegna spunto sotto ad uno scivoloso canalone erboso in mezzo alle placche che pur non essendo la via più facile e ufficiale per la vetta con un bel po’ di prudenza e tenendomi ben aggrappato ai soli ciuffi d’erba mi porta a pochi passi della cima che raggiungo che sono le 13.

Come diceva il Brenna il panorama da questa cima spazia a 360° sulla Valle di Vergeletto, sulla Val Agrasino, sulla Valle dell’Alpe di Sfille, sul Lago Gelato e il suo omonimo Pizzo, sulla cresta affilata che va al Pizzo di Madèi e sulla placconata che va al Pizzo della Cavegna per poi proseguire fino alla Cima di Cregnell e al Rosso di Ribia, il già pallido sole è purtroppo sparito e così dopo le foto di rito e visto che causa la nausea non ho neppure fame alle 13.25 già riparto verso la Capanna Alpe di Arena, scendo verso il Passo del Lago della Cavegna superando con attenzione le prime placche e aggirandone le successive più imponenti spostandomi sul versante Italiano fino a raggiungerne il passo e qui mi ricordo che da qui ci ero già passato negli ultimi giorni di agosto del 2003 reduce da un giro assurdo di 2 giorni che da Spruga mi aveva portato al Passo di Fontanalba, al Lago Panelatte e a pernottare al Rifugio Bonasson per poi scollinare il giorno dopo in Val Vergeletto per tornare a Spruga passando per il Passo del Lago Gelato, per quello del Lago Cavegna, per l'Alpe di Arena e per quella del Salei, purtroppo che invece non ricordavo era l’interminabile pietraia che ha messo a dura prova le mie gambe già doloranti e anche la pazienza ( è quindi molto più salutare anziché tagliare dritto il pendio tornare in direzione  dell’Alpe di Porcaresc e riprendere quindi da lì il sentiero ufficiale che va in Alpe Arena ) comunque sempre più in preda alla nausea e passando dall’Alpe di Madei alle 15.25 sono finalmente alla Capanna Alpe di Arena dove faccio una sosta di una ventina di minuti ingurgitando  almeno una banana visto che sino ad ora non avevo ancora mangiato niente per poi ripartire verso valle e alle 16.35 eccomi di ritorno soddisfatto ma anche abbastanza distrutto al Piano delle Cascine dove sarà un ulteriore impresa togliere anche solo gli scarponi causa l’arrivo dei crampi, … morale della giornata … quando si è nell'attuale stato di forma è decisamente difficile trovare le giuste motivazioni per proseguire… di sicuro bisogna tenere duro è solo un momento che spero passerà presto !

Persone incontrate nel giro : nessuna
Animali incontrati nel giro : 2 camosci e 2 galline 

Giorgio



Escursione odierna di Km 16


NB ... Tempi indicati soste escluse : 

Piano delle Cascine - Alpe Porcaresc  > 1h 10'
Alpe di Porcaresc - Pizzo Porcaresc > 1h 40'
Pizzo Porcaresc - Rifugio Alpe di Arena > 2h
Rifugio Alpe di Arena - Piano delle Cascine > 50'

Hike partners: GIBI


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (16)


Post a comment

Angelo & Ele says: COMPLIMENTI...
Sent 25 October 2017, 08h38
...per la prima recensione italiana, in HIKR, di questa bella e panoramica cima! :-)

Spero la fastidiosa nausea non ti ritorni più, idem per i crampi (ma li hai pagato la lunga e tosta discesa nella pietraia..) comunque caro Giorgio sii meno severo con te stesso perchè se è vero che solitamente fai dislivelli e camminate da paura.. è altrettanto vero che anche oggi ti sei fatto ben 1400 metri di salita che sarebbero una gran bella camminata per il 90% degli appassionati di montagna...

Cari salutoni...

Angelo + Ele

P.S.
La schiena va meglio...?


GIBI says: RE:COMPLIMENTI...
Sent 25 October 2017, 13h26
Grazie Angelo ... è vero i tempi sono più o meno gli stessi di giugno ma con la fatica e l'indisposizione la spensieratezza e di conseguenza il divertimento sono ben diversi ... però si va avanti ... almeno fino alla visita dal fisiatra !

salutoni a te e ovviamente ad Ele

ciao Giorgio

danicomo says:
Sent 25 October 2017, 08h42
Mi associo ai complimenti per la scelta...
Daniele

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 13h27
Grazie Daniele ... veramente strano che sia così poco frequentata !

ciao Giorgio

Poncione says:
Sent 25 October 2017, 13h58
Bella scelta Gio. La Vergeletto merita.
Ciao

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 21h23
Grazie Emiliano, però sono sicuro che tu e Ale la abbinereste anche al Pizzo di Madèi !

ciao Giorgio

irgi99 says:
Sent 25 October 2017, 15h27
Bellissima salita! Peccato per nausea e crampi!
Bravo!
Irene

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 21h25
Grazie Irene,
i crampi finali con la lunga pietraia ci starebbero anche ma la nausea proprio no !

ciao Giorgio

beppe says:
Sent 25 October 2017, 17h02
Ciao Giorgio bravo per la tenacia auguri di un rapido miglioramento
Beppe

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 21h27
Grazie Beppe per gli auguri e speriamo sia una cosa momentanea e casuale !

ciao Giorgio

igor says:
Sent 25 October 2017, 18h12
Bravo Giorgio bellissima cima ! Ottima scelta complimenti Ciaooo

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 21h29
Grazie Igor ...
per me è una bella soddisfacente cima ma tu e il tuo socio la salite con una gamba sola !

ciao Giorgio

siso Pro says:
Sent 25 October 2017, 20h13
Bravo Giorgio!
È una bellissima zona, selvaggia e poco frequentata: complimenti per la scelta inconsueta.
Ciao,
siso.

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 21h30
Hai ragione Siso è una bella zona e mi sono anche accorto che però a torto è decisamente poco frequentata !

ciao Giorgio

Menek says:
Sent 25 October 2017, 21h54
Bel giro Gio, nonostante alcuni acciacchi. Riprenditi presto.
Menek

GIBI says: RE:
Sent 25 October 2017, 22h24
Grazie Dome è un periodo un po così ... ma passerà !

ciao Giorgio


Post a comment»