Punta Chaparelle, Punta della Gruvera, Punta Serange


Published by Andrea! Pro , 22 September 2017, 22h03. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Val d'Aosta
Date of the hike:20 September 2017
Hiking grading: T5+ - Challenging High-level Alpine hike
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 1380 m 4526 ft.
Route:12,9 km a/r
Access to start point:Niel (Gaby), Valle di Gressoney, Val d'Aosta.

Ci sono varie proposte sul piatto ma oggi io e Max64 siamo ragionevolmente sicuri che in zona biellese non troveremo nebbia. Puntiamo quindi a salire alcune cime che fanno da corona alla conca di Piedicavallo al confine con la Valle di Gressoney e lo facciamo partendo dal versante valdostano. Mi ritrovo nuovamente a Niel, a distanza di pochi giorni, in una giornata bellissima ma anche freschina.

Imbocchiamo il sentiero dell'Alta Via 1 che in un bell'ambiente ci conduce al Passo della Vecchia. Da qui la musica cambia, messi via i bastoncini e coperti per bene, iniziamo a seguire la dorsale/cresta verso la prima vetta, la Punta Chaparelle. Si superano dapprima dei blocchi di roccia, aggirando successivamente sulla destra, su ripido prato, un salto verticale. Tornati nuovamente sul filo di cresta la seguiamo più fedelmente superando alcuni passaggi che richiedono qualche passo di arrampicata e disarrampicata ma mai particolarmente impegnativi. Superato qualche dosso e con un'ultima salita su pratoni raggiungiamo la Chaparelle.

La giornata è limpidissima ed incredibilmente vediamo la pianura ... dal biellese ... un evento raro che oggi ci gustiamo a fondo ... :)

Per la discesa optiamo per seguire il più possibile la cresta, invece che una traccia di sentiero che taglia i ripidi pratoni. Ciò comporta qualche bel passaggio di disarrampicata, alcuni dei quali anche un pochino esposti ma decisamente più divertenti e piacevoli del paglione. Quando proprio l'ultimo torrione ci sbarra la strada siamo costretti ad abbandonare la cresta e seguire la traccia per giungere in breve al Colle Chaparelle.

Proseguiamo lungo il Sentiero E59 che ripidamente porta ad un colletto (Passo Ambruse) superato il quale si perde quota fino poco sotto ai 2200 metri dove incrociamo una traccia non ufficiale che tagliando in quota sembra condurre direttamente poco sopra al Colletto Bosa, evitandoci così di perdere altri metri di dislivello.
Raggiunta la dorsale sopra al Colletto Bosa ci dividiamo: Max punta diretto al Serange mentre io affronto i ripidissimi rododendri per toccare la Punta della Gruvera.

Raggiunto Max sul Serange ci concediamo una bella sosta prima di intraprendere la discesa al Colle della Mologna Piccola, discesa che si rivelerà molto più complicata del previsto. Infatti superato il primo breve e facile tratto ci si ritrova su un ripido sperone roccioso che tentiamo di aggirare a sinistra (lato valdostano). Il terreno ripido, qualche sfasciume e qualche piccolissima ma insidiosa macchia di neve ci impongono cautela ad ogni passo. Continuiamo poi la ripidissima discesa aggrappati letteralmente ai rododendri, senza i quali non saremmo mai scesi da qui. La "via dei rododendri" si incunea tra alcune placche rocciose quindi noi proviamo a trovare una via d'uscita migliore, riportandoci nuovamente in cresta che riusciamo a raggiungere dopo aver affrontato un paio di delicati passaggi in traverso.

Superiamo l'ultimo tratto di cresta con alcuni passaggi su roccette e finalmente giungiamo al Colle della Mologna Piccola dove ci attende solo l'ultima e piacevole discesa fino a Niel lungo un'incredibile e bellissima mulattiera.

Max64 La conca di Niel conferma la sua vocazione di zona bella, selvaggia e poco battuta.Il divertimento incomincia dal Colle della Vecchia e finisce con l'adrenalinica discesa al Colle della Mologna Piccola.Nel mezzo tanta bella cresta con alcuni passaggi da affrontare con estrema attenzione.Percorso da evitare in caso di bagnato,l'erba olina renderebbe tutto molto più complicato.Nel biellese una giornata così limpida è una rarità e ci ha permesso di gustarci dei panorami fantastici.
Escursione super.

Sweet Child O'Mine  GUNS N' ROSES

Hike partners: Max64, Andrea!


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

jkuks says:
Sent 23 September 2017, 13h39
sempre bellissimi questi luoghi. se poi trovi la giornata giusta! complimenti.
Gianluca

Andrea! Pro says: RE:
Sent 24 September 2017, 06h16
Grazie ... soprattutto dopo cbe il tuo "amico" ti invia a tradimento le foto della splendida giornata mentre sei al lavoro ...

Il Biellese è una zona che frequento spesso e oggi cercavo di completare la serie di cime che fanno da corona a Piedicavallo in Val Cervo ... ormai ne mancano davvero poche ... ;)

A.

jkuks says: RE:
Sent 25 September 2017, 06h17
sto "amico" traditore... si diverte a farmi soffrire :)

Giansa says:
Sent 23 September 2017, 13h56
Che splendida cavalcata di creste!
Davvero complimenti!
Ma per limitarsi alla sola Chaparelle è meglio salire/ scendere dal colle Chaparelle o dal colle della Vecchia?
Grazie e cari saluti.
Elena e Giampiero

Andrea! Pro says: RE:
Sent 24 September 2017, 06h12
Grazie ci siamo divertiti.
In effetti dovrei aggiungere al report il consiglio di effettuare il giro in senso inverso rispetto a noi, cosi da affrontare le maggiori difficoltà in salita.

Anche per quanto riguarda la Chaparelle dovrebbe risultare più divertente e facile affrontarla dal colle Chaparelle per scendere al Colle Vecchia.
Ti ritroveresti cosi ad affrontare salendo i numerosi passaggi in cui noi abbiamo disarrampicato ... a patto di rimanere sul filo il più possibile, altrimenti si tratterebbe di camminare su una traccia che tagli i ripidi prati.
Anche per scendere al Colle della Vecchia ci sono alcuni passi di semplice arrampicata ma meno numerosi e meno continui. L'unico punto che forse potrebbe creare qualche difficoltà arriverebbe verso fine cresta quando si è costretti ad aggirare un salto di roccia. Noi abbiamo fatto 3/4 metri su ripidi prati e un passo in roccia ma forse rimanendo maggiormente a sinistra (scendendo) lo si potrebbe anche evitare (foto numero 11).
Ciao.
A.

Arbutus says: Grandi!
Sent 23 September 2017, 20h04
Grande giro! E trovare una giornata senza nebbia e così limpida in quella zona è come trovare 100 euro per terra: a cose normali succede al massimo una volta nella vita :)

Andrea! Pro says: RE:Grandi!
Sent 24 September 2017, 05h58
Infatti nonostante ci fossero altre proposte in ballo abbiamo puntato al biellese proprio per godere della splendida giornata.
A.

Panoramix says: Splendida giornata ... ma ...
Sent 1 October 2017, 17h47
non c'era vento ? Non faceva freddo ? Quel giorno in Valle d' Aosta lo zero termico era a 2300 metri ...

Andrea! Pro says: RE:Splendida giornata ... ma ...
Sent 1 October 2017, 18h02
Si, un po di vento c'era (lungo la cresta) ma neanche troppo fastidioso ... e anche un bel freschino ... se noti in qualche foto siamo con giacca e guanti.
Però siamo comunque riusciti a fare una breve pausa pranzo in cima al Serange ...


Post a comment»