Cima di Cazzài (2435 m)


Published by froloccone , 17 August 2017, 18h56. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:12 August 2017
Hiking grading: T6 - Difficult High-level Alpine hike
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Monte Zucchero 
Time: 9:30
Height gain: 1730 m 5674 ft.
Height loss: 1730 m 5674 ft.
Route:15.9 km

froloccone
Finalmente dopo qualche giorno di maltempo prevedono una bella giornata, ma l'abbassamento della temperatura porta neve da circa 2500 m in su per cui decidiamo di spolverare un progetto da "noi" molto ambito.
La Cima di Cazzai, apparentemente offuscata dalla mole e bellezza del Poncione della Marcia è una montagna poco frequentata e non semplice da raggiungere ma possiede un'ambiente selvaggio e di grande bellezza.
Partiamo da Gerra Verzasca, seguendo le indicazioni per Veld per poi continuare sino a Corte di Sopra sempre su sentieri ufficiali (Prestare attenzione ai due pastori maremmani a guardia di Veld).
Da qui con il "Brenna alla mano" saliamo sull'itinerario per il Poncione della Marcia sino a quota 2000 m circa (bolli rossi e ometti) per poi abbandonarlo "infilandoci" nel canalone erboso/detritico che si stacca a DX.
Il canale diventa sempre più ripido e nella parte finale, passato un diedro erboso, si dovrebbe attraversare verso NNE su cenge e placche agganciando la cresta NE.
Ma noi decidiamo di seguire i bolli rossi "ricomparsi" nella parte finale del canale, ossia la variante dalla cresta SSE.
Saliamo ancora su erba ripidissima e arriviamo a una sella quotata 2280 m circa; seguendo sempre la discreta bollatura non ufficiale si passa sul versante W della montagna, cosparso di roccette e cengette erbose viscide. Attraversiamo dapprima una lunga ed esposta cengia, risaliamo alcuni terrazzini erbosi e rocciosi di I/II° che portano al passaggio chiave della salita, una cengia rocciosa larga dai 50 ai 20 centimetri molto esposta ma pianeggiante, che una volta passata aggancia finalmente la cresta SSE, e da qui senza più difficoltà su facili blocchi e un facile saltino finale si raggiunge la vetta.

Il panorama è davvero bello, il cielo che aveva minacciato pioggia si è aperto regalandoci forti emozioni.

Dopo una firma sul libro di vetta decidiamo per un anello scendendo dalla cresta NE che affrontiamo con aggiramenti dei vari salti rocciosi sul ripido versante SE sino alla sella quotata 2300 m della Cresta di Cazzài ove pranziamo e decidiamo il da farsi.
Abbiamo due opzioni: Scendere dal vallone verso Sonogno sorbendoci poi qualche chilometro di asfalto o raggiungere in direzione ESE, su terreno libero, il sentiero ufficiale che collega gli alpeggi di Magadign, Pianasc e Cazzai.
Optiamo per la seconda, scoprendo così un sentiero davvero bello e vario che aggira alla base la Cresta di Cazzài e ci riporta in fine, con un lungo attraversamento, a Veld, e da li con percorso uguale all'andata alla macchina dopo ben 9h e mezza dalla partenza.

CONSIDERAZIONI (personali e non)

Gerra Verzasca------Corte di Sopra:  T2, sentiero ufficiale.

Corte di Sopra-----Sella 2280  circa della cresta SSE: T4, terreno ripido erboso detritico.

Sella 2280 cresta SSE------ versante W-------Cima di Cazzai: T5/T6  a seconda delle condizioni. Cenge, saltini di I/II°, canalini e terrazzi erboso/rocciosi molto esposti, presente una discreta bollatura non ufficiale.

Cima di Cazzài-------Sella 2300 m della Cresta NE:  T4+, cresta rocciosa con possibili aggiramenti lato SE, presenti alcuni ometti.

Sella 2300 m--------Pianasc: T3, terreno ripido senza traccia privo di difficoltà richiede comunque buon orientamento.

Pianasc-------Cazzài-------Veld---------Gerra Verzasca: T2 sentiero ufficiale molto bello soprattutto sino a Veld.

Parlando con una persona competente in materia mi ha suggerito una cosa interessante: "Cazzai, cazzana in altri posti. C'è anche il Pizzo della Cazzana e la Valle della Cazza; e poi cazzü, cazzöla). Dal latino tardo CATTIA, boccale. Significa cavità del terreno, precipiz"i: vedi il Glossario 1 di Dario Petrini nella Guida 1 delle Alpi ticinesi, pagina 89.


Per la salita abbiamo seguito itinerario 1331/Guida delle Alpi Ticinesi vol 2 con variante finale per la cresta SSE, che a nostro parere se fosse privo di una rada bollatura rossa sarebbe davvero un "rebus". Sicuramente l'itinerario originale per la NE che abbiamo seguito in parte in discesa è più semplice.
Grazie ai soci per avermi accompagnato e sopportato in questa stupenda salita all'ennesima perla Ticinese.

gmonty
Montagna che per me era senza significato e di nessun interesse, che ho fatto "sulla fiducia", visto l'entusiasmo con cui ne parlavano i miei soci odierni ... e che, alla fine, si è rivelata assolutamente entusiasmante, arricchita dalla possibilità di una discesa ad anello che ci ha fatto conoscere le diverse sfaccettature di questa montagna.
Tre immagini mi rimangono significative : la cengia esposta, la "porta" di accesso alla vetta, e l'alpe Cazzaì, un piccolo paradiso per chi ha la cultura dell'ozio ...

Poncione
 Da tempo in programma, la Cima di Cazzai si è rivelata davvero ostica ed impegnativa: davvero, senza la bollatura rossa venire a capo della "variante" affrontata in salita non sarebbe stato per niente facile. Gli ambienti ammirati sono di prim'ordine, e nel complesso questa vetta ha poco da invidiare al più frequentato e attiguo Poncione della Marcia. Davvero bellissimi (e curati) anche i sentieri "bassi", intorno alla Cresta di Cazzai...
Esperienza bellissima, la Verzasca non delude proprio mai. Grazie ad Alessandro e Guido. E Avanti così.

Hike partners: GM, Poncione, froloccone


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 II
4 Jul 13
Cima di Cazzài · Zaza
T3+ I
T3+ F WT4
WT4
18 Mar 17
Poncione della Marcia (2454 m) · emanuele80
T3+ I
16 Oct 16
Poncione della Marcia · Giaco

Comments (16)


Post a comment

igor says:
Sent 17 August 2017, 19h35
Bravi bella pure questa,pensa che un giorno dovevo andare con moreno a farla con la marcia poi sono andato al fiume e lui le ha fatte tutte e 2 interessante questa cima è già un paio di mesi che mi frulla in testa ! Ciaoo

Poncione says: RE:
Sent 17 August 2017, 19h47
Grazie Igor... non ci è sfuggita infatti - tra le poche firme del libro di vetta - quella del tuo compagno d'avventure.
Comunque davvero molto bella... ti piacerà. ;)
Ciao

ciolly says:
Sent 17 August 2017, 21h48
E BRAVI... una bella conquista
...e ancora tanti "Cazzai"!!!
Ciao
Adri

froloccone says: RE:
Sent 18 August 2017, 20h38
Grazie Adriano e a presto!!!!
ALE

danicomo says:
Sent 18 August 2017, 00h27
Bel giro di ricerca, molto bravi....
Niente cuoricino giallo in vetta?

froloccone says: RE:
Sent 18 August 2017, 20h39
Grazie Doc, no a sto giro nulla......mmm

blepori says:
Sent 18 August 2017, 10h41
bravi e intrepi, complimenti! Benedetto

froloccone says: RE:
Sent 18 August 2017, 20h39
Grazie Benedetto!!!! Ciao
ALE

blepori says: RE:
Sent 18 August 2017, 21h28
sarebbe ora di rifare una scampagnata insieme, come hai visto mi sono tenuto in allenamento benedetto

Poncione says: RE:
Sent 18 August 2017, 22h30
Quando vuoi Benedetto... se hai qualche idea facci sapere.
Ciao

Sent 18 August 2017, 16h30
...altro che "cazzai" ....!!!!!! Gran numero e super super cima, Bravissimi!!!!
Graziano

froloccone says: RE:
Sent 18 August 2017, 20h40
Meno male che il tempo non si è incazzai......☺
Ciao e grazieALE

Menek says:
Sent 18 August 2017, 18h10
Cazzai,Cazzai,Cazzai... staminc...! Bella lì raga.

froloccone says: RE:
Sent 18 August 2017, 20h42

Simone86 says:
Sent 19 August 2017, 16h53
che descrizione magistrale ragazzi, gita ottimamente raccontata e bella districata sul labirinto roccioso della cima di Cazzai, supercomplimenti!!

froloccone says: RE:
Sent 20 August 2017, 21h04
Grazie Simone!!!!!!!


Post a comment»