Etna - Grotta del Serracozzo e Serra delle Concazze


Published by Andrea! Pro , 28 February 2016, 18h41. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Sicilia
Date of the hike:17 February 2016
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 675 m 2214 ft.
Route:6,6 km a/r
Access to start point:Rifugio Citelli .. spiegarvi la strada? Usate Google Maps sullo smartphone!

Poge
Atterriamo in Terra di Sicilia e ci spostiamo al favoloso Rifugio Citelli (versante nord-est), che fungerà da base per tutta la nostra permanenza. Sistemati e cambiati partiamo per una breve escursione pomeridiana, giusto per iniziare a "prendere confidenza" con la zona.

Seppur breve, il giro di oggi ci offre già visioni speciali di questa straordinaria montagna.

Si parte a piedi direttamente dal Rifugio, seguendo per pochi metri la strada asfaltata e imboccando il sentiero 723 del Serracozzo ... penso uno dei pochi sentieri segnati sull'Etna. Si attraversa un bel bosco di betulle endemiche della zona, con una corteccia molto bianca che risalta notevolmente sulla sabbia nera del terreno. I bolli rossi sugli alberi ci conducono alla Grotta del Serracozzo, una grotta di scorrimento lavico formatasi nel 1971. La facilità di accesso e una provvidenziale apertura sulla volta la rendono adatta ad una breve visita turistica.

Continuiamo a seguire il percorso oltre alla grotta fino a raggiungere il Serracozzo, dove si apre improvvisamente la vista sulla Valle del Bove .... rimaniamo a bocca aperta di fronte allo spettacolo muto di questa enorme valle completamente coperta di lava.

Da qui seguendo la dorsale arriviamo fino ad una cimetta, ultima breve elevazione della cresta che prosegue più sostenuta verso i Pizzi Deneri. Facciamo conoscenza con il vento dell'Etna, una delle maggiori difficoltà da affrontare nel percorrere questo territorio.

Per la discesa ci buttiamo direttamente in uno dei valloncelli colmi di sabbia lavica che morbidamente e con divertimento ci riporta ad incrociare il sentiero 723 ed infine di nuovo al rifugio dove, unici ospiti, ci attende un'ottima e abbondante cena.

angy
Finalmente la Sicilia con il suo affascinante vulcano. Lo aspettavamo in veste invernale, ricoperto da tanta neve, ma lo troviamo in nero e bianco... In veste diversa da come lo avevamo immaginato, ma pur sempre nel suo grande splendore! Già con questo primo giro resto stupita dalle grotte scavate dalla lava e poi alla vista della valle del Bove: quest'infinita distesa nera mi lascia senza parole. Rientriamo al Rifugio Citelli, dove siamo accolti calorosamente dal simpatico gestore, e ammiriamo la vista sul mare dietro di noi, ecco l'Etna che ci aspetta maestoso.

RocRaf74
Era diverso tempo che volevo venire con gli sci in terra di Sicilia ed eccoci qui, ma senza gli sci, sul vulcano più alto d'Europa: l'Etna. L'ambiente è incredibile, ti sembra veramente di essere su un altro pianeta. Qui i rumori che dominano sono quelli del vento e lo scricchiolare sotto i piedi della sabbia vulcanica, mentre quello che stupisce è la potenza della natura che distrugge e crea in continuazione.
Questa piacevole passeggiata alla portata di tutti, permette di ammirare il "Vulcano" da lontano e farci fremere di emozioni in attesa della nostra ascesa che avverrà fra due giorni.
La nostra casa per questi giorni sarà il rifugio Citelli che è totalmente isolato ed immerso nella natura con una vista spettacolare sulle pendici del vulcano e sul mare. 

Hike partners: angy, Andrea!, RocRaf74


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (10)


Post a comment

danicomo says:
Sent 28 February 2016, 19h31
Bello, a vedervi pare fosse bel "freschino"....
Buon proseguimento.

Andrea! Pro says: RE:
Sent 28 February 2016, 19h48
Temperature relativamente calde ma parecchio vento.
A.

Sent 28 February 2016, 21h40
Nostalgiche emozioni ci hai fatto provare dato che anche noi siamo saliti fin proprio sotto il cratere di nord-est dal rifugio Citelli: ...è il trek più lungo per arrivare in cima e alla zona "proibita" ma è anche il più bello e spettacolare... infatti siamo saliti in cima al vulcano anche da altri due versanti ma percorrendo sentieri decisamente meno belli ed emozionanti...

Camminare su un vulcano come l' Etna è anche sentire e percepire l' immane energia della Terra...

BRAVI Tutti e spero vi siate fermati a Giarre, o a Taormina o alla panoramica Castelmola per i commoventi dolci siciliani... :-)

Salutoni...

Angelo

Andrea! Pro says: RE:
Sent 29 February 2016, 07h42
Grazie.
Aspetta ... aspetta ... dammi il tempo di scrivere il report sulla salita al cratere ... sono venute fuori delle belle foto.
A.

Angelo & Ele says: RE:
Sent 29 February 2016, 09h24
Allora aspetto.. aspetto.... :-))

Immagino le tue/vostre future belle foto e, comunque, già queste sono proprio belle!

Ti ho inviato un email dove ti ho allegato una nostra foto scattata a soli 200 metri dal cratere che si stava.. diciamo così.. innervosendo...
Sia io che Ele non ce lo dimenticheremo mai quell' adrenalinico e magico momento...

Ciao e non sfondarti di cannoli, paste alle mandorle e cassate... :-)

Andrea! Pro says: RE:
Sent 29 February 2016, 11h02
Noi non abbiamo avuto eruzioni.
Da un lato ci sarebbe piaciuto ma dall'altro ci avrebbe anche impedito di andare in giro.
A.

Menek says:
Sent 29 February 2016, 10h08
Tanta sana invidia... :)))

Andrea! Pro says: RE:
Sent 29 February 2016, 10h38
Ti capisco.
A.

Daniele66 says:
Sent 29 February 2016, 20h07
Sicilia è Sicilia ..............Complimenti. .......Daniele66

Andrea! Pro says: RE:
Sent 29 February 2016, 22h26
E forse l'Etna è un altro mondo ancora dentro la Sicilia ... grazie.
A.


Post a comment»