Cima di Nèdro (2622 m): un osso duro


Published by tapio , 23 June 2011, 10h13. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:21 June 2011
Hiking grading: T6 - Difficult High-level Alpine hike
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Madöm Gross   CH-TI   Gruppo Cima di Gagnone 
Time: 10:00
Height gain: 2142 m 7026 ft.
Height loss: 2142 m 7026 ft.
Route:18,7 km. In dettaglio: Frasco - Alpe dell'Efra - Lago d'Efra - Capanna Efra - VAV fino alla base del Crestone - Cresta di colegamento tra Basal e Cima di Nèdro - Cima di Nèdro, quota 2522 - cresta - Bocchetta della Gana - Capanna Efra - ritorno per la stessa via dell'andata
Access to start point:Si arriva a Frasco da Gordola, percorrendo la strada della Val Verzasca. Comodo parcheggio presso la chiesa di Frasco
Accommodation:Capanna Efra
Maps:CNS 266 T Valle Leventina 1:50000 - CNS 276 T Val Verzasca 1:50000

Ci chiedevamo come mai la Via Alta della Verzasca non toccasse la Cima di Nèdro, e la nostra prima risposta supponeva che, dato che nei dintorni è sita la Capanna Efra, non ci fosse alcun bisogno che la VAV salisse anche lì. Dopo la gita odierna ci sembra appropriato avanzare anche una seconda ipotesi, secondo la quale la VAV non vi sale perché la Cima di Nèdro è “un po’ troppo” anche per la stessa VAV.

Noi non abbiamo toccato la cima, restando sotto di un centinaio di metri, ma l’escursione odierna ci ha dato emozioni tali da superare in intensità quelle trasmesse da decine di vette. Un’escursione piena, dal coinvolgimento totale, che ha nutrito gli occhi, lo spirito e anche le gambe, naturalmente. Più di così non avremmo davvero potuto sperare.

Dopo sei ore e un quarto di cammino, davanti alle rocce bagnate dell’ultimo sperone che precede l’erta finale della Cima di Nèdro, e dopo una successione di difficoltà superate con grande impegno fisico e mentale, abbiamo deciso che la giornata ci aveva già elargito tanto, e che non era il caso di chiedere di più. E così, senza nessun rammarico, siamo tornati sui nostri passi, per passare alla seconda parte di una gita da sogno.

Andiamo con ordine. Tres faciunt collegium. Quindi, il “collegio” così composto, Jules, SaBo e Tapio lascia Frasco alle ore 06.15. Seguiamo il bel sentiero che costeggia il Riale d’Efra, e, attraverso l’Alpe dell’Efra e l’omonimo Lago, raggiungiamo la Capanna situata sul bel balcone a 2039 metri di quota. Qui intraprendiamo la VAV in direzione Cògnora. Nessun problema per ora, se non che, nel tentativo di evitare una lingua di neve visibilmente cava (scavata dal ruscello sottostante), e dovendo rinunciare ad una trentina di metri di dislivello, Tapio fa una bella scivolata sul ripido, fortunatamente breve e senza conseguenze. Valicata la neve e recuperato il dislivello perduto, proseguiamo sulla VAV fino a superare un’evidenza rocciosa (la cui parte superiore è appunto denominata “Crestone”), dove abbandoniamo la VAV e saliamo con percorso libero su di un ripido pendio. Dopo la quota 2280, la pendenza diminuisce leggermente e noi puntiamo alla prospiciente cresta che collega il Basàl alla Cima di Nèdro, spostandoci sulla destra in direzione del Basàl. Arrivati sulla cresta, lo sguardo spazia sul versante opposto a quello di salita, con il Matro in primo piano, e l’impressionante Val Nèdro a picco sotto di noi. Dopo un breve tragitto aereo, SaBo preferisce godersi la visuale e i raggi del sole, mandando Jules e Tapio in avanscoperta. Evito di descrivere nei dettagli la cresta e la successiva salita verso la Cima di Nèdro: dirò soltanto che a difficoltà si assommano difficoltà, i passaggi di II° si susseguono uno dopo l’altro con notevole esposizione continua e su roccia instabile (lo Scaiee, dalla roccia che si sfalda, è nelle vicinanze…). La traccia è inesistente e la salita sul versante SE della Cima di Nèdro è vicina ad essere verticale. È comunque un piacere superare tutte le difficoltà. Come detto, più o meno a quota 2522 m, davanti ad una parete forse fattibile  ma comunque difficile e resa viscida dall’acqua decidiamo di ritornare sui nostri passi e ricomporre il collegio.

Dopo questa ricomposizione, abbandoniamo la cresta ed andando a posizionarci in un bel pianoro sotto la bocchetta senza nome situata tra il Basàl e la Cima d’Efra, diamo inizio alle libagioni. Il  momento conviviale è ottimo, il clou viene raggiunto quando SaBo esibisce con orgoglio le tazzine del caffè con l’inaspettata correzione e i dolcetti d’accompagnamento. Ritemprati a dovere, seguiamo la traccia alta in direzione del Passo del Gagnone ed in prossimità della B.tta della Gana (2207 m)  su buona traccia scendiamo per riprendere la VAV, che porta in breve alla Capanna Efra. Da qui, con andatura sempre sostenuta e  attraverso il sentiero già fatto in mattinata, ritorniamo a Frasco dopo 11 ore di escursione e 10 di cammino. Un grazie di cuore a Jules e a SaBo per aver condiviso una giornata così speciale.

                                                                                                                                    Tapio

Epilogo:

Una marmellata di amarene piovuta dal cielo a Frasco ed un’ottima birra ristoratrice in quel di Gordola concludono magnificamente il primo giorno d’estate.
                                                                                                                                  

Breve commento di Jules

Non è che ci sia molto da aggiungere. Tapio è stato brillante su questa pagina quanto lo è stato nel liquidare quei duemila e rotti metri di dislivello.
Più vado avanti, più mi convinco che non c'è cartina, Swiss-Map o guida del CAS che tengano: finché non ci metti tu, i tuoi piedi, non puoi sapere cos'avrai davanti!
Grazie mille a Tapio, che non ha fatto mancare risate, malgrado il fiato corto, e ottima intesa, lassù, in cima al nostro mondo.


Hike partners: Jules, SaBo, tapio


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 6397.xol Cima di Nèdro

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 I
3 Jul 16
Cima di Nèdro 2622 m · froloccone
T5+ F
T6+ PD II
T5 F I
T3
7 Jun 13
Capanna Efra · coral54

Comments (15)


Post a comment

Francesco says: Woww!!!
Sent 23 June 2011, 15h04
Bravi a tutti e tre.
L'unione fa' e da forza!!!

tapio says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 15h52
Grazie Francesco,
hai proprio ragione! Io che di solito vado in montagna da solo, devo dire che, grazie all'ottima compagnia, tutto quel dislivello non l'ho "quasi" sentito. Soprattutto la discesa mi è sembrata più leggera del solito!

Francesco says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 16h25
........Anche io andavo da solo ma, in compagnia ,oltre al confronto assapori qualche cosa in piu'.
Sicurezza in primis.
Noi sabato andiamo qui, in linea d'aria sei molto vicino, se siete interessa ci si puo' trovare.
http://www.qui-montagna.com/escursioni%20cistella.htm
NATURALMENTE ANELLO.

tapio says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 17h21
Devo darti ragione anche sulla questione della sicurezza: il rischio c'è sempre, ma in compagnia ci si può aiutare a vicenda.
Per sabato ho già un impegno (anche se non in montagna...), però il Cistella lo conosco, l'ho fatto nel 2003 e posso confermare che ne vale davvero la pena. Io ero salito da Foppiano (senza anelli) ma era stata davvero una gran gita!
Nel caso in cui l'invito rimanga aperto anche per altre volte, verrei volentieri, particolarmente in zona Ticino o eventualmente VCO. Grazie e a presto,
Fabio

Francesco says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 17h27
Ok. nelle successive settimane c'è in programma il Piz Terri, ti terro' aggiornato.
ciao.

tapio says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 17h34
Ehm, già fatto anche il Terri, nel 2004. Però lo rifaccio volentieri (mi aveva stregato, quella montagna: è troppo bella). Quindi, benvenuti gli aggiornamenti! Grazie e ciao

Jules says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 19h26
Se posso intromettermi... Non ti nascondo che ti ho pensato quando abbiamo dato quella forma "a palloncino" al nostro giro! Ricordo che sei un amante degli anelli! :)

Francesco says: RE:Woww!!!
Sent 23 June 2011, 19h41
...I Ns. Antenati alpigiani"Walser", erano in continua esplorazione, non tornavan mai sullo stesso percorso, eran sempre alla ricerca di vallate dove cresceva l'erba tenera.
Le loro tracce, anche se invisibili han lasciato l'intuito della meta.

rochi says: RE:Woww!!!
Sent 24 June 2011, 17h15
Gran bella scelta il Cistella. Noi l'abbiamo fatto a settembre. In questo periodo facile che trovi un po' di neve in alto, okkio. Noi siamo saliti da Foppiano e mi sembra un giro diverso da quello che farai. In una prossima occasione non te lo perdere perchè è fantastico: una delle più belle escursioni che abbia mai fatto!!! Ciao, attendo di leggere relazione.

Francesco says: RE:Woww!!!
Sent 24 June 2011, 17h43
Grazie Rocco, se ti vuoi aggregare sei il benvenuto.
ore 7:45 a San Domenico di Varzo.

rochi says: RE:Woww!!!
Sent 24 June 2011, 18h32
Grazie davvero per l'invito ma ho un conto in sospeso con la cima dell'Uomo che l'anno scorso ho fallito per un incredibile sbaglio di sentiero all'altezza della Forcola (quindi il conto in sospeso è con me stesso). Vorrei però attaccare da Vogorno, via Moscioi, Rienza e capanna Borgna. Vedremo. Pubblicherò....Ciao.

lebowski says: professional hikers
Sent 24 June 2011, 09h24
Oltre i duemila metri di dislivello si può parlare di professionismo...complimenti al simpatico trio!

Luca

tapio says: RE:professional hikers
Sent 24 June 2011, 11h44
Grazie Luca,
oltre ad essere un gran narratore, noto con piacere che sei anche aforista...
...perchè la tua frase, più che frase, la definirei "un aforisma montano".
Troppo gentile, ciao,
Fabio

ale84 says: Compagno perfetto!
Sent 28 June 2011, 13h26
Ciao montanari,
volevo complimentarmi con tutti e tre per la bellissima gita e la notevole prestazione fisica e mentale!
Credo Jules che tu abbia trovato il compagno perfetto per tentare la Corona di Redorta!
Se caso...tiferò per voi!
Saluti,
Ale

tapio says: RE:Compagno perfetto!
Sent 28 June 2011, 18h19
Ciao Ale,
ti ringrazio per il bel complimento! ...molto gentile!
Per la Corona di Redorta Jules sarà senz'altro un ottimo compagno per me, poi bisogna vedere se anche lui pensa lo stesso nei miei confronti...
Ciao, un saluto,
Fabio


Post a comment»