Pass de Buffalora 2262mt, Capanna Buffalora 2078mt, Lagh de Calvaresc 2220mt (da Alp de Bec)


Publiziert von giorgio59m , 4. Juni 2011 um 21:27. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Graubünden » Misox
Tour Datum: 3 Juni 2011
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Arbeola-Molera   CH-GR 
Aufstieg: 1000 m
Strecke:Alp de Becc 1514 - Baite 1745 - Pass de Buffalora 2262 - Capanna Buffalora 2278 - Alp de Calvaresc Desora 2131 - Lagh de Calvaresh 2220mt - Pass de Buffalora - Baite - Alp de Becc - parcheggio
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Percorrere l' autostrada per il San Bernardino ed uscire a Cama, oppure a Mesocco. Seguire le indicazioni per Soazza. Salire in paese fino a prendere la strada verso l' Alp de Becc (per non sbagliare una via sale a fianco della chiesa). Attenzione: ci sono lunghi lavori di sistemazione della strada Soazza-Alp de Bec. Informasi presso il municipio di Soazza

Mettiamo i piedi … in Val Calanca

Escursione organizzata quasi per caso, sfruttando il ponte del 2 giugno (feriale sia in Italia che nella confederazione). Purtroppo siamo solo in due, e decidiamo di prendercela comoda, sapendo anche che le previsioni meteo ci promettono tempo incerto, e sicuramente qualche pioggerella.

L’ intenzione è di salire alla Capanna Buffalora, ma partendo dalla Mesolcina, e più precisamente dal Alp de Bec, a 1514m, sopra Soazza, spunto una vecchia escursione di Ale84.

La strada Soazza-Alp de Bec, è in manutenzione, visto il lungo percorso ed il dislivello ne hanno ben ragione.

Contatto il municipio, e gentilissimi mi danno il calendario dei lavori, o meglio i giorni in cui si può passare. Dal 2 al 6 giugno è aperta  :-)

Raggiunto Soazza (uscendo a Mesocco oppure a Cama), si può salire dietro la chiesa, cercando la strada che prosegue nei boschi. Dopo poco troviamo il cartellone dei lavori, con le date di apertura e proseguiamo.

Sono ben 8Km, una strada stretta, che sale in boschi spettacolari.

Alle 8:15 raggiungiamo l’ Alp de Bec, e decido di parcheggiare più in basso, prima della sbarra e del ponte in legno nei pressi di una grande cascata.

Partiamo ed in 5m siamo all’ Alpe de Bec 1514m, la paline indicano 2 ¼ al passo e 2 ¾ alla capanna Buffalora.

Inizia una bella salita, in 3,7Km si salgono 770m di dislivello, ma una lunga serie di zig-zag ed un gran bel paesaggio, alleggeriscono le fatiche.

In poco più di mezz’ora raggiungiamo un bel gruppo di baite a 1745mt, non trovo il nome della località, ma il posto è fantastico, le varie casette sono tutte ben sistemate, belle e ben tenute.

Proseguiamo seguendo il sentiero sempre perfettamente segnalato, impossibile sbagliarsi. Le nuvole si muovono veloci, a volte molto basse da impedirci di vedere il passo di Buffalora, la prima tappa.

Poi alcuni squarci di sereno, e la voglia di salire aumenta.

Ma  la salita prosegue molto tranquilla, Gimmy mi aspetta paziente quando il mio fiato lo richiede, ma nonostante alcune pause il passo è veloce.

Finito il bosco ed alcuni pianori, si sale a fianco di rocce enormi, fino a quota 2080m, qui il sentiero devia deciso verso il passo, si distingue bene la sella ed il tracciato che la risale.

Per raggiungere il tiro finale, passiamo sopra molti residui di neve, dove possibile li aggiriamo ma alcuni devono essere attraversati.

Il tiro verso il passo è da … sfiatarmi, ma dopo 2:16 di orologio dal parcheggio raggiungiamo il punto più alto della giornata: il Pass de Buffalora a 2262mt.

C’e’ ancora neve, e lo sguardo subito verso la Val Calanca, per me la prima volta.

Le nuvole nascondono le cime, molte ancora ben innevate, ma il paesaggio è molto alpino, aspro, roccioso, bello.

Ora scendiamo verso la capanna, che ancora non si vede, le indicazioni sono perfette, si perdono quasi 200mt di quota, passando su due pietraie, raggiungendo la Buffalora dall’ alto.

Dopo 2:45 arriviamo alla capanna, ci sono due simpatici signori (signora e signore), ci spiegano di essere i responsabili del rifugio (che è chiuso per ancora 2 settimane), e si trovano lì per pulizie e lavori di sistemazione.

Ci fermiamo una quindicina di minuti, un piccolo spuntino, rifornimento d’ acqua alla fontana allì esterno del rifugio, poi partiamo per la prossima meta, il lago di Calvaresc.

Guardando verso nord, è evidente la conca che ospita il lago, quanto è evidente la lunga cascata formata dal suo emissario. In basso sotto la conca due costruzioni dal tetto rosso, è l’ Alpe de Calvaresc Desora.

Le tracce del gps dicono che si passa da questa alpe per salire al lago.

Salutiamo i gentili e simpatici gestori, si sono sforzati a parlare in italiano con noi, e partiamo seguendo le indicazioni. Scendiamo ad un pianoro, e seguendo il sentiero segnato, proseguiamo.
Ma … si scende “troppo”, un ‘occhiata al gps per capire che siamo troppo in basso.

Ritorniamo in dietro e saliamo su tracce di sentiero quasi abbandonato (le tracce di vernice sono molto vecchie ed il tracciato quasi nascosto), ma il gps ci aiuta, con fatica risaliamo quasi 150m persi, ritrovando il vero sentiero tra la capanna ed il laghetto.

Lo seguiamo con molti leggeri  saliscendi, passiamo da un bivio (è il bivio per il sentiero alto che porta al passo di Buffalora), e proseguiamo fino all’ alpe di Calvaresh che raggiungiamo in 1:10m, nonostante … la deviazione.

Ora ci aspetta un bel tiro di 100mt di dislivello, si sale a zig-zag, raggiungendo la splendida conca del laghetto di Calvaresh, il famoso laghetto a forma di cuore.

Sono 10-15m di salitona, ma arrivati alla conca … il laghetto merita, me lo aspettavo più piccolo, invece ….

Sono le 12:42 e decidiamo che non c’e’ posto migliore per pranzare … “Ristorante Miralago” …….

Una trentina di minuti di bella pausa, come dico spesso, il pranzo è un rito, da goderselo fino in fondo.

Poi partiamo, abbiamo percorso più di 7Km all’ andata, ed il ritorno è poco meno.

Scendiamo dal lago fino all’ alpe, ed andiamo a curiosare giù dal bordo del pianoro di fronte alle due case dell’ alpeggio, a picco sotto di noi, ben 300mt in basso,  Alp de Calvaresh di sotto a  1837mt, vediamo gli animali al pascolo.

Ripartiamo percorrendo a ritroso il sentiero, fino al bivio a Q2180.

Qui devo aprire una parentesi, per spiegare (come ha fatto anche Ale84 nella sua relazione) che il sentiero alto ha alcuni brevi tratti, quattro per l’esattezza, su roccia assicurati con delle catene, metto le foto di due di questi, non è come dal vivo … ma rendono l’ idea. In alternativa seguire il sentiero per la Capanna e poco prima c’e’ un bivio che risale a prendere il sentiero che congiunge il passo al rifugio.

Noi decidiamo per il sentiero alto, la preoccupazione non è per i passaggi ma per alcune lingue di neve.

Si sale e si sale bene, arriviamo al primo passaggio, niente di pericoloso, anzi qualcuno lo ha aggirato anche da sotto.

Proseguiamo attraversando pietraie e piccoli nevai, arriviamo al secondo tratto, in effetti gli altri passaggi sono più esposti, ma la catena aiuta.

Poco sotto il passo un grosso nevaio, ed in un pendio ripido. Ci consultiamo, lo attraversiamo o ?

Ci viene l’ idea, ottima alla fine, di aggirarlo da sopra, la lingua di neve è staccata dalla roccia quel tanto che basta per permetterci di passare, e velocemente siamo dall’ altra parte, dove troviamo il sentiero che in pochi metri ci porta al Pass di Buffalora (+1:15m).

Il tempo si è guastato, ci siamo presi anche un quarto d’ora di pioggerella, ma è decisamente meglio delle previsioni!

Scendiamo molto veloci, e dopo 2:42 dal lago siamo al parcheggio.

Che dirvi, non abbiamo goduto a pieno dei paesaggi alpini di questa escursione, le nuvole ci hanno limitato, ma quel che abbiamo “gustato” con gli occhi … ci inviata a ritornarci.

Per usare le parole, che condivido,  di chi ha ispirato questo percorso:

Un lungo percorso che vale la pena affrontare, poiché porta ad ammirare dei luoghi stupendi. Bellissima gita! 

 

 

Solito riassuntivo:

Andata: Parcheggio Q1490 prima dell’ Alp de Bec – Baite Q1745 – Pass de Buffalora – Capanna Buffalora – Lagh de Calvaresc.  7.8Km 4:28 lorde, 30m di soste

Ritorno: Lagh de Calvaresc – sentiero alto – Pass de Buffalora - Baite Q1745 – parcheggio. 6.4 Km   2.42 lorde, 8m di soste

Totale:  14.2Km

Dislivello: 1000mt assoluto, 1330mt relativo

Partecipantigiorgio59m , gimmy

 

 

Altre foto, diario, e foto panoramica sul nostro sito :

Girovagando

www.girovagando.net    escursione # 96


Tourengänger: giorgio59m, gimmy


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 6209.xol XOL escursione
 6210.gpx GPX escursione #96
 6211.kml KML escursione #96

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (8)


Kommentar hinzufügen

Jules hat gesagt:
Gesendet am 5. Juni 2011 um 07:43
Sempre dettagliate e coinvolgenti, le tue gite! Grazie per la condivisione! Buona domenica! Jules

giorgio59m hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Juni 2011 um 14:58
Grazie, sono felice di riuscire ad esprimere con parole quello che ho visto e soprattutto "sentito" !
E' un piacere condividere cose come questa.
Buona settimana.
Giorgio

gbal hat gesagt: Un coretto!
Gesendet am 7. Juni 2011 um 18:17
Mi aggiungo al coretto dopo il LA' dato da Jules. Complimenti per la precisa descrizione e le foto significative. La Val Calanca l'ho nel cuore anche io e ci tornerò, spero, a finire ciò che avevo incominciato da Santa Domenica.
Un bravo al "plotoncino".
Giulio

giorgio59m hat gesagt: RE:Un coretto!
Gesendet am 8. Juni 2011 um 09:03
Era un pò che mi mancava la ciliegina ... anzi l' amarena Fabbri (mi piace di più).
Ho scritto la relazione il giorno dopo, e a "caldo" le sensazioni sono ancora vive, ed il posti ... beh per quelli, meglio andare a controllare di persona.
Ne abbiamo tante, anzi di più, di escursioni e mete programmate, e la bella ed aspra Val Calanca è tutta da scoprire !!!

Alberto hat gesagt: complimenti!
Gesendet am 8. Juni 2011 um 17:02
questo è un giretto che ho in mente: spero di riuscire ad attuarlo! Ciao

Alberto hat gesagt: RE:Un coretto!
Gesendet am 11. Juni 2011 um 10:37
Ciao Giorgio,mi sono dimenticato di chiederti: ma hai per caso visto se il rifugio alp del Bec era accessibile? dovrebbe essere aperto al pubblico se ricordo bene,ciao

giorgio59m hat gesagt: RE:Un coretto!
Gesendet am 13. Juni 2011 um 10:42
Alberto, ti chiedo scusa ed ammetto la mia totale ignoranza, ma non sapevo che all' Alp de Bec ci fosse anche un rifugio. Sarei certamente andato a vederlo e fotografarlo, ma non sapendolo ...
Le paline non riportavano nessuna informazione, ho pensato che fossero tutte baite private.

ale84 hat gesagt: Quanti bei ricordi...
Gesendet am 1. Juli 2011 um 12:01
Ciao Giorgio!
Sono stata via per quasi un mese e ora mi sto "aggiornando" su quanto successo in mia assenza! Grazie per avermi citata, son felice di avervi ispirato per questa bellissima gita! Davvero peccato per la meteo...ma puoi sempre riprovarci, magari in autunno! La zona in quel periodo è magnifica! Buone escursioni,
Ale


Kommentar hinzufügen»