Piz Martum - Piz de Molinera


Publiziert von paoloski Pro , 10. Mai 2011 um 00:31.

Region: Welt » Schweiz » Graubünden » Misox
Tour Datum: 8 Mai 2011
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo di Claro   CH-GR   CH-TI 
Zeitbedarf: 3:30
Aufstieg: 960 m
Abstieg: 960 m
Strecke:Salita per la cresta Sud Est, discesa per la cresta Nord Ovest
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Dall'uscita autostradale di Bellinzona Nord si seguono le indicazioni per San Bernardino. Prima di entrare nell'abitato di San Vittore si svolta a sinistra per Giova, la strada sale con una dozzina di tornanti, superato l'abitato si incontra un bivio, caratterizzato da una freccia rossa in legno, qui si va a sinistra fino al termine dell'asfalto in località Prepiantò.
Zufahrt zum Ankunftspunkt:Giro circolare.
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Brogoldone CAS:
Kartennummer:CNS 1294 Grono

Seconda lezione degli Incontri di Avvicinamento alla Montagna 2011: cartografia ed orientamento. Indispensabile una cima panoramica da cui sia possibile traguardare diverse vette e, conoscendo il nome di almeno un paio di queste, determinare la propria posizione. La scelta cade sul Piz de Molinera: un autentico balcone su Bellinzona circondato da cime a 360°.
Siamo in venti: 13 allievi e 7 accompagnatori ed alle 9 abbiamo gli scarponi ai piedi. La strada che sale da San Vittore è veramente un gioiello: in condizioni perfette (a noi varesini, pensando allo stato pietoso delle nostre vie, viene voglia di urlare) e prosegue oltre Giova, un magnifico alpeggio in invidiabile posizione, fin quasi a Prepiantò.
Dal parcheggio al termine della strada asfaltata si seguono le indicazioni per l'Alp de Martum e la capanna Brogoldone, dopo il nucleo e la cappella di Prepiantò (qui, a quota 1438 metri, facciamo una prima sosta per tarare gli altimetri) il sentiero sale ripido nel bosco in direzione Nord Ovest, dopo Stabi la pendenza diminuisce leggermente ed il sentiero, precedentemente in pieno versante, inizia a salire su un costone finchè, a quota 1840 metri circa, esce dal bosco. Qui facciamo una sosta per cominciare a familiarizzare gli allievi con l'uso della bussola: traguardando il Camoghè ed il Gaggio, con l'aiuto di una matita e di un righello, riescono a determinare con buona precisione la posizione in cui ci troviamo.
Proseguiamo... pochi passi e troviamo l'indicazione bianco - blu per il Piz Martum  (la cima non è nominata sulla carta CNS ma corrisponde alla quota 2039 metri della cresta Sud Est del Piz de Molinera), poco dopo il bivio ci sono due abbeveratoi  scavati nel granito, testimonianza del lavoro dei montanari del posto. Il sentiero sale decisamente ripido con incredibili viste sul fondovalle, a picco sotto di noi, e sulle montagne della Mesolcina. In un attimo siamo sulla cima del Piz Martum, lasciamo testimonianza del nostro passaggio sul libro di vetta e proseguiamo sul filo di cresta verso il Piz de Molinera che da qui riusciamo, finalmente, a vedere. Lungo il percorso che porta alla cima c'è qualche elementare passo d'arrampicata ma senza alcuna esposizione ed i nostri allievi arrivano in cima senza alcun problema. Sulla vetta la neve è ancora presente, cerchiamo dei posti asciutti e diamo fondo alle libagioni di fronte ad un panorama eccezionale.
Dopo pranzo iniziamo la discesa lungo l'innevata cresta Nord Ovest, tranne in alcuni punti la neve è ancora solida e riusciamo a camminare agevolmente. Arriviamo rapidamente alla capanna Brogoldone, decisamente un rifugio n posizione fantastica! Una sosta per ricompattare il gruppo e riempire le borraccie alla fontana e ripartiamo, in piano, alla volta dell'Alp martum, dove si trova un piccolo bivacco patriziale, per poi discendere in direzione dell'Alp de Palazi. Da qui scendiamo alla sottostante strada sterrata (probabilmente sarà asfaltata fra poco) che con un paio di Km in piano ci riporta allew nostre auto.

Anche la seconda gita del corso ha soddisfatto allievi ed accompagnatori: tempo bello, meta appagante e messa in pratica di quanto appreso teoricamente su orientamento e cartografia (ma non è finita: c'è ancora un'altra lezione di verifica).


Tourengänger: paoloski


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»