Anello del Madom da Sgiof (2265)- Val Verzasca


Publiziert von morgan , 22. August 2010 um 22:59.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:21 August 2010
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Poncione Piancascia 
Zeitbedarf: 7:30
Aufstieg: 1750 m
Abstieg: 1750 m
Strecke:Ganne fermata bus (670)- Ganne (668)- Piano del Vald (1164)- bivio sotto Mottaruch (1976)- Madom da Sgiof (2265)- Passo Deva (2030)- Alpe Masnee (2091)- Scimarmota, Corte di Cima (2064)- Scimarmota (1837)- Sparvè (1016)- Sgerbi (769)- Brione (756)- Piee- Ganne fermata bus
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Piano di Magadino- Gordola- Val Verzasca- passato Lavertezzo e Motta, subito dopo il ponte, fermarsi sullo spiazzo a sinistra, poco prima della fermata del bus

Impegnativa escursione ad anello in Val Verzasca, lungo ripidissimi sentieri nel bosco, tra laghetti alpini e le creste della Via Alta Vallemaggia. Lascio la macchina sulla strada vicino alla fermata bus di Ganne e prendo il Sentiero dell'Arte in direzione di Lavertezzo. Subito arrivo a Ganne (669) al bivio con indicazione per il Madom da Sgiof. Prendo il ripidissimo sentiero che sale nel bosco in direzione SO e raggiungo la terrazza del Piano del Vald (1164). Il percorso ora piega verso SE e aggira la montagna in un bosco che via via si dirada fino a lasciar posto a prati, mirtilli e rododendri.  Ora in spazi aperti, passo poco sopra l'Alpe di Sgiof e proseguo sulla costa erbosa fino al bivio sotto il Motaruch (1976). Prendendo a destra si aggira la cima e si scende al lago di Starlaresc da Sgiof e all'omonima capanna, io prendo a sinistra salendo sulla cresta NE. Il sentiero sale ripido tra massi e rocce con facili appigli e raggiunge la cima del Madom da Sgiof (2265). Dopo qualche foto scendo dalla direzione opposta fino a raggiungere il percorso della Via Alta Vallemaggia che arriva sulla cresta dalla Cima di Nimi. Seguendo la cresta in direzione NO, perdo quota fino al Passo Deva (2036), importante crocevia che mette in comunicazione la Vallemaggia con la Val Verzasca. Ignorando le discese a sinistra verso Maggia e a destra verso la capanna Starlaresc da Sgiof, proseguo sulla cresta che risale in direzione della Cima del Masnee. Poi il sentiero piega verso sinistra e raggiunge l'Alpe Masnee. Proprio oggi c'è la Santa Messa e la festa per l'apertura della nuova Capanna Alpe Masnée (2063), punto di appaggio per gli escursionisti lungo il nuovo tracciato della Via Alta Vallemaggia. Oltrepassata l'alpe il sentiero ritorna sulla cresta poi la abbandona piegando a destra per aggirare il Pizzo Costisc. Perdendo quota arrivo a delle baite di Scimarmota, Corte di Cima (2064), dove lasciato il percorso della Via Alta, scendo fino alle cascine di Scimarmota (1837), situate vicino all'omonimo lago, non visibile dal sentiero. La lunga discesa prosegue a zig-zag nella valle, attraversando più volte ruscelli e rigagnoli. Passo dalle cascine di Sparvè (1016) e raggiungo il fondovalle in località Sgerbi (769). Il sentiero segnato mi porta ad attraversare un ponte per poi risalire sulla strada della Val d'Osola. Seguendo la strada scendo a Brione (756), poi lungo la strada cantonale passo da Piee (740) e arrivo alla macchina.
Partecipanti: Dario.
Tempi di percorrenza: salita al Madom da Sgiof 3h20', ritorno 4h10', tutto il giro 7h30' comprese le (brevi) soste.
Lunghezza del percorso: 17,6km.
Meteo: bello.
Note: avevo scelto questa destinazione dopo aver visto le belle foto di ale84, ma non avevo studiato bene il percorso  e sulla cartina che avevo io non era segnato il tratto di sentiero che sale da Matar al Lago Starlaresc, altrimenti sarei partito da Piee.
Il tracciato del GPS non è reale nell'ultimo tratto di discesa dal Vald dei Marzorini a Brione, poichè il mio Garmin è "impazzito".

Tourengänger: morgan


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 3248.gpx Madom da sgiof

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (5)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt: Molto bello....
Gesendet am 24. August 2010 um 09:09
....il tuo itinerario e belle anche le foto. E' una zona che per ora non conosco ma comincia già a maturare il "tarlo" di visitarla. A proposito del Garmin impazzito: è capitato anche a me sia con un 305 che con un Dakota 20. Cosa ti succede esattamente? Sto cercando "lumi". Grazie
Giulio

morgan hat gesagt: RE:Molto bello....
Gesendet am 26. August 2010 um 23:54
Grazie Giulio.
Io ho un Garmin e-trek summit HC e mi è capitato più volte che la traccia registrata non corrisponda a quella reale. Arrivo ad un certo punto dove la traccia comincia a deviare e poi prosegue nella direzione sbagliata. Non capisco perchè. Questa volta ero nel bosco in una valle un po' chiusa, un'altra volta, sempre nel bosco, pioveva. Ma altre volte anche in spazi più aperti. Però poi, forse perchè ero arrivato in spazi ampi, il GPS si era "accorto" di sbagliare e con un salto ritrovava la posizione giusta.
Complimenti per le tue "imprese". Ciao.
Dario

gbal hat gesagt: RE:Molto bello....
Gesendet am 27. August 2010 um 10:05
Grazie mille. Teniamoci in contatto sull'argomento GPS, se ti va; non appena ne sapremo di più scambiamoci le info. Credo sia molto importante avere una traccia affidabile, a parte per fini di report, ma soprattutto per la funzione "tracback" che, per definizione, NON deve fallire.
Ciao
Giulio

Alberto hat gesagt:
Gesendet am 13. Oktober 2010 um 10:52
Ciao Dario,ho letto la relazione e ho visto che a Sgerbi se andato a Brione attraversando il ponte: se non lo attraversavi,proseguivi sulla sterrata prima,poi su asfalto pervenendo al parcheggio situato vicino all'imbocco della cantonale,percorso più breve. Anche perchè di asfalto per raggiungere Ganne ve ne era ancora parecchio. Complimenti per la bella giornata e la super escursione. Ciao

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Oktober 2010 um 10:34
Grazie Alberto e altrettanti complimenti per la vostra escursione di ottobre. Effettivamente, quando sono arrivato a Sgerbi pensavo di proseguire sullo sterrato, ma le indicazioni del sentiero mi portavano ad attraversare il ponte, perciò ho allungato la strada un po'. Poco male anche perchè, dopo la lunga discesa, un tratto di asfalto è stato quasi rilassante. Ciao,
Dario


Kommentar hinzufügen»