COVID-19: Current situation

Torrone Alto (Cima SW - Cima 7, 2950 m)


Published by Varoza , 7 November 2014, 18h32.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:13 September 2014
Hiking grading: T5+ - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Torrone Alto   CH-GR   CH-TI   Gruppo Pizzo di Claro 
Height gain: 1997 m 6550 ft.
Route:Landarenca (1280 m) - Lego (1446 m - 1485 m) - Bosco del Ross - Bosco di Castaneda - Piöv di Fuori (1853 m) - Piov di Dent (1958 m) - Gagn da Piöv - Sella a N della quota 2759 m - versante S - cresta W - Torent Alto (Cima 7, SW - 2950 m). Discesa: Torent Alto - versante S - Sella a N della quota 2759 m - Gagn da Piöv - Costa del Galbines (2162 m) - quota 2022 m - Piöv di Fuori - Lego (1485 m) - Monterisc (1485 m) - Boliv (1478 m) - Landarenca (1280 m).
Access to start point:Allo svincolo autostradale di Bellinzona Nord si prende la A13 in direzione di San Bernardino. Dopo qualche chilometro di esce dalla semi-autostrada nei pressi di Roveredo/Grono. Ci si immette sulla cantonale in direzione di Grono fino al bivio che sale in Valle Calanca. Dopo ca. 12 km si raggiunge il villaggio di Selma, passando da Arvigo.
Maps:CN 1294 Grono

Venerdì 12 settembre, ore 20:35, RSI LA1: il noto meteorologo della rete ticinese compare raggiante ad annunciare a gran voce che durante l'imminente week-end si prevede tempo spettacolare... tanto da definirlo il miglior fine settimana dell'estate! Non ci si crede... scatta subito un giro di chiamate ed ecco organizzata l'ascesa al Torrone Alto, per il giorno seguente.
 
Prima di cominciare la relazione è necessario soffermarsi su alcuni particolari.
 
Il Torrone Alto è un imponente massiccio formato da numerose torrette. E’ una montagna complicata, sia dal punto di vista topografico che da quello orografico.
Durante i secoli ha acquisito numerosi toponimi: Torrente Alto, Torrone d’Orza, Filo di Piancalone, Torrone Alto, Torent Alto, Torrentone. I vari toponimi sono probabilmente riconducibili al fatto che il massiccio si trova alla convergenza di 3 valli ben diverse tra loro: Val Calanca, Valle d’Osogna e Val Pontirone. Come noto, gli autoctoni d’un tempo amavano chiamare ognuno alla loro maniera le sovrastanti creste. Chi lo sa, forse in modo recondito, essendo originario della Val Pontirone, mi piace per esempio il termine Torrentone, come appunto i miei antenati solevano chiamare questa montagna!
La situazione resta complessa anche per quanto riguarda le quote riportate sulle carte topografiche. Con il passare delle edizioni, le quote sono state spostate da una torre all’altra. Sulla cresta sommitale (estensione di oltre 700 metri), che va dalla vetta SW (2950 m) alla vetta NW (2897 m), contiamo ben sette cime. Sulle recenti Carte Nazionali sono riportate solo due quote ossia quella della Cima 6 a 2952 m e quella della Cima 2 a 2919 m. La vetta principale, ossia quella più alta è la Cima 4 (2957 mca.) non quotata. Un tempo quotata sulle carte nazionali, la vetta “classica” del Torrente Alto, ossia la torre SW (Cima 7 - 2950 m), che è anche quella che conferisce eleganza a tutto il massiccio, non viene più riportata sulle recenti edizioni.
Dal punto di vista bibliografico, la prima "Bibbia" delle alpi ticinesi, redatta dal dott. Ermes Borioli, "Alpi Ticinesi e Mesolcinesi" pone come unica vetta quella SW a 2950 m, ossia la Cima 7 (Edizioni Club Alpino Svizzero, 1973) mentre la più recente, quella di Giuseppe Brenna menziona nel dettaglio tutte e  sette le torri, dando comunque più risalto alla Cima 7 ("Guida delle Alpi Ticinesi", Volume 3, Edizioni Club Alpino Svizzero, 1994).
Infine, per chiarezza: Il waypoint di Hikr è puntato ora sulla quota 2952 m (Cima 6), e non su quella “classica” (Cima 7); La mia relazione, come peraltro due delle tre già presenti, si riferiscono appunto alla salita sulla cima SW 2950 m, e non alla Cima 6 come erroneamente titoli o waypoint lascerebbero intendere.
 
Albeggia, quando lasciamo il posteggio di Selma per divorarci in poco più di 5 minuti i primi 360 metri di dislivello... certo, seduti sulle comode seggiole della filovia Selma-Landarenca!
 
A Landarenca (1280 m) cominciamo a zampettare in direzione di Lego (1485 m), passando dal sentiero più diretto (senza toccare Boliv). A quota 1446 m abbandoniamo la traccia, e superando un breve gradino roccioso, calpestiamo la radura nei pressi della cascina di Lego (1485 m). Prima di entrare nel bosco, rintracciamo un esile traccia e la seguiamo fino ad agganciarci al sentiero con segnavia B/R/B che proviene da Monterisc. Avvolti da paesaggi bucolici superiamo i boschi di Ross e di Castaneda e guadiamo il Ria del Böc di Piöv, guadagnando così l'alpe di Piöv di Fuori (1853 m).
 
Poco più avanti scavalchiamo anche il Ria di Pianca Geneura, oltrepassato il quale la via si perde nella radura. Essendo già passati in precedenza da questo punto, individuiamo subito il sentierino che riprende ad essere ben visibile appena ci si inoltra nel bosco di larici. Aggirando alla base la Costa del Galbines, ci concediamo una prima importante pausa all’alpe Piöv di Dent (1958 m).
 
Riprendiamo l’ascesa, superando a destra una scogliera per poi sfruttare l’evidente costone erboso che ci porta agli ampi pascoli soprastanti, tra Gagn da Piöv e I Pianon de Piöv. Adesso abbiamo già nel mirino il canalone che andremo a risalire per raggiungere la cresta del Torrone Alto.
 
Tra pietraie ed erba, passiamo accanto alla quota 2364 m, per poi immetterci nella parte iniziale del vallone detritico. Ci teniamo dapprima sulla destra sfruttando il più possibile le chiazze d'erba. Quando il terreno diviene più sassoso, all’incirca a metà del canale, ci spostiamo invece nella sua parte sinistra con ascesa diagonale, evitando i punti più friabili. Nella porzione superiore, composta perlopiù da macigni, il canale gira verso sinistra, superiamo un facile imbuto roccioso (sulla destra, sotto le pareti) e ci affacciamo così per la prima volta sul versante osognese, seduti sulla splendida sella posta appena a N della quota 2759 m. Per chi non ama canali o pietraie, si può anche procedere sull'evidente costola a sinistra del canale, su terreno prevalentemente erboso (sulla CN sembra esserci solo roccia, in realtà la gobba resta piuttosto erbosa). Si può risalirla tutta e portarsi poi alla sella per la rocciosa cresta S, oppure abbandonare prima la costola superando delle placchette, e rientrare nella parte alta del canale, a pochi passi dalla sella.
 
Dalla citata bocchetta (dove arriva anche la via normale che sale dall’Alpe di Cava) entriamo sulla sinistra nel versante S ed in diagonale procediamo su facili pendii erbosi finché incontriamo i primi gradini rocciosi che fanno impennare la montagna. Cinti da immense pareti rocciose proseguiamo ora all'interno di un canalino detritico per poi salire sulla spalla alla nostra sinistra, in modo da evitare il terreno franoso. La corretta via è anche segnata da alcuni ometti di sasso che non sono però di facile individuazione. Giunti su un terrazzino erboso, che sovrasta le caratteristiche placche sottostanti, rientriamo nel seguente canaletto puntando ora più verticalmente verso due evidenti spuntoni che emergono dalla cresta formando una U. A circa quota 2810 m. (quota riportata dall’altimetro; la realtà potrebbe variare di qualche metro) c’è il bivio: qui bisogna decidere se proseguire in verticale in direzione dei due torrioni, oppure virare decisi a destra optando per una traversa su una cengia erbosa che permette di raggiungere un evidente ometto di sasso a forma di menir (dal bivio lo si vede bene poiché resta in zona tattica sul ciglio della costola, sulla destra). Per la salita scegliamo la prima opzione mentre al ritorno opteremo per la più facile "via del menir". Arrampichiamo dunque qualche ulteriore gradino fino ad immetterci in uno stretto camino (nella zona dei due evidenti spuntoni), per raggiungere una forcella sull'anti-cresta W a ca. 2850 m (qui non ci si affaccia ancora sull'Alpe di Cava). Aggiriamo uno spuntone sul versante N della cresta intermedia e subito notiamo che le rocce divengono bagnate e viscide. Per fortuna è l'unico tratto non esposto al sole! Rientriamo subito sulla cresta e qui incontriamo la difficoltà maggiore. Un caminetto di un paio di metri (passaggio di II), non molto appigliato e per di più esposto. Alla sua base c’è un minuscolo balconcino erboso che aiuta lo stacco iniziale, mentre all’uscita c'è un vecchio cordino blu, attaccato ad un antico chiodo rosso. In caso di discesa potrebbe venir utile, anche se la sua sicurezza sarebbe da verificare. Superata questa difficoltà camminiamo sempre sulla cresta intermedia, formata da macigni gradinati, oppure ci concediamo qualche lieve uscita sulla destra, agganciandoci infine alla cresta W, proprio a ridosso di un grosso ometto di sasso. E’ fatta… non ci sono più ostacoli tra noi e la vetta del Torrone Alto (2950 m), che raggiungiamo per il suo pianeggiante filo detritico.
 
L'assortimento di vetta è ampio… una piccola croce con il Cristo, un manico d’ombrellone, qualche smunta bandierina tibetana, una pietra con l’incisione GM1921, oltre alla gamella con il libro. La cresta che va dalla Cima d’Örz al Pizzo di Claro forma un biscione roccioso che da quassù resta spettacolare! Verso E, invece spuntano le famose torrette descritte in precedenza.
 
Il clima è mite per cui non abbiamo fretta di scendere e ce la prendiamo comoda! Tanto comoda che ad un certo punto si crea un simpatico siparietto. Quasi assopiti, ci destiamo d’improvviso sentendo le imprecazioni dell’amico, che poco distante sta immortalando gli scenari adiacenti. Accidenti, con un gesto goffo, la SD Card con tutte le foto della salita si è intrufola in un groviglio di sassi! Attimi di panico… beh, posso capire che per un amante della fotografia questo sia un vero dramma! Corriamo in soccorso, con tanto di pile frontali che illuminano i meandri della roccia. Può darsi che ora la vetta misuri solo 2949 m, poiché il numero di sassi che spostiamo da una parte all’altra è innumerevole. La perseveranza però paga sempre, e quando oramai la speranza è ridotta al lumicino, ecco che qualcosa luccica tra le rocce! Con una mossa chirurgica andiamo ad estrarre il relitto… e le imprecazioni dell’amico si trasformano subito in giaculatorie, dove nessun Santo viene dimenticato… nemmeno il più esotico! Il setaccio ha richiesto più di 30 minuti, per cui adesso è proprio giunta l’ora di perder quota.
 
Seguiamo a ritroso la cresta W, poi cominciamo una discesa in diagonale verso destra, sul versante S. Si procede senza difficoltà, in maniera logica, per gradini, su terreno a tratti erboso a tratti roccioso. Arrivati quasi a ridosso della cresta intermedia (anti-cresta W), citata nella salita, scendiamo ora in maniera più verticale, facendo attenzione a non scendere sotto la quota 2800 m., altrimenti non rientreremmo più sulla “via del menir”. Affacciandoci sulla costola che scende sulla nostra destra notiamo che ora ci troviamo all’altezza del cordino blu, che scorgiamo più in là sulla cresta. Siamo ancora alti, da qui non si rientra, per cui dobbiamo perdere ancora qualche decina di metri. Superando con agilità un gradino roccioso (passaggio di I, l’unica “vera” difficoltà su questa via) ci troviamo ora alla giusta quota per rientrare nel canale a quota 2810 m ca. In effetti scorgiamo il piccolo “menir”, viriamo dunque a destra e se senza alcun problema su una “larga” cengia ci rituffiamo nel canale seguendo a ritroso la stessa via di salita fino alla selletta a N della quota 2759 m.
In teoria, prima della traversa sulla cengia, si potrebbe anche discendere in maniera diretta, sbucando poi sulla corretta via, più in basso. Le pendenze ed il terreno sono però più ostici, a occhio direi F+ / PD-… non ne vale la pena!

Per dare l’idea, rimando all’immagine finale dell’album dove ho inserito in maniera indicativa le varie vie.
 
Alla larga sella ci concediamo un'altra breve pausa dopodiché ridiscendiamo il canale con la stessa traiettoria di salita, e ci portiamo sul cucuzzolo di quota 2364 m. Da qui tra sali e scendi sugli ampi pianori di Gagn di Piöv, ci spingiamo nelle vicinanze della quota 2162 m sulla Costa del Galbines. Decidiamo di superare la scogliera alzandoci ancora per 80 metri in direzione della Cima d’Örz, in modo da evitare delle pietraie sul pendio sottostante. Grazie ad un provvidenziale pertugio erboso, abbandoniamo la costa e scendendo ad un pianoro intermedio. Da qui lungo un facile canale detritico ci agganciamo infine al sentiero con segnavia B/R/B che arriva dalla Bocchetta di Pianca Geneura. Passando per la quota 2022 m, notiamo con stupore innumerevoli pezzi di lardo che stanno cuocendo sulle calde pietre… ah ecco, periodo di caccia e trucchetto da cacciatori per attirare selvaggina! Da Piöv di Fuori rientriamo a Landarenca, seguendo il bel sentiero che passa per Monterisc (1485 m) e Boliv (1478 m). A Selma sta ormai per imbrunire e l’orario è propizio per una buona e meritata pizzoccherata nella vicina locanda!

Note:

Vetta:
Uomo di sasso con libro di vetta, croce, asta d'un ombrellone, qualche bandiera tibetana, pietra con l’incisione 1921.
 
Selma:
Ampia possibilità di parcheggio nei posteggi della filovia Selma-Landarenca.
 
Valutazione:
Selma - Landarenca: T0 (filovia)
Landarenca - Piöv di Dent: T3 (EE)
Piöv di Dent - Sella a N della quota 2759 m: T4+ (F)
Sella a N della quota 2759 m - cresta W - Torrone Alto: T5+ (F - passaggio di II)
Torrone Alto - Versante S - Sella a N della quota 2759 m: T5 (F)
Quota 2677 m - Costa del Galbines - Piöv di Fuori: T3+ (EE)

Hike partners: Varoza


Gallery


Open in a new window · Open in this window

T5 F II
T5 II
8 Jul 17
Torent Alto m. 2950 (Cima 7) · Andrea!
T5
2 Jul 19
Torent Alto · Califfo
T3+
23 Jul 17
Camin de Biancalan · paoloski
T4-
5 Aug 17
Piz di Campedell · SamSam

Comments (18)


Post a comment

igor says:
Sent 7 November 2014, 18h35
Complimenti grande ! Bellissima cima ciao Igor

Varoza says: RE:
Sent 7 November 2014, 23h05
Grazie Igor! Saluti!

gbal says:
Sent 7 November 2014, 19h52
Ma mettere due tempi tanto per capire se è roba solo per pochi no?
Complimenti intanto!

Varoza says: RE:
Sent 7 November 2014, 23h33
Ciao! Grazie!
:-) le tempistiche sono sempre un po' soggettive, però posso dirti che prendendocela davvero con tutta calma e compreso diverse pause ci abbiamo impiegato ca. 5h30 da Landarenca. Con un buon ritmo atletico in poco più di 4 ore sei in cima. Considera che a Piöv di Fuori c'è una fontana e sopra ci sono sempre ruscelli, per cui non è necessario zavorrare il sacco di liquidi... Uno zaino ultra light è sufficiente! Attenderò presto la tua relazione allora! Saluti!

gbal says: RE:
Sent 8 November 2014, 09h34
Adesso sì che la relazione è davvero completa! Scusa se sono stato un po' brusco ma devo sempre fare i conti con ciò che le mie quasi 7 decadi mi consentono di fare (purtroppo il cervello è rimasto ambizioso, invece). In ogni caso vanno benissimo le indicazioni dei "tuoi" tempi tanto conosciamo varoza e ci aggiungiamo una doverosa percentuale prima di pensare di emularti.
Questa è una cima golosa che è uno dei "must" un po' per tutti gli amanti del genere. Quanto alla relazione.....ormai ci penserò il prossimo anno dopo attente riflessioni .-):-):-)
Grazie e complimenti ancora.
Giulio

danicomo says: RE:
Sent 8 November 2014, 16h22
A quasi sette decadi riesci ancora a prender in considerazione i quasi 2000m di dislivello???
Sti c.....i!!! Direbbero a Roma.....
Chapeau..! Dico io...
Daniele

gbal says: RE:
Sent 8 November 2014, 16h30
Questa è di 3 anni fa,,,,,http://www.hikr.org/tour/post44412.html
E' per questo che non mi piace mettere in piazza questo fastidioso fardello. Bisogna darsi da fare prima che la ruggine arrivi :-):-):-)
Grazie Daniele, io ci provo....semmai giro le terga e torno giù.

Varoza says: RE:
Sent 10 November 2014, 00h05
Innanzitutto complimenti! Avanti così... ancora per 20 anni! Mi permetto di darti un suggerimento. Premesso che questa porzione di Val Calanca merita da sola una visita (soprattutto i pianori di Gagn da Piov), in caso, volendo c'è un altrettanto valida alternativa. Sali fino a quota 2363 m, alla base del grande canale detritico che porta sulla cresta del Torrone. Lì puoi decidere: se ti senti in forma per affrontare i seguenti 500 metri di dislivello puoi tentare questa cima, altrimenti puoi proseguire in breve fino alla Bocchetta Alta, da dove in mezzoretta sali senza grossi problemi alla Cima d¨'Örz. Da lassù hai anche una privilegiata panoramica sulla via di salita al Torrone, oltre che a portarti a casa una bella cima! Inoltre potrebbe essere anche una vetta utile per una prima ricognizione in vista del Torrone... Saluti!

gbal says: RE:
Sent 10 November 2014, 11h06
Grazie mille, questo è un ottimo consiglio. Il prox anno ne terrò conto senz'altro.
Ciao!

Varoza says: RE:
Sent 9 November 2014, 23h44
Condivido... chapeau!

gbal says: RE:
Sent 10 November 2014, 11h04
Grazie!

Menek says:
Sent 7 November 2014, 19h58
Bellissima cima è... ma che bucio!
Comply!
Menek

Varoza says: RE:
Sent 7 November 2014, 23h07
:-) Grazie! Si, bellissima vetta! Ciao.

Poncione says:
Sent 7 November 2014, 21h46
Beh, direi grandissimi complimenti davvero.
Questo "torrentone" affascina tantissimo, e ora la tua chiarissima e limpida relazione ce lo fa sembrare meno "mostruoso" di quanto sembra.
Una salita da provare senz'altro.

Ciao

Varoza says: RE:
Sent 7 November 2014, 23h15
Ciao! Grazie mille! E' vero, all'apparenza è una montagna che incute timore. Dal basso le pareti sembrano insuperabili, fatte solo di roccia, in realtà si sale piuttosto agevolmente, spesso anche su tratti erbosi. Certo il pendio è ripido ma non si ha mai nemmeno la sensazione di troppo esposto. Senz'altro da provare! Saluti!

Sent 9 November 2014, 20h19
Complimenti!!!!Grazie alla tua dettagliatissima relazione, ora,so che il Torrentone non è impossibile!!!! Ci vuole un giorno perfetto!!Ciao ALE

Varoza says: RE:
Sent 9 November 2014, 23h37
Grazie! Esatto, limpidi cieli! Saluti!

Simone86 says:
Sent 19 December 2014, 13h44
Complimentoni per la relazione e le foto dettagliatissime (l'idea di mapparne i passaggi con linee colorate è indiscutibilmente la cosa più chiara che si possa fare!).
Ricordo quando salii sulla Cima D'Orz qualche anno fa e rimasi scioccato dall'imponenza del "Torrentone" però con gli occhi di oggi e questa chiara relazione non è poi cosi impossibile da raggiungere. Montagna e zone fantastiche, confermo!


Post a comment»