Hochstubai Hütte (3174 m)


Published by siso Pro , 18 July 2013, 16h30.

Region: World » Austria » Zentrale Ostalpen » Stubaier Alpen
Date of the hike: 7 July 2013
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: A 
Time: 6:45
Height gain: 1222 m 4008 ft.
Route:Fiegl’s Hütte (1956 m) – Seekarsee (2655 m) – Notunterstand (2874 m) – Himmelsleiter – Hochstubaihütte (3174 m) – Lauberkarscharte (2759 m) – Laubkarsee (2680 m) – Bivio per il Söldenkogel (2415 m) – Klebealm (1983 m).
Access to start point:Feldkirch – Tunnel dell’Arlberg – Landeck – Autostrada A 12 – Uscita Ötztal – B186 fino a Sölden. Da Sölden, di fronte alla Freizeitarena, un pulmino porta gli utenti fino al Windach Alm.
Accommodation:Hochstubai Hütte
Maps:Inneres Ötztal – Wander-, Bike-, und Skitourenkarte, 1:25000, Kompass 042; Ötztal, Wander-, Rad-, MTB- und Tourenkarte, 1:35000, Mayr.

Escursione ad anello nelle Alpi dello Stubai fino alla terza capanna austriaca per altezza. Grandiosi paesaggi con ancora molta neve e scialpinisti lungo il percorso.

 

Inizio dell’escursione: ore 9:20

Fine dell’escursione: ore 16:10

Temperatura alla Hochstubai Hütte, ore 12:40: 12°C

 

Alle 8:15 mi trovo già pronto di fronte alla fermata del bus “Freizeitarena” di Sölden. Con un nutrito gruppo di alpinisti aspetto il piccolo bus che ci porterà nella suggestiva Windachtal. È un pullmino con trenta posti a sedere denominato “Almbus”. Ebbene, alle 8:35 partiamo con trentadue persone a bordo, stipati come sardine in scatola, tenendo lo zaino sulle ginocchia e cercando di schivare colpi di piccozza e di bastoncini. Alle 9:05, dopo vari sballottamenti e sussulti, raggiungiamo con un po’ di ritardo il Windach Alm. Sono il più veloce a partire: scatto come una molla e mi allontano dalla calca, seguendo la sterrata fino alla Fiegl’s Hütte (1956 m). Proprio di fronte alla capanna inizio la salita in direzione Nord, seguendo la segnaletica per la Hochstubai Hütte.

Stranamente sono l’unico ad aver scelto questo itinerario. La maggior parte degli escursionisti prosegue verso il fondo della valle, dove ci sono due capanne e alcune vie. Il fiore dominante ai bordi del sentiero è la Pinguicula vulgaris (Erba-unta comune), pianta carnivora amante dei luoghi umidi.

La prima parte della salita è priva di difficoltà: fino al Seekarsee (2655 m) possono arrivarci tutti. Il laghetto è ancora quasi completamente gelato e circondato da nevai. Splendido lo sguardo sul versante opposto, dove spicca la Brunnenkogelhaus (2738 m), che raggiunsi 360 giorni fa. Noto subito che da qui via la salita si farà più aspra. La neve nasconde alcuni segnavia a vernice, per cui devo prestare molta attenzione per non perdere il percorso giusto.

A 2874 m di quota raggiungo un rifugio d’emergenza in muratura (Notunterstand), provvidenziale in caso di maltempo. La copertura nevosa è ora continua e la pendenza aumenta drasticamente. Oggi, disgraziatamente, non ho portato né piccozza né ramponi. Intravedo una lieve traccia che seguo per superare una traversa molto ripida all’apice di un canalone. Superata l’insidia affronto l’ultimo tratto della corona su un terreno misto di roccia, ghiaccio e neve. In breve arrivo alla cosiddetta  Himmelsleiter, “la scala per il cielo”, una ripidissima scala di pietre quasi completamente sommersa dalla neve, affiancata da una fune metallica. Visto che tale corrimano è in buona parte sommerso dalla neve, qualcuno ha fissato una corda alpinistica per dare un minimo di sicurezza nel tratto più esposto. Raggiunta la cresta appare immediatamente la capanna: è a circa 200 m di distanza, posta su uno sperone di roccia emergente dal Wutenkarferner. Alla sinistra, lungo la cresta, a circa un quarto d’ora di cammino, appare la croce di vetta dell’Hoher Nebelkogel (3213 m).

                           Hochstubai Hütte sulla Wildkarspitze (3174 m)

Attraverso il breve tratto di ghiacciaio (abbagliato dalla luce diffusa) e raggiungo dopo 3:20 h di cammino l’
Hochstubai Hütte  (3174 m), appartenente al DAV, sezione di Dresda. Thomas, il guardiano, mi viene incontro e mi accoglie molto gentilmente. Bello l’interno, con una “Stube” rivestita di legno e con l’immancabile pigna.

Ordino una zuppa ai “Frankfurter”: con la fame che ho mi sembra squisita…

Nel frattempo arrivano due scialpinisti, saliti dalla Wütenkarsattel, nel comparto sciistico Stubaier Gletscher.

Dopo una veloce consultazione con il guardiano decido di scendere a valle dal Laubkarsee, una zona molto innevata, ma con delle tracce evidenti. In effetti la neve copre buona parte del percorso; tuttavia, non sempre è d’aiuto. Spesso si sprofonda all’improvviso rischiando danni ai muscoli, ai tendini o ai legamenti. Su questo versante incrocio numerosi escursionisti; passeranno la notte nel rifugio.

Dopo due ore e mezza di discesa raggiungo il Klebealm (1983 m), dove mi posso riposare e ristorare per più di un’ora, in attesa del furgoncino che mi riporta a Sölden, non prima di aver fatto ancora una capatina al Windach Alm.

 

Bellissima escursione ad anello nel Parco Naturale della Ötztal, sulle montagne delle Alpi dello Stubai. Grazie all’elevata quota e alla presenza di nevai e ghiacciai, la gita è raccomandabilissima per tutti gli amanti degli ambienti estremi, a condizione che siano ben equipaggiati e che abbiano una buona esperienza.

A stagione inoltrata, la camminata si presta anche a tutti gli escursionisti che hanno un discreto allenamento.

 

Tempo totale: 6:50 h

Tempo di salita: 3:20 h

Dislivello in salita: 1222 m

Sviluppo: 11,1 km

Difficoltà: T3+

Copertura della rete cellulare: buona

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (5)


Post a comment

pm1996 says: un bel posto
Sent 18 July 2013, 19h08
oramai son passati + di 10 anni ma e' rimasto tutto uguale...beh c'era meno neve ad agosto.

Ciao Paolo

siso Pro says: RE:un bel posto
Sent 18 July 2013, 19h27
Molta neve quest'anno! Il guardiano mi ha detto che fino al 1. luglio non era possibile raggiungere il rifugio senza le ciaspole.
Ciao Paolo,
siso.

pm1996 says:
Sent 18 July 2013, 19h32
pensa che c'è stato un' anno che per una settimana sempre ad agosto non siamo mai riusciti a vedere il ghiacciaio.

Sent 19 July 2013, 20h17
bellissima gita bravo
noi in questo momento siamo poco distanti,nella oberintal.
Anche qui bellissime camminate.....
il sole ci è stato amico
ciao miky

siso Pro says: RE:
Sent 19 July 2013, 20h32
Ciao Miky,
godetevi questi posti stupendi, aria fine, paesaggi da sogno!
In pianura afa e aria viziata...
Buona vacanza!
siso


Post a comment»