COVID-19: Current situation

Corno di Gesero (2'227 m.s.m.)


Published by ale84 , 29 July 2013, 21h38.

Region: World » Switzerland » Grisons » Misox
Date of the hike:14 July 2013
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Portola-San Jorio   CH-GR   CH-TI 
Height gain: 481 m 1578 ft.
Route:[LUNGHEZZA 3.6km] Cadolcia (1824 m) - Alpe di Cadinello (1828 m) - (2010 m) - Corno del Gesero (2227 m) - Alp d'Albion - Alp di Cadin - Cadolcia (1824 m)
Access to start point:A Roveredo (GR) parte la strada che porta ai Monti di Laura, superato il monte si continua a seguire la strada e attraversata la galleria di Cadolcia si trova uno spiazzo dove parcheggiare.
Accommodation:Capanna Gesero

Oggi liquidiamo il conto in sospeso con il Corno di Gesero che ci aveva respinti lo scorso inverno, o meglio a farci desistere era stato il ghiaccio presente un po’ovunque.
Il Corno di Gesero si trova al culmine della Valle d’Arbedo ma non è per intero su suolo ticinese, infatti il confine cantonale con il Grigioni passa proprio dalla cima.
La gita si addice alle nostre esigenze visto che è piuttosto breve, si tratta di superare i circa 500 metri che separano la vetta dal parcheggio all’esterno della galleria di Cadolcia (sopra i Monti di Laura, GR), in pratica passiamo quasi più tempo in auto che sui sentieri!
Alle 9:10 c’incamminiamo, seguiamo brevemente la strada sterrata che scende alla Capanna Gesero e poi pieghiamo a sinistra iniziando così a risalire la valletta che si trova proprio sotto il Corno.
C’è un sentiero da seguire che in poco tempo ci porta all’imbocco del canalone che sbuca sulla cresta a quota 2'010 m.s.m.. Il tratto che segue presenta alcuni passaggi su roccia dov’è richiesto l’utilizzo delle mani, li superiamo abbastanza agevolmente anche se in certi punti il vuoto si fa sentire. Fortunatamente più avanti la cresta diventa erbosa e la salita si fa molto più semplice, in 70 minuti siamo in vetta al Corno di Gesero!
Era ora, per un’arbedese il Gesero è la montagna di casa, dovevo salirci!
Sulla cima, oltre ad un ripetitore con grosse antenne, c’è una piccola croce e la gamella che custodisce il libro di vetta. Sfogliandolo capiamo che qui non arrivano molti “estranei”, a salirvi regolarmente sono perlopiù persone del posto.
Che dire del panorama? Buona parte del Ticino centrale e della Mesolcina sono nel mirino, la vista è davvero ampia, da quassù si possono osservare una gran quantità di valli e montagne ed è un vero peccato che oggi la foschia c’impedisca di godere appieno di questo spettacolo a 360°! Da qui si vedono bene le Valli d’Aiàn e di Roggiasca e la famigerata zona della Bocchetta Valstorna dove lo scorso anno ho involontariamente versato un bel po’del mio sangue! :-(
Terminato il brunch iniziamo la discesa per la cresta opposta a quella di salita (ovvero quella in direzione della Cima delle Cicogne), il primo pezzo da scendere sotto la cima è un prato molto ripido, di nuovo sento il vuoto ma per fortuna ci vuole poco per raggiungere la bocchetta di quota 2'151 m.s.m. dove troviamo il sentiero per scendere in direzione dell’Alp d’Albion dalla quale però non passiamo visto che la traccia si mantiene alta e piega a sinistra.
Continuiamo a seguire l’evidente sentierino che sebbene sparisca sulla C.N. 1:25'000, fisicamente è sempre ben presente (non ufficialmente marcato, probabilmente è un sentiero utilizzato da bestie e pastori) e facendoci scendere nel centro della conca a sinistra del Mot della Cros ci conduce fino alle spalle del Alp di Cadin dove incrociamo una sorta di mulattiera che una volta imboccata ci riporta al parcheggio all’esterno della galleria di Cadolcia.
L’itinerario non proprio scontato e la zona selvaggia rendono ancor più bella questa breve ma panoramicissima escursione.
La gita si è svolta quasi interamente nei Grigioni, pertanto l’ho catalogata sotto la regione Mesolcina.   


Tempo impiegato:
Salita 70 minuti
Discesa 75 minuti
(soste comprese)

Hike partners: ale84, Mauro78


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 16826.xol Tragitto Corno di Gesero

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (1)


Post a comment

gbal says:
Sent 31 July 2013, 19h17
Anche se dici che è semplice...vi siete tolti un sassolino dallo scarpone che faceva un po' male e vi siete cavati la vostra bella soddisfazione.
Bravi Ale & Mauro (3 gite, un bel rientro!)


Post a comment»