COVID-19: Current situation

Ricognizione al Pizzo di Claro (q.2508) - Salita al Piz de Molinera e Piz Martum


Published by gbal , 5 July 2013, 19h58.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike: 4 July 2013
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo di Claro   CH-GR   CH-TI 
Time: 7:30
Height gain: 1381 m 4530 ft.
Height loss: 1381 m 4530 ft.
Route:14,7 km
Access to start point:Varese-Mendrisio-A2-Bellinzona-Giova
Maps:Swiss Topo V2

Dopo aver rimandato l’impresa due settimane fa causa maltempo oggi mi accingo a metterla in campo. L’idea è di fare un giro ricognitivo alle falde del Pizzo di Claro per studiare de visu l’attacco della Via Lumino in vista del percorrerla con un socio Hikriano. L’obiettivo era principalmente quello di trovare una via veloce ed ottimale per giungere sotto al risalto q. 2571 dove la Via praticamente inizia. Fatta qualche valutazione voglio provare l’avvicinamento a partire da Prepiantò, sopra Giova, visto che ci si porta in auto quasi a 1350m. Inizio a camminare verso l’Alp Palazi e successivamente mi vado verso l’Alp Mem da dove intendevo salire in cresta alla dorsale che collega Piz de Molinera col Pizzo di Claro. Il percorso si rivela lungo ma sale con lieve pendenza in un bosco gran fresco e successivamente si apre in un bel pascolo dove molte mucche sono intente appunto a pascolare con i loro vitelli. Finalmente arrivo su una crestina da dove vedo in basso l’Alp Mem dove dovrei scendere per poi risalire al Passo di Mem. Ma visto sulla sx la possibilità di rimanere in quota e, attraversando una pietraia, portarmi verso il Pian del Baitel opto immediatamente per questo itinerario che passa sotto le rocce del Piz de Molinera e la sua anticima. Col senno di poi non so se questa sia stata una scelta felice perché la pietraia e le sue molte incognite mi affaticano non poco tanto che arrivato nella zona erbosa preferisco non salire al Passo di Mem ma proseguire il più possibile a Nord verso il Pian del Baitel individuando una salita in cresta più sotto la mia destinazione q.2561. Purtroppo però constato che la birra sta finendo e maledico il prelievo di sangue fatto due gg. prima (un alibi dovevo pur costruirmelo!). In ogni modo faccio una sosta, mi rifocillo e poi mi accingo a salire verso la cresta sotto q.2561 come avevo pensato. Passin passino, con molta pazienza arrivo su e la sola vista del contrafforte meta del giorno mi ricarica e vi arrivo sotto procedendo su aspra pietraia; individuo l’inizio della via su una cengetta piuttosto esposta e ne percorro un bel trattino. A questo punto la voglia di proseguire è davvero tanta; la promessa di tornare col socio e il “finis”, per dirla con E.De Amicis, dato dalla campanella “tempo scaduto” mi convincono a fare dietro front e ridiscendere. Però la voglia di vetta andava soddisfatta e allora mi dirigo verso il Piz de Molinera e poi Piz Martum che in questa sequenza mi riportano a Prepiantò e all’auto.

In complesso una giornata molto positiva, calda ma non esageratamente; ogni tanto qualche nuvola e una bella brezza mi hanno difeso dalla calura che saliva dalle valli sottostanti.

Per concludere posso dire al mio socio: “Tutto è pronto! Manchi solo tu…..si va!”

 

 

 

Nota: Inspiegabilmente il GPS si è spento (non è la prima volta!) tra le 14:59 e le 15:10. L’andamento della traccia ne risente, naturalmente.

 

 

 

I tempi:

 

Località

Tempo parziale

Progressivo

Parcheggio

0

0

Pian del Baitel

3:14

3:14

Sosta

0:18

3:31

q.2508

1:02

4:35

Piz de Molinera

1:32

6:07

Parcheggio

1:41

7:48

 

 

 

Pillole….del giretto:

 

Dislivello                  1381 m

Lunghezza totale   14,7 km

Tempo totale lordo     7h48’

Soste totali                       18’

Tempo totale netto  7h30’


Hike partners: gbal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 16633.gpx La mia traccia

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (33)


Post a comment

Amedeo says:
Sent 5 July 2013, 20h14
Ciao, l'hai già fa dall'Alpe di di Stabveder spra Arvigoo??
Amedeo

gbal says: RE:
Sent 5 July 2013, 21h28
Caro Amedeo, con questa splendida montagna ho provato più pose di Kamasutra che con una bella donna! Le uniche vie che mi mancano sono la Via Lumino e la via attraverso la cresta del Mottone di Canèe. Se devo dire la più bella fatta è la Lumino-Pizzo di Claro di 2500m dsl (che non coincide con la Via Lumino).
Ciao

numbers says: Saggezza
Sent 5 July 2013, 21h09
La "stoffa" si vede e consente di non mollare mai, magari di correggere solo il tiro.
Saggio non esagerare.
La vetta è sempre li.
Ciao.

gbal says: RE:Saggezza
Sent 5 July 2013, 21h31
Grazie Mario. Vigoria e impeto sono dei giovani; quelli della mia età viaggiano dosando il carburante rimasto (ahimè).
Le vette rimarranno lì per innumerevoli generazioni.
Ciao

patripoli says:
Sent 5 July 2013, 21h36
Sembra proprio un bel posto!
Via Lumin.....???? Stuzzica la mia curiosità....
Un bell'avvicinamento però!

gbal says: RE:
Sent 5 July 2013, 21h49
E' davvero un gran bel posto come bella è la Val Calanca e i suoi monti. Fare il Pizzo di Claro è motivo d'orgoglio per un Ticinese che da Bellinzona (200-300m) se lo vede svettare 2500m più su (effetto Eiger che sorge improvviso sulla piana).
L'avvicinamento che ho scelto Patrizia è uno dei più corti!
Incuriosisciti, incuriosisciti......poi pensaci.....il gioco vale la candela (e il mazzo).
Ciao

peter86 says:
Sent 5 July 2013, 21h49
Bella ricognizione Giulio, impreziosita da Molinera e Martum che sono sempre due belle cime. Mi piace molto questo tuo modo di preparare le escursioni più impegnative: dedicando un'altra escursione allo studio dei luoghi e del percorso.
Non è da tutti, complimenti!
Ciao
Pietro

gbal says: RE:
Sent 5 July 2013, 21h57
Grazie Pietro. Quando le cose si fanno un po' impegnative e trovi opinioni disparate in giro....è meglio andare a dare un'occhiata prima di impelagarsi. Nel libro di Whymper che ho appena finito di leggere lui racconta che per rendersi conto da vari punti di vista delle difficoltà del salire un monte loro salivano diversi monti attorno (mica facili) giusto per studiare da varie angolazioni la via migliore.
Allora....nel nostro infinitamente piccolo....seguiamo l'esempio dei grandi.
Ciao

Sent 5 July 2013, 22h12
U Giulio, sempre avanti!! è così che si fa
per preparare un' escursione. Io, poi, mi
smentisco: tante volte a naso, magari
picchiandolo via.
ciao

gbal says: RE:
Sent 5 July 2013, 22h22
Roby, almeno hai l'alibi che se non ti riesce puoi sempre dire: "Eh ma se la preparavo bene...." invece io dopo averla ben preparata le mie cantonate le prendo comunque.

Poncione says:
Sent 5 July 2013, 23h48
Grande Giulio,
questa "via Lumino" l'ho anch'io in cantiere da tempo, e comunque il Claro rimane sempre una visione celestiale, e un obiettivo di prim'ordine da raggiungere. Difficile resistervi, tanto che vale anche un'uscita "di studio" come la tua odierna.
Saluti.

gbal says: RE:
Sent 6 July 2013, 09h25
Sicuramente il Pizzo vale sacrifici. La Via Lumino è ancora da fare anche per me.....non dire quattro se....
Ciao, buon we

GM says:
Sent 6 July 2013, 08h35
ciao,
io ho fatto lo stesso il giorno prima con due soci, ma abbiamo preso il canale di sinistra (quello dell'itinerario 1080b del Brenna) ma siccome era bagnato e oggettivamente pericoloso abbiamo rinunciato e rimandato a future giornate di sole!
pero' non è che ci era chiarissimo dove si attaccava la via, ora grazie alle tue foto lo so!
ciao
Guido

GM says: correggo
Sent 6 July 2013, 08h40
mi correggo, non era il giorno prima, ma lo stesso giorno (giovedi), e dall'orario di presa delle foto siamo passati 1h30' prima di te...

G

gbal says: RE:correggo
Sent 6 July 2013, 09h30
Ho capito il vostro itinerario; in ogni caso anche i due canali del versante SE come avrete visto erano nelle stesse condizioni, addirittura innevati. Sono contento di quel che mi dici: quando ero lì verso il Pian del Baitel che cercavo di ingollare un po' di energie avevo sentito voci e successivamente ho visto dei ragazzi che scendevano lungo la cresta sovrastante. A saperlo ci saremmo senz'altro salutati.
Ciao!

Sent 6 July 2013, 10h21
Misteri della chimica....togli il sangue e ti manca la birra!

Ciao
Aldo

gbal says: RE:
Sent 6 July 2013, 15h22
Aldo....deve essere il principo dei vasi comunicanti!
Penso che si possa ovviare mutando i protocolli medici: a 100ml di sangue prelevato far corrispondere una bella flebo di un quartino di Barbera, che ne dici?

grandemago says: RE:
Sent 6 July 2013, 15h27
Aggiungi una scheggia di parmigiano e l'equilibrio è ristabilito!

gbal says: RE:
Sent 6 July 2013, 15h32
Cacchio, quello ce l'ho sempre dietro ma mi bevo quelle schifezze con sali minerali che Roby, quando vado con lui, guarda malvolentieri mentre io faccio la corte al suo Merlot (che volentieri mi offre)

grandemago says: RE:
Sent 6 July 2013, 15h48
No no.....anch'io seguo il Roby-pensiero, ma bevo birra al posto del vino; quello mi taglia le gambe!
Per i sali minerali, ora che l'orto è rigoglioso.....mega insalatone! Il mio amico farmacista dice che quelle schifezze fanno bene solo al suo conto in banca.

gbal says: RE:
Sent 6 July 2013, 16h00
Cosa dire di fronte a due saggi come voi? Avete ragione e lo so benissimo. Purtroppo devo distinguere tre momenti della gita: prima, durante e dopo. Per prima e dopo W le megainsalatone e innaffiamento delle fauci con birra, ecc. Il durante lo gestisco con la schifezza pagata a suon di pepite conferite al farmacista.

rochi says: RE:
Sent 9 July 2013, 21h42
Concordo sulle schifezze peraltro piuttosto costose e che mi sono sempre rifiutato di assumere fin quando i crampi si sono presentati (l'ultima volta a 10 metri della vetta mi son dovuto fermare un quarto d'ora). Allora mi son rassegnato alla chimica e una bustina al mattino prima della gita pare aver risolto (per ora) il problema.

gbal says: RE:
Sent 9 July 2013, 21h54
Certamente il gusto dei sali minerali, che siano all'arancia o al limone, non ha nulla da spartire con altre bevande che però durante la salita ci aiuterebbero poco, anzi ci taglierebbero le gambe. Facciamo di necessità virtù e finita l'emergenza ci ristoriamo con altri migliori elisir.
P.S.: Tempo buono....teniamo duro!

grandemago says: RE:
Sent 10 July 2013, 10h27
Al di là delle battute, sono d'accordo sul fatto che l'alcool tagli le gambe, almeno questo è quello che succede a mè. La birretta premio infatti la bevo una volta giunto alla meta.

grandemago says: RE:
Sent 10 July 2013, 10h24
Crampi non ne ho mai avuti in vita mia.....forse perché mi sono sempre fermato prima del loro arrivo. Alla fine penso che ognuno di noi sappia cosa gli fa bene oppure male e si comporta di conseguenza. Non credo esista una regola valida per tutti. In fondo la mia è una scelta del tutto personale: non uso "additivi", non uso gps.....vado fin dove ce la faccio. Ma domani potrei cambiare idea. Alla fine andare in montagna è un gioco e tutte le regole sono giuste......se sono le nostre.

rochi says: RE:
Sent 10 July 2013, 10h31
Sono d'accordo con il tuo modo di intendere l'andar per monti "nudi". Nel mio caso i crampi non sono prevedibili: si presentano all'improvviso senza annunciarsi, magari in momento in cui pare di andare benissimo.
Ciao, in gamba!
R.

grandemago says: RE:
Sent 10 July 2013, 13h44
Purtroppo di problemi ne ho già molti, causati da un cretino che anni fa non si è fermato allo stop e mi ha "stirato".......per fortuna, almeno i crampi non li conosco.
Veramente.....io in montagna ci andrei nudo, se questo non fosse uno spettacolo indecoroso!
Ciao
A.

veget says:
Sent 6 July 2013, 17h33
Caro Giulio,
sei il mastino che ho conosciuto... le ricognizioni sono segni di saggezza e modestia , che premiano, magari tardi.....ma....
Il trofeo (doppio) l' hai portato a casa . Va bene O no???
A presto
Eugenio

gbal says: RE:
Sent 6 July 2013, 19h40
Va bene Eugenio. Va bene!
Anche i sopraluoghi aiutano poi per le uscite successive.
Buone gite a te

Sent 7 July 2013, 10h05
Giulio,hai fatto un bel giro e di forza ne hai da vendere,vedrai che con il tuo socio la prox la centri complimentciao

gbal says: RE:
Sent 7 July 2013, 15h22
Grazie Luciano. Più che venderla la forza vorrei tenermela in cassaforte per i tempi grami (la cicala e la formica....ricordi?)
Ciao

Amadeus says:
Sent 15 July 2013, 15h27
Grande disquisizione sull'assunzione alcoolica; concordo : poco o niente vino, birretta da gran premio una volta arrivati! Per il "durante" acqua fresca.
Prosit!
PS . Con questo tengo a bada anche Irene...

gbal says: RE:
Sent 15 July 2013, 16h51
Prosit a te!
Però a bocce ferme (cioè fatiche finite) un bel prosecchino ci sta proprio bene.


Post a comment»