Cima d'Erbea Orientale 2326 m in semi-invernale


Published by Michea82 , 28 November 2021, 20h21.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:26 November 2021
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Snowshoe grading: WT4 - High-level snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Cima dell'Uomo   CH-TI 
Time: 9:00
Height gain: 1200 m 3936 ft.
Height loss: 1200 m 3936 ft.
Route:13.5 km
Access to start point:Bedretto (sopra Gorduno) è un monte a circa 1200 m. Si raggiunge in auto da Bellinzona, andando a Gorduno e prendendo la stradina per i monti. L'accesso prevede un pedaggio di 5 franchi. Si può acquistare l'autorizzazione nel negozio (privo di orari su google e che non mi ha risposto) o in cancelleria a Bellinzona (ma alle 09.30 può essere tardi). La lungimiranza del patriziato offre però la possibilità di pagare tramite l'applicazione parkingpay. Molto pratica e utilizzabile a qualsiasi ora. La strada conduce in 15 o 20 minuti al suddetto monte.
Accommodation: Capanna Albagno

Appartenente al gruppo della Cima dell'Uomo, nel confine meridionale della Via Alta della Verzasca, la vetta Orientale dell'Erbea offre anch'essa panorami incredibili senza doversi addentrare troppo nelle remote valli sopracenerine. 


Cima d'Erbea Orientale (sulla sinistra nella foto) vista dalla Capanna Albagno


Scelta della meta e punto di accesso

Quel giorno ero piuttosto stanco, anelavo ad un'escursione nelle vicinanze e senza un dislivello elevato, ma che offrisse ugualmente la sensazione di essere tra grandi montagne. 
L'idea iniziale era il Gaggio. Il quale si affaccia su giganti del Ticino centrale come la Cima dell'Uomo e il Pizzo di Claro. 
Desideravo inoltre un avvicinamento diverso da Mornera (che si può raggiungere in teleferica da Monte Carasso). Consultando la mappa ho individuato la strada che sale da Gorduno. 
Essa conduce fino a Bedretto con un pedaggio ridotto di franchi 5. Mi sono informato telefonicamente in municipio e sul sito del patriziato di Gorduno: oltre che presso 2 punti vendita si può acquistare l'autorizzazione giornaliera anche direttamente su Parkingpay (applicazione per i parcheggi e per le autorizzazioni/pedaggi). 
Ciò mi ha permesso di salire nella tarda notte e partire entro le 07.30 da Bedretto con in testa il Gaggio e/o l'Erbea. 
Non essendo particolarmente energico la scelta è ricaduta su una delle due.

Descrizione avvicinamento

Ci sono 2 gradi, mi incammino verso le cascine ad ovest dopo aver lasciato la macchina alla fine della strada (presente ampio spiazzo). Un cartello indica in modo chiaro il sentiero per la Capanna Albagno con 2h 10 min di tempo stimato. 
Fino all'Alpe Arami procedo lungo una strada sterrata. 
Presso l'Alpe vedo il Gaggio dominante sopra di me, alla mia destra il Pizzo di Claro svetta splendido. 
Il terreno è da poche ore innevato (la sera pima è nevicato dai 5 ai 10 cm fino a 1400 m). 
Seguo il sentiero verso ovest, il quale effettua un lungo saliscendi tra boschi, valli e alpi. È una bellissima escursione. Le cattive condizioni del sentiero descritte in altre precedenti relazioni non le ho riscontrate. Gli alberi caduti sono stati rimossi, gli scalini completati, gli scoscendimenti sistemati. In alcuni tratti è richiesto passo sicuro a causa della neve sulle rocce, per esempio per attraversare i torrenti. Ci sono tratti attrezzati con funi a cui tenersi.
Cammino tanto ma noto che non prendo quota, soltanto nei pressi dell'ultima Alpe (Alpe Cassegno) mi rendo conto di aver guadagnato appena 200 metri dalla prima Alpe (Arami). Ora il sentiero punta direttamente alla Capanna Albagno con una salita che si può definire tale.  
Dopo 2 ore abbondanti di lento avvicinamento sono finalmente alla Albagno. La neve mi costringe ad indossare le ciaspole. C'è uno strato vecchio portante ricoperto da 10 cm di neve fresca. 
Ma prima decido di pranzare anche se sono appena le 10.00 o forse neanche. 
Dalla Capanna porto all'esterno una sedia e mi concedo una pausa rilassante pensando a tutti gli altri che sono in città a lavorare sotto la nebbia. 
Qui splende il sole, la meteo è nettamente al di sopra delle mie aspettative. 


Lungo il bel sentiero che collega Bedretto alla Capanna Albagno


Descrizione ascesa all'Erbea Orientale

La storia delle ciaspole dura poco. 
Mi stanco subito di averle addosso. Ci sono troppi punti privi di neve vecchia e continuo ad urtare roccette.
Le lascio lì. 
Salgo lungo il sentiero estivo, con alcune piccole variazioni. Mi inoltro sul pendio meridionale dell'Erbea Orientale. Sembra praticabile una ascesa diretta puntando alla cresta SE o SW. Ma io desidero raggiungere la Bocchetta di Erbea, o avvicinarmi abbastanza da poter osservare la Cima di Erbea Occidentale e tutto il resto. 
Eseguo un traverso su moderata pendenza pertanto indosso i ramponi. Quindi raggiungo delle placconate di roccia non eccessivamente ripide nei pressi della Bocchetta di Erbea. La progressione è difficile perché c'è uno strato di neve fresca direttamente sulle placche di roccia e non ho grip. 
Poco prima della Bocchetta capisco che alcuni risalti di roccia impediscono un accesso alla cresta SW direttamente dalla Bocchetta stessa. Quindi salgo un po' a destra costeggiando una linea di rocce, cercando il più possibile di evitare placconate. Quindi in breve tempo sbuco sulla crestina, brevissima. Affacciata sulla Cima d'Erbea Occidentale e la Cima dell'Uomo mi consente di raggiungere l'omino di vetta. 
Sono le 12.30. Ho ottenuto quello che cercavo. Una delizia per gli occhi. Grandi cime imbiancate intorno a me. Tanta natura selvaggia. 
Meritata pausa con foto di rito. 
Guardo il Gaggio e decido di tenerlo per la debbee magari portandola a dormire alla Capanna Albagno. Oggi va bene una cima. Non intendo neppure scendere dalla cresta SE, evito di inventarmi strane cose. 
Scendo da dove sono salito, con un'ulteriore pausa presso l'Alpe Albagno. 
Ovviamente nessuna anima mi ha degnato di un incontro. Niente esseri umani. Ma la montagna è animata a sufficienza. 
Ritorno per le 16.30 a Bedretto e i gradi sono diventati 3. 
Le escursioni in invernali non sono ancora decollate. Ma è già possibile praticare delle belle uscite.


Sua maestà il Vogorno


Nota sulla difficoltà:

Ho inserito la valutazione di difficoltà per le ciaspole al fine di poter permettere agli utenti di filtrare questa escursione come invernale nelle ricerche su Hikr. In realtà le ciaspole le ho indossate soltanto per 10 minuti perché c'erano troppe rocce nel percorso e ho quindi utilizzato i ramponi al di sopra dei 2000 m. Il percorso nelle attuali condizioni è a mio avviso un T3 con T4 soltanto nella parte superiore (WT4 a partire dalla Bocchetta di Erbea). 

Hike partners: Michea82


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

GIBI says:
Sent 29 November 2021, 08h14
Bravo Michea,
per niente banale ( soprattutto con ghiaccio e neve ) il tracciato da te percorso e ... se non l’avessi già fatta ( ma penso di sì ) molto bello e suggestivo anche salire al Gaggio e poi all’Erbea direttamente da dietro l’Alpe Arami ... non con neve e ghiaccio però !

Ciao Giorgio

Michea82 says: RE:
Sent 30 November 2021, 20h45
Ciao Giorgio ero proprio tentato di salire lì dove dici tu ma con neve e ghiaccio. Il buon senso poi mi ha portato a restare sui sentieri. Il Gaggio mi manca e lo proporrò alla Debbee ma dormendo in Capanna. In estate invece lassù c'è tanto ancora da fare per me

Amedeo says:
Sent 29 November 2021, 10h07
Bravo Michea,
ha già detto tutto Giorgio nel commento precedente.
Buone escursioni
Amedeo

Michea82 says: RE:
Sent 30 November 2021, 20h46
Ciao Amedeo grazie e buone escursioni anche a te. E anche a te Giorgio.

Poncione says:
Sent 30 November 2021, 20h48
Stanco o non stanco... la Cima d'Erbea ha sempre comunque il sapore di una piccola conquista per la sua posizione avvincente e selvaggia, con o senza neve. Solo la visuale sulla Cima dell'Uomo è qualcosa di fantastico.
Ciao

Michea82 says: RE:
Sent 30 November 2021, 21h58
Ed è stato proprio quello che cercavo. Consigliatissima


Post a comment»