Piz Mez (2718 m) – Skitour


Published by siso , 12 January 2020, 11h30.

Region: World » Switzerland » Grisons » Oberhalbstein
Date of the hike: 9 January 2020
Ski grading: PD-
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 4:00
Height gain: 1181 m 3874 ft.
Route:Piz Martegnas (2671 m) – Punt Curtegns (1852 m) – Piz Mez (2718 m).
Access to start point:Semiautostrada A13, Tunnel del San Bernardino – Hinterrhein – Splügen – Thusis – Tiefencastel – Savognin.
Accommodation:Savognin.
Maps:C.N.S. No. 258S – Bergün / Bravuogn - 1:50000.

Dopo esattamente una settimana torno nell’Oberhalbstein per un’escursione nei pressi di Savognin, nel comune di Surses, istituito il 1. gennaio 2016 con una fusione.

 

Inizio dell’escursione: ore 9:15 dal Piz Martegnas

Fine dell’escursione: ore 13:20 a Savognin

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1028 hPa

Velocità media del vento: 15 km/h

Temperatura alla partenza: -3°C

Temperatura al rientro: -1°C

Sorgere del sole: 8.04

Tramonto del sole: 16.52

 

Sveglia alle 4:55, partenza da casa alle 5:55, arrivo a Savognin alle 8:20, dopo 160 km d’auto e una pausa caffè di un quarto d’ora.

Lasciata l’auto al parcheggio gratuito del Lai Barnagn (1165 m), percorro 300 m con gli sci in spalla fino all’impianto di risalita, dove acquisto un biglietto per tre tratte fino al Piz Martegnas al prezzo di 30.- CHF. A prima vista il costo sembrerebbe elevato, se confrontato con la giornaliera. Vedendo però il notevole dislivello, con la possibilità di fruire di una bella discesa sulla Traumpiste e sull’Heidipiste fino a Radons nonché della discesa finale fino a Savognin, credo che ne valga la pena.

Alle 9:15 parto dal Piz Martegnas (2671 m) sulla Traumpiste ancora deserta, in direzione della Val Nandro. La pista 15 aggira il pizzo sul suo versante nord, quindi scende in direzione sud-est. La meta di giornata è già ben visibile, ma è purtroppo all’ombra: le foto non sono remunerative. Dopo mezz’ora dalla partenza pervengo al Plaun Curtegn (1852 m), di fronte al ponte che supera l’Ava da Schmorras. Alle 9:50 applico le pelli, percorro qualche decina di metri sulla piana, tolgo gli sci per guadare l’Ava da Nandro in secca e finalmente inizia la salita sul versante nord-est del Piz Mez. È un’ascesa tosta, che non offre ripiani per rifiatare. Per un’ora rimango all’ombra. Alle 10:50 il sole sorge nella fessura del Piz Forbesch e illumina tutto il pendio: diventa tutto più bello, malgrado il fastidioso vento sostenuto che soffia contro la direzione di marcia. Essendo solo, sono costretto a battere la traccia, parzialmente coperta dalla neve depositata dal vento. Vedo un’altra sci-escursionista più in basso, ma non raggiungerà la vetta.

                                                        Piz Mez (2718 m)

Alle 11:20 arrivo alla spalla, a circa 2420 m, che immette sulla cresta sommitale, dorsale caratterizzata da torrioni di roccia che sembrano degli omoni di pietra naturali. Ora devo lottare contro le staffilate del vento che mi respingono. Arrivo con gli sci fino a pochi metri dalla croce di vetta, dove il vento ha spazzato tutta la neve.

Alle 12:10 posso affermare Piz Mez (2718 m) geschafft!

Ancoro il libro di vetta con delle pietre e a fatica scrivo i saluti agli amici di Hikr.org.

Mi affretto a togliere le pelli e a prepararmi per la discesa, in quanto il vento disturba parecchio e non mi permette di godermi con calma il bel panorama.

Alle 12:20 inizio la discesa, su neve ventata, ma sciabile. Dalla piana di Curtegn devo vincere ancora una ventina di metri di dislivello per raggiungere Radons (1866 m), località dalla quale posso fruire di oltre 6 km di pista battuta fino al piazzale degli impianti di Savognin.

 

Il “Pizzo di Mezzo”, questo è il significato di Piz Mez, è una frequentata meta sci-alpinistica ai margini del comprensorio sciistico di Savognin. L’aiuto degli impianti di risalita permette di arrivare facilmente al vero punto di partenza, nei pressi di Radons, abbinando così l’escursionismo a una bella discesa su piste da sogno come la “Traumpiste”.

 

Tempo totale: 4 h 05 min

Tempo di salita: 2 h 55 min dal Piz Martegnas, 2 h 20 min dal Punt Curtegns

Dislivello in salita: 1181 m

Dislivello in discesa: 2812 m

Sviluppo complessivo: 21,1 km

Quota massima: 2718 m

Quota minima: 1160 m

Difficoltà: PD-

SLF: 2 (moderato)

Coordinate Piz Mez: 760ˈ588, 155ˈ753

Copertura della rete cellulare: Swisscom buona

Libro di vetta: sì.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (7)


Post a comment

igor says:
Sent 12 January 2020, 12h33
Bravo siso ieri io pizzo rotondo in solitaria neve stupenda ciaooo

siso says: RE:
Sent 12 January 2020, 12h59
Sei un grande! Al Rotondo io sono arrivato solo fino in cima al couloir, poi mi sono fermato...
Ciao Igor, a presto!
siso.

igor says: RE:
Sent 12 January 2020, 13h14
Tantissimi sciatori unico in ciaspole che giornatona ciao

Alpingio says: RE:
Sent 13 January 2020, 20h00
@ igor
Sei proprio stregato dal king of bredretto!!
@ Siso
Bell'uscita!!

siso says: RE:
Sent 13 January 2020, 20h04
Grazie Giovanni!
Credo che Igor sia il più fedele alpinista a scalare il Pizzo Rotondo...

igor says: RE:
Sent 13 January 2020, 20h13
Lo penso anche io ;)

igor says: RE:
Sent 13 January 2020, 20h13
Si e troppo bello ma a dire la verita ero insieme ad alberto 4000 che voleva gia dalla nno scorso fare il canale della dama del cubo,soltanto che in salita lo perso nel senso che sono arrivato in bocchetta e lui non arrivava piu ho aspettato oltre 30 minuti allora sono andato solo al rotondo se no nemmeno quello facevo poi lui e tornato indietro senza fare niente e mi.ha aapettato a quota 2500 e poi siamo scesi insieme ciao alpinigio


Post a comment»