Il Segnale per il versante Est (dalla Forcola) - Valle Antrona


Published by atal , 18 July 2019, 23h38.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:13 July 2019
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 10:00
Height gain: 1100 m 3608 ft.
Height loss: 1100 m 3608 ft.

Era da tanto tempo che non salivo una cima e per l'occasione la scelta è caduta sul Segnale (o cima Est di Pozzuoli, 2545 m), circondata su ogni lato da versanti selvatici e poco frequentati, al cospetto di grandiosi panorami.
L'itinerario di salita, tanto per non farci mancare nulla, è il 71a) dell'Armelloni (Guida dei Monti d'Italia - vol. Andolla Sempione), ovvero per il ripido versante E, dalla Forcola.

Il sentierino di cui parla la guida (indicato anche sulla IGM) è ridotto a pochi resti di muretto in prossimità dell'Alpe Forcola Superiore. Dopo un ultimo ometto non c'è più nemmeno una traccia di animali e saliamo a vista la cresta Est della quota 2476, aggirando a Sud i tratti più impegnativi. Coì facendo, non si incontrano difficoltà particolari ma si traversa a lungo su pendii erbosi ripidi ed esposti che non ammettono cali di concentrazione.

Giunti sul nodo orografico (quota 2476 m) da cui origina la cresta dei Ton, lo spartiacque tra Val Loranco e Val Troncone si allarga e appiana, l'erba cede il posto a grandi blocchi di roccia e il panorama diventa quello dell'alta Valle Antrona, grandioso e suggestivo, con la mole dell'Andolla a calamitare lo sguardo, affascinante piramide di rocce metamorfiche a custodia di un piccolo relitto glaciale.

La cima del Segnale è un cumulo di rocce rotte con un parafulmini e un punto trigonometrico. Si può raggiungere in modo diretto oppure, più agevolmente, con un aggiramento sul fianco Sud. Sotto di noi il pascolo estremo dell'Alpe Pozzuoli Grande, sospeso sopra il salto da cui si staccò la frana all'origine del lago di Antrona.

Ritorniamo ripassando dal nodo orografico e quindi scendiamo a vista il versante Nord su facili e piacevoli pendii misti di roccia ed erba, puntando prima ad un masso simile ad un gianduiotto nei pressi del torrente, poi al Lago di Ruazzei o di Pozzuoli Est dove si trova l'indicazione del sentiero ufficiale nei pressi di alcuni ruderi.

Il percorso, poco visibile sul terreno, scende una costa ricoperta di mirtilli e, giunto ad un masso piatto, volge decisamente a NE puntando in direzione dei ruderi dell'Alpe Curtit. Nell'attraversamento di un viscido ruscellamento si incontra un cavo sepolto sotto il muschio seguito da una catena arrugginita. Oltre il pianoro dell'Alpe Curtit lo sviluppo del sentiero diventa veramente difficile da indovinare (e da descrivere...), sepolto com'è nella vegetazione.

Alla fine della discesa attraversiamo il turbolento torrente Loranco sul ponte tibetano, opera che pare più un'attrazione turistica che un collegamento tra gli opposti versanti, visto che la maggior parte delle persone arriva dal versante opposto al nostro solo per fare delle foto ai coraggiosi che salgono sul manufatto, per poi ritornare dalla stessa parte…

Oltre il ponte in effetti inizia la montagna da calzoncini corti e (volendo, anche da sandali...), con un ottimo, frequentatissimo sentiero che riporta a Cheggio.

Annotazioni
In caso di nebbia il percorso, dalla Forcola al ponte tibetano, può presentare seri problemi di orientamento.

Hike partners: atal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

Sent 19 July 2019, 10h02
Splendida Andrea,
la Valle Antrona merita sempre...
Mi permetto di consigliarti, proprio in quella zona ma più a W, il Lago Ciapivul: una piccola perla nascosta.

Ciao,
Emanuele

atal says: RE:
Sent 19 July 2019, 13h17
Grazie Emanuele. Al lago Ciapivul ci è appena andato Ferruccio, due giorni dopo il giro del Segnale, ed è tornato entusiasta. Purtroppo non ho potuto accompagnarlo ma recupererò...

Ciao,
Andrea

fabioadx says:
Sent 27 July 2019, 16h39
Giretto per palati fini, complimenti

atal says: RE:
Sent 27 July 2019, 19h16
Grazie Fabio, fine è anche il palato di chi lo ha notato ;-)


Post a comment»