COVID-19: Current situation

Anello bivacco Suretta - pizzo Spadolazzo


Published by numbers , 29 October 2018, 08h36. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:20 October 2018
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   I 
Time: 7:00
Height gain: 1260 m 4133 ft.
Height loss: 1254 m 4113 ft.
Route:km. 12,97 come waypoints
Access to start point:Lecco, SS36, Colico, Chiavenna, seguire x Madesimo, passare Campodolcino, Pianazzo, Teggiate, Stuetta, Lago di Monte Spluga, Suretta, parcheggio inizio strada sterrata sulla dx

numbers
Nasce così, d'improvviso, con la forza di un'intuizione che non accetta un no...
Ci sono volte che sento di dover fare qualcosa... di speciale...ne sento il bisogno...fisico
.

Il tempo è bello. Stabile. Asciutto. E fa caldo. Tanto. Un ottobre così non lo ricordo. 
E ho voglia di una cima, importante, di una escursione tosta, impegnativa. Prima della neve, Per chiudere, forse,  in bellezza la stagione escursionistica estiva dei 3000, o quasi.
Così sovverto la proposta di Max, buttando li diverse idee (Grignone, Legnone, pizzo Stella), forse troppe, tra cui questa, che alla fine vincera', insisto contro le sue titubanze, mi impongo e lo trascino nell'avventura.
Un'occasione piu' unica che rara, da cogliere al volo. Il tempo cambiera',  a breve.
Così ritrovo al Bione alle 6.15, con Lella ed il rientrante Raffaele, fermo da un po ai box x gli impegni familiari.
Alle 8.25 siamo pronti a partire dal lago di Montespluga, di fronte a noi un panorama spaziale ed un meteo incredibile, sereno e relativamente tiepido.
Ci inoltriamo nella valle, ancora all'ombra, verso il bivacco, si sale ed aumenta la ripidita', dopo un'oretta ci investe il sole e gli scenari si colorano. Dopo i 2400 mt. il terreno cambia, diventa una lunga pietraia, impegnativa come sempre a queste quote, anche qui, insisto un po per puntare il bivacco, vinco le resistenze e saliamo decisi, raggiungendolo alle 10.50. Ne varra' proprio la pena!
Posizione invidiabile, su un poggio detritico, dietro un anfiteatro roccioso spettacolare, panorami infiniti di fronte a noi, sulla valle, Madesimo e via fin quasi a riconoscere Legnone e Grigne.....spettacolare!   
Sosta spuntino. Alle 11.15 si riparte, è ancora lunga...
Scendiamo,  tenendo poi la sx e puntanto al passo di Suretta, inizialmente i bolli spariscono, ma seguiamo la precisa traccia gps di zar , alla cui relazione mi sono ispirato e che ringrazio, ed anche un po a vista lo raggiungiamo. Scendiamo verso il lago, il sentiero si inerpica salendo x il roccioso versante dx, poi improvvisamente, si apre il tratto piu' difficile dell'intero percorso, si scende verticali verso il lago, con un sentiero a svolte strette, esposto si, ma attrezzato in maniera impeccabile con le opportune catene. Richiede attenzione, ma oggi, con terreno ben asciutto non crea problemi. Anche  Max, aiutato da Raffaele, scende agevolmente con poche indecisioni. Sotto di noi, lo spettacolo del lago Ghiacciato.....magnifico! 
Poi ancora lunghe pietraie, ci conducono al passo di lago Nero, da li imbocchiamo la lunga e ripida dorsale, poi la cresta, che ci porta alla vetta dello Spadolazzo giusto x le 13.15. Non fosse x il vento, fastidioso, si starebbe alla grande. Sosta pranzo tranquilla, oggi ci limitiamo molto, oltretutto alcool-free......quasi incredibile.... relax, foto di rito, ci godiamo i grandi panorami di questa vetta a 360°. 
Poco dopo le 14.00, ripartiamo, superiamo il tratto iniziale di cresta, affilata, da fare con attenzione, evitando  nei primi metri sul lato nord le rocce ghiacciate, poi giu con attenzione, anche questo versante scende ripidissimo, con sentiero stretto e vertical slalom tra le lastre di roccia. Meglio non distrarsi.....
Poi la lunga discesa verso sx, arrivando infine al lago d'Emet ed al rifugio Bertacchi poco dopo le 15.30, dove facciamo veloce sosta birra, scaldati dal sole con vista su Madesimo e la valle. 
Ripartiamo, ed affontiamo l'ultima parte del percorso, prima il lungo anello circolare che aggira la vallata, dopo mezz'ora ti pare di essere ancora al rifugio.....sei proprio li di fronte.....Poi la discesa tagliando la sterrata verso il lago e la macchina, dove arriviamo poco prima delle 17.00, stanchi ma estremamente appagati.
Percorso da affrontare con molta attenzione, e ben allenati. Terreno che "non rende", per la ripidita' di diversi tratti, e per le lunghe pietraie. Diversi i punti in cui è meglio non sbagliare. Impegnativo, ma ben attrezzato,  il tratto di discesa con le catene verso il lago ghiacciato. Ripidissima la discesa dallo Spadolazzo. 
Giornata spaziale. Un filo di vento di troppo, a tratti fastidioso, sulle quote massime. 
Percorso impegnativo. Giusto livello adrenalinico. Panorami indimenticabili.
Un grazie a tutti x aver condiviso l'idea. Fortemente voluta. 
Ottima compagnia. Ultra-mega soddisfatto.
Alla prossima. 

Massimo Un giro che avevo messo nel mirino da tempo ma visto l'autunno inoltrato era caduto nel dimenticatoio ....... e poi c'è sempre quel passaggio attrezzato che mi rende titubante nel proporlo. 
Faccio la mia proposta ma Mario rispolvera dal cassetto il tour Spadolazzo, io sono molto perplesso ma lui insiste con molta decisione .... e va bene che vada x lo Spadolazzo.
Si aggregano Lella e Raffaele che rivedo con molto piacere dopo parecchi mesi, ci vuole poco a capire che questa volta Mario aveva 1000 ragioni, il clima è buono, il cielo è terso e i colori che ci circondano spaziali.
Piacevole e di grande soddisfazione l'ascesa al bivacco Suretta; poi si scende al lago Gelato ......sperem!!!!
Il canale da scendere è ripido ed esposto ma molto ben attrezzato e poi c'è Raffaele il mio angelo custode che non perde un passo della mia discesa e la rende meno complessa del previsto .... grazieeeeeeee!!
Il panorama al lago Gelato è veramente da urlo, poi non ci resta che riprendere la salita e mettere nel mirino lo Spadolazzo. l'ultimo tratto di cresta è molto esposto e bisogna prestare attenzione a dove si mettono i piedi, qualche lieve tremolio ma la cima è li a portata di mano. Veloce pausa pranzo free alcol e poi di nuovo breve tratto di cresta esposto e giù dal ripido sentiero  che ci porterà al lago d'Emet dove faremo una veloce pausa birra al rifugio Bertacchi. Ora non ci resta che rientrare alle auto ma è lunga ancora; arriviamo stracc ma molto soddisfatti.
Grazie a tutti x l'ottima compagnia e un grazie speciale a Raffaele x avermi fatto da guida nel tratto attrezzato e per finire un bravo a Mario perchè la sua testardaggine è stata premiata.




Hike partners: Massimo, Lella, numbers, RocRaf74


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (16)


Post a comment

Angelo & Ele says: WOW...!!!
Sent 29 October 2018, 09h20
Giornata... luoghi... e foto spettacolari!

Angelo

numbers says: RE:WOW...!!!
Sent 29 October 2018, 18h22
Grazie Angelo,
posti che meritano e affascinano.

Mario

Menek says:
Sent 29 October 2018, 10h00
bel giro con foto eloquenti...

numbers says: RE:Thanks!
Sent 29 October 2018, 18h37
Ti sarebbe piaciuto

Ciaoooooo

cristina says:
Sent 29 October 2018, 11h12
"...oggi ci limitiamo molto, oltretutto alcool-free..."

Sentitevi in colpa...guarda a cosa ha portato questa vostra inusuale decisione...sembra l'apocalisse quello che sta succedendo :-(

Pacchia finita sigh!

numbers says: RE:
Sent 29 October 2018, 18h38
Si...puo' essere!
Mai cambiare la sane abitudini!!!

:):):):):):)

Ciao

danicomo says:
Sent 29 October 2018, 12h00
Bravo il Mario a puntare l'aria fina e sfruttare questo Ottobre fino in fondo...
Un saluto a tutti...
D

numbers says: RE:
Sent 29 October 2018, 18h39
Grazie Doc,
un'occasione da non perdere,
decisa all'ultimo minuto
A presto.

Sent 29 October 2018, 13h47
Bravi!!! ....a seguire l'istinto, la voglia di montagna e di emozioni forti che questo magnifico ottobre ci ha saputo regalare....gran bel girone!!!!
Ciaooo
Graziano

numbers says: RE:Thanks!
Sent 29 October 2018, 18h42
Eh si Graziano,
a volte dobbiamo proprio ascoltare quella voce dentro di noi.
Mettilo in calendario,
giro che merita alla grande.
Ciao


Daniele66 says:
Sent 29 October 2018, 20h45
Sempre bei posti,in qualsiasi stagione. Bravi Daniele66

numbers says: RE:Grazie!!!
Sent 29 October 2018, 23h24
Vero Daniele,
grandi ambienti.

Ciao

GIBI says:
Sent 30 October 2018, 13h27
... viste le foto lo metto subito in calendario anche io ... calendario che comincia a diventare sempre più pieno di appuntamenti da non perdere e che la prossima stagione dovrò cominciare seriamente a sfoltire !

complimenti al bel quartetto

ciao Giorgio

numbers says: RE:Grazie!
Sent 1 November 2018, 19h58
Bravo Giorgio,
giro da fare assolutamente
Va trovato il tempo

Ciao

blepori says:
Sent 1 November 2018, 08h51
che panorami, strepitosi!

numbers says: RE:thanks
Sent 1 November 2018, 19h51
Si Benedetto,
un giro veramente appagante

Ciao


Post a comment»