COVID-19: Current situation

Capanna Bovarina (1870 m) – EMTB


Published by siso , 8 October 2018, 15h20.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike: 5 October 2018
Mountain-bike grading: PD - Moderate
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Scopi   CH-TI 
Time: 3:30
Height gain: 869 m 2850 ft.
Route:Campo Blenio (1200 m) – Pianchera (1304 m) – Calcarida (1374 m) – Orsàira di Dentro (1475 m) – Ponte Orsàira (1465 m) – Alpe Pradasca (1742 m) – Alpe di Bovarina (2008 m) – Capanna Bovarina (1870 m) – Scengio – Ponte Orsàira (1465 m) – Orsàira di Dentro (1475 m) – Orsàira di Fuori (1454 m) – Calcarida (1374 m) – Risareta (1393 m) – Campo Blenio (1200 m).
Access to start point:Autostrada A2, uscita Biasca – Valle di Blenio – Olivone – Campo Blenio.
Accommodation:Capanna Bovarina.
Maps:C.N.S. No. 1253 – Olivone - 1:25000.

Escursione nella magnifica Valle di Campo in una giornata con perfette condizioni meteorologiche.

 

Inizio dell’escursione: ore 8.30

Fine dell’escursione: ore 12.00

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1025 hPa

Temperatura alla partenza: 4°C

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 3700 m

Temperatura all’Alpe Predasca, ore 9.30: 8°C

Temperatura al rientro: 19°C

Velocità media del vento: 0 km/h

Sorgere del sole: 7.28

Tramonto del sole: 18.56

 

Ore 8:15, grande parcheggio sterrato degli impianti sciistici di Campo Blenio.

Per la prima volta quest’anno sento il freddo mattutino: il termometro segna 4°C! Dopo l’afa sopportata l’estate scorsa, confesso che non mi dispiace l’aria autunnale frizzante di montagna. Alle 8:30 mi avvio lungo la stradina asfaltata della Valle di Campo, che ho percorso più volte soprattutto con gli sci e con le racchette da neve. Non c’è ancora in giro nessuno, se non un paio di alpigiani sui SUV delle loro aziende. Ricevo il primo raggio di sole a Ponte Orsàira (1465 m) prima di entrare nel fantastico lariceto. La salita è decisamente veloce: non incontro ostacoli, l’asfalto è liscio, la pedalata regolare ed efficace. In poco più di mezz’ora arrivo all’Alpe Predasca (1742 m) immersa in un’intensa luce radente che esalta i primi colori autunnali. Ancora una volta sono rapito dalla bellezza di un paio di chalet ubicati alle spalle dello stallone dell’alpeggio. Non posso fare a meno di fotografarli da diverse angolazioni.

Al momento contemplativo segue l’ulteriore strappo di 170 m di dislivello che mi permette di raggiungere lo straordinario altopiano dell’Alpe di Bovarina: un luogo di rara bellezza, che ammiro in tutte le stagioni. È un saliscendi con maestosi larici affiancati da altri molto più minuti, radure, cespugli, macchie rosse di mirtilli, zone umide, collinette e per sfondo il nero del Pizzo del Corvo che fa da contraltare al bianco della Cima della Bianca.


Dalla stalla dell’Alpe di Bovarina, detto anche Pian Prèvat, ritorno per 400 m sulla sterrata fino alla deviazione per la capanna. Attraversata la piana sulla carrareccia, devo poi scendere lungo un ripido sentiero fino alla Capanna Bovarina, che visito per la seconda volta nell’anno. I due simpatici guardiani Yvonne e Loris sono seduti all’esterno assieme al setter Mia. Scambio qualche impressione poi decido di bere qualcosa. Come ebbi già modo di costatare in altre occasioni, la guardiana ha una smisurata mania dell’ordine e della pulizia. Vorrebbero servirmi all’esterno (tanto per non sporcare il pavimento). Insisto per entrare, vorrei scattare un paio di foto al refettorio. Detto, fatto! Dopo dieci secondi arriva con la paletta e lo scopino per asportare un millimetrico residuo di terra staccatosi dalla suola dei miei scarponcini. Ne approfitta per rivoltare la tovaglia: prevenire è meglio che curare. Vuole evitare che qualche goccia di succo di frutta o qualche briciola di torta possano sporcarla.

 

Terminata la sosta inizia l’avventura. La discesa si svolge su un single trail tecnicamente impegnativo, spesso sugli argini del Fiume d’Orsàira, che si deve guadare almeno due volte. In alcune situazioni sono costretto a mettere il piede a terra per prevenire spiacevoli incidenti, comunque arrivo sano e salvo, e con soddisfazione, al Ponte Orsàira (1465 m).

Viste le eccellenti condizioni meteorologiche ne approfitto per visitare Orsàira di Dentro (1475 m) e Orsàira di Fuori (1454 m).

A Calcarida (1374 m) abbandono la stradina e mi porto sul versante destro della valle. Il sentiero, dapprima in salita, mi conduce a Risareta (1393 m), poi scende ripido e tortuoso fino alla Chiesa dei SS. Maurizio e Agata di Campo Blenio, che raggiungo tre ore e trenta dopo la partenza.

 

Anche oggi ho azzeccato la meta della gita in mountain bike.

La Bovarina Bike è un percorso molto interessante, soprattutto per il pregiato lariceto pascolato che si estende dal Ponte Orsàira (1465 m) all’Alpe Bovarina. I meno esperti possono tornare a valle lungo la comoda strada, mentre i più capaci e sicuri possono affrontare i single trail demarcati dai segnavia con il logo della bici.

La giornata ha appagato spirito e corpo: dopamina prodotta in grande quantità!

 

Tempo totale: 3 h 30 min

Temo di salita: 1 h 25 min

Tempi parziali

Campo Blenio (1200 m) Alpe Pradasca (1742 m): 35 min

Alpe Pradasca (1742 m) Alpe di Bovarina (2008 m): 30 min

Alpe di Bovarina (2008 m) Capanna Bovarina (1870 m): 20 min

Dislivello in salita: 869 m

Quota massima: 2017 m

Quota minima: 1200 m

Sviluppo complessivo: 18,7 km

Difficoltà: PD

Consumo batteria: 57%

Copertura della rete cellulare: Swisscom buona

Coordinate Capanna Bovarina: 721'800 / 106'610

Libro di capanna: sì.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2
F
F
WT3
28 Feb 16
Non la solita Bovarina ... · giorgio59m (Girovagando)
WT3
3 Feb 19
Batti ... batti in Bovarina · giorgio59m (Girovagando)

Comments (4)


Post a comment

cappef says:
Sent 10 October 2018, 17h28
Gran bel giro...io sono arrivato a Pradasca e ho girato per Passo Cantonill di cui non ho un buon ricordo come giro in MTB...tanta fatica e poche discese divertenti su sentieri. ( http://www.hikr.org/tour/post68791.html ).
Bravo...complimenti!
Ciao...Flavio

siso says: RE:
Sent 10 October 2018, 17h54
Complimenti per la gamba e grazie per la segnalazione! Non ho mai pensato di raggiungere il Passo Cantonill con la bici. Finora l'ho sempre raggiunto da Anveuda, ma a piedi, con le racchette o con gli sci.
Ciao Flavio, è sempre un piacere sentirti e sentire il tuo galletto...
siso.

GIBI says:
Sent 12 October 2018, 13h29
Anche se io ci sono sempre salito a piedi o al massimo con le ciaspole penso che questo percorso per chi piace pedalare sia molto bello da fare ... complimenti !

ciao Giorgio

siso says: RE:
Sent 12 October 2018, 14h23
Grazie Giorgio!
Sì, con i colori autunnali, in particolare per il giallo dei larici, è un giro che piace sempre!
Ciao, a presto,
siso.


Post a comment»