Un anello per il Col dala Sone 2633 m


Published by cristina , 2 October 2018, 16h57. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Trentino-South Tirol
Date of the hike:29 September 2018
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Access to start point:Autostrada del Brennero uscita Chiusa. Seguire per Val Gardena. Giunti a Selva seguire indicazioni per Vallunga. Posteggio al momento a pagamento, 5,00 euro tutto il giorno.

Selva di Valgardena, posteggio della Vallunga ancora a pagamento. Il tempo non è come pensavamo…speriamo migliori…

Entriamo in Vallunga e alla chiesetta di San Silvestro imbocchiamo il sentiero che risale la Val Chedul per la F.la di Crespeina. La salita è tranquilla, senza mai grossi strappi ma piuttosto lunga. Alla F.la mangiucchiamo qualcosa e quindi proseguiamo lungo il sentiero a dx per salire velocemente al Sas Ciampac. Purtroppo il panorama è molto compromesso dalla nuvolaglia. Scendiamo a una forcelletta senza nome, dove parte la traccia, qualche bollo blu e ometti per salire al Sas Ciampei. Giunti in cima, anche se non ci sono tracce, pensiamo che si possa scendere dal versante opposto. Facendo attenzione al ghiaino, scendiamo verso l’unico punto un po’ ostico, un breve salto di roccia. Ci sono due brevissimi canali paralleli, noi prendiamo quello più a dx, dal basso vediamo che anche l’altro era fattibile. Continuiamo la discesa rimanendo ancora un poco lungo la dorsale dopo di che cercando di sfruttare il più possibile le zone erbose, cominciano a scendere fino a incrociare il sentiero proveniente dal Sas Ciampac. Giungiamo quindi alla F.la Ciampei e quindi continuiamo in direzione del Rif. Puez. Al cartello per il Sassongher svoltiamo a dx e poco dopo a sx, indicazione Gardenaccia. Arriviamo ai piedi del Col dala Sone, il motivo per cui oggi siamo qui!. Ci siamo passati accanto innumerevoli volte negli anni in cui facevamo le ferie a La Villa, ci ha sempre incuriosito, lì da sola in mezzo alla piana, sembra quasi un vulcano…più volte ci siamo chiesti come avremmo fatto per salirla e, recentemente ho trovato una relazione, per cui non possiamo farci mancare l’occasione. Giunti ai sui piedi svoltiamo a sx e poco dopo troviamo una traccetta nelle ghiaie, ci portiamo sul versante opposto dove, su terreno libero, raggiungiamo velocemente la croce di vetta. Altra breve sosta e quindi discesa e proseguimento per il rifugio Puez che troviamo ancora aperto.

Sosta birra e poiché abbiamo fatto prima del previsto e il tempo sta via via migliorando, decidiamo di proseguire in direzione del Rifugio Firenze e di evitarci l’ennesima discesa in Vallunga.

Quindi, al bivio per la Vallunga proseguiamo lungo l’AV2 e risaliamo alla F.la de Sieles. Qualche tratto attrezzato. Risaliamo al Col dala Pieres, anche qui nei primi metri ci sono vari tratti attrezzati, poi un lungo traverso porta sull’ampissima cima dove, a picco su Selva, è stata posta una bella croce lignea. Poco prima della croce parte il sentiero di discesa per il rifugio Stevia. Scendiamo con una serie di tornanti su ghiaino facilitati da transenne in legno e cavi fino a portarci su un più comodo sentiero che con un ampio anello giunge alla F.la del Piza dove si potrebbe scendere al rifugio Firenze. Noi proseguiamo per il rifugio Stevia facendo prima una veloce deviazione per il Monte Stevia e quindi per prati scendiamo al rifugio dove mangiamo l’ultimo panino.

Una ripida discesa, una sorta di lunga scalinata a tornanti, sentiero Palota, ci porta poco sopra Selva. Svoltiamo quindi a sx, andiamo a incrociare la Via Crucis che abbandoniamo poco dopo il bivio per i ruderi del Castello Wolkenstein. Attenzione perchè il bivio non è segnalato. Giungiamo quindi alla strada asfaltata e, fatti pochi metri, siamo al posteggio.

Ora non è più presto…ma nemmeno tardissimo!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T4- F
T2
T3+ F
7 Nov 20
Bergtour an einem absoluten Traumtag im November von St.... · Gipfelstürmer & Bergrebell Ötzi II
T3

Comments (2)


Post a comment

Menek says:
Sent 3 October 2018, 18h23
bella raga!

cristina says: RE:
Sent 3 October 2018, 20h24
Che zone Domenico.... peccato così lontane....


Post a comment»