Gran Paradiso (versante NW) - 4061 m


Published by irgi99 , 14 February 2017, 16h16.

Region: World » Italy » Val d'Aosta
Date of the hike:27 June 2016
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 2 days
Height gain: 2180 m 7150 ft.
Height loss: 2180 m 7150 ft.
Route:17.52 km
Access to start point:Da Aosta seguire la strada statale 26 sino a Villeneuve e imboccare la regionale per Valsavaranche.
Accommodation:Rifugio Vittorio Emanuele II (q. 2732 m)
Maps:KOMPASS N. 86 - Gran Paradiso 1:50000

Prima volta a dormire in rifugio e il giorno dopo sveglia nel cuore della notte per fare un 4000: EMOZIONE UNICA E INDESCRIVIBILE!
Partiamo domenica pomeriggio da Pont per il Rifugio Vittorio Emanuele con uno zaino non pesante.... DI PIU'!
La sveglia è puntata per le 3:30, per poter partire alle 4:00 e non trovare la neve molle: la salita è luuuuunga (e devo ammettere alquanto faticosa! :D ). Usciti dal rifugio è buio pesto, anche se il cielo è sereno e la luna e le stelle brillano che è una meraviglia.
Accendiamo i frontalini e partiamo alla volta della morena dietro il rifugio. La cosa fantastica è stata vedere cordate di puntini luminosi nella notte che, come lucciole, si dirigevano verso la loro meta: molti al Gran Paradiso, ma altri puntavano ai più difficili Ciarforn e Becca di Monciair.
Decidiamo, insieme ad un'altra cordata di francesi, di non salire dalla normale, ma di percorrere il crepacciato Ghiacciaio di Laveciau. Arrivati ai piedi di questo ghiacciaio, mentre ci leghiamo, meraviglia: spunta l'alba dal massiccio del Bianco! Purtroppo il sole, sul nostro percorso, arriverà mooolto più tardi e quindi patiamo un poco il freddo. 
Alle 8:45, dopo un ripido pendio nevoso e gli ultimi metri di roccette esposte (un po' di strizza, a percorrerle, mi è venuta :) ), tocchiamo la madonnina di vetta! Soddisfazione e felicità immensa e imparagonabile! 
Giusto il tempo di una foto ricordo (e che ricordo!) e poi scendiamo subito, questa volta dalla normale.
GRAZIE!


Dal parcheggio di Pont, dove termina la strada, attraversare il torrente e, su sterrata, dirigersi verso il fondovalle. Oltrepassato un ponte in legno, inizia il sentiero vero e proprio che, con ampi tornanti e mai eccessivamente ripido, conduce al Rifugio Vittorio Emanuele II (q. 2732 m e 2,00h circa dalla partenza). Subito dopo aver attraversato il ponte in legno, è possibile imboccare, sulla sinistra, una delle tante scorciatoie che permettono di evitare i lunghi tornanti del sentiero. Nonostante tali scorciatoie permettano di guadagnare tempo, esse sono molto ripide e, in alcuni tratti, sdrucciolevoli.
Seguire i numerosi ometti alle spalle del Rifugio e dirigersi verso la morena laterale nord del Ghiacciaio del Gran Paradiso. Proseguire lungo il filo della morena, fino a q. 3090m circa, dove termina la traccia di sentiero. Qui svoltare decisamente a sinistra, sormontando un ripido pendio (10/15 m) di rocce rotte prima e placche rocciose poi. Il sentiero prosegue su di una pietraia (a inizio stagione su nevai) abbastanza ripida, fino a raggiungere il crepacciato Ghiacciaio di Laveciau (dove si incontra la traccia proveniente dal Rifugio Chabod). Si scende per pochi metri proprio al bordo del ghiacciaio. La traccia si snoda a zig zag tra i numerosi seracchi (molto aperti da metà luglio in poi). Tratti più pianeggianti si alternano a tratti più ripidi, anche se le pendenze non risultano mai troppo impegnative. Si perviene, così, alla Schiena d´Asino (q. 3750 m circa), dove s´incontrano le due vie normali per il Gran Paradiso. Con ampi zig zag abbastanza ripidi si raggiunge e si supera la crepacciata terminale (aperta da metà luglio in poi) e, transitando sotto a delle bastionate rocciose, si guadagna il colletto prima della breve cresta finale. Dal colle si prosegue su neve e roccette esposte e a picco sul sottostante Ghiacciaio della Tribolazione, fino alla Madonnina bianca della vetta. Il passaggio più problematico, poichè maggiormente esposto, si trova proprio a 5m dalla cima, ed è attrezzato con due spit per poter fare sicura (4,30h circa dal rifugio).

Dalla vetta, una volta tornati presso la Schiena d´Asino, continuare lungo la via normale che sale dal Ghiacciaio del Gran Paradiso (è sconsigliabile il ritorno dalla via di salita nelle ore più calde a causa della presenza dei seracchi e crepacci).

con mamma e papà.


Hike partners: irgi99


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T3 PD II
17 Jun 17
Gran Paradiso · Giaco
T4 PD II
13 Jul 19
Gran Paradiso · Erli
F II
7 Aug 15
Gran Paradiso · Tasaio
F II WT1 F
T3+ F I
2 Oct 16
Herbst am Gran Paradiso · tilman

Comments (4)


Post a comment

gbal says:
Sent 15 February 2017, 14h57
Cara Irene, siamo in molti, credo, a seguire le tue avventure per monti in compagnia di amici e/o degli ottimi Papà e Mamma. Le tue relazioni sono molto apprezzate, precise e le descrizioni non lasciano nulla al dubbio. Questa volta, però, oltre a celebrare una impresa non comune e degna di essere ascritta nel carnet personale con tante stelle, ho molto apprezzato l'incipit nel quale descrivi l'aspetto emozionale e rendi partecipe il lettore anche dei sentimenti provati e non trasmetti solo le utilissime informazioni come fai di solito.
Brava te, bravi i tuoi genitori. Hai la fortuna di vivere in una famiglia che coltiva e probabilmente ti ha trasmessa la passione per la montagna.
Ciao
Giulio

GIBI says:
Sent 15 February 2017, 16h15
Io Irene sono uno di quelli che ha cominciato a seguire sempre più con interesse le tue avventure e condivido in pieno i pensieri di Giulio, come ti ho già detto una volta hai una grande fortuna ad avere due genitori così io invece quando ero ragazzo non mi è stata tramandata da nessuno la passione per la montagna che mi è venuta un po' per caso dopo i trent'anni ... poi però direi che ho ben recuperato !

ciao Giorgio

irgi99 says:
Sent 16 February 2017, 07h05
Davvero grazie, grazie mille per le belle parole...
Devo ammettere di essere stata davvero davvero fortunata ad avere due genitori che mi hanno trasmesso, e con i quali condivido, questa bellissima ed unica passione...
E comunque, complimenti anche a voi per le bellissime salite... perchè ogni salita sa regalare fantastiche emozioni!
Buona giornata,
Irene

Simone86 says:
Sent 16 February 2017, 10h55
Complimenti!!


Post a comment»