COVID-19: Current situation

Tour e ascesa al Monte del Forno (3.214 m)


Published by ivanbutti , 14 August 2016, 18h38. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Grisons » Bregaglia
Date of the hike:13 August 2016
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: PD-
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   I 
Time: 10:15
Height gain: 1550 m 5084 ft.
Height loss: 1550 m 5084 ft.
Route:26 Km circa

ivanbutti Al ritrovo mattutino al Bione è ancora tutt'altro che sicura la meta di giornata. Mario e Max hanno nel mirino la capanna Forno, io e Lella forse la vetta. Prudenzialmente decidiamo comunque di salire al Maloja con 2 auto, così si sarà indipendenti nella scelta finale. Alla partenza è bel freschino,  la valle prende il sole solo in tarda mattinata, ci vuole un bel pò x scaldarsi. Arrivati al bivio di Plan Canin un cartello indica la Capanna del Forno anche risalendo la Val Muretto, convinciamo Max ad andare di lì. Poco dopo metà valle ecco il bivio che porta, con un sentiero abbastanza nuovo (comunque segnato sulla CNS) alla Fornohutte; a questo punto decidiamo di dividerci. Io e Lella, seguendo anche 2 escursionisti che diventeranno ns. compagni di giornata, proseguiamo per il passo del Muretto, seguendo poi le orme della relazione del Paolino, che taglia il versante italiano del Monte del Forno. Mario e Max imboccano invece il cammino che taglia il versante svizzero. Arrivati al Muretto 5 minuti di pausa e ripartiamo. Il bivio da prendere è a circa cento metri dal passo, sulla dx in discesa; c'è un paletto bianco-rosso con la scritta Forno, ma bisogna avere gli occhi aperti, in 4 (io, Lella e i 2 soci trovati sul cammino) ci siamo passati accanto senza vederlo. Realizziamo però subito che proseguendo diritti ci si abbasserebbe troppo e, tornando sui nostri passi, vediamo la deviazione. Il cammino è ora tutto ben marcato in bianco-rosso, aggira dapprima la quota 2628, poi su pietraie con saliscendi, oltrepassa la cresta E e arriva al valico sulla cresta SW a quota 2970 circa. Il tracciato non è mai difficile ma nemmeno banale per il continuo saltellare su pietraia, diciamo che occorre già buona esperienza per percorrerlo. Arrivati al valico di quota 2970 sulla cresta SW abbandoniamo la bollatura bianco-rossa, che riprenderemo più tardi, x seguire i numerosi paletti bianco-blu che portano verso la vetta. Poco dopo siamo al punto chiave, il tratto con catene. Le prime fanno traversare verso dx e sono le più toste per l'esposizione, e qui uno dei due compagni di giornata decide di lasciare, bravo comunque perchè la sua esperienza in montagna è ancora limitata. Noi proseguiamo e ci sono altre catene utili anche se non indispensabili, perchè ora non si è più così esposti e ci sono molti appigli. Passate le catene ormai è fatta, anche se io sono un pò sfiatato e ho bisogno di soste x rifiatare. Arrivo in vetta alle 13.15, dopo circa 5 ore e 15 minuti; il dislivello non è molto ma il cammino è bello lungo e, dopo il Muretto, mai agevole. Il panorama super comunque ripaga  ampiamente della bella faticata. Poco dopo arriva Lella e, dopo un pranzo davvero frugale (entrambi abbiamo più sete che fame) ripartiamo, mentre i 2 compagni trovati sul cammino ci precedono di poco. La giusta concentrazione in discesa nel tratto con catene, specie sul traverso, e poi inizia la lunga discesa; al bivio quota 2970 imbocchiamo verso la Fornohutte, il sentiero è sempre ben segnato anche se non proprio comodo. Alle 15 circa siamo alla capanna, breve ultima sosta e poi il lungo rientro con Lella che non ritrova più il sentiero fatto in passato, il ritiro del ghiacciaio costringe a trovare ogni 3-4 anni nuovi itinerari. Poi il lungo tratto finale quasi pianeggiante; per telefono sentiamo Max e Mario, che ci precedono ma non di molto. Anche loro, come noi, sono rimasti molto soddisfatti dalla bella escursione, anche grazie alla giornata spettacolare.

Lella

La proposta di Max mi permette di realizzare finalmente la salita al Monte Forno, un sogno che tenevo nel cassetto almeno da tre anni. Da sola non sarei mai andata su questa bella e faticosa montagna, ma la compagnia di Ivan mi ha permesso di poterla scalare.

Grazie … alla prossima!


Hike partners: ivanbutti, Lella


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T4- F II
4 Aug 18
Monte del Forno dal Maloja · ser59
T4+ II
T5 F I
PD II
2 Aug 17
Monte del Forno · gabri83
T3+
13 Aug 16
Capanna e valle del Forno · numbers

Comments (14)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 14 August 2016, 20h09
Bella tosta Complimenti...Daniele66

ivanbutti says: RE:
Sent 14 August 2016, 20h40
Ciao Daniele e grazie.
Comunque non è nulla di speciale.
Ciao, Ivan

igor says:
Sent 14 August 2016, 20h10
Grandi ! E grande mazzata ! Ciao

ivanbutti says: RE:
Sent 14 August 2016, 20h41
Ciao Igor e grazie; le mazzate vere sono quelle che ogni tanto ti spari tu.

Poncione says:
Sent 14 August 2016, 20h42
Complimenti Lella e Ivan. Cima decisamente non semplice, pare.
Ciao

ivanbutti says: RE:
Sent 15 August 2016, 09h55
Ciao Emiliano; non semplice ma nemmeno così difficile.
Buone escursioni, Ivan

Max64 says: Comply!
Sent 14 August 2016, 21h18
Un bel "BRAVI" ad entrambi.
un caro saluto
Max

ivanbutti says: RE:Comply!
Sent 15 August 2016, 09h56
Grazie Max; un caro saluto a te e Barbara, e complimenti per le belle imprese valdostane (tra cui la notte al bivacco in 11 ...)

danicomo says:
Sent 15 August 2016, 00h47
Bravissimi, per sviluppo e dislivello.
Una cima da tempo nel cassetto.
Avreste risparmiato tempo, per curiosità, a tornare, fatta la cima, dalla strada di andata?
Nessuna foto del famoso paletto?
Ciao
Daniele

ivanbutti says: RE:
Sent 15 August 2016, 10h01
Ciao Dani e grazie.
Lo sviluppo è di circa 12 Km dalla Capanna e 14 dal Muretto, quindi siamo lì, a quel punto conviene fare il giro.
Circa il "famoso" paletto: considera che tutta la traversata dalla Fornohutte al Muretto è segnata molto bene in bianco rosso, se arrivi alla cresta dalla capanna ci sono sulle rocce dei segni a carattere cubitale che ti indicano il bivio (non li ho fotografati xchè non ci vedevo niente) e poi sulla cresta hai un paletto ogni 50 metri. Se arrivi dal Muretto il primo paletto bianco-blu si staglia sulla cresta da lontano, impossibile non vederlo (ovviamente con buona visibilità).
Ciao e a presto, Ivan

Sent 15 August 2016, 20h42
i sogni nel cassetto, quando li realizzi, spettacolo. Bravi, Ragazzi. ciao.
roby

ivanbutti says: RE:
Sent 15 August 2016, 21h10
Grazie Roby; ciao, Ivan

danielina says:
Sent 17 August 2016, 23h39
Bravi ragazzi!
Ciao
Dany

ivanbutti says: RE:
Sent 19 August 2016, 11h00
Grazie x i ragazzi ...


Post a comment»