Traversata Bisbino Colmegnone Sasso Gordona (e ritorno)


Published by rochi , 7 May 2015, 21h06.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 7 May 2015
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Monte Generoso   I 
Time: 5:15
Height gain: 900 m 2952 ft.
Height loss: 900 m 2952 ft.
Access to start point:Uscita A9 Como Nord, quindi Cernobbio. Alla rotonda di Villa Erba girare a sx e seguire le indicazioni per Monte Bisbino. Una strada stretta tutta tornanti e lunga 16 km conduce al parcheggio sotto la vetta. Per chi volesse accorciare, si può parcheggiare in qualche spazio sulla strada vicini al cancello dove un cartello indica Rifugio Bugone. Così facendo, tuttavia, non si tocca la vetta del Bisbino.

Ancora Lario, di questi tempi va così e non me ne vogliano le amate Prealpi Varesine.
Non potendo partire troppo presto, decido di salire al Bisbino in auto, nonostante guidare in montagna non faccia proprio per me. Decisione saggia, tuttavia: la salita al piedi da Cernobbio avrebbe obbligato ad una gita da 10 o 11 ore.
Come evidente dal titolo, l'obiettivo è quello di arrivare al sasso Gordona e tornare indietro, transitando almeno una volta per il Colmegnone. Di seguito la descrizione del percorso:
- dal parcheggio sotto la vetta del Bisbino, ho ridisceso la strada asfaltata sino al primo tornante dove mi sono immesso su un sentiero con indicazione "Via dei Monti Lariani".
- Tale sentiero si immette di nuovo sulla strada un paio di tornanti più sotto. Ho proceduto in discesa per duecento metri e voltato a sinistra attraversando un cancello con indicazioni per "rifugio Bugone".
- Ho seguito la sterrata in discesa continuando verso il rifugio. Ad un certo punto è possibile deviare su indicazioni rosse con scritta "M.I.T." che portano al rifugio per cresta. Nel mio caso, ho ignorato tali indicazioni permanendo sulla gippabile oggi particolarmente fangosa.
- Dal Brugone ho proseguito sino al rifugio Murelli. Dal retro dello stesso, ho risalito un prato sino a una stradina che mi ha condotto al bell'agriturismo Roccolo san Bernardo posto alla base del Comegnone.
- Con breve e facile cresta sono giunto in vetta dove c'è una croce assediata da molti ometti in pietra e un bel panorama sul lago di Como. Ben visibile anche la cresta del monte di Tremezzo, visitata pochi giorni fa.
- Ridisceso all'agriturismo, ho superato le stalle e intercettato un sentierino che mi ha condotto in cima al monte San Bernardo dove si trova una bella chiesina.
- I segnavia "M.I.T." mi hanno introdotto nel bosco dove corre la cresta verso Ovest. Questi cartelli ad un certo punto indicano di svoltare a destra in forte discesa.  Occorre quindi ignorarli da questo punto e tirare diritti puntando il Sasso Gordona, la cui piramide è a volte visibile dalle fronde del bosco.
- In veloce discesa sono pervenuto all'abitato di Colma Binate. Qui si possono ammirare le nevere, specie di pozzi utilizzarti in passato come serbatoi per conservare la neve in estate: una sorta di gigantesco, antesignano frigorifero!!
- Da Binate ho puntato la Colma Crocetta e quindi, seguendo i segnavia, ho cominciato l'ardita salita al Gordona transitando per alcuni siti risalenti alla linea Cadorna.
- Ultimi metri verso la vetta serviti da catena su sentiero piuttosto stretto ed esposto, poi, dopo la croce, il Sasso è un grande tavolo con buon panorama sul Monte Generoso.
- Discesa per cresta opposta verso il rifugio Prabello con ampi tratti attrezzati ed esposti dove ho dovuto fare attenzione terreno piuttosto scivoloso.
- Poco prima del rifugio, per prati affollati da placide vacche, ho voltato a destra e sono sceso sulla stradina sterrata che circumnaviga la vetta a Nord Ovest e riporta alla Colma Crocetta prima e alla Colma di Binate poi (segnavia).
- Evitando di tornare in cresta, ho continuato sulla tagliafuoco che in costante salita esce alla Sella del Mortirolo e poi scende al rifugio Murelli.
- Da qui, stessa strada che all'andata sino al parcheggio del Bisbino dove ho snobbato l'auto in attesa da cinque ore e con una scalinata ho visitato la vetta del monte dove risiede una chiesa (chiusa) e un bar rstorante (chiuso).
- Sono dunque tornato all'auto quindici minuti dopo e dopo essermi riconciliato con la stessa ho preso la via di casa.
Il percorso si svolge in modo prevalente su strade gippabili quotabili T1. Sulle creste la difficoltà è T2 mentre salita e discesa del Gordona impongono le attenzioni tipiche di un T3.
Nonostante il dislivello assoluto dalla partenza all'arrivo sia di soli 100 metri, i numerosi saliscendi fanno lievitare tale dato a circa 900 metri/1000 metri.
Tempi comprensivi di pause (poche).
Sviluppo: circa 20 km; SE: circa 29 km. 

Hike partners: rochi


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

gbal says:
Sent 10 May 2015, 16h12
Bravo Rocco, stavolta ti facciamo un po' di sconto ma la prox sali da Cernobbio, eh!?! (Uno come te.....)

rochi says: RE:
Sent 10 May 2015, 20h24
Grazie Giulio, vedremo se possibile....


Post a comment»