Una ciaspolata fuori porta


Publiziert von gbal , 11. Januar 2010 um 17:36.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:11 Januar 2010
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 4:00
Aufstieg: 660 m
Abstieg: 675 m
Strecke:Rasa (546m) - M.Chiusarella (915m) - M.Martica (1032m) - Brinzio (516m) - Rasa
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Si arriva in auto a Rasa da Varese, via S.Ambrogio
Kartennummer:Kompass N.90 - Lago Maggiore - Lago di Varese

Avevo comperato finalmente quelle ciaspole, stesso modello e marca di quelle che avevo noleggiato un paio di volte e delle quali mi ero fatto una ottima opinione, confermatami da varie citazioni nei forum. Ed ora? Che fare? Urgeva provarle sul campo approfittando della ultima provvista di neve regalata ai nostri monti. Così avevo cominciato a fare programmi grandiosi che però per una serie di circostanze e valutazioni riducevo man mano nelle pretese. Attendevo si verificassero le circostanze migliori: la compagnia, il consolidamento del manto, la distanza, ecc. La serie dei tentennamenti si allungava all'infinito ma la voglia di uscire era prepotente. Così basta! Ho deciso che c'era abbastanza neve sotto casa, sulle montagne che ho percorso in mille modi, a piedi, in MTB, di corsa ed era giunto il momento di percorrerle anche con le ciaspole.
Così ho imbastito il mio giro. Partenza dal paesino Rasa e subito una bella rampa, peraltro pochissimo innevata, che salivo con le ciaspole….sullo zaino e mi portava a Pian Waldes; e lì finalmente una neve passabile mi consentiva di calzare le Magnifiche! Approfittavo di taglioni in neve fresca per eliminare tratti della strada militare che sale al Monte Martica e per provare il prodotto "fuori pista"; la quota aumentava, la neve pure. Ad un certo momento sulla sinistra devio e inizio a salire al Monte Chiusarella, cocuzzolo pelato e facile dal quale, però, si gode una vista stupefacente sul circondario e sui laghi e monti del Varesotto. Sia in salita che in discesa dalla cima mi complimentavo per l'ottima tenuta dei coltelli e del rampone su tutte le pendenze; ero soddisfatto!
Adesso non restava che proseguire verso il Monte Martica col suo perenne, piccolo e commovente presepe di vetta. Raggiuntolo mi precipitavo, in verità un po' titubante per la pendenza, verso il Passo Valicci e quindi il paesino di Brinzio, patria dello sci di fondo locale. Solo, in questo solitario lunedì ripercorrevo però le tracce di coloro che avevano voluto salire e scendere le stesse vie nel week-end e mentalmente ringraziavo il misterioso ciaspolatore che mi indicava dove era meglio passare per evitare corsi d'acqua o zone in cui affioravano terra e sassi.
Arrivato al Brinzio optavo per il sentiero del Giubileo che risale nel bosco verso la località Motta Rossa e, successivamente, torna al paese di Rasa, dove avevo lasciato l'auto.
Tutto molto piacevole e stupefacente; le impressioni? Ho imparato per l'ennesima volta che la montagna non va mai sottovalutata, anche le piccole alture sotto casa possono darti emozioni oltre che assediare i tuoi poveri muscoli con fiumi di acido lattico. Inoltre avevo raggiunto anche lo scopo di testare con successo le mie nuove ciaspole, tutto in quattro ore, cosa volevo di più?  Ed ora, tornato a casa, pensiamo al futuro…..
Alla prossima!

Tourengänger: gbal

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 1762.kmz

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»