Alpe Foppa (1530 m) – EMTB


Published by siso Pro , 14 April 2019, 17h20.

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:13 April 2019
Mountain-bike grading: F - Easy
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Tamaro-Lema 
Time: 3:30
Height gain: 1130 m 3706 ft.
Route:Bironico (455 m) – Rivera (469 m) – Stazione telecabina Monte Tamaro (472 m) – Monte Ceneri (556 m) – Grotto Ceneri (585 m) – Termine (703 m) – Tornago (794 m) – Monti di Spina (900 m) – Monti di Spina di Sopra (1008 m) – Piano di Mora (stazione intermedia telecabina) (1128 m) – Alpe Foppa (1527 m).
Access to start point:Autostrada A2, uscita Rivera – Bironico.
Accommodation:Albergo Elvezia, Rivera.
Maps:C.N.S. No. 1313 – Bellinzona - 1:25000; C.N.S. No. 1333 – Tesserete - 1:25000.

Salita al Monte Tamaro in mountain bike, con partenza da Bironico, lungo l’itinerario Lugano Bike 66.

La pedalata odierna mi darà la possibilità di ammirare 19 sculture monumentali di Ivo Soldini, nell’ambito di “Una Montagna d’Arte”, la mostra che apre il progetto di biennali al Monte Tamaro.

Il toponimo “foppa” indica la presenza di una buca o di uno stagno.

 

Inizio dell’escursione: ore 8.20

Fine dell’escursione: ore 11.55

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1015 hPa

Temperatura alla partenza: 6,5°C

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 1700 m

Temperatura al rientro: 15°C

Velocità media del vento: 5 km/h

Sorgere del sole: 6.42

Tramonto del sole: 20.08

 

Lasciata l’auto a Bironico, percorro 1400 m sulla pista ciclabile della strada principale di Rivera, fino alle spalle della stazione della funivia del Monte Tamaro. Il segnavia rosso informa che il Monte Tamaro dista 14 km, quello pedestre segnala un tempo di percorrenza di 3 h 30 min. Qui inizia il bellissimo percorso boschivo, che passando da La Valégia mi porta al Monte Ceneri. Malgrado le frequenti soste fotografiche, in 20 minuti arrivo al piazzale ovest del passo, dove comincia la vera salita, su un bellissimo fondo asfaltato. Superato il noto grotto, la stradina si impenna, con pendenze massime che superano il 21%.

Il cielo, ancora completamente sereno, mi concede delle belle vedute sulle montagne imbiancate del Sopraceneri e sulla Cima di Medeglia. Scambio qualche impressione con un escursionista del luogo. Mi racconta di gloriose scalate effettuate, anche recentemente, da noti ciclisti, ex professionisti; da Bironico raggiungono l’Alpe Foppa in un’ora, ovviamente con la mountain bike muscolare! Probabilmente questi sportivi non si prendono il tempo per ammirare i bellissimi alpeggi e rustici che si incontrano lungo il percorso.

In un’ora e dieci minuti raggiungo la stazione intermedia della funivia, a Piano di Mora (1128 m). Mi trovo esattamente a 7 km da Rivera; ne mancano altrettanti per la meta prevista.

In questa zona è stato allestito il “Parco Avventura del Monte Tamaro”, una serie di passerelle e cavi tesi tra le piante, “la cui sicurezza è garantita al 100%, grazie al dispositivo CLiC-iT, che impedisce l’accidentale apertura simultanea dei due moschettoni”.  

Osservo la vecchia pista di sci, che anch’io percorsi qualche volta, tra il 1972 e il 2003, anno di smantellamento degli impianti sciistici.

L’ultima parte di salita è molto veloce, soprattutto fino all’Alpe Foppa (1410 m), corte principale. Vi si produce un formaggio semiduro grasso misto, con il 70% di latte vaccino e il 30% di latte di capra. Da qui lo sguardo plana lungo il Piano di Magadino e sulla cresta montuosa occidentale della Valle del Trodo.

La meta, ben visibile, dista ormai solo 600 m, di cui, gli ultimi 200 sono innevati. Accompagno la bici fino alla bellissima Cappella Santa Maria degli Angeli, dove posso scattare indisturbato alcune foto. La chiesetta “bottiana” oggi è particolarmente seducente: non ci sono le orde di turisti come in estate, quando è impossibile immortalare le bellezze architettoniche senza dover riprendere persone che si fanno i selfie.
 

                                      Cappella Santa Maria degli Angeli

Mi prendo pure il tempo per vedere da vicino le statue monumentali di Ivo Soldini e quella bellissima di Luca Marcionelli, “Guardiano del Tempio”, dedicata al patron degli impianti del Monte Tamaro, l’imprenditore Egidio Cattaneo (1925-2002).

La colonna di ricarica per le e-bike non dà la possibilità di ricaricare la batteria del motore Yamaha: pazienza, tanto, almeno per oggi, non è possibile salire ulteriormente verso la Capanna Tamaro; il sentiero per La Manèra (1858 m) è infatti ancora abbondantemente innevato, per cui decido di tornare a valle seguendo lo stesso percorso di salita.

 

Per la prima volta all’Alpe Foppa con la mountain bike: non sarà l’ultima!

 

Tempo totale: 3 h 35 min

Tempo di salita: 1 h 40 min

Tempi parziali

Bironico (455 m) – Monte Ceneri (556 m): 20 min

Monte Ceneri (556 m) – Piano di Mora (1128 m): 50 min

Piano di Mora (1128 m) Alpe Foppa (1530 m): 30 min

Dislivello in salita: 1129 m

Quota massima: 1584 m

Quota minima: 453 m

Sviluppo complessivo: 26,25 km

Difficoltà: F

Consumo batteria: 69%

Copertura della rete cellulare: Swisscom buona

Coordinate Alpe Foppa: 712'450 / 108'340

Libro di vetta: no.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T1
T3
11 Aug 16
Monte Tamaro dal Ceneri · GIBI
T2
T2
T3 WT2
3 Mar 18
Alpe Foppa 1530 metri · igor

Comments (2)


Post a comment

GIBI says:
Sent 17 April 2019, 20h01
Proprio il mio lato preferito per andare al Tamaro, dai Monti di Spina o ci passo salendo o ci passo scendendo anche perchè adesso che ho scoperto il bosco che dalla Casnotta si inoltra nella Valle del Trodo e spunta all'Alpe Foppa per la salita lo preferisco !

Comunque che gran bella giornata che hai trovato !

ciao Giorgio

siso Pro says: RE:
Sent 18 April 2019, 11h05
Hai ragione. È da parecchio tempo che non tornavo all'Alpe Foppa, ed ho apprezzato molto la scelta. Per la capanna e la vetta del Monte Tamaro c'è ancora molta neve, in ogni caso è sempre una bella gita indipendentemente dal versante di salita. Anche la salita via Alpe di Neggia è molto interessante.
Ciao Giorgio, buone sgambate!
siso.


Post a comment»